I sei chef finalisti hanno raggiunto questa mattina l'Università dei Sapori di Perugia, per l'attesa finale del contest Maccheroni d'Autore. Scopriamoli Assieme:


Chef Andrea Serravezza, Tenuta Monacelli, Lecce - 1° finalista

Creazione: ‘‘Paccheri di Gragnano con pomodorino giallo e rosso di Torre Guaceto, riccio di mare, burrata e passata di pisello nano di Zollino"


Chef Luca Montersino (Alba Cuneo) – 2° finalista

Creazione: ‘‘Plin “senza” plin’’


Chef Francesco Daidone, Cortile siciliano, Tremestieri Etneo (CT)  – 3° finalista

Creazione: ‘‘Paccheri alla Norma estiva’’


Chef Francesco Murtas, Ristorante Al Gambero Rosso, Bosa (OR) – 4° Finalista

Creazione: ‘‘Paccheri “della casa” con bottarga di muggine e cozze Nieddittas’’


Chef Luigi Gargano, Benedetto Stanzione e Alfonso Cascetta, Osteria 'O Ciardin, Sant'Egidio del Monte Albino (SA) – 5° Finalista

Creazione: ‘‘Paccheri tricolore salernitano con pomodorini di Corbara, crema pecorino Monti Lattari e pesto con nocciole di Giffoni’’


Chef Angelo Lebiu, Agristor Le Due Torri, Presenzano (CE) – 6° Finalista

Creazione: "Pacchero di Gragnano farcito di Coda di Vitello Marchigiano alla genovese con cipolla d'Alife cotta a bassa temperatura, il tutto su un'onda di Bufala fusa".


Svolgimento


Ore 12:10

Ancora 5 minuti a disposizione dello Chef Francesco Murtas, che per primo sottoporrà il suo piatto al giudizio dei giudici.


Ore 12:20

I giudici hanno assaggiato e valutato il piatto di Francesco Murtas, che ha espresso tutto il suo amore per la cucina e per il suo mestiere.


Ore 12:25

Servito il secondo piatto in finale, di Francesco Daidone, che oltre alla presentazione del piatto ha brevemente raccontato i suoi inizi. Anche lo Chef Daidone predica passione, sacrifici e umiltà per intraprendere questo splendido mestiere.


Ore 12:30

Durante l'attesa del prossimo piatto, Carlo Cambi esprime un pensiero per le recenti perdite nel mondo dell'enogastronomia: Paul Bocuse e Gualtiero Marchesi.


Ore 12:35

In questo momento sta uscendo il piatto di Luca Montersino. I giudici stanno per assaggiare il suo Plin senza Plin.


Ore 12:45

Montersino presenta il suo piatto e risponde ad alcune domande sul mondo della cucina. Si sofferma sul dovere del cuoco nel valorizzare i prodotti del territorio, sulla necessità della formazione e del mettersi sempre in gioco per confrontarsi con altri professionisti.


Ore 12:47

Entra ora il piatto dello chef Gargano, i giudici si apprestano ad assaggiarlo. Lo chef ha presentato il suo piatto, e sta rispondendo ad alcune domande sui prodotti tipici del suo territorio, la Campania.


Ore 12:55

Entra il prossimo piatto, dello Chef Lebiu, che presenta il suo lavoro e la sua creazione che gli è valso il sesto posto in classifica e la partecipazione alla finale.


Ore 13:05

Sta per entrare il piatto dello chef Serravezza, per l'ultima presentazione del piatto in gara. I giurati si apprestano ad assaggiare la creazione dello chef della tenuta Monacelli. Il piatto viene presentato in tutte le sue particolarità.


Ore 13:15

I giudici hanno assaggiato tutti i piatti dei sei concorrenti. Si ritirano dunque per le dovute valutazioni al fine di proclamare il vincitore e la classifica finale.


Ore 14:01

I giudici stanno rientrando per promuovere il vincitore e comunicare la classifica finale.


Ore 14:05

Proclamato il vincitore della prima edizione di Maccheroni d'Autore: vince Luigi Gargano!


Ecco la classifica finale:


1° Classificato Chef Luigi Gargano

2° Classificato Chef Luca Montersino

3° Classificato Chef Francesco Daidone

Foto
notizie Trattoria Il Giardino: l’arte culinaria italiana come “missione di vita” La signora Isabella Lepore ha fatto dell’arte culinaria italiana la sua “missione di vita”. Dopo un prezioso periodo di formazione e lavoro nel campo della gastronomia in Italia, ha voluto portare con sé il suo bagaglio esperenziale in Germania. Nella cittadina tedesca di Nastatten. ha aperto la Trattoria Il Giardino, il suo regno culinario. In esso ogni giorno prepara pranzi e cene basati sulle ricette tradizionali apprese in Italia.
Foto
notizie Perfetto Pizza Italiano, un angolo d’Italia in Romania   Nella città universitaria di Cluj-Napoca in Romania, da pochi mesi è possibile gustare l’autentica pizza italiana grazie alla pizzeria Perfetto Pizza Italiano. È considerata “un angolo d’Italia in Romania” perché è un posto che rimarrà impresso nella vostra memoria per quanta cordialità, giovialità e amore autentico per il Made in Italy si respira in esso. Il progetto di questa pizzeria è nato proprio dalla passione e l’amore per l’Italia, per i suoi inediti colori, gustosi sapori e inconfondibili odori che sono stati ricreati alla perfezione e con tanta professionalità da uno staff che lavora con passione, motivazione e competenza. Sarà facile lasciarsi contagiare da quest’atmosfera positiva e allegra mentre si gusta una pizza di qualità che ha alla base un impasto facilmente digeribile.
Foto
notizie Francesco Siervo: Ambasciatore della pizza “Made in Napoli” in Polonia Presso la Pizzeria Trattoria Made in Napoli a Sicòw, in Polonia, potete gustare la vera pizza napoletana preparata dall’ambasciatore della pizza italiana in Polonia, il sig. Francesco Siervo.
Foto
notizie Vino biologico Made in Italy, volano le esportazioni Anche all'estero apprezzano il buon vino.