Il Gruppo DADA ha di recente presentato i risultati della ricerca  “e-shop in Italy”  commissionata ad ePages per indagare  il mondo del commercio elettronico in Italia,  su un campione di oltre 1.100 siti di e-commerce, condotta tra gennaio e marzo 2013 sui dati consuntivi del 2012.
LE IMPRESE –  tra gli indici più significati emersi nella ricerca vi è quello  degli shop online  aperti tramite lo store di Register.it che negli ultimi 2 anni, è più che raddoppiato  (+55%).  Il totale degli ordini è cresciuto in proprozioni significative ( +144%  su base annua), confermando la forte attenzione delle imprese verso l’e-commerce per raggiungere un pubblico più vasto a costi minori.
I risultati per chi ha investito sul web si sono registrati anche in tempi rapidi: le imprese campione, attive online dal 2011, dichiarano di aver incrementato  del 161% le proprie entrate e del 57% la media degli ordini ricevuti,  evidenziando l’importanza strategica di attivare un mix di canali, on e offline, per sostenere le vendite e mantenere alto il livello di competitività.
Tra i settori merceologici più attivi in Italia, in Italia troviamo  il Fashion, il Tech ed il Food.
Tra le regioni più attive nel commercio elettronico primeggiano  Lombardia e Lazio  (dove si collocano rispettivamente  il 25% e il 16%  delle aziende con siti Register.it), seguite da  Emilia Romagna (8%), Veneto (8%), Piemonte (8%) e Toscana (7%).  Le regioni meridionali, come nel mondo del commercio tradizionale, manifestano un certo ritardo.
Interessante anche il rapporto delle imprese e-commerce con  i social media,  canale sempre più presente all’interno delle strategie di marketing e che si sta ritagliando progressivamente uno spazio interessante in termini di investimenti.  L’81% del campione  integra oggi sul proprio shop online l’icona di collegamento a Twitter, mentre, sorprendentemente, solo il 46% quella di Facebook.
  GLI E-SHOPPER –  la ricerca ha individuato alcuni comportamenti chiave del l’e-shopper. Il valore del carello medio ha raggiunto oggi una soglia interessante dei  circa 157 € (+7% rispetto al 2011), nonostante la difficile fase socio-economica.
I consumatori italiani però, a differenza di altri Paesi, non dimostrano ancora totale fiducia sui pagamenti online:  1 ordine su 3 viene ancora pagato offline,  e di questi il 59% in  contanti.  Inizia comunque a farsi strada anche  PayPal  come principale sistema di pagamento online  (51%), probabilmente anche in virtù della sicurezza percepita.
 “La nostra esperienza conferma che il mercato del commercio elettronico sta registrando un trend di crescita importante a livello globale, europeo, ma anche italiano. Nel nostro Paese le imprese stanno infatti mostrando una crescente attenzione verso la presenza online e anche tra le PMI sta aumentando la consapevolezza dell’importanza del web per migliorare il proprio business. Sempre più brand sono oggi attivi o hanno aperto un negozio online nel corso dell’ultimo anno e sempre più consumatori trascorrono tempo in rete a caccia di occasioni per acquistare ciò che desiderano ovunque e in qualunque momento, complice la crescente pervasività di smartphone e tablet”, ha commentato  Claudio Corbetta,  Amministratore Delegato del Gruppo DADA.
Ufficio stampa
Cinzia Trezzi – cinzia.trezzi@bm.com
Cristina Gobbo – cristina.gobbo@bm.com

Foto
notizie Vi presento Ciro Quando l'Italia divenne il cuore della paleontologia mondiale
Foto
notizie Ristorante Osteria Le Botti Nel cuore della Polonia una vera Eccellenza Italiana
Foto
notizie Zibirù Una parentesi italiana nella movida di Bali