Questa attività non fa parte del network EccellenzeItaliane
Sei il proprietario? Richiedi l'ID anticontraffazione!
Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
  VIOLA VIA LAZIO
75025 POLICORO (MT)
0835972878
Recommend an Excellence Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Report
Foto
Accommodation & Tourism Villa Egle Luxury Events


Foto
restaurants Ristorante Firenze

Herzlich Willkommen in unserem Ristorante!

Auszeichnung: beliebteste Pizzeria Falstaff Kundenvoting 2017 - Danke!!!


Die Liebe für schönes Essen, die grosse Erfahrung, das Wissen und die Leidenschaft machen die Spezialitäten zu dem, was dich auf den Tellern von deinem Italiener Vito, seiner Frau Linda & seinem Firenze Team erwarten.


Tipp: Unbedingt die Empfehlungen von Chef Vito probieren! Er hat auch immer ein offenes Ohr für spezielle Wünsche seiner Gäste.


Der Kochstil ist puristisch, beim Thema Qualität gibt’s keine Kompromisse! Vito legt Wert auf marktfrische und saisonale Rohstoffe. Frische Zutaten und Kräuter zeichnen seine Gerichte aus.


Aus der Küche: Pasta Fresca in verschiedenen Variationen (Pasta ist nicht gleich Pasta) Pizza, mit original italienischem Charakter Grillspezialitäten, Salate und Vegetarische Speisen Frischer Fisch und Fischspezialitäten speziell am Wochenende Tägliche wechselnde Mittagsmenükarte Saisonelle Wochenkarte, Tagesempfehlung der Küche


Aus dem Keller: Italienische Weine, persönlich ausgewählt von kleinen Winzern aus Italien, beginnend mit einem schönen Landwein hin bis zu hochkarätigen „Granaten“. Auch beim Wein kann man sich ganz beruhigt auf die Empfehlungen verlassen und erlebt dabei sicherlich die eine oder andere wohlschmeckende Überraschung.

Foto
pizzerias Pizzeria Napul'è

Dicono di noi:

"Una volta arrivati alla pizzeria Napul'è ci siamo subito trovati in un ambiente pulito ordinato ed accogliente. I proprietari una coppia gentile e cordiale ci hanno accolto come se ci conoscessimo da sempre facendoci sentire a nostro agio e bene. I prodotti della pizzeria che abbiamo assaggiato li abbiamo trovati qualitativamente ottimi: il fritto composto da zeppoline, frittatine di pasta e crocquet di patate era fantastico niente di surgelato e di rifritto tutto fatto da loro, un fritto morbido e soprattutto asciutto. La pizza poi un superlativo assoluto uno spettacolo per gli occhi un tripudio di gusto per il palato...complimenti davvero a questa famiglia che gestisce con cura ed amore anche x il dettaglio quest'angolo di tradizione in un piccolo paese dandogli lustro spessore. Un posto in cui ritornare è da consigliare a chi non ha ancora provato."


"Antipasto ottimo pizza da maestro dolce 5 stelle cordialita prodotti doc complimenti al grande alfredo"


"Una delle migliori pizze in assoluto! Locale familiare, personale cordiale e disponibile, ma il top è la pizza...."


"Pizze sempre originali caratterizzate da un impasto senza eguali. Fiore all'occhiello .... la pizza della nonna (fritta e poi al forno). Servizio cortese e veloce."

Foto
restaurants Trattoria Pippo's Bucatarie italieneasca autentica!






'Cuore, Passione e amore' – 'Suflet, Pasiune si Iubire'
Foto
restaurants Made In Napoli

Francesco Siervo: Ambasciatore della pizza “Made in Napoli” in Polonia


Presso la Pizzeria Trattoria Made in Napoli a Sicòw, in Polonia, potete gustare la vera pizza napoletana preparata dall’ambasciatore della pizza italiana in Polonia, il sig. Francesco Siervo.

Da quasi quindici anni, Francesco diffonde la sua passione per la pizza e l’arte culinaria italiana all’estero.

La chiave del successo di Made in Napoli sta nella genuinità e nella qualità dei prodotti con i quali vengono preparate i deliziosi primi come il ragù napoletano, i rigatoni papiro, gli spaghetti all’amatriciana, i secondi di carne e pesce e naturalmente le pizze preparate nel pieno rispetto della tradizione partenopea.

Dal 17 al 20 Novembre 2018 Francesco Siervo sarà impegnato nella Champions di Pizzaioli che si svolgerà in Portogallo. Del suo successo in Polonia e del suo ruolo di Ambasciatore della Pizza Napoletana in Polonia ci parla in questa esclusiva intervista.


Com’è nata l’idea di Made In Napoli?

L’idea è nata quando mia figlia aveva un anno e mezzo e avevamo intenzione di andare via dalla Polonia. Poi siamo rimasti perché stavamo covando un nuovo progetto. Abbiamo infatti deciso di aprire una pizzeria per rimetterci in gioco, per diffondere il Made in Italy. Il nome è stato coniato da mio figlio.


Come vi ha accolto il popolo polacco?

Sono quindici anni che sono qui in Polonia e il popolo polacco lo conosco molto bene. Ci ha accolti bene come sempre. E’ un popolo molto aperto alle novità. È un popolo che ama il Made in Italy.


Che tipo di clientela frequenta Made in Napoli?

È una clientela variegata. È frequentato da giovani, da una classe medio- alta.


Come potrebbe definire la cucina di Made in Napoli?

Molto italiana. Rispettiamo la tradizione napoletana. Sono originario di Napoli e sono Ambasciatore della Pizza Napoletana in Polonia. Prepariamo una cucina di mare a base di prodotti tipici italiani. Molto richiesti sono gli spaghetti all’amatriciana.


Come deve esser la vera pizza italiana?

La vera pizza italiana è bassa e croccante ed è molto diffusa all’estero. È un marchio che gira in tutta l’Europa. Per la sua preparazione vengono utilizzati usano prodotti rinomati come il pomodoro di San Marzano, la mozzarella di bufala e l’olio di extravergine di oliva.


Un piatto che consiglierebbe ad Eccellenze Italiane?

Tanti piatti come il ragù di mare, il ragù napoletano e la pizza Margherita che è il simbolo per eccellenza di Napoli.


Mentre per quanto riguarda il beverage quali sono le bevande più richieste?

Oggi giorno si sta diffondendo anche qui il culto del vino. Un tempo avevamo solo il Lambrusco e i vini da tavola di basso costo. La carta dei vini si sta ampliando e troviamo vini più raffinati, etichette italiane provenienti da diverse regioni.


Come deve esser la vera pizza italiana?

La vera pizza italiana è bassa e croccante ed è molto diffusa all’estero. È un marchio che gira in tutta l’Europa. Per la sua preparazione vengono utilizzati usano prodotti rinomati come il pomodoro di San Marzano, la mozzarella di bufala e l’olio di extravergine di oliva.


Un piatto che consiglierebbe ad Eccellenze Italiane?

Tanti piatti come il ragù di mare, il ragù napoletano e la pizza Margherita che è il simbolo per eccellenza di Napoli.


Mentre per quanto riguarda il beverage quali sono le bevande più richieste?

Oggi giorno si sta diffondendo anche qui il culto del vino. Un tempo avevamo solo il Lambrusco e i vini da tavola di basso costo. La carta dei vini si sta ampliando e troviamo vini più raffinati, etichette italiane provenienti da diverse regioni.


La pizza più richiesta dal popolo polacco?

Qui in Polonia non devono mancare determinati ingredienti come il pollo, il gorgonzola, i pomodori secchi e la cipolla. Molto richieste sono la margherita, la salame e funghi, la prosciutto e funghi, la quattro stagioni, la quattro formaggi. E poi c’è una pizza creata appositamente per le esigenze del polacco con pollo, gorgonzola, cipolla, pomodori secchi.


Secondo lei qual è il segreto del Made in Italy all’estero?

Il successo è dovuto alla qualità dei prodotti italiani che fanno la differenza ovunque.


La pizza più richiesta dal popolo polacco?

Qui in Polonia non devono mancare determinati ingredienti come il pollo, il gorgonzola, i pomodori secchi e la cipolla. Molto richieste sono la margherita, la salame e funghi, la prosciutto e funghi, la quattro stagioni, la quattro formaggi. E poi c’è una pizza creata appositamente per le esigenze del polacco con pollo, gorgonzola, cipolla, pomodori secchi.


Secondo lei qual è il segreto del Made in Italy all’estero?

Il successo è dovuto alla qualità dei prodotti italiani che fanno la differenza ovunque.


Quali consigli darebbe ad un giovane ristoratore che vuole diffondere il Made in Italy all’estero?

Diffondere il vero Made in Italy. Tutti possono aprire un ristorante italiano ma bisogna offrire prodotti di qualità. Bisogna mantenere quella qualità e non scendere a compromessi per risparmiare.


In base alla sua esperienza quali potrebbero essere le difficoltà nel diffondere il Made in Italy?

Secondo me nessuna al giorno d’oggi. Il Made in Italy è una garanzia. È ben apprezzato. È la chiave del successo.

Quanto la crisi ha influito nel campo della ristorazione?

Sinceramente qui non si è vista tanto la crisi. La gente non rinuncia ad uscire e mangiare fuori. Questo è un popolo che sta crescendo tanto. L’economia è in espansione ed evoluzione.


E il rapporto con lo staff? Quanto conta il lavoro di squadra?

Moltissimo. Senza uno staff competente non si va da nessuna parte. Noi siamo partiti in tre e ora siamo una squadra senza la quale non potrei andare avanti.


Progetti futuri di Made in Napoli?

Tantissimi. Stiamo analizzando e studiando la possibilità di espanderci creando un vero e proprio franchising. Siamo molto impegnati in questo periodo. Ci stiamo preparando per la Champions League di pizzaioli che si terrà dal 17 al 20 Novembre in Portogallo.

Foto
restaurants Ristorante Codarossa

Siete mai stati in Sicilia? Avete mai scoperto tutte le sue facce, le sue forme, i suoi colori, i suoi profumi ed i suoi sapori? Avete una minima idea di quanto grandi possano essere la sua ricchezza, la sua storia, le sue tradizioni, la sua cultura? Ebbene, esattamente tanto quanto le sue contraddizioni. Isola al centro del Mediterraneo, le sue coste sono sempre state i suoi confini e le sue porte. Terra di arrivi, terra di partenze. Continuo movimento. Continuo cambiamento. Mai stasi. Questo l’ha resa un miscuglio irripetibile di culture, provenienti dall’Ovest come dall’Est, dal Nord come dal Sud. Greci, Romani, Normanni, Spagnoli, Arabi... lunga è la lista delle dominazioni avvicendatesi nei secoli, lasciando traccia del loro passaggio nei nostri visi come nelle nostre tradizioni, nei nostri dialetti come nel nostro temperamento. La Sicilia è un turbine di colori, che ti colpiscono e ti confondono. Caldi e pieni, come le decorazioni di un carretto, come un succoso ficodindia, un pomodoro d’estate, il pistacchio, l’olio, il mare, i campi arati, la lava che scende giù dalle pendici dell’Etna. È un bombardamento di luci e colori. È l’eccesso. Ma è l’eccesso che non disturba. Come l’abbraccio di una nonna siciliana, che ti ha appena conosciuto e già ti invita dentro la sua casa; come una caponata, dai mille ingredienti in armonia; come un balcone barocco, dai mascheroni inquietanti e seducenti; come una cassata, eccentrica e meravigliosa nelle sue decorazioni; come una testa di moro in ceramica, decorazioni e trame, nappe, pom pom, pizzi e merletti, diventati ormai simbolo in tutto il mondo di arte e genialità. Il tempo scorre lento; le stagioni sono segnate dal susseguirsi delle feste religiose e dai ritmi della terra. Tradizioni e costumi rimasti anche nella Sicilia di oggi. Come le centinaia di dialetti, differenti di città in città, cambiando le aspirazioni come l’uso di vocali e consonanti. Ogni angolo di Sicilia ha la propria storia che influenza il proprio gusto: li separano mille contraddizioni, ma li uniscono la loro sconfinata ricchezza. Ad ogni angolo c’è una continua scoperta... Mari, montagne, laghi, fiumi, riserve, valli, pianure, vigneti che seguono a sconfinati campi di grano; e poi carrubi... ed ancora alberi di ulivi, ficodindia ed agrumi. Il profumo di zagara, neroli e gelsomino, i fiori di nespolo che invadono i giardini dei cortili al calare del sole. Ed il profumo che esce dalle cucine di ogni casa? Il cibo è cultura, piacere, convivio, ristoro, un atto di amore come di benvenuto. In qualunque casa entrerai, ti verrà chiesto “hai mangiato”? In qualunque casa entrerai, mangerai. E non ne rimarrai deluso. Una tradizione agricola millenaria e una cultura culinaria, combinate con un clima favorevole ed un grande acume, hanno creato una grandiosa varietà di formaggi, oli, vini e ricette simbolo, conosciute in tutto il mondo, come l’arancino, la granita, la pasta alla norma o alle sarde...


Da questo incontro con la Sicilia, inizia un amore e nasce un sogno, che presto diventa un progetto. Oggi è una realtà. All’estremo Sud d’Europa, tra le campagne dell’agro netino, i due proprietari Gherardo Viani e Andrey Grigoviev, recuperano un rudere abbandonato trasformandolo in un Relais, sotto l’occhio di quel che ne diventerà il direttore, Vincenzo Romano.


Codarossa nasce nel 2015, nell’ottica di regalare all’ospite un’esperienza sensoriale a tutto tondo. Ristorante gourmet, all’interno del relais “Masseria della Volpe”, è l’optimum che completa l’offerta al viaggiatore, ma suo destinatario è anche il convitato esterno. È un’oasi di pace e serenità, in un ampio parco appartato, tra sentieri di campagna, in cui perdersi tra gli alberi di ulivo, carrubo e agrumi e paesaggi mozzafiato che si aprono tra levalli e le colline del Sud-Est. “Masseria della Volpe” è un Eco-hotel all’interno di una antica masseria siciliana, con 25 stanze ed un residence, sapientemente ristrutturato con gusto fine e volto al rispetto della storia dei luoghi. Ricca è l’attenzione al cliente, tra Centro benessere, zone lounge e belvedere, per rendere indimenticabile il soggiorno, nel culto dello spirito e del corpo. In Codarossa i percorsi agresti si uniscono ai sapori. In sala, uno degli antichi depositi della masseria, il tema è la materia prima siciliana anche nella palette degli arredi: pietra a vista, legno, pietra pece e ceramica decorata. Quadri moderni, ferro grezzo e colori a contrasto rendono l’atmosfera accogliente e mai seriosa.

In primavera ed in estate, si potrà scegliere di mangiare all’aperto, a bordo piscina, all’ombra di ulivi secolari, nonché nella terrazza panoramica, godendo di meravigliosi scorci sul Val di Noto.


Ma ogni cucina non può che cominciare ad essere descritta dalla sua anima, da colui che ne tiene le fila. Lo Chef di Codarossa è Dario Marco Bettoni. Qui Dario è la risultante di un ricco curriculum fatto di viaggio, ricerca, idee, innovazione, esplorazione. Siciliano di adozione, di origine ben più a nord, annovera nel suo portfolio una lunga lista di luoghi d’eccellenza, cominciando nel 1988 presso il “Garda e suisse” a Gardone Riviera, per poi trasferirsi a Milano, dove si afferma come chef di grande prospettiva presso il “10 Corso Como Caffè” di Carla Sozzani. Proprio durante una visita al caffè, il presidente della Meridienne, il dott. Giannuzzi scopre Dario, rubandolo poi quale responsabile del ristorante “Isarenas”, del Forte Village di Santa Margherita di Pula, dove consegue presto il riconoscimento di “Five Stars Diamond Award”. Executive Sous Chef per il gruppo Marriott in tutta Europa, sceglie poi di tornare alla ristorazione di nicchia gourmet, affiancando il maestro Vissani nel progetto “l’Altro Vissani”, nonché si reca spesso a Parigi per consulenze gastronomiche, presso i migliori ristoranti della capitale transalpina.


Nel 2016, infine, approda in Sicilia e sposa il progetto “Masseria della Volpe”, nel ruolo di Executive Chef del ristorante “Codarossa”.


La cucina di Dario è giocosa e pura. Esattamente come lui. Delicatezza ed eleganza, sensibilità ed essenzialità. Queste quattro parole esprimono i cardini della sua filosofia culinaria. Le sue ricette sono tipiche, ma innovative verso la semplicità. È una cucina contemporanea mediterranea, che parte dalla tradizione per poi mallearla sul proprio vissuto. Ogni piatto nasce dal luogo in cui ci si trovi, senza che questo ne debba necessariamente diventare un limite. La cucina siciliana non deve restare stereotipo puro, ma ha tutto il diritto di esprimere la sua ricerca di un’identità in continua evoluzione ed ancora capace di sorprendere. Liberare gli ingredienti dalle redini delle sovrastrutture e renderli perfetti nella loro purezza priva di perfezione. Ricerca è capacità di domare la tradizione con rigore e rispetto, ma non è mai esercizio di stile. L’ alimentazione non è matematica, è emozione. La precisione del lavoro imparata al nord dallo Chef, ha scoperto il calore e la passione per le materie prime dell’estremo Sud, creando piatti che celebrino le stagioni e la storia gastronomica di un’isola, di cui Dario ha l’onore e l’onore di esserne interprete.


La pulizia dei sapori è un valore assoluto. Vanno mantenuti nella loro autenticità: bisogna esplorarli senza snaturarli, preservandone le caratteristiche ed aiutandoli ad esprimersi al meglio. In Sicilia basta allungare la mano e prendere ciò di cui hai bisogno. Dopodiché meno lo si lavora e meglio è. La materia prima rimane al centro di ogni progetto. Ed in questo rapporto dogmatico, l’ingrediente si spoglia e se ne fa culto, tirandone fuori la più profonda essenza nella sua trasformazione in cibo per l’uomo, non per il cliente.


I menù sono lo specchio del cuoco, dai sapori integri ma dai connubi particolari e sorprendenti, che ripercorrono l’isola in lungo e largo tra il piatto ed un calice di vino. Entrare in Codarossa è abbandonarsi ai sensi, lasciandosi trasportare in un viaggio lungo un pasto. È possibile scegliere menù degustazione, come anche, in alcuni periodi dell’anno, menù degustazione appositamente studiati su determinati prodotti, che la natura offre solo in un arco molto limitato di tempo.


In Codarossa, la cucina è sostenibile e pura. All’interno della tenuta, 15 ettari circondano la masseria, dentro i quali si trovano ulivi, alberi di agrumi, mandorli e carrubi, come anche coltivazioni più innovative, quali il mango, l’avocado,il finger lime ed i frutti di bosco. Ricca è la varietà di prodotti che arrivano nelle mani di Dario direttamente dall’orto biologico e dal frutteto della tenuta.


La materia prima è sempre scelta con cura maniacale, all’interno di una ristretta rete di fiducia e conoscenze. I fornitori sono selezionati tra le eccellenze del territorio, a ristretto raggio per garantire il km 0 ed il controllo della filiera. Sempre qualità eccelsa e tutto assolutamente di stagione. Pasta e farine non possono che essere di grani antichi siciliani.


Il piatto a tavola deve potersi incontrare e completare con i vini dagli stessi territori: i bianchi della Sicilia occidentale e delle isole ed i rossi dell’Etna e del profondo Sud Est.


La carta dei vini, quasi con la velleità di conoscere ad uno ad uno i vignaioli che li producono, predilige il vicinato, con rinomate etichette siciliane, ma fa anche una capatina tra l’Italia e strizza l’occhiolino alla Francia. La proposta, infine, viene completata dalle birre artigianali e dai soft drink rigorosamente dell’isola, ma non possono mancare succhi di frutta bio di alta gamma.


Il bar è fornito di un’ampia selezione di alcolici, che spaziano dai rum ai gin, ai whisky, alla vodka di prima qualità. Disponibili nell’arco di tutta la giornata tra la sala ed il pool bar, con aperitivi al tramonto a bordo piscina, come anche coccole notturne accompagnate da cioccolatini, canditi e dolcetti della tradizione siciliana.


La cucina di Dario Marco Bettoni è una fucina, che forgia persone, influenzandone la crescita umana e professionale. Il personale di sala è altamente qualificato e selezionato, attento all’ospite dall’ingresso in sala accompagnandolo nella esperienza sensoriale, con continuo scrupolo. Quali instancabili formiche, tutto procede ad ogni ora, dalle prime luci dell’alba alla notte, attentamente programmato nella sua routine che non smette mai di essere passione quotidiana.

Foto
restaurants Ristorante Pizzeria Da Pintus

Locale rustico, accogliente e caldo. Specialità di pesce fresco, ampia gamma di antipasti e pizza prodotta in forno a legna.

Foto
pizzerias Pizza E' Coccos'

A pranzo o cena sempre pronti a deliziarvi con le nostre squisite pizze ed ogni genere di sfizio o frittura!

Foto
restaurants Toscanella Apuana

Door middel van creativiteit, een pad tussen kunst en eten
creeren var ruw materiaal, pizza pasta ravioli brood sculpturem marmer schilderij cadeau idee.

Foto
restaurants Panzeria Panzerotteria Gourmet
Il Panzerotto è un prodotto artigianale figlio della Tradizione. La nostra è una sfida per deliziare i clienti con nuovi sapori e accostamenti deliziosi!
Foto
dining Ristorante Bar Pizzeria La Terrazza

Tradizione e qualità!

Foto
restaurants Bella Italia Legian

Ristorante Italiano, Bar e Lounge nel cuore di Kuta, Bali

Foto
pizzerias Suppli' Roma

A Roma, nel 1979 nasce Supplì e il nostro particolare modo di interpretare la ristorazione veloce. Da allora, ogni giorno nel cuore di Trastevere, i profumi della nostra cucina invitano ad assaporare le specialità della tradizione italiana, composta da una ricca varietà di piatti di pasta, prodotti di pizzeria e rosticceria. Ed è così che da anni conquistiamo l’appetito di centinaia di persone tra lavoratori, turisti e passanti. Con un piatto di lasagna, una parmigiana o una pasta ripiena, o con le nostre innumerevoli varianti di pizza e arancini. Noi di Supplì offriamo ai clienti ciò che sappiamo fare meglio: uniamo la nostra arte culinaria a prodotti di prima qualità, con un prezzo accessibile a tutti!


Perché ciò che vogliamo veramente è rendere una sosta veloce e senza pretese, un momento di vero piacere, gusto e ristoro.
Un’altra idea di street food.


Noi di Supplì Roma siamo anche conosciuti come Venanzio, Sisini, i Supplì.
Vi aspettiamo nel cuore di Roma a Trastevere. Supplì Roma prepara cibo espresso freschissimo, con piatti di ottima qualità al giusto prezzo. Ogni giorno diversi!


Ogni giorno a Trastevere, nel cuore di Roma, Giacomo, Enrico e Loreto, si impegnano ad offrirvi la migliore qualità di pasta, supplì, pizza, pollo allo spiedo e il ‪‪martedì e il venerdì‬‬, differenti specialità di pesce.


Da loro potrete scegliere tra i piatti romani più tradizionali, come gli spaghetti alla carbonara conditi con croccanti listarelle di guanciale, la generosa e rossa amatriciana o la bianca e succulenta gricia.

Ricerca di sapore e passione saranno ingredienti fondamentali anche nella preparazione dei piatti della tradizione italiana: avete mai assaggiato la morbida lasagna condita con vellutata salsa di pomodoro e abbondante mozzarella? O l’appetitosa parmigiana di melanzane fritte?

Un’apoteosi di piacere per il vostro palato!


E tanto altro ancora da scoprire ed assaporare, anche per chi gradisca una cucina più sofisticata, come ad esempio con i paccheri alla delicata crema di zucca che nascondono al loro interno piccoli gamberi saporiti, fusilli pistacchio e salmone e la profumata carbonara al tartufo. Delizie, frutto di una sapiente fantasia culinaria!

E se tutto questo non bastasse a solleticare il vostro palato, potrete perdervi nella scelta tra le numerosissime varietà di pizza! Qualsiasi gusto si preferisca: bianca, marinara, margherita, prosciutto, bresaola e rucola, provola e zucchine, salsiccia fresca e porcini (ecc ecc..!), ciò che vi sorprenderà sarà la sua abbondanza nei condimenti freschi su uno strato di pasta prima soffice e poi croccante.


Infine uno spazio a se’ deve essere necessariamente riconosciuto ad un “principe” della cucina romana: il Supplì.

La panatura croccante e la forma caratteristica ed invitante nascondono un ripieno che sorprende ad ogni assaggio: riso insaporito da un delizioso ragù di carne e mozzarella filante al suo interno.

Il Supplì, si sa, è un importante simbolo della tradizione romana e Giacomo, Enrico e Loreto hanno voluto omaggiarlo attribuendo il suo nome al loro lavoro quotidiano fatto di passione e ricerca del gusto.


Lasciatevi coccolare da una nuova idea di street food.

Lasciatevi conquistare, come centinaia di clienti al giorno, da noi di Supplì!

Foto
restaurants Pizzeria Ristorante Conca D'Oro Una Tradizione di Famiglia!