Questa attività non fa parte del network EccellenzeItaliane
Sei il proprietario? Richiedi l'ID anticontraffazione!
Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
  ELEBI S.N.C. DI BISELLO GABRIELE E FIGLI VIA ROMA 148
35010 VILLAFRANCA PADOVANA (PD)
0499076433
Recommend an Excellence Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Report
Foto
agribusiness Molino Tomatis
Foto
agribusiness Acetaia Ferretti Corradini

Produzione e vendita di ACETO BALSAMICO TRADIZIONALE DI REGGIO EMILIA DOP

  • ACETO BALSAMICO DI MODENA IGP
  • CONDIMENTI BALSAMICI


La nostra storia

Era il 1918 quando, secondo una consolidata tradizione familiare, Luigi Ferretti riceve in dono dal padre una piccola botticella di aceto balsamico datato 1890.

Luigi ha già alle spalle una vita piena e ricca di esperienze, in quegli anni era appena rientrato dall’Argentina dove si era trasferito con la famiglia circa 20 anni prima. In quello che allora era considerato il “nuovo mondo” e precisamente a Bahìa Blanca aveva aperto e gestito una piccola enoteca con osteria insieme alla moglie. In quel periodo nacquero i loro 3 figli, ma la nostalgia della terra reggiana obbligo il ritorno in Italia in centro storico a Reggio Emilia nelle adiacenze di Piazza Fontanesi. Nella soffitta di quella tipica abitazione del capoluogo emiliano si insedia il “barile centenario” al quale col tempo se ne aggiungono altri, dando origine all’acetaia di famiglia. Luigi nel tempo intraprende l’attività di mediatore di vini e prodotti enologici, attività che svolgerà con discreto successo fino agli inizi degli anni ’60.


La tradizione della famiglia Ferretti

Libero, primogenito di Luigi, segue le orme paterne divenendo negli anni un esperto conoscitore ed un fine assaggiatore in campo enologico. Grazie a queste capacità ed alla passione che lo lega al vino, accetterà la proposta di trasferirsi in Puglia a San Pietro Vernotico (Lecce) come direttore della cantina Gallinari, attività svolta nel difficile periodo del secondo conflitto mondiale.
Al termine della guerra nel 1943 torna a Reggio Emilia in una nuova abitazione nei pressi della stazione, ove trasferisce anche le preziose botticelle di famiglia.
Dopo la morte del padre Luigi, Libero continua l’attività paterna in campo enologico accrescendo anche l’acetaia con barili provenienti da famiglie di amici che, non potendo più occuparsene, avevano la certezza di affidarle in mani sicure.
Con gli anni aumenta l’esperienza, conferendo a Libero il ruolo di fidato consulente di tanti possessori del prezioso aceto.
In pochi anni diviene un vero punto di riferimento in ambito cittadino e provinciale ed insieme agli amici Ottavio Iori e Ferdinando Cavalli è uno dei promotori alla nascita del Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico di Reggio Emilia.


I riconoscimenti

Come membro della neonata Confraternita dell’Aceto Balsamico Tradizionale, Libero diviene in breve tempo uno dei migliori assaggiatori ufficiali, apprezzato ed ancora oggi ricordato per le sue doti.
Nel 1984 decide di trasferirsi insieme alle preziose botticelle nella vicina frazione di Bagno a casa della figlia Lucia, dove morirà novantenne nel 1998.
La preziosa eredità di Libero viene raccolta dalla figlia Lucia, che insieme al marito Giuseppe con impegno ed affetto conducono l’acetaia di famiglia. Nei primi anni 2000 in seguito alla ristrutturazione dell’intera azienda agricola, Giuseppe decide di dedicare alle batterie di balsamico l’intero sottotetto in un bellissimo edificio costruito di fronte all’abitazione, creando un ambiente perfetto per il lento invecchiamento del prezioso aceto.


La nostra Mission

“Il mio è un personale ritorno alle origini, provenendo da una famiglia di vignaioli (come mi piace chiamare chi il vino lo produce con amore) sto facendo un piccolo riavvicinamento al mondo dal quale provengo.
Per Valeria è una continuazione della propria famiglia, proseguire la grande eredità del nonno e renderla fruibile da chiunque abbia un interesse o anche solamente una curiosità verso questo prezioso nettare. La nostra promessa è una sola: ora tocca a noi, forse Libero nemmeno immaginava che un giorno il suo amato aceto sarebbe arrivato fino a qui…. E noi non lo deluderemo.
Con impegno cercheremo di migliorarci ogni giorno e di valorizzare al massimo questa preziosa eredità.
Sognando la quarta generazione…”

Valerio Bellini

Foto
farms L'Albero Degli Struzzi

Allevamento e vendita diretta prodotti aziendali

Foto
agribusiness Il Buon Gusto - Gastronomia Di Chivasso

Il Buon Gusto, esercizio a conduzione famigliare, nasce nel 1990 a Chivasso (TO).


Il nostro negozio è specializzato nella vendita di prodotti alimentari di livello. Sicuri di fornirvi un esperto servizio, vi invitiamo a visitare il nostro sito e ..... ovviamente il nostro negozio di Chivasso!

Foto
farms Podere Il Montaleo Cesare Diddi Mussi

1846 - Il mio avo Antonio Morelli così descrisse a suo figlio Carlo l’acquisto del podere. “…Ho acquistato per 100 scudi da pagarsi dopo un anno n. 4 saccate in Montaleo. Questo può considerarsi l’Eden di Casale”

2009 - Cesare Diddi Mussi a 19 anni, terminati gli studi superiori, si trasferisce nella residenza di campagna della famiglia, a Casale Marittimo, specializzandosi nella produzione di olio extravergine di oliva. Dalle quattro saccate originarie, oggi gli ettari sono 30.


Gli Olivi

Gli olivi presenti in azienda sono circa seimila. Esposti al sole dall’alba al tramonto nella migliore terra toscana: un suolo composto da argille rosse e sabbie con sedimenti marini del pliocene ad una altitudine di circa 200 m slm.


La Varietà

Le varietà di olivo presenti sono le classiche cultivar toscane ovvero il Moraiolo, Lazzero, Frantoio, Leccino e Pendolino. Tra il 2012 ed il 2013 sono stati impiantati oltre tremila nuove piante di olivo che riprendono la proporzione delle varietà appena citate alle quali si aggiungono quelle di Maurino e Leccio del Corno. Da queste ultime, saranno ricavati due olii monocultivar che si andranno ad aggiungere al primo monocultivar, il Lazzero, endemico della Val di Cecina.


La raccolta

La raccolta delle olive avviene in maniera meccanica con mezzi all’avanguardia tra i quali spicca la macchina scuotitrice di ultima generazione, che permette una raccolta senza traumi sia per le olive che per le piante. Le olive raccolte, dopo una accurata selezione per eliminare qualsiasi elemento impuro, vengono frante alla fine di ogni giornata onde evitare che si modifichino le proprietà chimiche ed organolettiche dell’olio.


Confezionamento

L’olio viene filtrato entro una settimana dalla frangitura per evitare che vengano a manifestarsi impurità tali da alterarne i sapori, profumi e velocizzare l’invecchiamento. In seguito si procede all’imbottigliamento del prodotto. Le confezioni che proponiamo sono sia in lattine di acciaio che in bottiglie di vetro. Quest’ultime, dotate da sempre di tappi anti rabbocco, sono progettate e realizzate per privilegiare il mantenimento qualitativo del prodotto e limitare gli effetti di un eventuale cambiamento di temperatura od una accidentale maggiore esposizione ai raggi solari.

Foto
farms Azienda Agricola Il Cascin L'OLIO EXTRAVERGINE di oliva "Il Cascin" viene prodotto con le migliori olive di cultivar Taggiasca, utilizzando il metodo antico della molitura e spremitura dolce a freddo!
Foto
butchers Macelleria 2 S L'esperienza maturata negli anni e l'alta qualità delle carni sono alla base di un rapporto di fiducia con i clienti che dura, ormai, da decenni. Qualità, professionalità ed esperienza al tuo servizio!
Foto
farms Zafferano Collina Lucana


Zafferano Collina Lucana®, nasce dalla volontà di due amici, di condividere idee e progetti, alla ricerca di una nuova opportunità di crescita professionale e personale.

L’idea di Giuseppe Montesano si innesta sull' Azienda Agricola di Tiberio Tassinari, operante nel settore cerealicolo, un tempo fulcro dell’economia della collina lucana.

Una realtà così mutata, obbliga a ricercare nuove idee e, naturalmente, a pensare valide alternative alle produzioni tradizionali, se è forte il desiderio di rinsaldare le proprie radici nel territorio e la volontà di trasmettere la speranza di poterci riuscire.

Quattro anni di ricerche, studi e sperimentazioni, hanno confermato la vocazione del territorio di Tricarico alla produzione di zafferano di ottima qualità, evidenziata dai risultati delle analisi qualitative effettuate sul campione relativo all’anno di produzione 2016 - secondo la Norma ISO/TS 3632 – che colloca Zafferano Collina Lucana® nella Classe I della scala dei valori di qualità, con un’umidità pari al 6,87%.

Le analisi del 2017 confermano, la Classe I, e soprattutto viene riconosciuto che i campioni esaminati rispettano i criteri necessari per avvalersi del Marchio Repron®, rilasciato da Hortus Novus srl (L’Aquila) sulla base del brevetto internazionale depositato dalla medesima società, agli zafferani naturali, biologici che hanno effetto neuro-protettivo.

Il basso contenuto di umidità degli stigmi essiccati, contribuisce ad esaltarne la qualità e aumenta la durata di conservazione delle proprietà organolettiche e medicinali.

Consapevoli che non si finisce mai di imparare, e incoraggiati dai risultati ottenuti finora, viene fatto il primo passo di un lungo cammino - nella direzione del sano e naturale benessere della persona - cosparso non solo di colori ma anche inebriato da profumi e sapori, con la registrazione del marchio Zafferano Collina Lucana®; depositato nell’anno 2017, presso la Camera di Commercio di Matera.

La coltivazione

Zafferano Collina Lucana® pratica la coltivazione del Crocus Sativus L., con tecniche colturali ispirate ai principi dell’agricoltura naturale e sinergica basate sul principio, ampiamente dimostrato dai più aggiornati studi microbiologici, che, mentre la terra fa crescere le piante, le piante creano suolo fertile attraverso i propri "essudati radicali", i residui organici che lasciano e la loro attività chimica, insieme a microrganismi, batteri, funghi e lombrichi.

I prodotti ottenuti, con questa pratica, hanno una diversa qualità, un diverso sapore, una diversa energia e una maggiore resistenza agli agenti che portano malattie; attraverso questo modo di coltivare viene restituito alla terra, in termini energetici, più di quanto si prende, promuovendo i meccanismi di auto fertilità del suolo e facendo dell'agricoltura un'attività umana sostenibile, mentre l’uso di sostanze chimiche di sintesi non è naturale e non è sostenibile.

Per questo Zafferano Collina Lucana® limita la lavorazione del terreno all’escavazione del letto d’ impianto dei bulbi, rifiuta l’utilizzo di ogni tipo di concime, non pratica diserbo, ritiene che le “amiche erbacce” non vanno eliminate ma controllate, poiché hanno un ruolo specifico nella fertilità del suolo, nell'equilibrio dell'ecosistema e per la salute dei bulbi.

La fioritura

Lo zafferano fiorisce in autunno, tra ottobre e novembre. E’ difficile prevedere l’inizio della fioritura, che dura circa 20 giorni, dipende dal clima e varia ogni anno.

La fioritura è una gioia per gli occhi: il campo si tinge dei colori dell’arcobaleno - dal verde delle foglie al violetto dei petali del fiore, dal giallo delle antere, al rosso degli stigmi.

La raccolta

Per preservare la qualità della spezia raccogliamo, manualmente i fiori, ancora chiusi, alle prime ore del mattino, prima che vengano contaminati da fattori esterni. Raccogliamo i fiori, anche in caso di pioggia, in queste condizioni procediamo all’asciugatura dei fiori prima della mondatura.

La mondatura

Ogni giorno, dopo la raccolta, procediamo alla sfioritura o mondatura dei fiori.

E’ un operazione di precisione e pazienza, che consiste nel separare, manualmente e con estrema accuratezza, i tre stigmi rossi, dalle altre parti del fiore (antere, petali e stilo), mantenendoli uniti tra loro.

La presenza di tali parti del fiore a contatto con gli stigmi, ne compromette la purezza, mentre l’unione dei tre stigmi associata alla loro parte terminale “a trombetta” garantisce la spezia dalla contraffazione.

L’ essiccazione

Nello stesso giorno della raccolta viene effettuata l'essiccazione degli stigmi, cioè l’eliminazione della quasi totalità del contenuto d' acqua presente negli stigmi freschi.

L' essiccazione degli stigmi di Zafferano Collina Lucana® avviene in essiccatori ad aria, a flusso orizzontale, ottimo mezzo per ottenere una spezia di qualità elevata con tempi di conservazione dei suoi principi attivi più lunghi rispetto all’essicazione al fuoco dove la temperatura è elevata e gli stigmi subiscono quasi un processo di tostatura, con conseguente riduzione dei tempi di conservazione dei principi attivi.

La combustione del legno, produce cenere che si posa sullo zafferano, riducendone la purezza.

Il confezionamento

Zafferano Collina Lucana®, è confezionato a stigmi interi e possibilmente uniti, in vasetti di vetro, a chiusura ermetica, con tappo a vite. Rifiutiamo la chiusura con tappo di sughero (esteticamente suggestiva), perché per effetto di una porosità molto variabile, non impedisce gli scambi aeriformi e microbiologici con l’ambiente esterno, mettendo a rischio la qualità della spezia.

Consigliamo di acquistare solo zafferano in stigmi e di diffidare dello zafferano che costa poco, può essere addizionato con altri prodotti, come il cartamo, detto anche zafferanone che, in polvere, assomiglia allo zafferano vero, del quale non ha le stesse proprietà organolettiche e medicinali.


Foto
farms Azienda Agricola Barbaccia - Aab

AAB - Il salume genuino dal gusto unico.


AAB azienda dal cuore antico, nata nei primi anni ‘50 nel territorio dell’entroterra siciliano, si estende nella zona collinare della “Guisina” in provincia di Palermo dove, ancora oggi, tramanda con passione e dedizione la tradizione del gusto autoctono e genuino.


Noci, castagni, ciliegi selvatici e ulivi costituiscono la gran parte del polmone verde dell’azienda, spiccando su uno sfondo dai colori più caldi della terra e dei seminativi a legumi e cereali.


Qui pascolano indisturbati allo stato brado animali come l’asina siciliana, la vacca siciliana ed il suino nero siciliano, specie autoctone della tradizione, che si sono contraddistinte nel tempo per la loro resistenza e adattabilità al territorio.


Nel paesino di Godrano è sito il laboratorio dove avviene la lavorazione artigianale delle carni e la stagionatura di prodotti genuini dagli accostamenti ricercati e sopraffini. Tra i prodotti di punta la Busambrina (bresaola di vacca siciliana), Crudo di suino nero, Salame al pistacchio di Bronte DOP, Salame alla mandorla d’Avola, Salame al mandarino, Principe di Calatari (salame al caciocavallo Ragusano DOP).



Foto
farms Davide Campagnano

LA FAMIGLIA. LA TERRA. IL VINO.


La mia identità di giovane vini-viticoltore e quella della mia famiglia, si ritrovano nelle nostre radici e, al contempo, nella nostra proiezione verso il futuro.


É impregnata del ricordo e del rispetto rigoroso per le nostre origini. Di passione infinita per il territorio. Di un desiderio ancestrale, di un vocazione mai sopita di fare il vino. Un’inclinazione naturale e irrinunciabile.


É il racconto - e il raccolto - di una storia familiare, di un territorio e dei suoi frutti. La nostra identità è sintetizzata nel marchio che ci rappresenta: un segno grafico 'tirato a mano'. Solchi, filari, percorsi. Linee sinuose e insieme anche ruvide e faticose. nella loro traccia, la presenza delle iniziali di famiglia.


Tre segni di terra, nella terra, per la terra.

Foto
farms Azienda Agricola Lame

L'azienda Agricola "LAME" prende il nome da una tenuta situtata nelle immediate vicinanze del centro abitato di Gemini frazione del Comune di Ugento (LE), località molto conosciuta per le sue spiagge dorate. In questa tenuta ci sono alberi ultracentenari, la loro piantagione risale a circa 500 anni fa, la varietà è per la maggiorparte "La Cellina di Nardò" e "L'Ogliarola" tipiche del sud Salento.


Le olive raccolte nel periodo di giusta maturazione mediante scuotitura meccanica ed abbacchiatura producono un Olio Extravergine dal gusto delicato, intenso, con sapore fruttato, adatto a qualsiasi regime dietetico considerate le sue essenziali qualità organolettiche.

Essendo un prodotto di Nicchia è stato scelto e selezionato in molti negozi specializzati ed enoteche soprattutto nel nord Italia.
La maggiorparte però viene venduto e consegnato direttamente a famiglie di privati consumatori confezionato in lattine metaliche da litri 5 con un ordine minimo per spedizione di 4 latte, la diffusione è venuta attraverso il metodo del "passaparola".

Foto
roasting plants Francaffe'

La Francaffè nasce dalla mia passione per il caffè e dal desiderio di realizzare un progetto imprenditoriale nel quale trovassero spazio la creatività, il valore, la ricerca e il desiderio di offrire qualità lavorando con il piacere di chi inizia una nuova avventura credendo nel proprio sogno.
Ho scelto la strada dell'artigianalità perchè è lontana dalle logiche dei grandi numeri, lavorando con determinazione ma anche divertendomi senza rinunciare alla libertà di andare anche controcorrente. Fin dall'inizio ho dato importanza alla cura dei dettagli nella scelta della materie prime proponendo solo poche miscele che riflettono il mio gusto. Selezionati le monorigini di alta qualità presenti sul mercato ho lavorato intorno ad un'importante miscela: SOPHIA, nome molto importante per me.
SOPHIA riflette appieno la mia idea di espresso in tazza corposo, gratificante ed appagante.


TORREFAZIONE ARTIGIANALE. Lavorazione artigianale e ricerca costante di materie prime di eccellenza, questo binomio garantisce la qualità ed il valore sul quale si fonde la Francaffè. Essere artigiani oggi è un onore con la grande responsabilità di dimostrare che, con le mani e con la testa, si può realizzare un'idea con l'entusiasmo di chi crede in ciò che fa. La Francaffè nasce come laboratorio artigianale e pone particolare attenzione alla divulgazione della cultura del caffè. I caffè verdi che acquistiamo sono tutti monorigine di eccellenza, scelti per la qualità della pianta coltivata e per la serietà e competenza dell’azienda coltivatrice che provvede già ad una prima selezione, in seguito vengono effettuati da noi dei controlli in laboratorio. In torrefazione la tostatura avviene su ogni singolo caffè, con lo scopo di dare ad ogni monorigine la cottura più adatta, che non copra le qualità del gusto e gli aromi. La miscelazione viene fatta a freddo, seguendo dei criteri di equilibrio per ottenere miscele adatte al tipo di utilizzo. Il criterio da noi adottato ha come obiettivo di proporre miscele che non tradiscano le caratteristiche dei caffè, ma anzi ne esaltino le peculiarità, le differenze e le caratteristiche in modo armonico. Tecnicamente il metodo di estrazione per espresso prevede una miscela poiché nessun tipo di caffè, da solo, è in grado di dare un espresso perfetto, corposo e dal gusto ricco di aromi. Bere un espresso in miscela significa gustare un’armonia di profumi, di aromi, di corpo.