Questa attività non fa parte del network EccellenzeItaliane
Sei il proprietario? Richiedi l'ID anticontraffazione!
Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
  BRUNI VIA CAVALLOTTI FELICE 1
15067 NOVI LIGURE (AL)
0143746029
Recommend an Excellence Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Report
Foto
farms Azienda Agricola Ballone Claudio

Cooperativa agricola

Foto
salami Bartoloni Carni e salumi

immersa nel verde delle colline umbre a 15 km da Spoleto, sorge la nostra azienda dove produciamo salumi tipici umbri


La nostra azienda nasce nei primi anni 70, dal nostro fondatore Bartoloni Giovanni che con sacrifici, sudore e tenacia ha costruito pezzo dopo pezzo quello che oggi è la BARTOLONI CARNI, all’epoca era incentrato tutto sul commercio di carni fresche, per poi ottenere uno stabilimento adatto alla loro trasformazione. Nel 2010 con l’ingresso delle figlie si inizia a produrre salumi, con la voglia di far riscoprire i sapori di una volta.

Foto
farms Le Nocciole Di Cascina Palazzo

Cascina Palazzo: due parole quasi in contrasto.
Sembra un gioco di uno scenografo teatrale: un palazzo signorile del ‘600 che spunta fra le colline dell’Alta Langa.

È un edificio completamente diverso dall’architettura tipica delle tradizionali cascine di Langa, perché fu costruito come residenza di campagna per una famiglia della nobiltà torinese.
Immaginiamoli, gli aristocratici torinesi barocchi, incipriati e imparruccati, salire sulla carrozza nel cortile del loro palazzo di città, dopo che i domestici avevano caricato i bauli, e partire verso le terre allora selvagge dell’Alta Langa.

È tempo di feste, di balli, di caccia, di quel breve periodo di villeggiatura spensierata che l’aristocrazia sabauda si concedeva fra gli affari e le guerre.


Nel 1915 il mio bisnonno Luigi acquista il palazzo da un discendente della nobile famiglia torinese e lo trasforma in cascina.
Immediatamente cambia lo spirito del luogo: non più feste e villeggiatura, ma il lavoro duro della campagna.
Pianta subito degli alberi di nocciole, ben 300, che colloca nei versanti di terreno più soleggiati.
All’inizio l’attività della cascina comprende anche l’allevamento di buoi da lavoro, l’animale più usato nella vita agricola del tempo. Mano a mano, con il progredire delle macchine e dei trattori, l’allevamento dei buoi si è ridotto, lasciando sempre più spazio alle nocciole.
Così mio nonno Alberto, poi mio papà Angelo hanno costantemente ampliato la superficie destinata alle nocciole.


Per chi nasce in una cascina dell’Alta Langa, le nocciole sono compagne di vita fin da bambino, prima per giocare ad arrampicarsi sugli alberi, poi per fare merenda con la torta di nocciole preparata dalla nonna.


Questa è stata la mia infanzia: andavo nel noccioleto con mio papà, che mi raccontava e mi trasmetteva le sue conoscenze su come lavorare e preparare il terreno, come potare i rami, come controllare gli insetti.
Adesso tocca a me. Insieme a mio papà Angelo, mia mamma Rosalia, mia moglie Elisa, e i miei figli Mattia e Andrea a cui sto insegnando come amare e prendersi cura delle nocciole.
Come ogni persona che mi ha preceduto, ho voluto dare il mio tocco personale a Cascina Palazzo: così ho deciso di aggiungere alla coltivazione e alla raccolta delle nocciole anche la tostatura e la lavorazione. Per ottenere la crema, la pasta, la granella, la farina di nocciole. Tutto fatto in casa. Da noi. Con le nostre nocciole.


Manuel Quazzo

Foto
dairies Caseificio Le Grazie

Nell'Aprile del 2005 nasce il Caseificio le Grazie, diventando, da allora, una vera è propria meta obbligatoria per gli amanti della vera mozzarella. Il Maestro Casaro Domenico Musella, fondatore del Caseificio Le Grazie, può vantare un esperienza di oltre 25 anni nel settore. 

Esperienza acquisita lavorando per i maggiori caseifici della Terra dei Mazzoni,  zona dove la mozzarella viene prodotta fin dall'antichità e da dove proviene il latte esclusivamente di bufala con cui, oggi, il Caseificio Le Grazie produce le sue bontà. 
Foto
farms Zafferano Collina Lucana


Zafferano Collina Lucana®, nasce dalla volontà di due amici, di condividere idee e progetti, alla ricerca di una nuova opportunità di crescita professionale e personale.

L’idea di Giuseppe Montesano si innesta sull' Azienda Agricola di Tiberio Tassinari, operante nel settore cerealicolo, un tempo fulcro dell’economia della collina lucana.

Una realtà così mutata, obbliga a ricercare nuove idee e, naturalmente, a pensare valide alternative alle produzioni tradizionali, se è forte il desiderio di rinsaldare le proprie radici nel territorio e la volontà di trasmettere la speranza di poterci riuscire.

Quattro anni di ricerche, studi e sperimentazioni, hanno confermato la vocazione del territorio di Tricarico alla produzione di zafferano di ottima qualità, evidenziata dai risultati delle analisi qualitative effettuate sul campione relativo all’anno di produzione 2016 - secondo la Norma ISO/TS 3632 – che colloca Zafferano Collina Lucana® nella Classe I della scala dei valori di qualità, con un’umidità pari al 6,87%.

Le analisi del 2017 confermano, la Classe I, e soprattutto viene riconosciuto che i campioni esaminati rispettano i criteri necessari per avvalersi del Marchio Repron®, rilasciato da Hortus Novus srl (L’Aquila) sulla base del brevetto internazionale depositato dalla medesima società, agli zafferani naturali, biologici che hanno effetto neuro-protettivo.

Il basso contenuto di umidità degli stigmi essiccati, contribuisce ad esaltarne la qualità e aumenta la durata di conservazione delle proprietà organolettiche e medicinali.

Consapevoli che non si finisce mai di imparare, e incoraggiati dai risultati ottenuti finora, viene fatto il primo passo di un lungo cammino - nella direzione del sano e naturale benessere della persona - cosparso non solo di colori ma anche inebriato da profumi e sapori, con la registrazione del marchio Zafferano Collina Lucana®; depositato nell’anno 2017, presso la Camera di Commercio di Matera.

La coltivazione

Zafferano Collina Lucana® pratica la coltivazione del Crocus Sativus L., con tecniche colturali ispirate ai principi dell’agricoltura naturale e sinergica basate sul principio, ampiamente dimostrato dai più aggiornati studi microbiologici, che, mentre la terra fa crescere le piante, le piante creano suolo fertile attraverso i propri "essudati radicali", i residui organici che lasciano e la loro attività chimica, insieme a microrganismi, batteri, funghi e lombrichi.

I prodotti ottenuti, con questa pratica, hanno una diversa qualità, un diverso sapore, una diversa energia e una maggiore resistenza agli agenti che portano malattie; attraverso questo modo di coltivare viene restituito alla terra, in termini energetici, più di quanto si prende, promuovendo i meccanismi di auto fertilità del suolo e facendo dell'agricoltura un'attività umana sostenibile, mentre l’uso di sostanze chimiche di sintesi non è naturale e non è sostenibile.

Per questo Zafferano Collina Lucana® limita la lavorazione del terreno all’escavazione del letto d’ impianto dei bulbi, rifiuta l’utilizzo di ogni tipo di concime, non pratica diserbo, ritiene che le “amiche erbacce” non vanno eliminate ma controllate, poiché hanno un ruolo specifico nella fertilità del suolo, nell'equilibrio dell'ecosistema e per la salute dei bulbi.

La fioritura

Lo zafferano fiorisce in autunno, tra ottobre e novembre. E’ difficile prevedere l’inizio della fioritura, che dura circa 20 giorni, dipende dal clima e varia ogni anno.

La fioritura è una gioia per gli occhi: il campo si tinge dei colori dell’arcobaleno - dal verde delle foglie al violetto dei petali del fiore, dal giallo delle antere, al rosso degli stigmi.

La raccolta

Per preservare la qualità della spezia raccogliamo, manualmente i fiori, ancora chiusi, alle prime ore del mattino, prima che vengano contaminati da fattori esterni. Raccogliamo i fiori, anche in caso di pioggia, in queste condizioni procediamo all’asciugatura dei fiori prima della mondatura.

La mondatura

Ogni giorno, dopo la raccolta, procediamo alla sfioritura o mondatura dei fiori.

E’ un operazione di precisione e pazienza, che consiste nel separare, manualmente e con estrema accuratezza, i tre stigmi rossi, dalle altre parti del fiore (antere, petali e stilo), mantenendoli uniti tra loro.

La presenza di tali parti del fiore a contatto con gli stigmi, ne compromette la purezza, mentre l’unione dei tre stigmi associata alla loro parte terminale “a trombetta” garantisce la spezia dalla contraffazione.

L’ essiccazione

Nello stesso giorno della raccolta viene effettuata l'essiccazione degli stigmi, cioè l’eliminazione della quasi totalità del contenuto d' acqua presente negli stigmi freschi.

L' essiccazione degli stigmi di Zafferano Collina Lucana® avviene in essiccatori ad aria, a flusso orizzontale, ottimo mezzo per ottenere una spezia di qualità elevata con tempi di conservazione dei suoi principi attivi più lunghi rispetto all’essicazione al fuoco dove la temperatura è elevata e gli stigmi subiscono quasi un processo di tostatura, con conseguente riduzione dei tempi di conservazione dei principi attivi.

La combustione del legno, produce cenere che si posa sullo zafferano, riducendone la purezza.

Il confezionamento

Zafferano Collina Lucana®, è confezionato a stigmi interi e possibilmente uniti, in vasetti di vetro, a chiusura ermetica, con tappo a vite. Rifiutiamo la chiusura con tappo di sughero (esteticamente suggestiva), perché per effetto di una porosità molto variabile, non impedisce gli scambi aeriformi e microbiologici con l’ambiente esterno, mettendo a rischio la qualità della spezia.

Consigliamo di acquistare solo zafferano in stigmi e di diffidare dello zafferano che costa poco, può essere addizionato con altri prodotti, come il cartamo, detto anche zafferanone che, in polvere, assomiglia allo zafferano vero, del quale non ha le stesse proprietà organolettiche e medicinali.


Foto
pasta factories Pastificio Gabriella 'Custodi di storie e profumi'
Foto
butchers Macelleria Entrecote

Piccola gastronomia

Carni di razze autoctone italiane provenienti da allevamenti bradi nel rispetto del benessere animale.


Siamo iscritti al consorzio 5R delle razze appenniniche le carni che troverete sono: Chianina igp, Podolica, Fassona Piemontese, Limousine Toscana con queste carni siamo arrivati alla frollatura di 90 giorni.


I salumi sono artigianali del salumificio Giuberti Amerio di Collecchio : prosciutto di Parma, Culatta, fiocco, spalla s. Secondo,salame di Felino Igp.

Foto
agribusiness Rustigusto Prestige Italian Food

Perché Rustigusto?


Crediamo fermamente nel gusto delle cose buone e genuine, sicuramente un po’ rustiche (ma comunque di elegante pregio), che sanno ancora trasmettere il piacere della tradizione, e sanno far apprezzare una materia prima di assoluta eccellenza.


Siamo partiti dal nostro territorio, una zona vocata alla coltivazione del riso, andando alla ricerca di prodotti di nicchia che rappresentano una vera eccellenza.


Eccellenze individuate prima sul nostro territorio, quello di Pavia muovendoci poi, attraverso il Bel Paese e incontrando produttori e artigiani che con la nostra stessa visione sono stati disposti ad abbinare i loro prodotti al marchio Rustigusto.


Così sono nate le nostre marmellate, i mieli e le confetture studiate in sinergia con i produttori; le paste realizzate con grano senatore Capelli che hanno conquistato le 3 stelle d’oro al Superior Taste Award il massimo della valutazione da parte della Giuria di Chef stellati o più semplicemente il nostro riso Carnaroli così come l’integrale prodotti direttamente nella nostra azienda agricola.


Si perché Rustigusto nasce proprio da un’azienda agricola e con questa connotazione si vuole mantenere perché a noi piace sempre ricordare che il buon cibo è fatto da una materia prima che deve essere rustica con gusto.


E ogni giorno riscopriamo questa caratteristica nel lavoro che facciamo nei nostri campi o nella ricerca di produttori che sappiano valorizzare i propri prodotti attraverso una ricerca o una lavorazione nella tradizione.


Ci piace pensare che l’industrializzazione non rappresenti assolutamente un difetto, ma che l’artigianalità sia invece sempre un pregio.


Un’artigianalità fatta della fatica e del sudore di chi, ogni mattina, vive allevando i propri animali o coltiva i propri campi, che con il duro lavoro crea un prodotto unico nel suo genere.

Barbara Forlini

Foto
dairies Mozzarilandia

LABORATORIO ARTIGIANALE TIPICO PUGLIESE, CON IL MIGLIOR LATTE SARDO

Mozzarilandia apre le sue porte nel 2008 con l'intento di tramandare di generazione in generazione una storia impregnata di tradizioni e familiarità sin da tempi lontani.


Il connubio fra l'attività artigianale, condotta nel rispetto della tradizione pugliese, e la qualità delle materie prime offerte dalla natura e dalla pastorizia sarda, rappresenta sicuramente l'idea vincente dell'azienda, che ha saputo valorizzare sin dall'inizio il tutto, distinguendosi per l'elevata qualità dei prodotti e facendo si che il cliente viva una sorta di sogno culinario che trova il suo appagamento nella tavola, dove le mozzarelle fanno da padrone.

Questo viene reso possibile dalla professionalità e dalla conoscenza dei prodotti da parte dello staff e dalla maestria dei casari capaci di reinventare nuove combinazioni di sapori mantenendo intatti i segreti di un'arte millenaria.


L'obiettivo è da anni, quello di stuzzicare i palati dei nostri clienti, per offrire loro un prodotto genuino ed al contempo fuori dallo standard proposto dall'industria.


Freschezza e qualità sono quindi gli ingredienti essenziali per interpretare gusti e tendenze della tavola contemporanea.

La vera casa della mozzarella è sicuramente Mozzarilandia.


Vengono prodotti formaggi freschi e a pasta filata:

  • Mozzarella Fior di Latte Campagnola
  • Trecce e nodini intrcciati a mano
  • Burrata
  • Ricotta fresca
  • Scamorze bianche e affumicate
  • Stracciatella
  • Scamorzoni bianchi e al peperoncino
  • Rollè ripieni
  • Piadine di mozzarella
  • Coratine
  • e tanto altro!!!

In vendita anche: formaggio caprino, pecorino di varie stagionature, caciocavalli e altro ancora.

Non mancano in vetrina anche prodotti tipici pugliesi e non, quali:
  • Taralli
  • Pasta
  • Olio
  • Vino
  • Confetture e miele che si sposano perfettamente con i vari prodotti
  • e chi ne ha più ne metta!!!
Foto
agribusiness Le Delizie Di Re Carlo

Gustosi prodotti alla nocciola ed al cioccolato artigianali e genuini. Ecco perchè i nostri prodotti sono sempre uguali, ma mai identici.

Foto
butchers Antica Macelleria Bruni Dal 1966

Una bottega da oltre 50 anni  al centro della città di Cosenza  fondata dal maestro Macellaio "Antonio" e successivamente dal figlio "Alessandro" che è riuscito a fondere la tradizionale concezione di macelleria all"innovazione dei "pronti a cuocere" senza mai dimenticare le proprie origini.. Offre alla propria clientela una selezione di carni rigorosamente italiane certificate e una varietà di salumi come da buona tradizione calabrese.. 

Foto
dairies Caseificio San Nicola Produzione propria di latticini all'ingrosso e al dettaglio.









Specialità Mozzarella e Burrata
Foto
pasta factories C'E' Pasta Per Te di Pellutri Francesca

Pasta all'uovo fresca

Proponiamo per i nostri clienti una vasta varietà di prodotti freschi dai ravioli, ai cappellacci, mezzelune, caramelle, margheritona, fagottino fatti a mano, non mancano i cannelloni ecc..

Troverete presso il nostro punto vendita su ordinazione prodotti vegani
Foto
agribusiness Liquorificio Albimonte

Liquorificio Albimonte di Luigi Gennari è una piccola realtà produttiva artigianale individuale, con sede nel bellissimo borgo medievale di Saludecio, nata dalla mia grande passione per la ricostruzione storica, il recupero delle antiche tradizioni e la ricerca di aromi, profumi e sapori di un mondo lontano quasi perduto che non può essere però dimenticato. Ricerca storica e conoscenze scientifiche acquisite in anni di studio, sono quindi i fondamenti su cui si basa l'attività di questo piccolo liquorificio ispirato al modello degli antichi laboratori da speziale, ponendo però la massima attenzione nei confronti degli attuali standard di qualità, igiene e sicurezza alimentare. La produzione si articola su due tipologie di preparati: vini speziati e liquori aromatici, utilizzati in passato sia come gradevoli bevande da fine pasto che come rimedi medicamentosi.


Vini speziati

L'aggiunta di erbe aromatiche e spezie al vino era una pratica molto diffusa nell'antichità. Greci e Romani erano soliti modificare l'aroma e il sapore del vino utilizzando spezie pregiate provenienti dall'Oriente, profumate erbe aromatiche provenienti dal bacino del Mediterraneo e dolcificando con il miele, ottenendo così bevande dai molteplici gusti e profumi che accompagnavano feste, banchetti e rituali religiosi. Dioscoride, medico greco vissuto fra gli anni 60 e 78 d.C., scrisse un trattato sulle sostanze con effetti benefici per la salute dell'uomo, "De Materia Medica" dove descrive le proprietà di seicentosessanta piante, mentre Plinio il Vecchio (23-79 d.C.) nel suo trattato Naturalis Historia (nel libro “La medicina e le piante medicinali”) riporta l'impiego di piante nella preparazione di oli e profumi pregiati e anche come aroma e additivo dei vini, indicando in particolare i così detti vini stomachici, cioè dotati di proprietà favorevoli all’attività dello stomaco. Nel corso dei secoli quindi, i vini speziati assumono sempre di più il ruolo di veri e propri rimedi medicamentosi; nel Medioevo infatti, si credeva che le spezie possedessero molteplici prprietà curative che venivano associate all'intensa sensazione di calore percepita in seguito alla loro assunzione, facendo riferimento alla "teoria degli umori" del medico greco Ippocrate. Si comincia quindi a parlare di vini ippocratici, identificando una vasta famiglia di preparati a base di vino, erbe e spezie, impiegati come rimedio per vari disturbi, ma anche come gradevoli bevande da fine pasto quasi sempre presenti sulle tavole dei nobili. La produzione dei miei vini speziati, ottenuta mediante il sapiente dosaggio di pregiate spezie ed erbe aromatiche nel vino, si Basa quindi sulla ricerca e il recupero di queste antiche ricette.


Liquori

Il termine "liquore" che deriva dal latino "liquefacere" ossia "sciogliere o dissolvere" inriferimento ai metodi di insaporimento dell'alcool, attraverso un processo di macerazione, raggruppa oggi una vastissima gamma di prodotti diffusi in quasi tutte le parti del mondo, ed utilizzati come fine pasto o come ingredienti per vari preparati quali aperitivi, cocktail e preparazioni dolciarie. In realtà, l'arte della preparazione liquoristica, ha radici molto antiche e si basava sullapratica della distillazione già conosciuta al tempo degli Egizi, come testimoniano alcuni papiri risalenti al 1600 a.C.. Fu solo grazie agli Arabi però, che questa pratica si diffuse nel bacino del Mediterraneo tra il X e il XII secolo d.C. e successivamente, tramite la Scuola Medica Salernitana, vennero gettate le basi della moderna liquoristica. È attraverso la distillazione infatti, che si ottiene l'alcool, materia prima di base per tutti i liquori e conosciuto in passato come “aqua ardens” acqua che brucia in virtù delle sue caratteristiche di liquido limpido e cristallino (come l'acqua) che però brucia e nonimputridisce. All'alcool veniva quindi attribuito un potere ultraterreno e curativo al punto di essere considerato la quinta essenza della materia, lo spirito puro estratto dal vino, che già di per sé era considerato sostanza dalle importanti virtù medicamentose. Nel XIII secolo d.C. Arnaldo da Villanova, alchimista catalano e medico alla corte aragonese, fornì, nel libro “Trattato sugli spiriti”, un resoconto del procedimento relativo alla distillazione del vino in una “nuova acqua”, successivamente aromatizzata con erbe e spezie, in grado tra l'altro di guarire ferite aperte e piaghe. Più tardi, nel XV secolo, Michele Savonarola, medico presso la corte degli Este di Ferrara e nonno del ben più noto Girolamo, fornisce nel suo “Trattato dell'acqua ardente”, un quadro più preciso e completo riguardo l'arte della distillazione, descrivendo i metodi di produzione, le ricette e distinguendo l'acqua ardente in “semplice”, costituita cioè solo da alcool ottenuto mediante ripetute distillazioni del vino e “composta” cioè ottenuta dalla distillazione di erbe e spezie fatte preventivamente macerare nel vino o nell'alcool. Sulla base di questi antichi trattati e facendo riferimento a queste antiche ricette, ottengo quindi i miei liquori mediante l'attenta e sapiente distillazione, in alambicco tradizionale afuoco diretto in rame, di macerati alcolici di pregiate spezie ed erbe aromatiche ed officinali.

Foto
farm holidays Agriturismo Monfenera Societa' Agricola

Se stai cercando un agriturismo circondato dalla natura incontaminata della Maremma Toscana, dove trascorrere qualche giorno di relax, l'Agriturismo Monfenera è l'indirizzo giusto.