getCompanyVOById(10071853)
Ristorante Antica Osteria Croce

IL RISTORANTE

Il Ristorante Antica Osteria Croce, situato a due passi dalla famosissima Piazza di Spagna, offre tutti i giorni un vasto assortimento di piatti del giorno e dolci al cucchiaio da deliziare ogni palato.

Per l’aperitivo il buffet cambia ogni giorno con proposte sempre più stuzzicanti per soddisfare anche i palati più esigenti. Il tutto accompagnato da una cantina di primo livello con vini nobili e una vasta scelta di cocktail preparati a regola d’arte dai nostri bartenders. L’Happy Hour reinterpretato con gusto unico e stile elegante, che faranno del Difronte a un impareggiabile punto fermo nel panorama capitolino.

Il pomeriggio, come vuole la migliore tradizione inglese, è il tempo per gustare dell’ottimo tè, benefiche tisane o infusi energizzanti. E, perché no, lasciarsi tentare dai nostri deliziosi dolci. La giusta occasione per staccare la spina da tutto e immergersi nell’atmosfera unica dell’Antica Osteria Croce.


NEL CENTRO DI ROMA

Il Ristorante Antica Osteria Croce, situato a due passi dalla famosissima Piazza di Spagna, è disposto su due piani ed ha una capienza di 200 posti.  Il locale offre tutti i giorni un vasto assortimento di piatti del giorno e dolci al cucchiaio da deliziare ogni palato.   Per l’aperitivo, il buffet cambia ogni giorno con proposte sempre più stuzzicanti per soddisfare anche i palati più esigenti. Il tutto accompagnato da una cantina di primo livello con vini nobili  e una vasta scelta di cocktail preparati a regola d’arte dai nostri bartenders. .  Il pomeriggio, come vuole la migliore tradizione inglese, è il tempo per gustare dell’ottimo tè,  benefiche tisane o infusi energizzanti. E, perché no, lasciarsi tentare dai nostri deliziosi dolci. La giusta occasione per staccare la spina da tutto e immergersi nell’atmosfera unica dell’Antica Osteria Croce.


LA CUCINA

I nostri ristoranti sono vere e proprie oasi di gusto, dove la cucina mediterranea regna sovrana. Chef di fama internazionale propongono menu dalla tradizione italiana, “pescando” nei migliori prodotti di stagione e nelle offerte agro-alimentari del territorio.




ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 14139

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
Mangiare e Bere Ciccia & Vino Steak House

Ciccia e Vino, nel cuore di Scandicci, a due passi da Firenze. Ciccia&Vino ristorante steakhouse, un punto di riferimento per gli amanti della carne.


Carni pregiate di ottima qualità: piemontese, angus americana, tedesca e francese. Il tutto viene accompagnato con sfiziosi antipasti: dai salumi e formaggi a Km0 ai golosissimi fritti e sformati. Il nostro motto è: "voi scegliete il tipo di carne al resto ci pensiamo noi!" Potrete degustare ottimi vini di molte regioni d'Italia. A finire vi potrete deliziare con una vasta scelta di dolci rigorosamente fatti da noi!


Potrete scegliere tra i nostri menù completi, i nostri menù alla carta, pensare di bere anche solo una buona bottiglia di vino o di gustare un deliziosissimo dolce: insomma, ce n'é per tutti i gusti!

Foto
ristoranti Trattoria Sagittario

Trattoria tipica Emiliana con carne alla griglia

Foto
ristoranti Il Castello Di Casapozzano

Abbiamo realizzato il tuo sogno più bello. Trasformalo in realtà.

Tra le bellezze e le sorprese che possono offrire i paesi della Regione Campania, immerso nei colori e nei sapori di un’antichità resistente ai tempi moderni, si erge nello splendore di un borgo medioevale, il secolare Palazzo Ducale Capece-Minutolo, comunemente chiamato, il Castello di Casapozzano.


La storia del Castello

Casapozzano o Casapuzzano è un antichissimo borgo nato a ridosso del castello medioevale.

Il nome deriva dalla particolare caratteristica del luogo: il territorio era ricco di pozzi dai quali la gens atellana attingeva facilmente acqua, poiché la falda acquifera si trovava a non più di 7 metri di profondità.

L'antico termine Putei-anum si evolve in Puctianum e successivamente diventa Casapuctianum (territorio del pozzo).


L'odierna struttura nacque come torre di guardia, in epoca longobarda e si sviluppò nella successiva epoca normanna.

Il primo nucleo del futuro castello fu eretto nel secolo XI dai fratelli Mosca, nell'ambito del sistema difensivo della Baronia, posto a guardia dei possedimenti terrieri.


In epoca Angioina il feudo di Casapuzzano fu di proprietà di Isabella Filangieri della Berlingeria de Sangro e, successivamente, vide avvicendarsi, quali Signori di Casapuzzano, i Capece Minutolo, i Magliulo e la famiglia Bozzuti.

Nel 1378 il sito, ritornato in eredità ai Capece Minutolo, fu restaurato a cura del Cardinale Enrico Capece Minutolo, Arcivescovo di Napoli. La memoria di tale evento è preservata da una lapide marmorea che ne riproduce le fattezze, posta dopo il ponte elevatoio che permette di oltrepassare il fossato.


Alla fine del secolo XVIII, Vincenzo Capece Minutolo, rompendo ogni tradizione, sposò una discendente di un nobile casato irlandese, Alicia Higgins. La giovane sposa modificò l'antico maniero medioevale trasformandolo nell'attuale palazzo, arricchendolo con cornici, stemmi e con i comignoli, tipici dell'architettura inglese del '700.

Alicia Higgins, pur contaminando lo stile del Castello con il gusto artistico della sua terra, non eliminò i segni caratteristici di origine medioevale, quali il fossato e la cinta muraria.


Ferdinando Capece Minutolo, figlio della coppia che ha reso il Castello così come oggi lo ammiriamo, completò definitivamente il complesso nobiliare e, per dare ordine al feudo, urbanizzò l'ambiente circostante.

Il complesso nobiliare è stato acquistato dagli eredi della famiglia Del Balzo, i quali ne divennero proprietari a seguito del matrimonio fra Clotilde Capece Minutolo di Bugnano dei Duchi di Miranda e Giovanni Battista Del Balzo, Duca di Caprigliano.


Di particolare interesse storico è la lapide che tuttora si trova nell'ingresso principale, che ricorda il pedaggio imposto ai passanti in epoca longobarda.

Foto
agroalimentare La Zaira

"La Zaira è una piccola azienda situata al di fuori del centro storico di Gradisca d’Isonzo, uno dei borghi più belli d’Italia, e ha una storia quasi centenaria, che risale al 1930 quando Attilio Lorenzon con la propria famiglia prendi in gestione i poderi di Marizza, situati in Borgo Viola con contratto di mezzadria.

Proprio qui, “nella casa davanti al recupero”, negli anni ’50 Luciano, il figlio, avvia l’attività di “privata” che prevedeva la sola mescita di vino e uova sode. Negli anni 60 fu uno dei primi a servire accanto al vino di propria produzione anche affettati ed in particolare il cotechino, tutt’oggi prodotto simbolo della nostra attività.


Dietro al bancone una certezza è la moglie Zaira, che con il tempo e la particolarità del nome diviene il simbolo dell’attività, conosciuta e successivamente nel 2019 ribatezzata anche su carta La Zaira.


Nel 1997 l’attività si trasferisce in Borgo Tintor, con ufficiale licenza di agriturismo e oggi viene gestita in sinergia da tutta la famiglia: assieme a Luciano e Zaira, le figlie Paola e Gianna con i mariti Lucio e Ariano e le nipoti Erika, Melissa e Martina.


L’azienda conta 13 ettari, suddivisi in seminativo atti alla produzione di cereali, e in vigneto.
I vini serviti sono di produzione propria, vengono prodotti 3 bianchi: Malvasia,Pinot Bianco, un uvaggio a base di Friulano “Misturòn di Blanc”; 2 rossi: il “Misturòn di Neri” uvaggio di Merlot e Cabernet Franc e lo stesso uvaggio passato per 12 mesi in legno e uno spumante a base di Pinot Bianco.


Dal 2020 avrà inizio anche la produzione di birra agricola, in associazione con la rete ASPROM.

 Il portafoglio prodotti aziendale offre anche una produzione di carne derivante dall’allevamento suinicolo: cotechino, salsicce, salami, marcundelle, pancette che possono esser acquistati direttamente presso il punto vendita aziendale o, come nel caso del cotechino e dei salumi consumati in agriturismo.


L’agriturismo offre un’atmosfera accogliente e famigliare dove passare un pomeriggio in compagna e consumare i piatti caldi della tradizione friulana durante il periodo invernale potrete trovare cotechino con brovada, trippe, goulash con polenta, fegato, salame con l’aceto e baccalà tutti da provare e accompagnare con il nostro vino.


Vi aspettiamo!!"