L’Hotel Altis è un albergo 3 stelle situato direttamente sul lungomare di San Benedetto del Tronto, località balneare tra le più apprezzate e rinomate della Riviera delle Palme sulla costa adriatica.


60 comode ed ampie Camere eleganti

L’Hotel Altis di San Benedetto del Tronto, rinomato tra gli alberghi 3 stelle della riviera adriatica, dispone di 60 comode e ampie camere, di tipologia "Standard" o "Comfort", tutte dotate di ogni comfort.


A due passi dall'hotell La Spiaggia

L’Hotel Altis, in posizione privilegiata fronte mare, si trova proprio sul lungomare di San Benedetto del Tronto,
località perfetta per vacanze in compagnia di tutta la famiglia grazie alla sua spiaggia dorata e ai bassi fondali del Mare Adriatico.
Il nostro Hotel mette a disposizione il "servizio spiaggia" (compreso nel prezzo) nel lido che si trova vicino alla struttura,
facilmente raggiungibile, funzionale e perfettamente attrezzato.


Il Ristorante

All’interno dell'albergo Altis di San Benedetto del Tronto, a disposizione esclusivamente degli ospiti,
è presente un'ampia sala ristorante climatizzata che offre una cucina unica e gustosa, in grado di soddisfare
tutte le esigenze grazie alla proposta di piatti tradizionali, preparati con ingredienti genuini e freschi.





  HOTEL ALTIS Viale Europa 64
63074 San Benedetto del Tronto (AP)
italia
073581678
info@hotelaltis.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 9305

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
b&b Le Dimore Di Hanqorias

Con HANQORIAS vivrete il vostro soggiorno scoprendo le varie stagioni di una storia antica...
... in un territorio ricco di cultura, arte e tradizioni popolari, dove i profumi ancora naturali si fondono con i sapori genuini, forti e delicati, capaci di sorprendervi e di farvi assaporare nuove ed intense emozioni...


Situata al piano stradale di un vecchio palazzo gentilizio del XIV secolo nel centro storico di Muro Leccese, e precisamente nell'antica via Brongo (odierna via Isonzo), la struttura di HANQORIAS cattura subito l'attenzione per la sua inconfondibile originalità:
i nomi in greco arcaico delle due dimore Αληθεια (verità) e Ψεμμα (bugia) e dalle luci di cortesia ai lati dei rispettivi ingressi.


HANQORIAS, circondata da testimonianze architettoniche di pregevole livello come il Palazzo del Principe con i resti del fossato, la Cappella del palazzo, il Frantoio oleario semi-ipogeo dei Protonobilissimo, la Chiesetta di San Giuseppe e dal Borgo Terra, offre ai suoi ospiti il piacere di trascorrere un soggiorno in un'atmosfera confortevole e raffinata.


Archi a tutto sesto, volte a botte, un antico focolare e vari elementi architettonici nelle caratteristiche pietre locali sono l'essenza di HANQORIAS.


Sapientemente restaurata ed arredata con sobrietà e cura dei particolari, riesce a coniugare antico e moderno in un armonioso sodalizio...


Le Dimore ALITHIA e PSEMA totalmente indipendenti possono unificarsi all'occorrenza.

Foto
luxury Hotel De La Poste

La Tradizione dell'Ospitalità nel Cuore delle Dolomiti
La storia, la cortesia e la conoscenza del mestiere di ospitare, sono elementi che traspaiono chiaramente nella cura dei dettagli presenti in ogni angolo dell'hotel, dalla ricerca e dall'accostamento armonioso di legni e di colori, che sono le caratteristiche essenziali del "Posta". Annoverato tra i Locali Storici d'Italia è situato nel pieno centro di Cortina d'Ampezzo.



The tradition of hospitality in the heart of the Dolomite
The story, courtesy and knowledge of the craft of hosting, are elements that show through clearly in the attention to detail in every corner of the hotel, from research and from the turning of wood and harmonious colors, which are the essential characteristics of the "Posta". Listed as one of Italy's historic places is located in the heart of Cortina d'Ampezzo.

Foto
ricettività e turismo Agritur Maso Kofler

Agriturismo, con ristorante aperto al pubblico esterno


Il ns maso si trova in Trentino, nella solleggiata Val di Non, nel paese di Rumo.


Ci troviamo immersi nel verde, in zona tranquilla che invita a trascorrere le vostre vacanze in benessere in montagna. La famiglia Kofler è lieta di ospitarVi in appartamenti completamente arredati di varie metrature.


Adatto sia a famiglie con bambini, a gruppi di amici, motociclisti, amanti della natura e degli animali, chiunque voglia passare una vacanza in benessere lontano dallo stress quotidiano e respirare aria fresca.
I nostri giardini e l angolo del barbeque invitano a passare qualche ora di serenetà e tranquillita in compagnia dei vostri cari.


Numerose sono le possibilità di dedicarsi a sport e attivita al aperto: passeggiate ed escursioni nella natura incontaminata delle nostre meravigliose Maddalene (da facili fino a impegnativi), shopping nel capoluogo della Val di non a Cles, sciare in Val D'Ultimo, Marileva, o Campiglio, passeggiate con le ciaspole, ski d'alpinismo, Mountainbike, Rafting in Val di Sole, equitazione, mercatini di natale a Merano e Bolzano, Pomaria, visita al capoluogo del Trentino Trento, e molto altro da scoprire...


In autunno si può godere dei boschi con la raccolta dei funghi.


Alcune delle attrazioni turistiche in val di Non:
Castel Thun, Santuario di San Romedio, Santuario di Senale, parco naturale adamello- brenta, lago di Tovel, Parco Fluivale Novella, Canyion Rio Sass, Museo Retico.


Rumo prettamente alpestre ai piedi della Maddalene sconfina in Alto Adige. Si trova tra le alte cime che coronano Rumo, tra il bacino del Noce e la Val d'Ultimo,in Alto Adige. Rumo comprende nove frazioni o ville, anticamente chiamate capelle. Le frazioni sono adagiate su pendii ad un altitudine di circa 1000 metri. La valle di Rumo si differenzia nettamente dal resto della Val di Non: il parziale isolamento, infatti ne ha mantenuto intatto il caratteristico stile architettonico. Si notano diverse testimonianze della passata ricchezza, come gli edifici con imponenti portali, spesso ornati da stemmi ed affreschi, e i capitelli votivi del 1600.


L'Azienda Agricola Maso Kofler nasce nel 2012 a Rumo in Val di Non – Trentino a 1000 metri d' altitudine nella catena montuosa “ LE MADDALENE “ con la coltivazione di un piccolo orto davanti al Maso per poter dare agli ospiti del Maso la possibilità di acquistare nelle loro ferie da noi, verdura e frutta incontaminata e sempre fresche a km zero.
Di anno in anno poi la richiesta di verdura genuina e direttamente dal orto si è fatta sentire sempre piu forte anche al di fuori dei clienti del maso, e cosi abbiamo iniziato con la vendita di verdura a km zero direttamente dal maso.
Vista la grande richiesta di prodotti sempre genuini abbiamo deciso di produrre trasformati con la nostra verdura e la nostra frutta. Cosi nascono i nostri prodotti trasformati e con loro anche la vendita online sia dei prodotti trasformati che delle orto cassette.
La coltivazione viene eseguita con metodi naturali senza l'uso di sostanze chimiche. Il clima di alta montagna favorisce la produzione di verdura e frutta sana e genuina.

Foto
ricettività e turismo Le Case Cavallini - Sgarbi

Residenza di Charme Appartamenti di Lusso 4 soli ****



Edificato in epoca medioevale nelle adiacenze della chiesa di Santa Maria delle Bocche, il palazzo passò nel 1471 dal notaio Rinaldo Mezzaprile alla famiglia Ariosto, assieme all’edificio contiguo (la Magna Domus dell’illustre casata), al quale è unito da un cavalcavia in vicolo del Granchio. Nel 1484 l’edificio divenne proprietà del canonico Brunoro Ariosto: è verosimilmente di quest’epoca il monogramma cristologico collocato sulla facciata, a ricordo della predicazione in Ferrara di San Bernardino da Siena, che lo adottò come proprio emblema. Il portale in marmo con archivolto e mensola a chiave può essere fatto risalire al Cinquecento.


Mentre Brunoro era canonico a Rovigo, nel palazzo si stabilì il fratello Nicolò, dal quale nacque il celeberrimo Ludovico, allora decenne. In questo edificio, il futuro autore dell’Orlando Furioso studiò con il precettore, Domenico Catabene di Argenta, e probabilmente vi compose le prime poesie e alcuni acerbi testi teatrali. Alla morte del padre, il grande poeta abbandonò Ferrara per recarsi a Canossa in qualità di capitano della Rocca, anche se ritornò più volte a vivere in queste stanze, sino a quando acquistò la casa in contrada del Mirasole. Nella casa di via Giuoco del Pallone 31, di cui divenne in seguito l’unico proprietario, Ludovico scrisse ampi brani della prima versione dell’Orlando Furioso, edita nel 1516.


Dopo gli Ariosto, il palazzo divenne della nobile famiglia Canani e, via via, dei Federici, dei Righetti, degli Agnoletti, finché nel XIX secolo fu acquistato dal paesaggista e critico d’arte Ferdinando Ughi. Questi lo vendette al pittore Oreste Buzzi nel 1913, il quale era tornato dal Brasile fornito di cospicue risorse economiche, dopo aver lavorato anche per il presidente della Repubblica. Alla morte di Buzzi, avvenuta nel 1943, il figlio Ugo cedette la casa ai Cavallini, genitori di Bruno (padre di Eleonora Cavallini), Rina e Romana (madre di Mario, Giovanni, Bruno e Anna Verdi). Rina Cavallini sposò Giuseppe Sgarbi e concepì Vittorio Sgarbi ed Elisabetta Sgarbi.


Di gusto rinascimentale è il prospetto, di squisito taglio esornativo legato alla tradizione del “cotto” ferrarese. L’antico portico al pianterreno venne tamponato durante il XVI secolo, mentre la facciata fu sopraelevata dopo l’acquisto da parte di Buzzi su progetto del medesimo, che si preoccupò intelligentemente di mantenere l’unità stilistica con il piano nobile e lo decorò personalmente con raffinate tempere di gusto tardo-liberty e art déco, sia nei soffitti che sulle pareti. All’epoca in cui Oreste Buzzi comprò la casa, permaneva al pianterreno uno stanzone (allora rivendita di legno e carbone) dove, secondo la tradizione, Ludovico Ariosto metteva in scena le proprie commedie davanti ai famigliari, a mo’ di anteprima.