Questa attività non fa parte del network EccellenzeItaliane
Sei il proprietario? Richiedi l'ID anticontraffazione!
Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
  IVARS S.P.A. VIA GARGNA' 23/A
25078 VESTONE (BS)
0365878801
Recommend an Excellence Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Report
Foto
Accommodation & Tourism Villa Giuliani Resort Agriturismo Di Charme

Villa Giuliani nel cuore della Puglia

Foto
dining Hotel Campese Isola del Giglio, uno dei luoghi più affascinanti e incantevoli del Tirreno…





Foto
hotels Agriturismo Benedetti L’amore per gli animali,la passione per la natura, la dedizione per il proprio lavoro, sono questi gli ingredienti della ricetta della famiglia Benedetti che, da anni, offre ospitalità nel cuore verde dell’Umbria.
Foto
dining Hotel Ancora


Foto
Accommodation & Tourism Agriturismo Villa Mado
Foto
Accommodation & Tourism Camere Con Piscina Gelsomina
Foto
restaurants Ristorante Enoteca Ai Colli B&b
Osteria, Pizzeria Gourmet, Specialità tipiche della cucina veneta di carne e pesce, tutto di stagione.
Foto
farm holidays Agriturismo I Girasoli

Appartamenti monolocali,bilocali,trilocali e camere con ogni comfort. Sala ristorante, piscina, giardino,area bimbi,ping pong e bici a disposizione

Foto
Accommodation & Tourism Hotel Valbruna Inn
Foto
luxury Savoia Hotel Regency La sottile arte dell'accoglienza
Foto
Accommodation & Tourism Le Case Cavallini - Sgarbi

Residenza di Charme Appartamenti di Lusso 4 soli ****



Edificato in epoca medioevale nelle adiacenze della chiesa di Santa Maria delle Bocche, il palazzo passò nel 1471 dal notaio Rinaldo Mezzaprile alla famiglia Ariosto, assieme all’edificio contiguo (la Magna Domus dell’illustre casata), al quale è unito da un cavalcavia in vicolo del Granchio. Nel 1484 l’edificio divenne proprietà del canonico Brunoro Ariosto: è verosimilmente di quest’epoca il monogramma cristologico collocato sulla facciata, a ricordo della predicazione in Ferrara di San Bernardino da Siena, che lo adottò come proprio emblema. Il portale in marmo con archivolto e mensola a chiave può essere fatto risalire al Cinquecento.


Mentre Brunoro era canonico a Rovigo, nel palazzo si stabilì il fratello Nicolò, dal quale nacque il celeberrimo Ludovico, allora decenne. In questo edificio, il futuro autore dell’Orlando Furioso studiò con il precettore, Domenico Catabene di Argenta, e probabilmente vi compose le prime poesie e alcuni acerbi testi teatrali. Alla morte del padre, il grande poeta abbandonò Ferrara per recarsi a Canossa in qualità di capitano della Rocca, anche se ritornò più volte a vivere in queste stanze, sino a quando acquistò la casa in contrada del Mirasole. Nella casa di via Giuoco del Pallone 31, di cui divenne in seguito l’unico proprietario, Ludovico scrisse ampi brani della prima versione dell’Orlando Furioso, edita nel 1516.


Dopo gli Ariosto, il palazzo divenne della nobile famiglia Canani e, via via, dei Federici, dei Righetti, degli Agnoletti, finché nel XIX secolo fu acquistato dal paesaggista e critico d’arte Ferdinando Ughi. Questi lo vendette al pittore Oreste Buzzi nel 1913, il quale era tornato dal Brasile fornito di cospicue risorse economiche, dopo aver lavorato anche per il presidente della Repubblica. Alla morte di Buzzi, avvenuta nel 1943, il figlio Ugo cedette la casa ai Cavallini, genitori di Bruno (padre di Eleonora Cavallini), Rina e Romana (madre di Mario, Giovanni, Bruno e Anna Verdi). Rina Cavallini sposò Giuseppe Sgarbi e concepì Vittorio Sgarbi ed Elisabetta Sgarbi.


Di gusto rinascimentale è il prospetto, di squisito taglio esornativo legato alla tradizione del “cotto” ferrarese. L’antico portico al pianterreno venne tamponato durante il XVI secolo, mentre la facciata fu sopraelevata dopo l’acquisto da parte di Buzzi su progetto del medesimo, che si preoccupò intelligentemente di mantenere l’unità stilistica con il piano nobile e lo decorò personalmente con raffinate tempere di gusto tardo-liberty e art déco, sia nei soffitti che sulle pareti. All’epoca in cui Oreste Buzzi comprò la casa, permaneva al pianterreno uno stanzone (allora rivendita di legno e carbone) dove, secondo la tradizione, Ludovico Ariosto metteva in scena le proprie commedie davanti ai famigliari, a mo’ di anteprima.



Foto
b&bs Le Dimore Di Hanqorias

Con HANQORIAS vivrete il vostro soggiorno scoprendo le varie stagioni di una storia antica...
... in un territorio ricco di cultura, arte e tradizioni popolari, dove i profumi ancora naturali si fondono con i sapori genuini, forti e delicati, capaci di sorprendervi e di farvi assaporare nuove ed intense emozioni...


Situata al piano stradale di un vecchio palazzo gentilizio del XIV secolo nel centro storico di Muro Leccese, e precisamente nell'antica via Brongo (odierna via Isonzo), la struttura di HANQORIAS cattura subito l'attenzione per la sua inconfondibile originalità:
i nomi in greco arcaico delle due dimore Αληθεια (verità) e Ψεμμα (bugia) e dalle luci di cortesia ai lati dei rispettivi ingressi.


HANQORIAS, circondata da testimonianze architettoniche di pregevole livello come il Palazzo del Principe con i resti del fossato, la Cappella del palazzo, il Frantoio oleario semi-ipogeo dei Protonobilissimo, la Chiesetta di San Giuseppe e dal Borgo Terra, offre ai suoi ospiti il piacere di trascorrere un soggiorno in un'atmosfera confortevole e raffinata.


Archi a tutto sesto, volte a botte, un antico focolare e vari elementi architettonici nelle caratteristiche pietre locali sono l'essenza di HANQORIAS.


Sapientemente restaurata ed arredata con sobrietà e cura dei particolari, riesce a coniugare antico e moderno in un armonioso sodalizio...


Le Dimore ALITHIA e PSEMA totalmente indipendenti possono unificarsi all'occorrenza.