Questa attività non fa parte del network EccellenzeItaliane
Sei il proprietario? Richiedi l'ID anticontraffazione!
Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
  BRUNO ALFONSO DELEGAZIONE ACI PIAZZA LIBERTA' 40
83100 AVELLINO (AV)
082574709
Recommend an Excellence Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Report
Foto
butchers Macelleria Entrecote

Piccola gastronomia

Carni di razze autoctone italiane provenienti da allevamenti bradi nel rispetto del benessere animale.


Siamo iscritti al consorzio 5R delle razze appenniniche le carni che troverete sono: Chianina igp, Podolica, Fassona Piemontese, Limousine Toscana con queste carni siamo arrivati alla frollatura di 90 giorni.


I salumi sono artigianali del salumificio Giuberti Amerio di Collecchio : prosciutto di Parma, Culatta, fiocco, spalla s. Secondo,salame di Felino Igp.

Foto
agribusiness Bella Mia

“Bella mia”  nasce con l'idea di valorizzare la tradizione culinaria italiana... e far rivivere al cliente l'emozione di un ricordo...


Attraverso la collaborazione dei nonni abbiamo appreso i segreti del mangiare sano e salutare, tanto da creare il nostro libro di ricette segreto.


L'idea è quella di rivivere la cucina del dopoguerra fatta di elementi essenziali ed elementari che con la grande distribuzione sono andati perduti.


Ricordi che meritano di essere rivissuti per dare il giusto tributo ad un grande popolo come quello italiano che ha saputo trasformare, grazie al suo ingegno, il semplice in originale... il tradizionale in innovativo... il genuino in Made in Italy.


CAPONATA: La caponata è un mix di verdure in agrodolce. Cavallo di battaglia dell’azienda è ideale come contorno o antipasto per i fan della cucina mediterranea. Sin dal XVIII secolo costituiva un piatto unico, accompagnata dal pane. L’ etimologia della parola risale da "capone", nome con il quale in alcune zone della Sicilia viene chiamata la lampuga, un pesce dalla carne pregiata ma piuttosto asciutta che veniva servito nelle tavole dell'aristocrazia condito con la salsa agrodolce tipica della caponata. Il popolo, non potendo permettersi il costoso pesce, lo sostituì con le economiche melanzane. Ed è questa la ricetta giunta fino a noi. La cucina siciliana affonda le proprie radici nella tradizione povera, basata soprattutto su alcuni ingredienti tipici come melanzane, pomodori, peperoni e basilico, che sono protagonisti indiscussi della caponata.


PATE’ DI CAPPERI: Il patè di capperi è una crema che viene preparata principalmente con capperi e basilico, alla quale si possono aggiungere acciughe, mandorle e pomodori secchi. Può essere usato per insaporire delle bruschette oppure per condire un buon piatto di pasta.


PESTO DI RUCOLA: Realizzato con materie prime di qualità, il pesto di Rucola è realizzato attraverso un procedimento che rispecchia esattamente la ricetta di una volta con l’utilizzo di attrezzi tipici del dopoguerra come il mortaio.
Ideale per il condimento di pasta, bruschette, risotti ecc. l’aggiunta di ingredienti come capuliato e granella di pistacchio contribuiscono a dare un tocco di sicilianità e originalità a questa conserva già di per se squisita.


CONFETTURA DI CILIEGINO: Realizzata con prodotti esclusivamente di qualità come il pomodorino di Pachino, questa confettura si sposa perfettamente con formaggi stagionati come il parmigiano o il grana padano, ma anche l’asiago. Ideale per aperitivo, risulta dolce e delicata in modo da soddisfare anche i palati più esigenti.


Foto
roasting plants Torrefazione La Triestina
Foto
agribusiness Agriapistica Bio Mielinfiore

L'Apicoltura Mielinfiore prende il nome dalla fusione di due parole, "Miele" e "Fiori", entrambi racchiudono in se la vera essenza del mondo dell’ape e dell’alveare, abbiamo deciso di unire queste due parole proprio per valorizzare questo mondo e quello che produce.

Foto
agribusiness Saccomanno Srl

Prodotti tipici regionali.
Fatto in Italia con amore!

Foto
dairies Caseificio La Delizia

Gusto dal 1989

Foto
agribusiness La Norcineria Armando

La Norcineria Armando dal 1962 produzione artigianale insaccati e salumi.
Tutto al naturale, senza glutine, senza lattosio e senza polifosfati aggiunti!!


Il Mandolino è un prodotto esclusivo, con marchio registrato realizzato da "La Norcineria Armando" di Sarsana.

Il Mandolino è un pezzo unico realizzato in numero molto limitato.

Si ottiene selezionando accuratamente le cosce di suini, provenienti esclusivamente da allevamenti italiani che armando sa riconoscere grazie alla sua esperienza, con oltre cinquant'anni di attività artigianle nella lavorazione delle carni suine.

Il Mandolino è un prosciutto senza osso, facile da affettare: la coscia del maiale privata dell'osso e del fiocco, come per magia, tra le mani di Armando e di Mauro, maestri norcini, assume la forma dello strumento musicale.

Inoltre c'è da aggiungere che il Mandolino è uno stupendo prodotto autoctono sarzanese, realizzato con soddisfazione a livello del mare, senza alcun additivo e conservante, ma solo con sale e tanta attenzione e passione nella lavorazione.

Foto
dairies Caseificio Dea Luna - Mozzarella Di Latte Di Bufala

La mozzarella di latte di bufala di Paestum “Dea Luna”, nasce dal nostro desiderio di offrire, al consumatore, un prodotto artigianale che, sebbene il contestuale utilizzo di tecniche antiche e moderne, conservi ancora il profumo ed il sapore di una volta.  


Dea Luna è ottenuta solo con l’utilizzo di latte fresco ed intero di bufala di razza mediterranea italiana ricavato mediante moderni macchinari per la mungitura ed antichi metodi e prodotti per l’alimentazione delle bufale.


Essa è prodotta e confezionata manualmente mediante un processo di acidificazione del latte a temperatura ambiente ottenuta mediante l’aggiunta di caglio di vitello. Tale processo porta il composto alla coagulazione  in circa trenta minuti ad una temperatura di 34- 36° C. La cagliata viene poi “rotta” fino ad ottenere dei granuli della grandezza di una noce. Questi vengono portati ad una successiva maturazione lasciandoli  nel siero per diverse ore per poi essere tagliati in fette sottili o macinati e messi a spurgare e a maturare per altri 30 minuti per poi passare alla filatura. Quest’ultimo procedimento è molto delicato perché le fette (od il macinato) vengono poste in un recipiente di legno e fatte fondere mediante l’aggiunta di acqua bollente. A questo punto la pasta fusa viene sollevata e tirata fino ad ottenere un impasto omogeneo e lucido dalla consistenza filiforme. Il casaro poi dà le forme più diverse che possono essere i bocconcini, le ciliegine, i nodini o le trecce. Dopo la realizzazione della forma si versano questi prodotti in acqua per pochi minuti, prima di trasferirli in apposite vasche per la salatura.


Come tutte le belle e buone cose fatte a mano, bisogna sapere come mangiarle e soprattutto come conservarle.


Dea Luna, nasce nella Piana di Paestum e, secondo la nostra tradizione casearia, la salatura della mozzarella avviene per osmosi per cui, per darle un gusto maggiormente salato, si consiglia di mangiarla dopo alcune ore dalla produzione, facendo attenzione al fatto che più è grande il formato e più tempo deve stabulare nella sua salamoia.  Infine, per apprezzare maggiormente il profumo e le caratteristiche organolettiche della nostra mozzarella, essa va consumata ad una temperatura intorno ai 16 gradi, riscaldandola o raffreddandola, mediante immersione della stessa, nella sua confezione, in una vaschetta colma d’acqua, calda o fredda, a seconda della stagione.


PERCHE’ DEA LUNA

Il termine Noctiluna (o Noctiluca) proviene probabilmente da “lux in nocte”, significa infatti “luce nella notte” e viene riferito alla luna. Gli antichi romani usavano questo termine per indicare i festeggiamenti in onore della Dea Luna, il 24 agosto.   La Dea Luna (chiamata anche “Luna Noctiluca”) viene rappresentata, come Selene, con una fiaccola in mano.   Essa era una divinità molto antica, era infatti già venerata dai Sabini e dagli Etruschi.  Ma è con i Romani, però, che vide il suo massimo splendore e le furono dedicati tre templi: uno sul Palatino, uno sul Campidoglio e un altro sull’Aventino (fondato da Servio Tullio). Durante i festeggiamenti, in cui si celebrava la femminilità, si chiedeva  fertilità e abbondanza per cui, questi santuari, erano illuminati con centinaia di torce e candele per tutta la notte.


La leggenda vuole che i romani, al fine di propiziare il raccolto, nelle notti di plenilunio, erano soliti spargere del latte di bufala, sui campi, in favore della Dea Luna.

Foto
agribusiness Azienda Agricola Genito Produzione ortofrutticola
Lavorazione pomodori e sottoli
Vendita diretta
Foto
dairies La Nuova Masseria Portici

Benvenuti

La Nuova Masseria è il caseificio di Portici che produce i suoi latticini seguendo le antiche tecniche artigianali. Unendo l’esperienza tramandata di generazione in generazione ai costanti aggiornamenti tecnologici, il personale del caseificio è in grado di offrire succulente mozzarelle di bufala, fiordilatte genuini, provole affumicate, ricotte e pecorino. Nella Nuova Masseria sono inoltre in vendita prosciutti, pancette e porchette sempre freschi e saporiti.

Foto
agribusiness Prantil

LA TRASFORMAZIONE DELLA MELA