getCompanyVOById(10063299)
Palazzo Riccucci Resort
DEBUG 1

La tradizione incontra l'innovazione: piatti e ingredienti tipici della regione Marche si alternano alle migliori ricette della cucina nazionale e internazionale.


Il ristorante è composto da due sale ristrutturate nei minimi dettagli:
una con solaio in legno e boiserie dipinta a mano;
una con antiche volte in mattoni e pavimentazione in parquet.
La nostra cucina offre un menù ricco di piatti tipici locali con particolari rivisitazione dello chef.
Massima attenzione viene riservata alla qualità dei prodotti.
Completano il profilo del ristorante una carta dei vini molto ricca.

Le 12 spaziose camere, arredate con cura per offrire agli ospiti un soggiorno confortevole e rilassante in un ambiente in stile unico, classico ed inimitabile.
Le 5 tipologie di camere disponibili ci permettono di offrire la sistemazione giusta per soddisfare tutte le esigenze:
Singola
Doppia
Doppia per Disabili
Tripla
Familiare
Suite

Tutte le nostre camere sono dotate di:
PAVIMENTO IN PARQUET
BAGNO PRIVATO CON AMPIE DOCCE IN MARMO
ASCIUGACAPELLI
TV LCD
TELEFONO
INTERNET GRATUITO (CONNESSIONE WIFI)
FRIGOBAR
RISCALDAMENTO
ARIA CONDIZIONATA




  PALAZZO RICCUCCI RESORT Via Palazzo 36
63835 Montappone (FM)
italia


Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
ristoranti Disìo Ristorante Siciliano

Fare il couscous per noi è un rito.


Ci riporta indietro nel tempo, quando eravamo bambini la domenica ci si alzava presto e, con i nonni o le mamme, andavamo al porticciolo per prendere i pesci per fare la zuppa direttamente dalle barche. Incocciavamo la semola nella mafaradda (un contenitore basso di terracotta smaltata) nel frattempo che la lasciava riposare nella maidda (la madia) metteva a cuocere la zuppa di pesce. Poi prendevamo la semola incocciata, la condivamo con tutti gli aromi e le spezie necessari, la mettevamo nella couscussiera  (una sorta di colapasta in terracotta) per poi metterla su una pentola con acqua e gli stessi aromi che usava per condire la semola. Impastavamo la farina con un po’ di acqua e sigillavamo la couscussiera  sulla pentola in modo che il vapore fuoriuscisse solo da sopra permettendo la cottura della semola, l’ impasto in più lo usava per fare i cuccureddi, dalla forma simile ai  taralli, che mettevamo sulla semola e quando risultavano cotti era il segnale che il couscous era pronto.

Il couscous deve cuocere almeno 90 minuti dal momento in cui il vapore inizia a fuoriuscire dalla couscussiera.

Nel frattempo colavamo il brodo e quando era ultimata la cottura del couscous lo bagnavamo con il brodo bollente e lo lasciavamo riposare almeno un ora nel lemmo (una bacinella di terracotta smaltata) con una coperta sopra per mantenere il calore.

Ancora oggi quando prepariamo il couscous nel nostro ristorante ci sembra di rivivere quei momenti, l’odore inconfondibile del mix di aromi che si utilizzano per condire la semola, la zuppa che sobbolle.


Fare il couscous è un rito.


Giuseppe Alongi e Antonio Vultaggio

Foto
ristoranti Ristorante La Preja

Niccolò e Silvia Gestione Familiare

Dai grandi classici piemontesi e veneti ai “ritocchi” d’autore: questa idea è frutto dell’incontro di Niccolo’ e Silvia avvenuto in Australia.
Dall’esperienza di mille avventure nell’altro emisfero, nasce il sogno di unire tradizioni diverse in una sola cucina.
La nostra tradizione italiana non si sarebbe espressa così bene come nella sua terra d’origine.
Il Ristorante

Situato tra le colline più belle e riconosciute al mondo, nel cuore del Monferrato, il ristorante si presenta tra travi di legno e pietra, rivelando uno stile rustico e raffinato.
La Preja è inserito in un borgo medioevale, Montabone, considerato patrimonio dell’Unesco. Il nome del ristorante nasce proprio da questo paesino poiché caratterizzato da una borgata in pietra che rende l’atmosfera rurale. Il termine “preja” nel dialetto piemontese significa, appunto, pietra. La scelta di questo nome vuole mettere in luce la particolarità del paese che attrae ogni anno visitatori provenienti da diverse parti del mondo.


Foto
pizzerie Pizzeria L'Oro di Napoli
Un tuffo nel passato dell'arte culinaria partenopea ma con quella nota di modernità di cui abbiamo bisogno per gustare la migliore pizza Napoletana...

Una piccola Napoli nel cuore di questo meraviglioso posto chiamato Acqui Terme...


Foto
pizzerie Pizzeria Da Leo

Pizze ,classiche,5 cereali,kamut, canapa al tavolo e da asporto, calzoni, focacce,ingredienti di alta qualità. pane fatto in casa tutto cotto a forno a legna, ampio parcheggio e ampia sala