Una lunga storia aziendale


L’azienda agro-pastorale della famiglia Curreli ha una storia di tre generazioni, caratterizzata dalla passione per l’allevamento degli ovini, la produzione di formaggi genuini e rispetto della natura.


Il caseificio dell'azienda Erkìles a conduzione familiare, si trova a pochi chilometri dal paese di Olzai.

L'azienda è ben radicata nella realtà locale e collabora da oltre trent'anni con le organizzazioni degli allevatori, coltivatori, consorzi di categoria, grossisti e commercianti di prodotti alimentari.


Collabora inoltre con le istituzioni pubbliche locali per la promozione dei prodotti eno gastronomici di eccellenza e per la tutela del territorio di Olzai, della Barbagia e della provincia di Nuoro, anche attraverso diverse iniziative intraprese con l'associazione "La Strada del vino Cannonau".




  ERKILES Via S. Anastasio 23
08020 Olzai (NU)
italia
3459318070
erkiles@tiscali.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 12700

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
aziende agricole Azienda Agricola 17 Tomoli Di Attilio Castrignanò

L’azienda agricola 17 Tomoli di Attilio Castrignanò è una giovane e piccola realtà a conduzione familiare, operante in Italia, nell’agro di campi Salentina, territorio di antica vocazione olearia, nel cuore del Salento.Perchè 17 Tomoli?


Il tomolo (anche tumulo o tomolata) è un’antica unità di misura della superficie agraria, utilizzata in alcune province italiane. Il valore del tomolo espresso in metri quadri variava da provincia a provincia. In quella di lecce, dove è ubicata l’azienda, lo stesso aveva un valore di 6298 mq, a testimonianza della piccola dimensione aziendale. Ciò nonostante l’obiettivo unico dell’azienda è, ed è sempre stato, quello di realizzare un olio extravergine d’oliva che possa ambire a livelli d’eccellenza.


La produzione dell’olio 17 Tomoli si basa esclusivamente su varietà di cultivar autoctone salentine: Cellina di Nardò e Ogliarola salentina. Queste due varietà hanno dimostrato, nel corso dei secoli, di adattarsi molto bene al clima mediterraneo del Salento. Per circa il 10% si tratta infatti di piante secolari, le restanti piante hanno un’età che varia dai quindici ai quarant’anni. Gli alberi costituiti da cultivar pregiate, vengono costantemente monitorati dal punto di vista tecnico-agronomico da tecnici specializzati con l’unico obiettivo della costante ricerca dell’eccellenza del prodotto finale.


La raccolta viene effettuata rigorosamente dalle piante al giusto grado di maturazione (fase dell’invaiatura) e non prevede il contatto delle olive col terreno in quanto vengono fatte cadere su reti appositamente dispiegate al di sotto della chioma, con l’ausilio si scuotitori abbacchiatori e pettini. Si ha come risultato un olio dalle caratteristiche organolettiche di assoluta eccellenza, di color giallo oro con riflessi verdastri, mediamente fruttato, dolce e con note piccanti che ben presto si attenuano lasciando il posto ad una sensazione gustativa eccezionalmente armoniosa. Le olive raccolte vengono immediatamente molite con il sistema della spremitura a freddo con l’estrazione a ciclo continuo a temperatura controllata dove la molitura delle olive viene effettuata entro 2-3 ore dalla raccolta per preservare tutti i nobili componenti fenolici che lo caratterizzano.


L’olio extravergine 17 Tomoli è disponibile in quantità limitata e certificata.

L’utilizzo è consigliato sia a crudo sia come condimento di pietanze calde come zuppe, pesce e carne arrosto per conferire una fragranza impareggiabile.

Foto
agroalimentare La Camina'

L’ antico metodo di lavorazione di mio padre rende questo vino semplice, ma di grande qualità e carattere.

Un metodo naturale, così come si faceva “una volta”.

La Tradizione
La Camina’ è un’azienda vitivinicola fondata negli anni cinquanta da mio padre Gino, dal quale ho ereditato anche la passione per il vino. Nulla ho modificato di quegli insegnamenti e dell’importanza della manualità dei gesti che, associati ad una più attuale ricerca del gusto, hanno prodotto questi vini. Sarò lieto di aprire le porte della mia cantina per farvi assaporare un prodotto semplice, ma di grande qualità e carattere.

Le Vigne
I nostri vigneti dominano i colli piacentini della Val d’Arda, in localita’ Bacedasco Basso, definita “Terra del vino”, per la ricchezza di tradizioni legate proprio alla sua produzione. Questi terreni sono riconosciuti, infatti, per la coltivazione delle uve di Barbera e Bonarda, che insieme concorrono alla produzione del Gutturnio, vino rosso rubino frizzante adatto ai nostri piatti di tradizione ma anche ad un cibo reso piu’ contemporaneo e leggero dai mutati stili di vita, e le uve di Ortrugo e Malvasia che danno origine a vini bianchi, freschi e frizzanti, ideali per piatti unici, anche appartenenti ad altre culture gastronomiche.




Foto
aziende agricole La Calendrina Azienda Agricola

Il battesimo dell’Azienda Agricola La Calendrina è avvenuto solamente nel gennaio 2020 nonostante l’allevamento abbia alle spalle oltre cinquanta natali. Fondato dagli avi della Famiglia Cherubin scesi dall’altopiano, in principio venivano allevati solo pochi capi di bestiame destinati principalmente alla sussistenza e al lavoro in campagna.


Un cambio di rotta avvenne con l’ingresso in azienda di Alfonso, figlio di Riccardo, fondatore del primo complesso aziendale. Da una vocazione incentrata sulla produzione di latte, trasforma il sito in un allevamento su lettiera permanente di manze per la produzione di carni pregiate. Per vent’anni l’azienda ha allevato non più di trenta ristalli francesi in recinti ricavati nella vecchia struttura. La passione sconfinata per l’agricoltura ha permesso al figlio Stefano di maturare radici profonde, convincendo il padre a ingenti investimenti nel 2019 per rimodernare l’allevamento e incrementare il numero di capi allevati nonostante entrambi siano dipendenti di aziende private.


Dal primo gennaio 2020, in segno di rinascita, l’azienda cambia nome e oggi La Calendrina alleva dai 30 ai 40 soggetti delle più prestigiose razze europee per la produzione di carne. Il management, snello e agile, si fonda sul concetto di alimentazione “a secco”, con l’impiego di essenze foraggere locali per la produzione di carni succulente ma soprattutto dal sapore inconfondibile. I desideri di crescita non si frenano ma il caposaldo rimane il benessere animale e la qualità del prodotto finito; da qui lo slogan: trasforma i profumi della terra in piaceri per il palato.


Foto
aziende agricole Arca Dei Sapori