I sei chef finalisti hanno raggiunto questa mattina l'Università dei Sapori di Perugia, per l'attesa finale del contest Maccheroni d'Autore. Scopriamoli Assieme:


Chef Andrea Serravezza, Tenuta Monacelli, Lecce - 1° finalista

Creazione: ‘‘Paccheri di Gragnano con pomodorino giallo e rosso di Torre Guaceto, riccio di mare, burrata e passata di pisello nano di Zollino"


Chef Luca Montersino (Alba Cuneo) – 2° finalista

Creazione: ‘‘Plin “senza” plin’’


Chef Francesco Daidone, Cortile siciliano, Tremestieri Etneo (CT)  – 3° finalista

Creazione: ‘‘Paccheri alla Norma estiva’’


Chef Francesco Murtas, Ristorante Al Gambero Rosso, Bosa (OR) – 4° Finalista

Creazione: ‘‘Paccheri “della casa” con bottarga di muggine e cozze Nieddittas’’


Chef Luigi Gargano, Benedetto Stanzione e Alfonso Cascetta, Osteria 'O Ciardin, Sant'Egidio del Monte Albino (SA) – 5° Finalista

Creazione: ‘‘Paccheri tricolore salernitano con pomodorini di Corbara, crema pecorino Monti Lattari e pesto con nocciole di Giffoni’’


Chef Angelo Lebiu, Agristor Le Due Torri, Presenzano (CE) – 6° Finalista

Creazione: "Pacchero di Gragnano farcito di Coda di Vitello Marchigiano alla genovese con cipolla d'Alife cotta a bassa temperatura, il tutto su un'onda di Bufala fusa".


Svolgimento


Ore 12:10

Ancora 5 minuti a disposizione dello Chef Francesco Murtas, che per primo sottoporrà il suo piatto al giudizio dei giudici.


Ore 12:20

I giudici hanno assaggiato e valutato il piatto di Francesco Murtas, che ha espresso tutto il suo amore per la cucina e per il suo mestiere.


Ore 12:25

Servito il secondo piatto in finale, di Francesco Daidone, che oltre alla presentazione del piatto ha brevemente raccontato i suoi inizi. Anche lo Chef Daidone predica passione, sacrifici e umiltà per intraprendere questo splendido mestiere.


Ore 12:30

Durante l'attesa del prossimo piatto, Carlo Cambi esprime un pensiero per le recenti perdite nel mondo dell'enogastronomia: Paul Bocuse e Gualtiero Marchesi.


Ore 12:35

In questo momento sta uscendo il piatto di Luca Montersino. I giudici stanno per assaggiare il suo Plin senza Plin.


Ore 12:45

Montersino presenta il suo piatto e risponde ad alcune domande sul mondo della cucina. Si sofferma sul dovere del cuoco nel valorizzare i prodotti del territorio, sulla necessità della formazione e del mettersi sempre in gioco per confrontarsi con altri professionisti.


Ore 12:47

Entra ora il piatto dello chef Gargano, i giudici si apprestano ad assaggiarlo. Lo chef ha presentato il suo piatto, e sta rispondendo ad alcune domande sui prodotti tipici del suo territorio, la Campania.


Ore 12:55

Entra il prossimo piatto, dello Chef Lebiu, che presenta il suo lavoro e la sua creazione che gli è valso il sesto posto in classifica e la partecipazione alla finale.


Ore 13:05

Sta per entrare il piatto dello chef Serravezza, per l'ultima presentazione del piatto in gara. I giurati si apprestano ad assaggiare la creazione dello chef della tenuta Monacelli. Il piatto viene presentato in tutte le sue particolarità.


Ore 13:15

I giudici hanno assaggiato tutti i piatti dei sei concorrenti. Si ritirano dunque per le dovute valutazioni al fine di proclamare il vincitore e la classifica finale.


Ore 14:01

I giudici stanno rientrando per promuovere il vincitore e comunicare la classifica finale.


Ore 14:05

Proclamato il vincitore della prima edizione di Maccheroni d'Autore: vince Luigi Gargano!


Ecco la classifica finale:


1° Classificato Chef Luigi Gargano

2° Classificato Chef Luca Montersino

3° Classificato Chef Francesco Daidone

Foto
notizie Dolfi Since 1892, il mondo dell’artigianato in legno di alta qualità che non tramonta mai   L’azienda Dolfi nasce nel 1892 nella Val Gardena, in Trentino Alto Adige, dalla passione per le sculture in legno di Adolf Comploi, il fondatore di questo marchio, molto affermato nel settore dell’artigianato in legno. Nel corso degli anni il marchio Dolfi si è evoluto grazie alla creatività e la maestria della famiglia Comploi per l’arte scultorea. Ogni creazione Dolfi nasce infatti dalla straordinaria creatività dei suoi maestri scultori e dalla pazienza ed abilità di un'accurata pittura amorevole. Ogni linea fatta a mano assicura al prodotto un carattere individuale e crea un fascino unico. Ogni figura, anche se fatta da un modello campione, mostra la sua esclusiva espressione ricca di calore e fascino. Ogni creazione Dolfi è speciale ed esclusiva ed è fatta di un legno di alta qualità. La Dolfi offre un catalogo vasto di presepi, sculture profane e sacre eseguite anche su misura e su richiesta personalizzata del cliente. Negli ultimi anni molto amate sono le collezioni di articoli da casa e da regalo che comprendono complementi di arredo, gioielli, orologi, occhiali e orologi in legno. Le creazioni in legno della Dolfi possono essere acquistate negli store shop presenti in varie zone italiane come a Milano, Bergamo, Belluno e anche comodamente acquistate on line. Scegliere Dolfi significa contare su un prodotto artigianale in legno di qualità e dal fascino altamente creativo che non finisce mai di ammaliare e che conserva alle spalle più di un secolo di storia. Delle origini di questo marchio di successo e di quanto sia importante la creatività in questo settore conversiamo con Lorenza Bernardi, che si occupa della gestione degli store shop del marchio, in questa intervista che trasuda tanto amore e passione per questo settore.
Foto
notizie Gusto Italiano  Una bella storia di coincidenze, d’amore e…di gusto  
Foto
notizie Hotel Ristorante Bellora, quando il lifestyle italiano si sposa col benessere svedese   Da quattro anni nella città di Göteborg, un gruppo di creativi svedesi capitanati dall’italiano Salvatore ha aperto un hotel ristorante in cui diffondere il lifestyle italiano chiamato Hotel Ristorante Bellora. La chiave di successo di questa struttura risiede nella filosofia di base di questo progetto che ha coinvolto i migliori design italiani e manager di successo. L’Hotel Bellora ci tiene a soddisfare le esigenze dei propri clienti facendoli sentire coccolati e amati con un occhio di riguardo al loro benessere. Dotato di camere spaziose e confortevoli, arredate con eleganza e professionalità, il cliente oltre a rilassarsi potrà divertirsi grazie agli eventi organizzati all’interno di esso come serate di dj set, aperitivi d’autore, brunch, meeting e congressi a tema. Molto frequentata è la grande palestra in cui poter mantenersi in forma con le attrezzature più tecnologiche.
Foto
notizie Un assaggio d'Amalfi ad Altea Alicante Sapori mediterranei, week end gastronomici e corsi di cucina al Ristorante Il Timone