getCompanyVOById(10070690)
Tenuta Santo Spirito

Qualità senza compromessi nel pieno rispetto della tradizione
La campagna Ragusana è prima dolce e poi aspra nel suo insieme, le zone pianeggianti dolcemente degradano verso coste basse ed uniformi, accompagnate da una ragnatela di bianchi muretti a secco che si perdono tra le dune sabbiose e le scogliere del mare cristallino. Qui i terreni sabbiosi favoriscono l’allevamento di uve autoctone, dove il Cerasuolo di Vittoria è il vino territoriale d’eccellenza ed unica D.O.C.G. della Sicilia e che nascono dalla fertilità di queste terre caratterizzate da componenti sabbiose di natura calcarea e silicea. Dal mare alla collina, gli uliveti secolari alternano la loro presenza a quella dei maestosi alberi di carrubi e i filari di uve di Frappato e Nero d’Avola circondano antiche dimore storiche e moderne cantine in un meraviglioso intreccio tra passato, presente e futuro. E proprio da questa ferma volontà di dare continuità alle tradizioni di questo incantevole territorio, oggi, percorrendo la strada che da Roccazzo porta ad Acate, si rivede Tenuta Santo Spirito sulla destra, finalmente nella sua originale bellezza e presentata agli ospiti da un viale di cipressi pronti ad accoglierli. La nostra passione e il profondo rispetto per le tradizioni del luogo sono stati gli abili maestri di questa attenta e rispettosa opera di “ristrutturazione”, come si direbbe adesso, ma che noi preferiamo definire “restituzione” al territorio, alla gente e a chi vorrà vederla e apprezzarla insieme a noi. Da questa terra baciata dal sole e accarezzata dalla brezza marina, i vini di Tenuta Santo Spirito prendono vita e si colorano di “aMarAnto”, “Chiarestelle” e “Le Bacche Nere”.
Tenuta Santo Spirito aderisce al progetto SOStain, il programma di sostenibilità per la vitivinicoltura siciliana, con l’obiettivo di perseguire uno sviluppo rispettoso dell’ambiente, socialmente equo ed economicamente efficace.


Vini
Non ci conformiamo a uno stile prestabilito, ma lasciamo fare alla natura, e a lei, la vite, che sa armonizzare insieme al sole e al terreno l’evolversi della stagione.
Produciamo quindi in tiratura limitata vini autentici e liberi da schemi utilizzando esclusivamente vitigni autoctoni come il Nero d’avola, il Frappato, il Grillo, e l’Insolia per esaltare la tipicità del territorio di origine. Tutti i nostri vini sono frutto di coltivazioni biologiche e a denominazione di origine controllata.
Con grande soddisfazione di tutti noi e dei nostri collaboratori, “aMarAnto 2016”, il Cerasuolo di Vittoria D.O.C.G., il nostro prodotto più rappresentativo e che porta in etichetta la dedica al nome dei nostri figli Mario e Antonio, ha ricevuto il riconoscimento “Best100 Wines 2019” dalla giuria di Golosaria coordinata dai giornalisti enogastronomici Gatti e Massobrio.





  TENUTA SANTO SPIRITO Contrada Serra D'Elia
97019 Vittoria (RG)
italia
3357825265
3924724305
info@tenutasantospirito.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 13101

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
aziende agricole Azienda Agricola Zamponi Mirco

L’azienda e’ caratterizzata dalla produzione agricola autosostenitiva, alleva bovini da carne di razza Marchigiana IGP nutriti con orzo, frumento e foraggio di propria produzione.


Produce da uve proprie il vino secondo natura: vino Esino Rosso DOC e vino Verdicchio DOC.

Foto
aziende agricole Azienda Agricola Falcone

L’azienda  Falcone è un’ azienda agricola a conduzione familiare alla 4° generazione, situata  ai piedi  dell’altopiano  Silano, dove si respira l’aria più pura e incontaminata d’Europa e dove il patrimonio naturale e la bellezza dei paesaggi le fanno da cornice. L’attività principale è  l’allevamento  di mucche da latte di tipo estensivo e l’allevamento ovi-caprino allo stato semi–brado, i cui pascoli sono immersi nella natura del parco Nazionale della Sila, il fieno, il grano e i cereali con cui alimentiamo il nostro bestiame  sono prodotti all’interno della nostra azienda.  


Tutti i giorni nel nostro caseificio, autorizzato Bollo Ce, trasformiamo il  latte appena munto  per garantire ai nostri clienti la qualità, l’unicità e la freschezza dei  prodotti .
alcuni dei  nostri prodotti di eccellenza :


Caciocavallo realizzato con latte vaccino, caglio e sale, è un formaggio a pasta filata di forma tronco-conica piramidale,  dal tipico colore giallo, e dal sapore aromatico e dolce quando è giovane, mentre diventa piccante a stagionatura avanzata.


Caciotta realizzata sia con latte vaccino che ovi-caprino, caglio e sale, a pasta semi-dura, presenta una  forma rotonda e un sapore delicato con crosta sottile.


Ricotta salata realizzata sia con latte vaccino che ovi-caprino, è un formaggio duro adatto per il grattugiato , può essere servito anche a scaglie o a pezzi, si ottiene dal siero spurgato dalla cagliata a cui si aggiunge latte e sale.


Nella nostra azienda viene inoltre coltivata la patata biologica della Sila, certificata Icea, altro fiore all’occhiello della nostra spledida  regione Calabria.

Foto
ristorazione Tenuta Marino

La Tenuta Marino nasce in un territorio estremamente generoso come il Parco Nazionale del Pollino in Basilicata. A circa 500 metri sul livello del mare, la suddetta azienda si espande tanto da invadere il territorio di tre comuni (Noepoli, San Giorgio L. e Senise) e due province (Matera e Potenza). A cavallo tra i due fiumi, Sinni e Sarmento, l’incontaminato luogo può anche vantare la superba presenza della diga di Monte Cutugno, la più grande d’Europa in terra battuta.


Francesco Marino, proprietario e gestore dell’azienda già dalla fine degli anni settanta per la produzione frutticola, è da sempre stato un grande estimatore del vino; già il nonno possedeva una cantina a Rocca Imperiale, in Calabria.


Partendo dal suo personalissimo assunto secondo cui “chi non sa apprezzare il vino non lo sa neanche fare e viceversa” si convince a produrre il proprio, grazie a un segno che gli si impone alla vista nel corso degli anni: una pianta di uva che, imperterrita, cresceva vicino ai cocci di una vecchia torre ottocentesca.

Dopo averla fatta visionare a tecnici competenti, dopo essere risultata di uve aglianico, ecco che comincia la sua impresa.


La vinificazione di quei grappoli che hanno voluto resistere per circa due secoli, questo è il suo Aglianico.

Ben presto la sua produzione si è arricchita di  altre uve quali: Primitivo – Syrah – Merlot – Cabernet Sauvignon e Greco.