Questa attività non fa parte del network EccellenzeItaliane
Sei il proprietario? Richiedi l'ID anticontraffazione!
Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
  VIANELLI VIA ROMA 6
25050 PASSIRANO (BS)
030653305
Recommend an Excellence Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Report
Foto
dining Ristorante Griglieria Mangiafuoco Cucina Tipica di stagione. Specialità Marchigiana I.g.p. Taglio Fiorentina. Ravioli della casa. Olive fatte a mano. Porcini e Tartufo. Verdure alla griglia.
Foto
restaurants Smak Italy - Italian Modern Food

Dicono di noi:

"tutto molto appetitoso, fresco ed abbontante! fantastiche le uova strapazzate...i dolcetti fatti in casa e un cappuccino da far invidia ad un bar italiano...lo consiglio vivamente"


"Ottima pizza buonissima la lasagna... vasta scelta di vino italiano... tantissimi anche i dolci ed un espresso da bar italiano... simpaticissimi e cordiali i proprietari."


"ristorante con ottimo cibo, la pizza è leggera e digeribile, ottimo il risotto al chianti. cordialità."

Foto
restaurants Ristorante L'Alta Marea

Grande varietà di pesce fresco! cucina mediterranea e gestione strettamente familiare!!

Prodotti ittici particolari

Foto
restaurants Ristoro La Dispensa
Un vecchio casale, che una volta era molino e spaccio di campagna, alle porte di Roma verso mare e laghi, oggi "Ristoro La Dispensa", propone una fusione di sapori tra territorio e creatività fatta di ingredienti molto freschi a partire dalle verdure in gran parte prodotte dall’orto di casa o prese dai piccoli coltivatori nei dintorni. Ai taglieri di salumi d’eccellenza troverete accanto i primi della tradizione romana, gricia, amatriciana e carbonara anche paste di stampo creativo e marinare. Ampio spazio a carni rosse di gran qualità accompagnate da verdure uniche nel gusto. La carta dei vini, con tanti spunti per gli appassionati, è in continua evoluzione ed oggi comprende circa 500 referenze nazionali ed internazionali, non tralasciando un interessante scelta di birre artigianali. Il Ristoro La Dispensa è munito di ampio Parcheggio e Parco Giochi per i bambini.

Orari d'apertura 
domenica
19:30 - 23:00
12:00 - 15:00

lunedì
19:30 - 23:00

martedì
19:30 - 23:00

mercoledì
19:30 - 23:00

giovedì
19:30 - 23:00

venerdì
19:30 - 23:00

sabato
19:30 - 23:00
12:00 - 15:00
Foto
restaurants Osteria Focone' Pizzeria Un posto dove dedicarsi del tempo!
Foto
dining Master Pizza Di Matteo Canton

Pizzeria per asporto, consegne a domicilio

Foto
restaurants Trattoria Da Ginone

Firenze - Antica Trattoria “da Ginone” dal 1949


In questo angolo della Firenze d’Oltrarno, vecchio cuore pulsante di Firenze, una storica trattoria fondata nel 1949 dal grande “Ginone”, personaggio storico del quartiere di S.Spirito, è oggi guidata dalla famiglia Civale.

“da Ginone”, ambiente accogliente, rilassante, familiare, e piatti preparati con materie prime sempre fresche, assolutamente stagionali e a km 0, valorizzando i prodotti eccellenti della Toscana, come i tartufi di S.Miniato, i funghi porcini del Casentino e tanti altri.


Il menù in tutte le portate, antipasti, primi e secondi, oltre ai dolci – rigorosamente fatti in casa – è improntato alla tradizione toscana: dalla pasta fresca (Pici, Tagliolini, Tortelli ripieni, ecc.) al “Peposo alla Fornacina”, tagliata e "Bistecca alla Fiorentina" di manzo Mugellano e nel fine settimana alcune proposte di pesce rigorosamente fresco e che variano in base alla disponibilità del pescato (Primi piatti per tutti i gusti, Baccalà fritto o alla Livornese e in inverno col freddo “Il Cacciucco”).


Da sempre a conduzione familiare, dispone di uno staff, che oltre alla cortesia, dimostra sempre competenza e professionalità e che vi accompagnerà in un viaggio alla scoperta dell’atmosfera e delle tradizioni toscane: dall’accoglienza di Beppe (Sommelier con trentennale esperienza nel mondo del vino) agli Chef, la mamma Giusy (cuoca e pasticcera) ed il figlio Cristian (Chef emergente della Federazione cuochi italiana) , che curano con attenzione ogni piatto servito, apportando un tocco rivisitato alle consolidate ricette tradizionali che hanno contraddistinto la trattoria negli ultimi 70 anni.


Da non sottovalutare la Carta dei vini, con la selezione dei migliori vini italiani, soprattutto toscani e alcune interessanti proposte estere, valutate dall’esperto Beppe.


Piatto da non perdere: Peposo alla Fornacina


Ricetta:

“Peposo alla Fornacina” di Civale Cristian Chef e Patron dell’Antica Trattoria da Ginone


Ingredienti per 4 persone:

600g di Muscolo di manzo, pepe nero in grani ed in polvere, sale fino, olio EVO, 3 spicchi d’aglio, vino Chianti Classico.

Questo era il piatto “della festa” dei Fornaciai dell’Impruneta, infatti storicamente veniva preparato fra la notte del Sabato e la mattina della Domenica.

La carne conservata con sale ed il pepe (come è uso comune in toscana) veniva poi messa in un tegame di coccio e completamente ricoperta di vino sangiovese prodotto nella zona (oggi denominato Chianti Classico) e lasciata a cuocere col calore residuo delle fornaci (nelle quali preparavano le tegole e gli orci in terracotta) per tutta la notte, per poi essere servita al pranzo del giorno dopo.


Preparazione:

Tagliare la carne in pezzi non troppo grossi, eliminando le parti iniziali dei tendini.

Marinare per almeno 8-10 ore la carne con sale, pepe nero (grani e polvere), olio Evo e aglio.

Rosolare la carne pochi minuti in un tegame ben caldo e poi ricoprire con abbondante vino rosso.

Finire la cottura in forno a 160° per almeno 3-4 ore.


Presentazione del piatto:

Servire in un piccolo tegame di coccio accompagnato da 2 fette di pane abbrustolito oppure con della polenta fritta.

Chiuso: Domenica (aperto per eventi prenotati), Lunedi pranzo

Ferie: 2 settimane centrali Febbraio,

ultime 2 settimane Agosto

Coperti: 56

Prezzo medio: 25 - 35

Foto
restaurants Ristorante Pizzeria Lorenzo De' Medici

Ristorante senza glutine Firenze - Lorenzo de' Medici, ristorante tipico toscano

Foto
dining La Gallina Bianca Una gallina Oggi, tante uova domani...
Foto
dining Ristorante Fior Di Loto

Ristorante Fior di Loto, Benvenuti!

Il paradiso della carne ai laghetti di Sovenigo!

Rustico ma elegante, elegante ma informale, informale e familiare, ma adatto a tutti.
Il ristorante Fior di Loto è situato tra i laghetti di Sovenigo a Puegnago sul Garda in provincia di Brescia ove d’estate fioriscono gli omonimi fiori.
L’atmosfera che si respira al ristorante Fior di Loto è calda ed accogliente, grazie anche alla cordialità e alla gentilezza della proprietaria Roberta e di tutti i suoi collaboratori.

Foto
pizzerias Pizzeria Il Delfino

Da 31 anni sul mercato, abbiamo visto crescere intere generazioni con la mostra pizza!

Foto
restaurants Locanda Lapenna Del Falcone

Dotato di terrazza e di vista mare, Relais Borgo sul Mare si trova a Silvi, a 15 km da Pescara. Potrete inoltre accomodarvi in un ristorante in loco.

Ogni camera di questo affittacamere è climatizzata ed è completa di TV a schermo piatto. Tutte le camere vantano un bagno privato provvisto di doccia. Avrete a disposizione pantofole e set di cortesia. Presso la struttura troverete anche il servizio concierge e un parrucchiere.

Questo affittacamere offre l'uso gratuito di biciclette e la zona circostante è ideale per praticare equitazione. Relais Borgo sul Mare si trova a 46 km da San Benedetto del Tronto e dista 25 km da Chieti. Relais Borgo sul Mare si erge a 16 km dall'aeroporto più vicino, Aeroporto di Pescara.

Foto
restaurants Ristorante Codarossa

Siete mai stati in Sicilia? Avete mai scoperto tutte le sue facce, le sue forme, i suoi colori, i suoi profumi ed i suoi sapori? Avete una minima idea di quanto grandi possano essere la sua ricchezza, la sua storia, le sue tradizioni, la sua cultura? Ebbene, esattamente tanto quanto le sue contraddizioni. Isola al centro del Mediterraneo, le sue coste sono sempre state i suoi confini e le sue porte. Terra di arrivi, terra di partenze. Continuo movimento. Continuo cambiamento. Mai stasi. Questo l’ha resa un miscuglio irripetibile di culture, provenienti dall’Ovest come dall’Est, dal Nord come dal Sud. Greci, Romani, Normanni, Spagnoli, Arabi... lunga è la lista delle dominazioni avvicendatesi nei secoli, lasciando traccia del loro passaggio nei nostri visi come nelle nostre tradizioni, nei nostri dialetti come nel nostro temperamento. La Sicilia è un turbine di colori, che ti colpiscono e ti confondono. Caldi e pieni, come le decorazioni di un carretto, come un succoso ficodindia, un pomodoro d’estate, il pistacchio, l’olio, il mare, i campi arati, la lava che scende giù dalle pendici dell’Etna. È un bombardamento di luci e colori. È l’eccesso. Ma è l’eccesso che non disturba. Come l’abbraccio di una nonna siciliana, che ti ha appena conosciuto e già ti invita dentro la sua casa; come una caponata, dai mille ingredienti in armonia; come un balcone barocco, dai mascheroni inquietanti e seducenti; come una cassata, eccentrica e meravigliosa nelle sue decorazioni; come una testa di moro in ceramica, decorazioni e trame, nappe, pom pom, pizzi e merletti, diventati ormai simbolo in tutto il mondo di arte e genialità. Il tempo scorre lento; le stagioni sono segnate dal susseguirsi delle feste religiose e dai ritmi della terra. Tradizioni e costumi rimasti anche nella Sicilia di oggi. Come le centinaia di dialetti, differenti di città in città, cambiando le aspirazioni come l’uso di vocali e consonanti. Ogni angolo di Sicilia ha la propria storia che influenza il proprio gusto: li separano mille contraddizioni, ma li uniscono la loro sconfinata ricchezza. Ad ogni angolo c’è una continua scoperta... Mari, montagne, laghi, fiumi, riserve, valli, pianure, vigneti che seguono a sconfinati campi di grano; e poi carrubi... ed ancora alberi di ulivi, ficodindia ed agrumi. Il profumo di zagara, neroli e gelsomino, i fiori di nespolo che invadono i giardini dei cortili al calare del sole. Ed il profumo che esce dalle cucine di ogni casa? Il cibo è cultura, piacere, convivio, ristoro, un atto di amore come di benvenuto. In qualunque casa entrerai, ti verrà chiesto “hai mangiato”? In qualunque casa entrerai, mangerai. E non ne rimarrai deluso. Una tradizione agricola millenaria e una cultura culinaria, combinate con un clima favorevole ed un grande acume, hanno creato una grandiosa varietà di formaggi, oli, vini e ricette simbolo, conosciute in tutto il mondo, come l’arancino, la granita, la pasta alla norma o alle sarde...


Da questo incontro con la Sicilia, inizia un amore e nasce un sogno, che presto diventa un progetto. Oggi è una realtà. All’estremo Sud d’Europa, tra le campagne dell’agro netino, i due proprietari Gherardo Viani e Andrey Grigoviev, recuperano un rudere abbandonato trasformandolo in un Relais, sotto l’occhio di quel che ne diventerà il direttore, Vincenzo Romano.


Codarossa nasce nel 2015, nell’ottica di regalare all’ospite un’esperienza sensoriale a tutto tondo. Ristorante gourmet, all’interno del relais “Masseria della Volpe”, è l’optimum che completa l’offerta al viaggiatore, ma suo destinatario è anche il convitato esterno. È un’oasi di pace e serenità, in un ampio parco appartato, tra sentieri di campagna, in cui perdersi tra gli alberi di ulivo, carrubo e agrumi e paesaggi mozzafiato che si aprono tra levalli e le colline del Sud-Est. “Masseria della Volpe” è un Eco-hotel all’interno di una antica masseria siciliana, con 25 stanze ed un residence, sapientemente ristrutturato con gusto fine e volto al rispetto della storia dei luoghi. Ricca è l’attenzione al cliente, tra Centro benessere, zone lounge e belvedere, per rendere indimenticabile il soggiorno, nel culto dello spirito e del corpo. In Codarossa i percorsi agresti si uniscono ai sapori. In sala, uno degli antichi depositi della masseria, il tema è la materia prima siciliana anche nella palette degli arredi: pietra a vista, legno, pietra pece e ceramica decorata. Quadri moderni, ferro grezzo e colori a contrasto rendono l’atmosfera accogliente e mai seriosa.

In primavera ed in estate, si potrà scegliere di mangiare all’aperto, a bordo piscina, all’ombra di ulivi secolari, nonché nella terrazza panoramica, godendo di meravigliosi scorci sul Val di Noto.


Ma ogni cucina non può che cominciare ad essere descritta dalla sua anima, da colui che ne tiene le fila. Lo Chef di Codarossa è Dario Marco Bettoni. Qui Dario è la risultante di un ricco curriculum fatto di viaggio, ricerca, idee, innovazione, esplorazione. Siciliano di adozione, di origine ben più a nord, annovera nel suo portfolio una lunga lista di luoghi d’eccellenza, cominciando nel 1988 presso il “Garda e suisse” a Gardone Riviera, per poi trasferirsi a Milano, dove si afferma come chef di grande prospettiva presso il “10 Corso Como Caffè” di Carla Sozzani. Proprio durante una visita al caffè, il presidente della Meridienne, il dott. Giannuzzi scopre Dario, rubandolo poi quale responsabile del ristorante “Isarenas”, del Forte Village di Santa Margherita di Pula, dove consegue presto il riconoscimento di “Five Stars Diamond Award”. Executive Sous Chef per il gruppo Marriott in tutta Europa, sceglie poi di tornare alla ristorazione di nicchia gourmet, affiancando il maestro Vissani nel progetto “l’Altro Vissani”, nonché si reca spesso a Parigi per consulenze gastronomiche, presso i migliori ristoranti della capitale transalpina.


Nel 2016, infine, approda in Sicilia e sposa il progetto “Masseria della Volpe”, nel ruolo di Executive Chef del ristorante “Codarossa”.


La cucina di Dario è giocosa e pura. Esattamente come lui. Delicatezza ed eleganza, sensibilità ed essenzialità. Queste quattro parole esprimono i cardini della sua filosofia culinaria. Le sue ricette sono tipiche, ma innovative verso la semplicità. È una cucina contemporanea mediterranea, che parte dalla tradizione per poi mallearla sul proprio vissuto. Ogni piatto nasce dal luogo in cui ci si trovi, senza che questo ne debba necessariamente diventare un limite. La cucina siciliana non deve restare stereotipo puro, ma ha tutto il diritto di esprimere la sua ricerca di un’identità in continua evoluzione ed ancora capace di sorprendere. Liberare gli ingredienti dalle redini delle sovrastrutture e renderli perfetti nella loro purezza priva di perfezione. Ricerca è capacità di domare la tradizione con rigore e rispetto, ma non è mai esercizio di stile. L’ alimentazione non è matematica, è emozione. La precisione del lavoro imparata al nord dallo Chef, ha scoperto il calore e la passione per le materie prime dell’estremo Sud, creando piatti che celebrino le stagioni e la storia gastronomica di un’isola, di cui Dario ha l’onore e l’onore di esserne interprete.


La pulizia dei sapori è un valore assoluto. Vanno mantenuti nella loro autenticità: bisogna esplorarli senza snaturarli, preservandone le caratteristiche ed aiutandoli ad esprimersi al meglio. In Sicilia basta allungare la mano e prendere ciò di cui hai bisogno. Dopodiché meno lo si lavora e meglio è. La materia prima rimane al centro di ogni progetto. Ed in questo rapporto dogmatico, l’ingrediente si spoglia e se ne fa culto, tirandone fuori la più profonda essenza nella sua trasformazione in cibo per l’uomo, non per il cliente.


I menù sono lo specchio del cuoco, dai sapori integri ma dai connubi particolari e sorprendenti, che ripercorrono l’isola in lungo e largo tra il piatto ed un calice di vino. Entrare in Codarossa è abbandonarsi ai sensi, lasciandosi trasportare in un viaggio lungo un pasto. È possibile scegliere menù degustazione, come anche, in alcuni periodi dell’anno, menù degustazione appositamente studiati su determinati prodotti, che la natura offre solo in un arco molto limitato di tempo.


In Codarossa, la cucina è sostenibile e pura. All’interno della tenuta, 15 ettari circondano la masseria, dentro i quali si trovano ulivi, alberi di agrumi, mandorli e carrubi, come anche coltivazioni più innovative, quali il mango, l’avocado,il finger lime ed i frutti di bosco. Ricca è la varietà di prodotti che arrivano nelle mani di Dario direttamente dall’orto biologico e dal frutteto della tenuta.


La materia prima è sempre scelta con cura maniacale, all’interno di una ristretta rete di fiducia e conoscenze. I fornitori sono selezionati tra le eccellenze del territorio, a ristretto raggio per garantire il km 0 ed il controllo della filiera. Sempre qualità eccelsa e tutto assolutamente di stagione. Pasta e farine non possono che essere di grani antichi siciliani.


Il piatto a tavola deve potersi incontrare e completare con i vini dagli stessi territori: i bianchi della Sicilia occidentale e delle isole ed i rossi dell’Etna e del profondo Sud Est.


La carta dei vini, quasi con la velleità di conoscere ad uno ad uno i vignaioli che li producono, predilige il vicinato, con rinomate etichette siciliane, ma fa anche una capatina tra l’Italia e strizza l’occhiolino alla Francia. La proposta, infine, viene completata dalle birre artigianali e dai soft drink rigorosamente dell’isola, ma non possono mancare succhi di frutta bio di alta gamma.


Il bar è fornito di un’ampia selezione di alcolici, che spaziano dai rum ai gin, ai whisky, alla vodka di prima qualità. Disponibili nell’arco di tutta la giornata tra la sala ed il pool bar, con aperitivi al tramonto a bordo piscina, come anche coccole notturne accompagnate da cioccolatini, canditi e dolcetti della tradizione siciliana.


La cucina di Dario Marco Bettoni è una fucina, che forgia persone, influenzandone la crescita umana e professionale. Il personale di sala è altamente qualificato e selezionato, attento all’ospite dall’ingresso in sala accompagnandolo nella esperienza sensoriale, con continuo scrupolo. Quali instancabili formiche, tutto procede ad ogni ora, dalle prime luci dell’alba alla notte, attentamente programmato nella sua routine che non smette mai di essere passione quotidiana.