Antica Cagliari è un ristorante accogliente si trova nel cuore del quartiere storico della Marina, all’interno di un suggestivo palazzetto dell’800. Offriamo una cucina tradizionale, ma rivisitata per stare al passo con i nuovi trend contemporanei.


Il nostro obiettivo è quello di conquistare i nostri clienti rendendo unica la loro esperienza all’Antica Cagliari. Capacità relazionali, accoglienza, sincera cordialità e attenzione al cliente sono gli aspetti maggiormente valorizzati nella selezione del nostro personale.


Per noi di Antica Cagliari la formazione del personale di servizio è fondamentale per soddisfare le reali aspettative dei clienti; i nostri clienti devono sentirsi coccolati e liberi di esprimere qualsiasi richiesta.




  RISTORANTE ANTICA CAGLIARI Via Sardegna 49
09124 Cagliari (CA)
italia
0707340198
anticacagliari@tiscali.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 11795

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
ristoranti Ristorante Pizzeria La Panoramica

Testimonianze


Scopri solo quando sei arrivato che il nome del ristorante risulta piu' che rappresentativo della spettacolare veduta che si ammira sul golfo di Napoli e le pendici del Vesuvio. Ottimo ristorante sia nel servizio che nella cucina. Ottima la pizza. Unica attenzione è nella strada per arrivarci che non è proprio agevole, specie nell'ultimo, tratto essendo stretta ed a doppio senso di marcia.
- Luigi M

Bel luogo molte sale pizza e altre cose buone. Ci sono anche all'esterno le giostre dove c'è anche una sala servizio ne veloce ne lento ma giusto bel posto consigliato
Foto
ristoranti Insolito Ristorante

Le esperienze culturali, i viaggi, gli amori, tutto quello che ha dato gusto e passione alla nostra vita. Una collezione di Diabolik d’epoca e tre Pinocchi per accogliere il viandante affamato, litografie di De Chirico alle pareti e pouf portaborse per signore, lampadari con cameo della regina, carte da parati severamente selezionate, musica e pesci rossi in bagno.


Dalle ceneri di un antico pub, uno dei primi della Romagna, nel novembre del 2009 è sorto Insolito Ristorante. Un locale nato cosmopolita, aperto alla sperimentazione dei piaceri del palato, attento all’arte e alla cultura. Niente di pretenzioso, ma al contrario la semplice trasposizione dei gusti e delle sensibilità di Daniele e Stefano, disegnati insieme in elegante armonia dall’architetto Davide Frisoni, che ha sintetizzato caratteri, gusto e personalità nel logo del ristorante.


Catering
INSOLITO RISTORANTE È ANCHE CATERING

Per un giorno Insolito Ristorante porta da voi la qualità e il servizio che da sempre ci contraddistingue.


Abbiamo un’esperienza ventennale nell’organizzazione di matrimoni, battesimi,  comunioni, eventi in case private, fiere (anche fuori Italia, collaborazione da due decenni con Sacmi Imola) ed altre occasioni. Il nostro ristorante si presta molto bene a piccoli eventi (max 60 persone), ma collaboriamo con alcune location in Romagna Casa delle Meridiane, Relais Villa Abbondanzi (in esclusiva Le Ninfee), Villa Rugata e altre) e siamo disponibili a qualsiasi altra soluzione in Italia.


Ci differenziamo per l’alta qualità della materia prima, la professionalità del servizio e la cura dei dettagli per ogni evento, mai più di uno al giorno, con un servizio di cucina seguito direttamente dallo chef Daniele Baruzzi, sempre presente nei servizi, e dall’organizzazione di sala da parte del maitre Stefano Zappi, coadiuvati da uno staff di professionisti con cui collaboriamo da sempre Verdarte (Imola), Fattoria Monticino Rosso (Dozza) e una brigata di cuochi e camerieri qualificati.



Foto
ristoranti Cerere e Bacco

Cerere e Bacco nasce il 9 maggio 2016 con Giovanni Salvati, che ha maturato la sua passione per questo mondo fin da piccolo: cresciuto tra sala fornelli e profumi della tradizione, la sua carriera è iniziata prima ancora di conseguire il diploma alberghiero. Insieme a Diletta Iervolino, sua compagna e socia laureata in lingue e comunicazione interculturale, ha deciso di credere in Palma Campania e mescolare in un luogo storico le loro passioni: il cibo e la cultura.


Cerere e Bacco si trova in quelle che presumibilmente erano le cantine del Palazzo Aragonese (dichiarato monumento nazionale nel 1914) e il nome è un voluto richiamo a un’iscrizione latina incisa su un architrave in pietra presente nella corte del Palazzo, che recita Cereri Bacchoque dicatum ossia Dedicato a Cerere e Bacco. In epoca rinascimentale, le famiglie nobiliari erano solite apporre questo genere di iscrizioni nelle proprie case come buon augurio e seguendo quella corrente di rivalutazione della mitologia e dell’antichità classica. All’interno del nostro logo si può notare un’altra frase latina: si tratta di un proverbio (riconducibile forse a Terenzio) che recita Sine Cerere e Baccho friget Venus, ossia Senza Cerere e Bacco si raffredda Venere e cioè, stando ai significati di cui sono simbolo le tre divinità, Senza il Cibo e il Vino si affievolisce l’Amore. Il che è alla base del nostro concetto di vita e di ristorazione.


Venerati ai tempi dell'Antica Roma secondo dei riti molto particolari, Cerere e Bacco erano legati nel culto da quell’ancestrale legame tra il mangiare e il bere. Cerere era la dea della Terra, della fertilità dei campi e dell'alternarsi delle stagioni. Protettrice del raccolto - in particolare dei cereali - e degli animali, dunque del cibo. Bacco era il dio della natura feconda e che per primo introdusse tra gli uomini la coltivazione della vite. Per questo, dio del vino e dei misteri, della vendemmia e dell’ebbrezza.


La nostra filosofia riflette l’insolita unione delle competenze gastronomiche e ristorative di Giovanni e quelle linguistiche e storico-culturali di Diletta, dando molta importanza al valore culturale del cibo e alla sua capacità di creare e stimolare la condivisione: è questo il motivo di un bancone così lungo, cosicché anche se da soli, si può mangiare accanto a qualcuno.


Questo aspetto culturale è visibile anche in sala, non solo per la presenza di quadri da un significato specifico, ma soprattutto per i libri liberamente consultabili: libri sulla storia di Palma, sul cibo, sul vino, libri di poesie di autori famosi ma anche di autori palmesi.


Più specificamente, alla base della nostra idea di cucina e pizzeria vi sono quattro concetti fondamentali: semplicità, tradizionalità, territorialità, stagionalità.


Semplicità perché, senza eccedere in manipolazioni, ci teniamo che le persone possano gustare una cucina priva di fronzoli, perché convinti che sia proprio la semplicità a esaltare il gusto della qualità.


Tradizionalità perché per noi è importante rinnovare il rapporto con la tradizione proprio nel momento dello stare a tavola, proponendo piatti tipici campani, napoletani e palmesi.


Territorialità perché il nostro menu è improntato sull’uso di prodotti tipici in generale campani e meridionali, ma anche più specificamente vesuviani e palmesi, come noci, nocciole, peperoncini verdi, friarielli, torzelle, pomodorini del piennolo…


Stagionalità perché i nostri menu cambiano con l’alternarsi delle stagioni, proponendo piatti che rispettano appunto la stagionalità e la sostenibilità delle materie prime, sia che si tratti di verdure, sia che si tratti di carne o pesce.

Foto
ristoranti Quelchec'è Osteria... Taste of Sicily

La filosofa del ristorante punta sull’utilizzo delle tradizioni in chiave innovativa.


È tutto da scoprire, è una novità seguita da un’altra novità e da un’altra.


Potreste Trovare una birra croccante vicino ad una tagliata è trovarla insolita ma meravigliosa al palato.