Questa attività non fa parte del network EccellenzeItaliane
Sei il proprietario? Richiedi l'ID anticontraffazione!
Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
  CONSORZIO SMALTIMENTO RIFIUTI E URBANI DI CIRIE' VIA LORENZO GIORDANO DON 25
10073 CIRIE' (TO)
0119222508
Recommend an Excellence Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Report
Foto
dining La Lanterna
Foto
restaurants Vecchio Mulino Beach

Vecchio Mulino Beach è un posto unico sul lago di Garda, sulle spiagge di Peschiera, Verona, aperto dalle 9:00 a Mezzanotte ogni giorno!

Foto
restaurants Trattoria Lea La cucina ÃÅ¡ tipica umbra, specializzata in piatti di terra a base di funghi e tartufi
Foto
restaurants Pizzeria Fratelli D'Auria
Le nostre origini e la nostra passione

Il maestro Pizzaiolo Luca D’Auria,  gestisce la storica pizzeria Panuozzomania in San Giusto attiva dal 2000 famosa per l’asporto e la consegna a domicilio dell’impareggiabile pizza napoletana e ovviamente dei panuozzi.

Luca D’auria, pomodoro nelle vene e farina sulle mani, in una favola invece che sotto un cavolo, sarebbe stato trovato in un sacco della farina e avvicinando il naso alla sua piccola nuca avremmo sentito profumo di lievito.


D’Auria padre, ristoratore di Castellammare di Stabia in provincia di Napoli, si spostò con la famiglia a Pisa circa trent’anni fa. La pizzeria PanuozzoMania è nata dopo 25 anni di attività del ristorante-pizzeria di famiglia I Gemelli. Perché i D’Auria sono 5 fratelli di cui 2 coppie di gemelli e i 4 sono poi diventati tutti pizzaioli!

Luca è inoltre Tecnico Dimostratore per Grandi Molini Italiani primo produttore italiano di farina di grano tenero per uso domestico, professionale e industriale e tra i principali gruppi molitori in Europa.

 

Luca, ci dici di cosa vai fiero nel tuo locale?

Il prodotto. La mia pizza napoletana è veramente buona, sono i clienti a confermarmelo. E il segreto sono gli ingredienti: mozzarella fior di latte e mozzarella di bufala direttamente da Napoli, olio buono e basilico fresco. Sono Tecnico Dimostratore per Grandi Molini Italiani e mi ritrovo perfettamente nella filosofia che sta dietro alle loro farine. Il mio impasto base è composto con Farina “00” acqua, sale e lievito, rigorosamente poi cotto a legna direttamente sul piano del forno e non in teglia.


Com’è lavorare a Pisa?

Pisa è una bella città con tante opportunità anche se con una forte concorrenza.

Riaprirei qui il mio locale cento volte, (infatti nel 2013 ho aperto Pomodoro e Mozzarella pizza gourmet in collaborazione con mio fratello Giuseppe)ma conto di aprirne altri altrove: il mondo della ristorazione è sempre in fermento ed è importante stare all’erta e non rilassarsi troppo.

 

Che cosa ti ha convinto a entrare nella famiglia Lappetit?

Mi ha convinto l’idea innovativa: un servizio che permetta a noi ristoratori di lavorare bene e di offrire un prodotto e un servizio all’altezza delle aspettative dei nostri clienti. La mia è una clientela storica che ho abituato molto bene in termini di qualità e puntualità, ho famiglie che vengono da noi da 15 anni e tantissimi studenti che accompagno per tutta l’università e anche oltre.


Cosa conta di più nella tua attività la qualità o il prezzo?

È la qualità di ogni singolo ingrediente che ti permette di offrire un prodotto veramente buono. Ed è la qualità che ti porta avanti negli anni e che fa tornare le persone a mangiare la tua pizza, il prezzo viene dopo.

 

Il tuo motto o la frase che dici più spesso a lavoro?

C’è sempre da migliorare, quello che stai facendo lo puoi sempre migliorare. Se lo posso fare io lo possono fare tutti.

 

Più che un motto sembra un mantra…

Sì, come ti dicevo prima, ormai la ristorazione è sempre in evoluzione e non puoi perdere il passo perché chi si ferma è perduto! In generale bisogna essere consapevoli che si può sempre andare oltre il punto in cui siamo adesso e bisogna sempre cercarlo questo oltre, è importante per crescere e per migliorarsi.


Qual è la cosa che ti fa arrabbiare di più sul lavoro?

La poca professionalità e la poca attenzione al cliente. Se io mando via una pizza bucata o bruciata sto mancando di rispetto sia a te che l’hai ordinata sia ai miei collaboratori perché faccio il contrario di quello che pretendo da loro: qualità e cura nel lavoro. Per tornare al mantra di prima: è uno stimolo che do a me stesso prima di tutto perché nella mia pizzeria io devo dare l’esempio.

 

Qual è il tuo piatto forte o quello che ti piace di più? Non devi dire per forza pizza o panuozzo eh…?!

Ahahah! Io mangio la margherita! Saranno anni che non assaggio altre pizze… ma è per il controllo qualità! – ride – Scherzi a parte, quando sono a casa cerco di cucinare sempre cose diverse e non ho un piatto particolare perché in realtà il mio “piatto” è l’impasto.

 

La base, l’origine di tutto insomma…

Sì, esatto. Perché l’impasto è una scienza, ci sono talmente tanti fattori in equilibrio, tanti elementi in un impasto che basta cambiare di poco le temperature per cambiare tutto. Non è solo mescolare ingredienti, ci vuole un concetto alla base. Lo studio, la ricerca delle farine, conoscerle, imparare a capirle. Io uso Grandi Molini Italiani, farina a basso contenuto proteico, e il mio impasto tra lievitazione e maturazione, due processi ben diversi ma appartenenti alla stessa reazione,, riposa dalle 36 e 48 ore. Lo trovo un processo affascinante e bellissimo.


Via Domenico Cavalca, 28
56126 Pisa PI
Foto
restaurants Osteria Del Pesce Rosso

Un ristorante di pesce tra le colline toscane


Il ristorante può accogliere fino a cinquanta ospiti in altrettanti coperti, l’atmosfera che si respira al suo interno è quella tipica delle antiche osterie di una volta, con in più la raffinatezza delle piccole magie culinarie degli Chef Gianni Neri e Gianni Bartalini.

Creatori di ricette uniche e gustose i due Chef sono in grado di far sposare la più raffinata tradizione contadina toscana, e in particolare tartufo e cinta senese, con le migliori varietà di pesce e di vini.


Il menù dell’Osteria del Pesce Rosso viene modificato ogni settimana, con in più un extra-menù giornaliero, come consuetudine delle migliori tradizioni culinarie, per poter offrire ai propri ospiti una qualità impeccabile e una scelta sempre nuova.

Foto
agribusiness Cicchetto Bottega

Dicono di noi:

"Il cicchetto è senz'altro un locale molto innovativo. Una carta dei vini e degli alcolici rifornita e con qualità. Piatti da stuzzicare simpatici e non impegnativi che donano all uscita una convivialità di altri tempi. Locale ricavato da una vecchia macelleria equina di cui sono rimasti ancora alcuni segno..Un gusto nell'arredo che fa sentire a casa e una selezione musicale..."

"Il Cicchetto è un piccolo angolo dove rilassarsi con gli amici o da soli, il proprietario vi farà sentire sempre a vostro agio. Sono stata sia per pranzo che per l'aperitivo, cibo ottimo e fantastici drink. La scelta delle materie prime è molto curata e si percepisce! Piatti adatti anche ai vegetariani! Tutto fantastico!"

"Bel locale in stile retrò , personale gentile e scelta del bere vasta. Ottima scelta di stuzzichini e cibo in linea con il bere offerto."

"Abbiamo visitato il Cicchetto a tarda ora, solo per vedere il locale e provare un bicchiere di vino. Il posto è molto caratteristico, anche se molto piccolo. Da riprovare magari per un pasto."

"Siamo stati a cena il mio compagno ed io in questo locale nella bella piazzetta di Carpi e ci siamo trovati molto bene. Ambiente piccolo,circa 6 tavoli,adatto forse più per un aperitivo che per la cena. Oltre ai taglieri ha altri piatti di carne pesce e verdure,noi abbiamo preso 2 taglieri,acciughe e pomodorini e caponatina,tt buono. Per finire dolce e..."

"Locale davvero ben arredato in stile vintage ricavato da un ex macelleria. Buona scelta di vini, di ottima qualità così come i taglieri di salume e di formaggi, serviti freschissimi con marmellate artigianali e pane caldo. Luogo accogliente e barista simpatico che mi porteranno sicuramente a farci di nuovo in giro quando sono a Carpi."

"In piazzetta garibaldi si trova questa piccola osteria che è arredata divinamente, l'oste é giovane e cordiale, buona la selezione di vini!mancava sulla piaza di Carpi un localino di questo genere... Lo consiglio per un aperitivo e soprattutto per un dopo cena!!!!"

"Un angolo newyorkese in un contesto borghese, piccolino, intimo, una coccola di locale...ottimi vini e fantastici taglieri. Bravi !!!"

2Domenica assolata, piazza semivuota, ci sediamo sotto il porticato di questo elegante localino vintage dai tavoli in legno. Musica francese in sottofondo. Taglieri di buona qualità, peccato servano solo pane come accompagnamento. Consiglio più che altro per il contesto, molto rilassante e "old style"."

"Abbiamo ordinato due taglieri misti, e dopo un po' ce li porta al tavolo senza pane. Chiediamo, e il cameriere ci dice che si era dimenticato. Alla fine ci porta un po' di piadina secca e sottilissima, modello discount. Ne chiediamo ancora, per finire il tagliere, ma aspetta aspetta e nulla arriva. Fermiamo la cameriera, e alla fine la pseudo..."

Foto
restaurants Scalini Port Baku Tower Our Philosophy is simplicity, passion, freshness and love.

'La nostra filosofia e' semplicit?, passione, freschezza e tanto amore.
Foto
restaurants Ristorante La Piazza

Le restaurant Italien du centre commercial Polygone Riviera.

Foto
restaurants Il Castello Di Casapozzano

Abbiamo realizzato il tuo sogno più bello. Trasformalo in realtà.

Tra le bellezze e le sorprese che possono offrire i paesi della Regione Campania, immerso nei colori e nei sapori di un’antichità resistente ai tempi moderni, si erge nello splendore di un borgo medioevale, il secolare Palazzo Ducale Capece-Minutolo, comunemente chiamato, il Castello di Casapozzano.


La storia del Castello

Casapozzano o Casapuzzano è un antichissimo borgo nato a ridosso del castello medioevale.

Il nome deriva dalla particolare caratteristica del luogo: il territorio era ricco di pozzi dai quali la gens atellana attingeva facilmente acqua, poiché la falda acquifera si trovava a non più di 7 metri di profondità.

L'antico termine Putei-anum si evolve in Puctianum e successivamente diventa Casapuctianum (territorio del pozzo).


L'odierna struttura nacque come torre di guardia, in epoca longobarda e si sviluppò nella successiva epoca normanna.

Il primo nucleo del futuro castello fu eretto nel secolo XI dai fratelli Mosca, nell'ambito del sistema difensivo della Baronia, posto a guardia dei possedimenti terrieri.


In epoca Angioina il feudo di Casapuzzano fu di proprietà di Isabella Filangieri della Berlingeria de Sangro e, successivamente, vide avvicendarsi, quali Signori di Casapuzzano, i Capece Minutolo, i Magliulo e la famiglia Bozzuti.

Nel 1378 il sito, ritornato in eredità ai Capece Minutolo, fu restaurato a cura del Cardinale Enrico Capece Minutolo, Arcivescovo di Napoli. La memoria di tale evento è preservata da una lapide marmorea che ne riproduce le fattezze, posta dopo il ponte elevatoio che permette di oltrepassare il fossato.


Alla fine del secolo XVIII, Vincenzo Capece Minutolo, rompendo ogni tradizione, sposò una discendente di un nobile casato irlandese, Alicia Higgins. La giovane sposa modificò l'antico maniero medioevale trasformandolo nell'attuale palazzo, arricchendolo con cornici, stemmi e con i comignoli, tipici dell'architettura inglese del '700.

Alicia Higgins, pur contaminando lo stile del Castello con il gusto artistico della sua terra, non eliminò i segni caratteristici di origine medioevale, quali il fossato e la cinta muraria.


Ferdinando Capece Minutolo, figlio della coppia che ha reso il Castello così come oggi lo ammiriamo, completò definitivamente il complesso nobiliare e, per dare ordine al feudo, urbanizzò l'ambiente circostante.

Il complesso nobiliare è stato acquistato dagli eredi della famiglia Del Balzo, i quali ne divennero proprietari a seguito del matrimonio fra Clotilde Capece Minutolo di Bugnano dei Duchi di Miranda e Giovanni Battista Del Balzo, Duca di Caprigliano.


Di particolare interesse storico è la lapide che tuttora si trova nell'ingresso principale, che ricorda il pedaggio imposto ai passanti in epoca longobarda.

Foto
restaurants Stuzzico' By Lucius

Stuzzicò by Lucius, situato nei pressi degli scavi di Pompei, offre la cucina tipica mediterranea, prodotti freschi cucinati in modo semplice e gustosi!

Foto
restaurants Ristorante Caffe' Italy Braga

Brevemente também a cidade de Braga será deliciada com a deliciosa cozinha italiana por muitos já conhecida em Lisboa.
O novo restaurante é dos mesmos três sócios do Italy Caffe, o espaço que foi inaugurado em 2011 no Saldanha.

Foto
dining Kaos Pizzeria UNA BUONA CENA NEL CUORE DI ORTIGIA...


Con più di vent’anni di esperienza.....e la passione, ingrediente più importante della nostra pizza!


Foto
dining Braceria Sott'O' Portone

La vera cucina con prodotti tipici

Braceria Sott'ò Portone a Striano Napoli

Una passione per la brace da oltre mezzo secolo

La Braceria a Napoli non è un locale storico, ma ha comunque una storia tra le più invidiabili. Si tratta, infatti, della storia della passione della famiglia Cordella, che nel 1944 iniziò a dedicarsi al mondo della macelleria; in quell’anno nacque la passione per la carne, per i tagli di primissima qualità, per i salumi fatti a regola d’arte, per i formaggi ricchi di sapore autentico. 


Assieme a questa passione arriva anche quella per la cucina, perché di fronte a materie prime di qualità eccellente è facile essere dei cuochi provetti. Ricette tradizionali, con le quali il cibo riposa, amalgama il suo sapore con quello degli altri ingredienti fino ad ottenere un piatto squisito; la carne cuoce in modo lento sulla brace per lasciare al suo interno tutto il sapore. Non c’è fretta e non c’è approssimazione in questa cucina, soltanto grande cura e tanta dedizione. 


Passano le generazioni e nel 2012 la famiglia Cordella apre la Braceria a Napoli; non un semplice ristorante, ma il punto di arrivo di più di settanta anni di attività nel settore, nel quale confluiscono la sapienza, i sapori, i gusti le tecniche di diverse generazioni. All’interno di un elegante palazzo che risale all’Ottocento, oggi il ristorante cucina con le stesse ricette della tradizione, le stesse che utilizzavano le nonne, per creare piatti dal sapore vero. Ogni boccone è un’esperienza gustativa unica, da assaporare prendendosi il proprio tempo. Forti dell’esperienza ultra settantennale per quanto riguarda la selezione di prodotti genuini, tradizionali e di alta qualità, la Braceria a Napoli offre ogni giorno piatti dal fascino casereccio in grado di conquistare i palati più raffinati e gli chef più critici.


Un boccone di paccheri allo stoccafisso equivale a un viaggio nel passato, una forchettata di trofie con porcini e salsiccia ti farà sentire tutto il gusto delle terre partenopee, un morso alla tagliata entrecote con rucola e scaglie di grana dimostrerà tutta la passione per la brace e la preparazione della carne che da decenni permea la famiglia Cordella. 


Il ristorante non è soltanto un monumento alla tradizione, ma sposa anche la modernità. Antipasti, primi piatti, carni sono sì cucinati secondo le ricette di una volta, ma impiattati secondo il gusto moderno – perché anche l’occhio vuole la sua parte. La braceria è anche ben attenta alle esigenze alimentari dei suoi commensali: chi soffre di intolleranza al glutine può infatti gustare comunque tutto i primi piatti e i farinacei grazie all’utilizzo di farine gluten free, prive di questa sostanza. Il sapore, ovviamente, non è alterato in alcun modo: una possibilità in più per chi soffre di intolleranze alimentari ma non vuole rinunciare ai piaceri della buona tavola. 


La Braceria a Napoli offre non solo una cucina squisita, ma anche un’atmosfera conviviale, perché la buona tavola è tale se si gusta tutti insieme. Per prenotare un pranzo, una cena o un evento scrivi al personale del ristorante utilizzando il modulo della pagina “Contatti” e… buon appetito.