L’ID Anticontraffazione tutela il tuo lavoro

Eccellenze Italiane tutela il tuo lavoro con la vetrofania anticontraffazioneEsempio di vetrofania – Per vedere il certificato clicca qui

Oggi più che mai il Made in Italy è protagonista della scena, proprio per questo va tutelato a tutti i costi.
Il Circuito Internazionale di Eccellenze Italiane, grazie al massiccio numero di visite (attualmente quasi 500.000 al mese) provenienti da Google e dai principali motori di ricerca, si conferma come punto di riferimento del mercato per la certificazione e valorizzazione della professionalità per oltre 6000 Attività articolate in un ampio ventaglio di categorie merceologiche: enogastronomia, ricettività turistico-alberghiera, artigianato, fashion, arredamento, tecnologia, servizi e molto altro ancora.
Aderendo alla campagna Anticontraffazione, sempre più realtà imprenditoriali stanno usufruendo dei vantaggi offerti dall’ingresso nel Registro Eccellenze Italiane, a partire dalla notorietà che permette di raggiungere in internet (si vedano questi approfondimenti)  con la possibilità di controllare in tempo reale l’effettiva corrispondenza degli ID Anticontraffazione.
Questi ID sono rilasciati dal Comitato di Redazione Eccellenze Italiane dopo opportuna verifica della qualità, e vengono esposti dagli Affiliati sia in vetrina (sulla vetrofania riprodotta in alto) che sul certificato di Eccellenza.
Puoi utilizzare tu stesso il RIA (Registro ID Anticontraffazione) presente nella colonna di destra in questa stessa pagina.
Se poi amministri un’Azienda che possiede i requisiti di qualità italiana necessari, puoi richiedere qui il tuo ID Anticontraffazione per poterti fregiare del Marchio Registrato di Eccellenze Italiane.
Per informazioni puoi contattarci in qualsiasi momento all’indirizzo info@eccellenzeitaliane.com.

La Grotta Azzurra: il Sole dei piatti della Campania in Brianza

la-grotta-azzurra1

Portare il Sole dei piatti della Campania in Brianza. Questa la motivazione alla base della scelta della famiglia Marasco quando si trasferi’ a Merate, in Provincia di Lecco, per realizzare la propria idea imprenditoriale.
Il ristorante-pizzeria La Grotta Azzurra, che all’inizio aveva una cinquantina di coperti, fu il primo della citta’ a servire pesce fresco conquistando i brianzoli con un tris di spaghetti alle vongole, saute’ di cozze e fritto di calamari.

“Ca Ed Curen”: tradizione, innovazione e passione in vini di qualità

ca-ed-curen-vista0
A Mango, in provincia di Cuneo, il vino prodotto da “Ca ed Curen” ha il sapore della tradizione, della passione e del saper fare tramandati di generazione in generazione dal nonno Giacomo, detto Curen, al padre Ercole fino ad arrivare a Piero che oggi conduce l’azienda insieme alla moglie Rita e ai figli Michele e Noemi.
Da “Ca ed Curen” si crede molto in cio’ che si fa. Per questo le porte dell’azienda, previo gradito appuntamento, sono aperte ai clienti. Dalla cima della collina si gode di una visuale strepitosa: sulla sinistra si puo’ ammirare il Monviso e sulla destra Superga. Sotto la casa, invece, ad allietare la vista c’e’ una distesa di 20.000 mq di vigna delle varieta’ Moscato, Dolcetto e Favorita.

Trattoria Antichi Sapori: un angolo di Italia nel cuore della Svizzera

osteria-antichi-sapori1

Riuscire a riproporre i sapori e gli odori della vera cucina italiana non e’ mai un’impresa facile. Occorrono dedizione, passione, attenenza alle ricette originali e al tempo stesso un pizzico di inventiva.
La Trattoria Antichi Sapori, situata nella piccola cittadina svizzera di Therwil, ci e’ riuscita. Abbiamo raggiunto telefonicamente il proprietario e fondatore del ristorante, Ivan Angelini, che ci ha illustrato come la sua attivita’ sia riuscita a divenire una vera e propria eccellenza nel campo della ristorazione.
Qual e’ la storia della Trattoria Antichi Sapori?

Vivimoringa: gli integratori alimentari a base di “albero miracoloso”

vivimoringa2

“Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l’ha gia’ creata” recita un noto aforisma di Einstein che forse sarebbe stato incuriosito dalla Moringa Oleifera, pianta diffusa in gran parte della fascia tropicale ed equatoriale del pianeta, dalle notevoli qualita’ nutrizionali.
Le foglie, ricche in proteine, vitamine e sali minerali, contengono il 25 per cento in peso di proteine, il doppio del latte di mucca, il quadruplo in vitamina A delle carote, quasi otto volte la vitamina C delle arance e il triplo del potassio delle banane.
La moringa, infatti, denominata anche “albero miracoloso”, “amica della madre”, “albero equino” e’ da sempre stata utilizzata nella medicina tradizionale di diverse popolazioni per curare una vasta gamma di patologie tra cui problemi respiratori, debolezza, malattie della pelle, difficolta’ digestive, malnutrizione e per sostenere l’alimentazione neonatale. Nella valle del Nilo e’ nota come “Shagara al Rauwaq” che significa letteralmente “albero che purifica” per il suo eccellente potere flocculante.

Sosteniamo le imprese delle aree colpite dal terremoto

speranza
Il violento sisma che ha colpito e che purtroppo continua a colpire, in misura fortunatamente inferiore, il centro Italia rischia di paralizzare l’economia delle aree interessate.
Riteniamo che, in questi momenti di grave difficoltà, sia più che mai importante esprimere tutta la nostra solidarietà creando una rete di sinergie in grado di dare un sostegno reale.

prosciutto
Per tale motivo abbiamo deciso di inviarVi denominazioni, recapiti e presentazioni di imprese che operano in tali luoghi e che, nonostante tutto, continuano a svolgere la propria attività.

tartufo

Vi invitiamo a sostenerLe acquistandone i prodotti in modo che l’economia e quindi il benessere della popolazione locale possano ripartire al più presto.
Per scaricare la brochure clicca qui

Come ti smaschero il tarocco, al via la “prima settimana della cucina italiana nel mondo”

cucina-italiana
L’Italia vanta un patrimonio di 285 specialita’ Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, oltre a essere l’unico Paese al mondo con 4.965 prodotti alimentari tradizionali regionali.
Ma oltrefrontiera i piatti “tarocchi”, come sappiamo, incombono come avvoltoi sul mercato non lasciando scampo a quei consumatori un po’ sprovveduti, o piu’ semplicemente pigri, che si accontentano di improbabili stramberie esotiche che di Italiano conservano solo un vago eco nella denominazione.
Per fronteggiare l’invasione dei cloni dei piatti tricolore e rilanciare l’orgoglio nostrano, scende in campo la “Prima settimana della cucina italiana nel mondo” fortemente voluta dal Ministero degli Esteri e delle Politiche Agricole, che fino al 27 novembre coinvolgerà la rete estera della Farnesina nell’attivita’ di promozione del Sistema Italia in 105 Paesi con oltre 1300 eventi suddivisi fra concorsi, conferenze, degustazioni, cene a tema, mostre legate alla cucina e seminari tecnico-scientifici.
Per l’agenda degli eventi in programma consultare il sito.