getCompanyVOById(10070682)
Ortomedia di Angelucci Modesto

Chi Siamo

l legame della famiglia Angelucci con la terra ha radici antiche. Da quattro generazioni lavorano nel settore ortofrutticolo: per lungo tempo hanno condotto attività di “broker”, garantendo sbocchi commerciali a tanti produttori del Fucino (erano parte di una delle più grandi e strutturate realtà agricole del territorio).

Dal 2012, su iniziativa del giovane Modesto e di suo padre Marco, decidono di lanciare il marchio Ortomedia, divenendo in poco tempo uno dei leader nazionali per la produzione, trasformazione e vendita del finocchio.

Oggi le attività di intermediazione e di produzione in proprio proseguono di pari passo. Con lo stesso spiriti di sempre: ovvero quello di una gestione genuinamente familiare. Pur trattando diversi prodotti ortofrutticoli, grazie a collaborazioni con diversi agricoltori locali, Ortomedia si è specializzato nella produzione e vendita di finocchi.

All’inizio lavoravano solo prodotto semi-grezzo, che rifornivano in tutta Italia ai rivenditori, che ne completavano la trasformazione finale per poi immeterlo in commercio. Hanno poi avviato anche una produzione in proprio, dove garantiscono un controllo maniacale di tutta la filiera, dal campo alla tavola. Prodotti che oggi si possono acquistare sul nuovo sito e-commerce.

I prodotti Ortomedia sono presenti nei principali mercati agroalimentari d’Italia: Torino, Genova, Firenze, Milano, Roma, Padova, Verona, Treviso, Bergamo, Brescia, Bologna, Fondi, Latina, Aprilia, Napoli, Salerno, Catania, Messina, Siracusa, Andria.


Cosa facciamo

Tra quelli a conduzione propria e quelli degli agricoltori partner, che vengono selezionati e seguiti in tutte le fasi di lavorazione, Ortomedia gestisce oltre 250 ettari di coltivazioni.

La produzione complessiva si attesta sui 750 quintali al giorno, per tutto il periodo di produzione che in genere va da febbraio a novembre.

La raccolta si svolge in notturna, con inizio intorno alle 04:00 del mattino.
La lavorazione procede rapida ed efficiente e a metà mattinata partono già le spedizioni per tutta Italia.

Ciò fa sì che il finocchio Ortomedia arrivi in giornata su tutti i punti di distribuzione, freschissimo e appena colto, senza necessità di fare frigorifero. (METTERE IN EVIDENZA)

Danno impiego a 40/50 raccoglitori stagionali, selezionati con cura e trattati in maniera equa e dignitosa.

In tutto il processo, dalla coltivazione dei campi alla fase finale di imballo, si avvalgono di aziende specializzate tra le migliori del mercato, seguendo protocolli rigorosi.

Il risultato finale è un finocchio a RESIDUO ZERO, cioè senza traccia di fitosanitari e residui chimici, salubre e gustoso!






  ORTOMEDIA DI ANGELUCCI MODESTO Str. 46
67056 Luco dei Marsi (AQ)
italia

CONTATTACI


08631857511
amministrazioneortomedia@gmail.com

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N.13074

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
agroalimentare Cesare Fiorucci SpA

PRODUCIAMO SALUMI DI QUALITA’ DAL 1850

Fiorucci è tra le aziende leader nel campo della salumeria italiana dal 1850, anno in cui vede la sua nascita a Norcia, cittadina umbra famosa per la lavorazione di carni e salumi.


Da allora, innovando e rinnovando costantemente, Fiorucci prende solo il meglio della tradizione e la fonde con le esigenze del presente e del domani. Grazie a questo modo di pensare è riuscita ad arrivare sulle tavole di tutti, in Italia e nel mondo.


Nel 2011 Fiorucci è entrata a far parte di Campofrio Food Group, gruppo internazionale leader nel settore della lavorazione delle carni. Un passo verso la modernità e il futuro, che permette di crescere condividendo le proprie conoscenze, esperienze e risorse.


Prodotti
Il portafoglio prodotti comprende una serie di marchi noti ed affermati sul mercato quali la mortadella Suprema, il prosciutto cotto Fiordicotto, il wurstel Suillo, il salame Norcinetto, il prosciutto cotto arrosto Rostello e la linea benessere Amarsi di più.

Foto
agroalimentare Antica Bottega da Tolmino di Paolucci Alessandro e Antonella

Da più di 30 anni, offriamo alla nostra clientela prodotti alimentari di prima qualità. Affiliati al gruppo Arca A&O, abbiamo ogni giorno vantaggiosissime offerte. Il banco freschi sempre ben fornito, ampia scelta di salumi, formaggi e tanta gastronomia.


Nonché dolci, pane fresco e pane caldo, panini farciti a scelta e poi l'ortofrutta fresca ogni giorno, la carne in atmosfera, e tanti altri prodotti per l'igiene della casa e della persona, sia di marca, sia del nostro marchio SELEX veramente convenienti.


Tolmino e i suoi figli Alessandro ed Antonella vi aspettano a Misano, località Villaggio Argentina, nel loro "piccolo" ma ben fornito negozio! E come dice il nostro motto: da Tolmino troverai convenienza, cordialità, esperienza e sopratutto felicità nel fare la spesa!

Foto
macellerie Macelleria Paparo Provvisiero

Il nostro motto da sempre”la salute dei vostri bambini è nelle nostre mani..” Solo alta qualità...

Foto
agroalimentare Norcineria Ansuini Mastro Peppe

Norcineria Ansuini Mastro Peppe artigiani della scuola di norcineria, ci trovate dentro le mura della Vetusta Norcia, nel centro storico a due passi dalla Piazza principale di Norcia, probabilmente siamo gli ultimi mastri norcini di Norcia, Peppe, Emiliano e Fabrizio. Nel nostro negozio laboratorio potete assaporare le vere norcinerie, e vedere come si lavorano, chiunque vuole può far visita anche alle nostre cantine di stagionatura.


Dire Norcino vuol dire Norcia. Oggi con questo termine si indica l’abile artigiano che produce prelibati salumi, venduti presso le Norcinerie. Storicamente invece questo termine ha indicato l’abitante di Norcia, ma anche il chirurgo della scuola preciana, in altri casi il macellaio; fu anche una maschera teatrale. La vicenda storica del Norcino è molto complessa ed è nostra intenzione far comprendere quanto questo mestiere faccia parte della cultura nursina e della nostra vicenda personale.


Tutte la famiglie contadine possedevano un maiale. La sua alimentazione era costituita da ghiande, granturco, patate, con l’aggiunta degli “avanzi di casa”, come le briciole del pane e tutte le altre poche rimanenze di cibo. Era assolutamente vietato sprecare questi preziosi avanzi, accumulati man mano dentro “lu sicchittu de lu puòrcu”, generalmente sistemato in cucina. Il suino di casa era ricoverato dentro “lu stallittu” e spesso anche i bambini dovevano occuparsi di governarlo. Di solito veniva ucciso durante il mese di gennaio e le sue carni lavorate con il favore delle basse temperature. I salumi erano poi messi a stagionare nelle cantine. Il loro consumo era dettato dalla stagionatura: l’ultimo prodotto ad essere mangiato, perché con il tempo di maturazione più lungo, era il prosciutto. A Norcia non esistevano grandi allevamenti di suini, le famiglie, come già ricordato, possedevano il loro capo destinato all’autoconsumo, tutt’al più se ne potevano trovare alcuni liberi per i boschi.


Un appuntamento fondamentale per i Norcini era quello del 16 di agosto. In quel giorno si svolgeva, e si tiene tutt’ora, la fiera di “sienti ‘n può”. Durante quella giornata infatti i Mastri Norcini attivi soprattutto a Roma, Livorno e Pisa arrivavano a Norcia per ingaggiare adulti e giovani, da portare con loro in città come aiuto bottega o “a fà la stagione”. La trattativa per stabilire il compenso del lavoro che i nursini avrebbero svolto in città iniziava proprio con l’espressione “senti un po’ tu…”.


Anche la nostra famiglia ha vissuto questa fase della migrazione stagionale, infatti, il giovane Peppe ha lavorato per anni a Livorno. “Esperienza importante e dura – commenta Peppe – tante volte non potevamo apparecchiare la tavola perchè dovevamo usarla come scala per appenderci sopra i salumi freschi”; prosegue con il ricordo: “in ogni città c’erano tecniche di lavoro diverse, guardando ho capito e imparato quale era giusta e quale no…come dice il proverbio: ‘impara l’arte e mettila a parte!’”.


Ancora oggi produciamo i nostri salumi come Mastro Peppe ha imparato, non solo durante le trasferte toscane, ma anche dai suoi genitori e sta tramandando a noi figli, Fabrizio ed Emiliano. Dal 1938 la nostra famiglia vede oggi la quarta generazione di Norcini, continuando sempre a produrre e stagionare le migliori Norcinerie, proprio come un tempo.