Natale 2014, la spesa per i menu delle feste batte i regali

tavola_imbandita_natale

La recente indagine Coldiretti/Ixé promossa per delineare le tendenze del menu natalizio delle nostre tavole mostra interessanti sorprese.
Cominciamo col primo dato in controtendenza.
Quest’anno, per la prima volta dall’inizio della crisi, la spesa agroalimentare supera i regali e diventa la voce preponderante del budget che le famiglie italiane hanno destinato alle feste, con una spesa complessiva per imbandire le tavole di Natale e Capodanno pari a 4,1 miliardi di euro.

Inoltre quattro italiani su dieci (il 39 per cento) acquisteranno  prodotti alimentari confezionati anche nei tradizionali cesti dove i più gettonati sono lo spumante (66 per cento), i dolci (62 per cento), la frutta secca (57 per cento), i salumi (55 per cento), le lenticchie (51 per cento) e l’olio extravergine d’oliva (48 per cento).

Buone nuove anche dal pianeta mare, che segnala prezzi stabili e consumi in aumento rispetto allo scorso anno per i prodotti ittici;  si prevede che tre italiani su quattro li gusteranno per la cena della Vigilia di Natale.
Veniamo ai prezzi da affrontare in pescheria: la media è di 3 euro al chili per le cozze, 9 per le vongole; per il pesce bianco di cattura si attesta tra i 30-35 euro, mentre per spigole e orate allevate tra gli 8 e i 10 euro/kg; quanto ai crostacei si va dai 10-15 euro delle pannocchie, ai 45 dei gamberi rossi.
Crisi o non crisi, l’italiano non sembra essere intenzionato a rinunciare ai piaceri conviviali della buona tavola.

pesce_gustoso
Dulcis in fundo, in tutto questo bailamme di numeri e cene luculliane s’inserisce l’incoraggiante rapporto di Confartigianato che registra la netta affermazione dei dessert Made in Italy nel mondo.
Nel 2014, tra panettoni, pandoro, cioccolato e altre golosità, sono stati esportati prodotti per un valore di 279,7 milioni di Euro.
Target d’elezione delle strategie di marketing sono state Russia (per un valore di 16 milioni, con un aumento del 35,8% rispetto allo scorso anno), Polonia e Regno Unito.

panettone

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *