getCompanyVOById(10070198)
Bau Bar

Aperitivi e cene di qualità in un'atmosfera amichevole nella bellissima passeggiata di Via Adriatica.


Il panorama mozzafiato, l'ampia selezione di birre, vini e amari, una cucina appena rinnovata rendono il Bau Bar il posto perfetto per un aperitivo o una cena di qualità, in un'atmosfera amichevole e tranquilla.




  BAU BAR Via Adriatica 9
66054 Vasto (CH)
italia

CONTATTACI


0873367470
tripolone1978@gmail.com

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N.12645

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
ristoranti Il Castello Di Casapozzano

Abbiamo realizzato il tuo sogno più bello. Trasformalo in realtà.

Tra le bellezze e le sorprese che possono offrire i paesi della Regione Campania, immerso nei colori e nei sapori di un’antichità resistente ai tempi moderni, si erge nello splendore di un borgo medioevale, il secolare Palazzo Ducale Capece-Minutolo, comunemente chiamato, il Castello di Casapozzano.


La storia del Castello

Casapozzano o Casapuzzano è un antichissimo borgo nato a ridosso del castello medioevale.

Il nome deriva dalla particolare caratteristica del luogo: il territorio era ricco di pozzi dai quali la gens atellana attingeva facilmente acqua, poiché la falda acquifera si trovava a non più di 7 metri di profondità.

L'antico termine Putei-anum si evolve in Puctianum e successivamente diventa Casapuctianum (territorio del pozzo).


L'odierna struttura nacque come torre di guardia, in epoca longobarda e si sviluppò nella successiva epoca normanna.

Il primo nucleo del futuro castello fu eretto nel secolo XI dai fratelli Mosca, nell'ambito del sistema difensivo della Baronia, posto a guardia dei possedimenti terrieri.


In epoca Angioina il feudo di Casapuzzano fu di proprietà di Isabella Filangieri della Berlingeria de Sangro e, successivamente, vide avvicendarsi, quali Signori di Casapuzzano, i Capece Minutolo, i Magliulo e la famiglia Bozzuti.

Nel 1378 il sito, ritornato in eredità ai Capece Minutolo, fu restaurato a cura del Cardinale Enrico Capece Minutolo, Arcivescovo di Napoli. La memoria di tale evento è preservata da una lapide marmorea che ne riproduce le fattezze, posta dopo il ponte elevatoio che permette di oltrepassare il fossato.


Alla fine del secolo XVIII, Vincenzo Capece Minutolo, rompendo ogni tradizione, sposò una discendente di un nobile casato irlandese, Alicia Higgins. La giovane sposa modificò l'antico maniero medioevale trasformandolo nell'attuale palazzo, arricchendolo con cornici, stemmi e con i comignoli, tipici dell'architettura inglese del '700.

Alicia Higgins, pur contaminando lo stile del Castello con il gusto artistico della sua terra, non eliminò i segni caratteristici di origine medioevale, quali il fossato e la cinta muraria.


Ferdinando Capece Minutolo, figlio della coppia che ha reso il Castello così come oggi lo ammiriamo, completò definitivamente il complesso nobiliare e, per dare ordine al feudo, urbanizzò l'ambiente circostante.

Il complesso nobiliare è stato acquistato dagli eredi della famiglia Del Balzo, i quali ne divennero proprietari a seguito del matrimonio fra Clotilde Capece Minutolo di Bugnano dei Duchi di Miranda e Giovanni Battista Del Balzo, Duca di Caprigliano.


Di particolare interesse storico è la lapide che tuttora si trova nell'ingresso principale, che ricorda il pedaggio imposto ai passanti in epoca longobarda.

Foto
ristoranti Ristorante Su Bulliccio

A Ulassai un indimenticabile pranzo in grotta
Chi visita la grotta Su Marmuri non può non fermarsi al ristorante Su Bullicciu, tappa obbliga per assaporare la vera cucina del territorio in un ambiente suggestivo e sorprendente.
Il ristorante, gestito dalla cooperativa Su Bullicciu, vi consente infatti di trascorrere un indimenticabile pranzo in grotta all'insegna della bellezza e della cucina tipica Ogliastrina.
Su Bullicciu, conosciuto in tutta la città di Ulassai e provincia, promuove la tradizione culinaria sarda attraverso piatti e dolci preparati artigianalmente e con le migliori materie prime del territorio.


Un pranzo all’insegna della vera cucina del territorio
Il pranzo in grotta nel ristorante di Ulassai è l’ideale per assaporare numerosi primi piatti buonissimi, tra cui i Culurgiones all'Ulassese oppure alla Bottariga e ancora i Malloreddus alla campidanese.

Per gli amanti dei secondi il ristorante propone infine il classico maialetto arrosto, cucinato nel rispetto della tradizione e grazie a degli ingredienti selezionati con la massima cura.


La tradizione sarda in uno dei siti più affascinanti d’Europa
Oltre ai primi e secondi, il ristorante di Ulassai propone anche ottimi dessert e dolci tipici sardi, tutti preparati artigianalmente e nel rispetto delle ricette di un tempo.
Il pranzo in grotta proposto dalla cooperativa Su Bullicciu è accompagnato dal buonissimo cannonau D.O.C. di Jerzu e tutti gli ingredienti e i prodotti utilizzati per la preparazione dei piatti sono di esclusiva provenienza Sarda.
Perfetto alla fine delle escursioni, il pranzo al ristorante Su Bullicciu è il modo migliore per concludere una giornata all'insegna della cultura e dell'arte in uno dei siti più importanti e affascinanti d’Europa.

Foto
ristoranti Ristorante Pizzeria Cuor di Bufala

Siamo situati in via Ludovico Canali 14 (fronte mura di cinta storiche)


Ambiente giovane, dinamico  e in crescita per offrirvi un prodotto innovativo e sempre  di qualita’.


Tante novità:


nuovo menù - nuovi impasti


….a breve anche tavoli all’aperto ….


Vi aspettiamo

Foto
Mangiare e Bere Crostini e Vini Osteria con Cucina


Crostineria, Pizzeria e tanto altro! Abbiamo ottimi tagli di carne e, su prenotazione, realizziamo prelibati manicaretti Sardi!