getCompanyVOById(10072862)
Al Gatto Nero Salumeria Enoteca Prodotti Tipici

La nostra azienda a conduzione familiare, nasce nel 1966 nella 'Piana di Taormina', località, distante pochi chilometri dallo stupendo centro storico della Perla dello Jonio, dove si viveva prevalentemente di agricoltura e di allevamento del bestiame, il pesce che veniva consumato era prevalentemente costituito da pesci, a quei tempi 'poveri' come 'i Masculini', 'u Pisci Stoccu', a 'Spigula', 'u Niunatu' e anche se di rado 'u Pisci Spada'.


La nostra cucina ispirata da questa cultura culinaria agricola, sfrutta la preparazione di piatti semplici, ma genuini, preparati ancora, con le stesse ricette preparate dalla nonna Peppina.


Le nostre specialità sono le zuppe di legumi, preparati ogni giorno con legumi diversi, a garanzia di pietanze sempre fresche, come per i secondi che aspettano la decisione della ormai storica cuoca Bastianina.




  AL GATTO NERO SALUMERIA ENOTECA PRODOTTI TIPICI Via Chianchitta 37/39
98039 Taormina (ME)
italia

CONTATTACI


0942558238
info@algattonero.net

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
vini Vini Pintaudi

Cantina moderna e innovativa, ma dal carattere forte e tradizionale della vera Sicilia!


Sono gli inizi degli anni ’70 quando Basilio Pintaudi, agricoltore di Piraino, paese nel nord della Sicilia, fonda la Cantina Vini Pintaudi e avvia la produzione di vini bianchi, rossi e rosati che in origine venivano venduti sfusi nel mercato locale. Con il passare degli anni, l’attività dell’azienda Vini Pintaudi cresce, tanto da spingere Basilio a trasferire la cantina in una sede più grande, quella dove si trova attualmente, e ad iniziare la produzione dei vini monovarietali come Nero d’Avola, Chardonnay, Insolia e Syrah.


Nel 1997, dopo la scomparsa del suo fondatore, le redini della cantina vengono prese da moglie, figlia e genero di Basilio che decidono di iniziare ad imbottigliare e di investire nell’acquisto di un nuovo impianto d’imbottigliamento altamente avanzato.


Dal 2017 la gestione della Cantina passa nelle mani del nipote Basilio Catrini che si è perfezionato sui vini imbottigliati e ha cercato di creare un vero brand aziendale con l’ultima linea di A Maré, Masciné, Davé e Ciaulé. In particolare, Mascinè ha vinto, nel 2018, la medaglia d’argento al Primo Concorso Enologico Nazionale “Venere Callipigia”.


Quella della Cantina Vini Pintaudi è una storia di cuore, tradizione e amore per la terra e per i suoi frutti che si coniuga con innovazione e tecnologia per proporre sul mercato vini di alta qualità dal gusto autentico e dal carattere forte e distintivo della Sicilia.

Foto
agroalimentare Tartufi Al Massimo di Massimo Cillario

Dopo un’esperienza di oltre vent’anni a stretto contatto con i cercatori locali di tartufi, i famosi “Trifolao“, nasce nel 2005 Tartufi al Massimo, un’azienda che rimane di chiara impronta familiare, dove l’esperienza convive con un’alta professionalità e sopratutto con un’accuratissima attenzione ai clienti, tra i quali si annoverano ristoranti di alta qualità e stellati, prestigiosi negozi di specialità gastronomiche, rispecchiano la qualità del Made in Italy.


Passione, dedizione ed esperienza hanno permesso la realizzazione di una linea di prodotti al tartufo che si avvale di un attento esame di quanto già esistente sul mercato e, non ultimo, delle nuove tendenze del gusto di una clientela sempre più esigente. Olio al tartufo, salse tartufate, carpacci, creme, paste e quant’altro, vengono prodotti con un’artigianalità d’eccellenza che consente di apprezzare in ogni mese dell’anno l’essenza di questa icona del gusto, oggetto di emozione e intendo godimento per il buongustaio.


Tartufi al Massimo propone veri e propri viaggi virtuali attraverso il tempo, i paesaggi, i costumi e le più profonde tradizioni delle “Genti di Langa” in una terra oggi dichiarata Patrimonio dell’Unesco. Grazie a questi luoghi che offrono una così vasta ricchezza gastronomica, riaffiorano alla mente racconti, curiosità, aneddoti e leggende di una tradizione antica oggi sempre più attuale.

Foto
agroalimentare RITA TOMÀ

La storia della nostra azienda, sita nel cuore della Lunigiana, parte nel 1950, quando Fernando Tomà ebbe l’idea di commercializzare uno dei frutti più poveri offerti dal territorio: la castagna. Nel 1954 Fernando inizia anche la lavorazione del frutto, costruendo i “gradili” in cui essiccare le castagne per ottenere la farina dolce.


Nel 1984 la figlia Rita ha preso le redini dell’azienda mantenendo invariati tutti i metodi di lavorazione e trasformazione delle castagne nel rispetto della tradizione lunigianese: ancora oggi le castagne fresche vengono selezionate a mano ed essiccate con legna di castagno nei “gradili” .


La stessa cura viene rivolta al frutto secco, la cui cernita viene eseguita manualmente e la cui macinatura è effettuata utilizzando mulini con macine a pietra. Nel 1994 Rita Tomà ha deciso di sfruttare gli antichi terrazzamenti di famiglia per la creazione di un castagneto di piante innestate che producono un tipo di castagna per il 90% simile al marrone e che ha il privilegio di maturare con un anticipo di 15/20 giorni rispetto agli standard della zona.


Nel frattempo la lista dei prodotti è aumentata con l’inserimento di “morbidelle”, farina di mais e, dal 2004, in armonia con il crescente ritorno ai cibi sani e naturali, del farro, cereale coltivato in esclusiva da alcuni contadini a Bigliolo, piccolo paese della Lunigiana. L’azienda,essiccando le castagne solo negli essiccatoi di proprietà e macinando solo con i propri mulini, garantisce l’assenza di glutine sia nelle castagne secche che nelle sue farine ed è inserita ormai da anni nel Prontuario degli alimenti AIC.


Foto
aziende agricole Società Agricola Agrisapori S.S.

L'Azienda Agricola LA FRANCA è TESTIMONIAL avvincente e convincente di quanto la natura, qui rispettata coscienziosamente, possa rendere disponibile un prezioso patrimonio, buono, pulito, giusto (Sic. Carlo Petrini) per essere goduto, assaporato e da cui trarre nuove e positive opportunità di benessere e di buon vivere.
L’Azienda situata nel comune di Pralormo sui primi contrafforti del Pianalto, alle porte del Roero, ha una superficie di circa 150 giornate piemontesi in unico appezzamento.


Nel rispetto più integrale e ortodosso dell’ambiente, una parte considerevole di terreno è stata mantenuta nella sua condizione primitiva di bosco spontaneo ricco delle nostre essenze arboree e arbustive più tipiche (quercia, pioppo, acacia, ciliegio selvatico, pruno, pino, ginepro, cespugli di more, rose di macchia, biancospino e addirittura una quercia da sughero).
Ritenendo fondamentale usufruire di tutto il potenziale della loro “Terra Madre” nel suo dovizioso polimorfismo, i giovani componenti di questa comunità familiare si sono via via arricchiti oltrechè delle fondamentali esperienze di nonni e genitori, anche con specifiche preparazioni derivate da frequentazione di Scuole Agrarie ed Istituti Tecnici di trasformazione agroalimentare. Per offrire a tutti la conoscenza diretta di un mondo contadino e la possibilità di vivere momenti magici di un’agricoltura nella sua più esaltante naturalità, questa famiglia crea una struttura con il programmatico nome di AgriSAPORI.


AgriSAPORI è CONOSCENZA ED EDUCATIONAL per apprendere quanto di interessante e fondamentale per la vita dell’uomo offre il caleidoscopico mondo contadino in tutte le sue espressioni, direttamente dal vivo, secondo la scansione del tempo delle stagioni e gli equilibrati ritmi esistenziali.


AgriSAPORI è COINVOLGIMENTO dei visitatori; sono proposte con il massimo impegno visite guidate, e programmate per far godere la vita dei campi, apprezzare il lavoro della terra, il governo e l’alimentazione del bestiame, la mungitura, l’allattamento dei vitellini, una panoramica sulla fauna domestica e anche selvatica, e sulla ricca flora nei campi, nei prati e nel bosco da cui trarre arricchimento culturale, botanico naturalistico anche approdando alla preparazione di Erbari e Insettari.
Si offre la possibilità di seguire attivamente la preparazione di alcune forme del latte: formaggi, yogurt, gelati, in modo tanto efficacemente informativo e formativo da confermare la veridicità del concetto di consumatore che si trasforma in coproduttore.


AgriSAPORI è inoltre LABORATORIO DEL GUSTO in cui l’educazione del gusto è motivo principale di incontro di un saggio turismo gastronomico, con la riscoperta dei profumi, dei sapori e sentori veri che una comunità produttrice di alimenti offre.
AgriSAPORI si presenta come rasserenante e coinvolgente momento di realizzazione dei più sacrosanti e condivisibili principi di Slow Food: naturalità, tipicità, territorialità, stagionalità e biodiversità.


In AgriSAPORI fa titolo e testo la memoria storica, la memoria di nonna Agnese che propone le semplici prelibatezze da salvare dall’oblio e dalla scomparsa. Il futuro è nel passato… nelle mani di chi controllerà il passato (Timline 1999).
Un ulteriore elemento qualificante di questa iniziativa è dato dalla sua presenza in un contesto sinergico di altre aziende produttrici agroalimentari di assoluta eccellenza. Si crea così l’opportunità per i visitatori de “La Franca” di completare avvedutamente la loro “Spesa in cascina” sullo stesso territorio di Pralormo.


E’ logico concludere con Michael Cricton che “il mercato in più rapida espansione è quello del turismo culturale: la gente non vuole visitare altri luoghi bensì altre epoche”.