Questa attività non fa parte del network EccellenzeItaliane
Sei il proprietario? Richiedi l'ID anticontraffazione!
Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
  SOCIETA' LA BRUGIANA KM. 033 700 STRADA LUNGOMARE SP39
04016 SABAUDIA (LT)
0773510202
Recommend an Excellence Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Report
Foto
farms Risoinfiore Residuo Zero
L’azienda agricola RISOINFIORE di Paola Fiore, nasce nel cuore della Bassa Vercellese.

A conduzione famigliare, con il supporto pratico dell’azienda di Adolfo Barbonaglia (marito di Paola), presente da TRE generazioni nel mondo agricolo, esclusivamente a coltivazione riso. 

RISOINFIORE Negli ultimi anni si è dedicata non solo alla coltivazione, ma anche alla commercializzazione del proprio riso.

Riso a residuo ZERO, perchè le nostre priorità sono l'ambiente e le persone

Da sempre l’azienda utilizza le tecnologie più innovative: dispone di un impianto fotovoltaico, la cui produzione viene impiegata completamente per gli utilizzi aziendali, usa il sistema di guida GPS, ha la  mappatura delle produzioni, per meglio ottimizzare l’impiego di concimi e sementi, prestando particolare attenzione all’ottenimento di un prodotto finale sempre migliore.


Nell’ultimo anno il nostro costante impegno e l’attenzione che poniamo nell’ottenere un prodotto genuino e di qualità, ci hanno portato ad aderire ai progetti AGRICOLTURA SOSTENIBILE, AGRICOLTURA CONSERVATIVA ed ADERIRE ALLA Misura 10.1.2 del PSR Piemonte (scarica il registro operazioni colturali dall'area dowload).


La lavorazione dei terreni inizia dopo la raccolta, con la “minima lavorazione”, che consiste nello smuovere solo i primi 10/12 cm del terreno, interrando parzialmente i residui colturali, per poter seminare una coltura intercalare da sovescio riducendo al minimo la lisciviazione dei terreni (Agricoltura conservativa) e che nel periodo primaverile verrà interrata sempre tramite lavorazioni superficiali (ripuntatura o discatura), per aumentare l’apporto di sostanza organica nel terreno.


Sono stati fatti solchi sul perimetro delle camere di risaia, per poter mantenere costante al loro interno, la presenza di acqua, che favorisce lo sviluppo della fauna delle zone risicole (misura 10.1.2 del Psr P).
I prodotti fitosanitari vengono selezionati in base alla effettiva presenza di infestanti, utilizzando molecole dell’ultima generazione, sempre meno invasive sulla coltura e per l’ambiente.


Viene adottato il sistema di “barra a filo”, per eliminare direttamente gli infestanti senza contaminare la coltura in atto, riducendo la banca semi nel terreno e permettendo di evitare trattamenti diffusi a pieno campo.


E' stato inserito il compensatore  aeraulico per ridurre i consumi di gasolio ed energia elettrica durante i cicli di essiccazione.

Foto
agribusiness La Baita Di Pasqualino

Perchè è così importante usufruire di alimenti naturali e scegliere la Baita di Pasqualino?

Salute

ll cibo naturale e biologico è sano e ricco di principi attivi che aiutano il nostro fisico a prevenire diverse malattie. Rinforza il metabolismo e le difese immunitarie, previene il deposito di tossine chimiche nel corpo e stimola la rigenerazione di organi e tessuti. Ha quindi un effetto ricostituente e antiage.


Natura

I prodotti della Baita di Pasqualino non derivano da una produzione che inquina o contamina la natura con additivi chimici o di sintesi e senza sfruttare intensivamente gli animali. Crediamo fortemente nel rispetto dei ritmi naturali di produzione e nella stagionalità dei terreni di coltivazione.


Qualità e benessere

La nostra filosofia si focalizza sulla costante ricerca e attenzione verso il prodotto, che deve possedere delle naturali proprietà benefiche per chi lo assume. Per la grande passione che abbiamo per il benessere del mondo che ci circonda ci impegniamo nel mantenere dei costi accessibili a chiunque.


1976 - 1987

La Baita di Pasqualino inizia nel 2004, proseguendo le orme tracciate dalla signora Cesira, mamma di Pasqualino, che già nel 1976 gestiva un banco storico nel Mercato Ettore Rolli in zona Trastevere, vicino l'attuale negozio della Baita. Con tenacia e amore per questo lavoro, portò avanti l' azienda per circa 20 anni vendendo olive, frutta secca e altri prodotti alimentari unici.


1987 - 2004

Nel 1987, dopo aver fatto una gavetta di 8 anni nel mercato “Torre Spaccata”, arrivò Pasqualino che diede inizio ad un nuovo capitolo, introducendo la vendita di prodotti locali e frutta esotica essiccata. Lavorando, conobbe sua moglie Roberta con la quale crearono il marchio AGRIROBY, per poter confezionare i vari prodotti. Lo stesso anno, nel 2004, si iniziò a pensare ad un marchio che potesse comprendere tutte le fasi di lavorazione: selezione - confezionamento - vendita.


2004 - Oggi

Oggi, con ventennale esperienza alle spalle, il nostro brand è attento alla scelta di prodotti conformi alle regole del Biologico e fa della selezione sul luogo di produzione, il proprio cavallo di battaglia. Tra i nostri principali fornitori ci sono produttori agroalimentari dell’altipiano di Leonessa, che ci permettono l’utilizzo del prestigioso marchio di qualità Terre di Leonessa. Per noi è molto importante usufruire di prodotti locali e a Km Zero, mantenendo un rapporto continuo con tali produttori, con i quali abbiamo instaurato nel corso degli anni, vantaggiose relazioni in termini di qualità. La Baita di Pasqualino sfruttando questo enorme punto di forza, mette a disposizione del cliente, prodotti che altrimenti sarebbero di difficile reperibilità.


La qualità è al primo posto della nostra ricerca e mantenere dei costi accessibili a tutti è lo sforzo che facciamo quotidianamente per la grande passione che ci lega a questo lavoro e ai clienti.

Foto
agribusiness Acetaia Ferretti Corradini

Produzione e vendita di ACETO BALSAMICO TRADIZIONALE DI REGGIO EMILIA DOP

  • ACETO BALSAMICO DI MODENA IGP
  • CONDIMENTI BALSAMICI


La nostra storia

Era il 1918 quando, secondo una consolidata tradizione familiare, Luigi Ferretti riceve in dono dal padre una piccola botticella di aceto balsamico datato 1890.

Luigi ha già alle spalle una vita piena e ricca di esperienze, in quegli anni era appena rientrato dall’Argentina dove si era trasferito con la famiglia circa 20 anni prima. In quello che allora era considerato il “nuovo mondo” e precisamente a Bahìa Blanca aveva aperto e gestito una piccola enoteca con osteria insieme alla moglie. In quel periodo nacquero i loro 3 figli, ma la nostalgia della terra reggiana obbligo il ritorno in Italia in centro storico a Reggio Emilia nelle adiacenze di Piazza Fontanesi. Nella soffitta di quella tipica abitazione del capoluogo emiliano si insedia il “barile centenario” al quale col tempo se ne aggiungono altri, dando origine all’acetaia di famiglia. Luigi nel tempo intraprende l’attività di mediatore di vini e prodotti enologici, attività che svolgerà con discreto successo fino agli inizi degli anni ’60.


La tradizione della famiglia Ferretti

Libero, primogenito di Luigi, segue le orme paterne divenendo negli anni un esperto conoscitore ed un fine assaggiatore in campo enologico. Grazie a queste capacità ed alla passione che lo lega al vino, accetterà la proposta di trasferirsi in Puglia a San Pietro Vernotico (Lecce) come direttore della cantina Gallinari, attività svolta nel difficile periodo del secondo conflitto mondiale.
Al termine della guerra nel 1943 torna a Reggio Emilia in una nuova abitazione nei pressi della stazione, ove trasferisce anche le preziose botticelle di famiglia.
Dopo la morte del padre Luigi, Libero continua l’attività paterna in campo enologico accrescendo anche l’acetaia con barili provenienti da famiglie di amici che, non potendo più occuparsene, avevano la certezza di affidarle in mani sicure.
Con gli anni aumenta l’esperienza, conferendo a Libero il ruolo di fidato consulente di tanti possessori del prezioso aceto.
In pochi anni diviene un vero punto di riferimento in ambito cittadino e provinciale ed insieme agli amici Ottavio Iori e Ferdinando Cavalli è uno dei promotori alla nascita del Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico di Reggio Emilia.


I riconoscimenti

Come membro della neonata Confraternita dell’Aceto Balsamico Tradizionale, Libero diviene in breve tempo uno dei migliori assaggiatori ufficiali, apprezzato ed ancora oggi ricordato per le sue doti.
Nel 1984 decide di trasferirsi insieme alle preziose botticelle nella vicina frazione di Bagno a casa della figlia Lucia, dove morirà novantenne nel 1998.
La preziosa eredità di Libero viene raccolta dalla figlia Lucia, che insieme al marito Giuseppe con impegno ed affetto conducono l’acetaia di famiglia. Nei primi anni 2000 in seguito alla ristrutturazione dell’intera azienda agricola, Giuseppe decide di dedicare alle batterie di balsamico l’intero sottotetto in un bellissimo edificio costruito di fronte all’abitazione, creando un ambiente perfetto per il lento invecchiamento del prezioso aceto.


La nostra Mission

“Il mio è un personale ritorno alle origini, provenendo da una famiglia di vignaioli (come mi piace chiamare chi il vino lo produce con amore) sto facendo un piccolo riavvicinamento al mondo dal quale provengo.
Per Valeria è una continuazione della propria famiglia, proseguire la grande eredità del nonno e renderla fruibile da chiunque abbia un interesse o anche solamente una curiosità verso questo prezioso nettare. La nostra promessa è una sola: ora tocca a noi, forse Libero nemmeno immaginava che un giorno il suo amato aceto sarebbe arrivato fino a qui…. E noi non lo deluderemo.
Con impegno cercheremo di migliorarci ogni giorno e di valorizzare al massimo questa preziosa eredità.
Sognando la quarta generazione…”

Valerio Bellini

Foto
dairies Antica Formaggeria Carletti

Il " buon formaggio di una volta" prodotto dall'Antica formaggeria Carletti è ottimo anche come regalo: potete ordinare direttamente nel punto vendita taglieri di formaggi confezionati appositamente per festività e occasioni importanti.


L'Antica Formaggeria Carletti venne fondata nel 1979 da Carletti Libero, vero amante dei formaggi e delle antiche tradizioni.

Produttori inizialmente di latticini freschi, l'Antica Formaggeria Carletti iniziò la produzione della "
SOLA" mantenendo quella che era la vera lavorazione di un tempo: formaggi prodotti manualmente con l'utilizzo di tele, stagionati in cantine naturali su assi di legno.

Dopo la Sola l'Antica Formaggeria Carletti iniziò a produrre il "
Testun del fen" stagionato nel fieno, il "Castagneto", il "Ricetto", il "Castagneto alla Castagna ".

Ad oggi le lavorazioni artigianali rimangono sempre le stesse per mantenere intatto il sapore del vero formaggio di "una volta".


PUNTO VENDITA a Peveragno
in Vicolo della Chiesa n 2 potrete trovare tutti i nostri prodotti freschi e stagionati, specialità tipiche della zona di propria produzione.

Foto
farms Oleificio Prudenzi Riccardo

Fin dal 1870 che la Famiglia Prudenzi coltiva e produce il suo olio extravergine d'oliva, il tempo passa ma le tradizioni restano, infatti, al giorno d'oggi l'azienda agraria Prudenzi può contare ben 9.000 piante di olivo a monocono ed un frantoio a ciclo continuo con lavorazione a freddo.

Foto
farms Vino Cotto - Sapa - Cremo' Cantina Caona'

L’Azienda Agricola Caonà è lieta di aprire le porte della sua cantina…

La nostra è una piccola azienda agricola che produce e vende il tipico Vino Cotto, i nostri vigneti si trovano a breve distanza dai Monti Sibillini, sulle colline Maceratesi in un ridente paesino medioevale, Loro Piceno in provincia di Macerata, nelle Marche.


Vino Cotto, prodotto tipico di Loro Piceno

Che cos’è Il Vino Cotto?

Il Vino Cotto è un prodotto tipico delle Marche, in special modo interessa le zone enologiche del basso Maceratese e del Piceno, particolarmente apprezzato è quello di Loro Piceno, in provincia di Macerata, dove viene rispettata e tramandata questa tecnica di vinificazione millenaria. Proprio a Loro Piceno, ogni anno in estate, si festeggia la famosa Sagra del Vino Cotto dove le proprietà e i benefici di questo vino vengono celebrate e dove i migliori produttori espongono ed offrono questo ottimo prodotto.


Il vino cotto è un vino dolce e forte, dal colore variabile dal rosso al rosso ambrato con tendenza a sfumature nocciola, limpido e dal profumo fruttato, dal sapore in perfetto equilibrio fra acidità e dolcezza, ha una gradazione alcolica che va dai 12% ai 14% a seconda del tipo di invecchiamento, ed è ottenuto dalla bollitura del mosto di vari tipi di uva (da non confondere con il tipico vino cotto pugliese che invece è ottenuto dal mosto fresco).

Generalmente il vino cotto veniva consumato come un normale vino da tavola, ora è più spesso indicato come vino da dessert, può essere bevuto accompagnato a biscotti secchi o ciambellone, bevuto insieme a pezzettini di pesca, inoltre è utilizzato anche nella preparazione di dolci, famosi sono i biscotti al vino cotto, o in cucina per insaporire carni o marmellate.


La tradizione e la cultura del nostro territorio sono racchiuse nel profumo e nel sapore unici del vino cotto.

Il Vino Cotto, in dialetto chiamato anche “vicotto”, è una bevanda dalle origini antichissime e la produzione ancora oggi è legata alla tradizione contadina seguendo la ricetta tramandata da generazione in generazione. Le famiglie contadine preparavano questa bevanda per i lavori più faticosi, come quelli della mietitura, per recuperare forza ed energia o per occasioni particolari come la nascita di un figlio, per il quale se ne metteva da parte una piccola botte da consumare non prima del raggiungimento della maggiore età o il giorno delle nozze.

Inoltre il vino cotto rappresentava per ogni famiglia il segno dell’ospitalità, da versare nelle migliori occasioni; la tradizione racconta che persino le braccia e le gambe dei bambini venivano bagnate dal vino cotto per irrobustirli, veniva usato frequentemente come rimedio nella cura di molti malanni come ad esempio il raffreddore, per risanare gli eritemi dei bambini, per la lucentezza della pelle e gli effluvi degli aliti… ma soprattutto per riscaldare l’animo.


Dal vino cotto alla tavola!

Cremò, Sapa e Aceto di Vino Cotto sono glasse 100% con ingredienti naturali raccolti nelle nostre terre, che rispettano le tradizioni di lavorazione tramandate dai nostri nonni per creare un perfetto connubio con i migliori prodotti e ricette di oggi


Aceto di Vino Cotto

Prodotto naturale senza alcuna aggiunta di conservanti e coloranti ottenuto rabboccando botti acetose in legno di quercia con il vino cotto invecchiato almeno cinque anni, lasciato stagionare per altri due. Può essere utilizzato per condire insalate, carni e pesce.


SAPA

Prodotto naturale senza alcuna aggiunta di conservanti e coloranti ottenuto con la bollitura lenta del mosto di uva fino a ricavare una salsa leggermente cremosa. Può essere utilizzata come condimento per polenta e formaggi e per la preparazione di dolci e gelati.


Cremò

Prodotto naturale senza alcuna aggiunta di conservanti e coloranti a base di sapa, aceto di vino cotto e aromi naturali. Può essere utilizzato come condimento per carni, pesce, insalate, formaggi, gratinati




Foto
farms Agricola Montone Crescere insieme coltivando i tradizionali prodotti della pianura montorese!

Produciamo la Famosa Cipolla Ramata di Montoro!
Foto
farms Azienda Vinicola Bio Amaracmand Amaracmand wines-vino biologico italiano!
Foto
farms Apicoltura Landolfi

Le origini dell’Azienda Landolfi sono radicate nel profondo amore per la natura e le api laboriose frequentatrici di luoghi incontaminati. Questa forte passione diventa un lavoro dagli inizi degli anni novanta ad oggi in una crescita aziendale che ha coinvolto tutta la famiglia.

La produzione di Miele secondo accurate ed attente metodologie di lavoro a garanzia di qualità e genuinità. Le Api vengono dislocate, a seconda del periodo, in parchi naturali nel territorio del Matese.

Le fasi successive della conservazione vengono seguite scrupolosamente in un laboratorio di alto livello tecnologico. La mission aziendale e quella di puntare fortemente sull’assoluta purezza del miele prodotto in piena sintonia e armonia con l’ambiente, sulla divulgazione e valorizzazione delle risorse che solo la natura può offrire a piene mani. 


Il miele è il prodotto della trasformazione, effettuata dalle api, delle secrezioni dei fiori (nettare) e delle secrezioni di alcuni insetti (melata). miele effetti proprietàLa bontà del miele dipende da due fattori: dal lavoro delle api per produrlo e dall'intervento dell'uomo per estrarlo e metterlo a disposizione del consumatore. Il miele, immagazzinato dalle api nelle cellette dei favi, viene estratto mediante centrifugazione, lasciato decantare in appositi contenitori e riportato in vasetti. Queste sono le uniche lavorazioni che permettono di mantenere integre le caratteristiche del prodotto per offrirlo esattamente come lo hanno ottenuto le api.

Foto
pasta factories C'E' Pasta Per Te di Pellutri Francesca

Pasta all'uovo fresca

Proponiamo per i nostri clienti una vasta varietà di prodotti freschi dai ravioli, ai cappellacci, mezzelune, caramelle, margheritona, fagottino fatti a mano, non mancano i cannelloni ecc..

Troverete presso il nostro punto vendita su ordinazione prodotti vegani
Foto
dining Pasta Fresca Da Luciana

Produzione Pasta Fresca, dal classico tortellino alla famosa mezza luna al ciauscolo e alle margherite ai 4 formaggi... lasagne pronte per la cottura

Foto
roasting plants Temperato Caffe'

L'azienda Temperato, associato al Consorzio San Geminiano, ha sede a Baia Latina (CE). E' una torrefazione di tipo artigianale che si occupa della produzione e della distribuzione di caffè soprattutto nel settore HORECA, privati e uffici. Si occupa inoltre dell'assistenza tecnica!

Foto
agribusiness Papaya di Sicilia

Dal verde acerbo al giallo inteso, il nostro prodotto si adatta alle vostre esigenze e alla vostra salute.


Papaya di Sicilia è una ditta individuale nata nel 2014 a Ficarazzi, a 150 mt dalla costa palermitana, per produrre e distribuire papaya siciliana secondo un’etica ecosostenibile. Nessuna delle nostre papaye, dalle materie prime alla buccia, viene trattata. Nel rispetto dell’ambiente e della salute dei nostri consumatori, facciamo uso esclusivamente di prodotti naturali: acqua, terra e stallatico.

L’elemento fondamentale per garantire la nostra coltivazione è la serra fredda, un vero e proprio contenitore che protegge le piante nei giorni più freddi dell’anno fra dicembre e febbraio. Con l’inizio della primavera e dell’estate, la serra viene aperta il più possibile e ombreggiata per evitare ogni tipo di stress alla sommità delle piante più alte.

Il nostro è un progetto in continuo sviluppo, sia nel settore produzione - distribuzione sia in quello scientifico. Da oltre un anno collaboriamo con regolarità con la facolta’ di Agraria dell’Univeristà degli Studi di Palermo al fine di studiare il comportamento della papaya nel contesto siciliano. Recentemente abbiamo ottenuto grandi risultati di ricerca riguardo lo sviluppo dei suoi frutti in un ambiente artificiale, come la serra fredda, a partire dalla legatura del fiore.



Foto
agribusiness Corte Dei Venti

Corte dei Venti Le Origini

La “Corte dei Venti”, 14 ettari di terreni proprietà di Clara Monaci, è un’azienda giovane, ma con una storia antica di attività legate all’agricoltura: furono infatti i nonni Alessandro Pieri e Duilia Cerretani nel 1943 ad acquistare il podere Piancornello.


La struttura architettonica, d’origine medievale - le fonti dell’epoca parlano di un insediamento agricolo risalente al Duecento, è stata ricostruita nel 1870, come attesta la scritta su di un mattone di cotto sopra la porta d’ingresso, e ristrutturata nel 1938.


La storia continua poi coi genitori Silvana e Alfeo Monaci, che a metà degli anni Ottanta mettono a dimora i primi impianti di vigneto. Oggi l’attività prosegue con Clara, coadiuvata dal marito Maurizio Machetti, in attesa che la quarta generazione, la piccola vignaiola Elena, cresca e prenda le redini.


Situata nella soleggiata parte sud-est del “Continente Montalcino”, sulle prime propaggini del Monte Amiata, montagna sacra del popolo etrusco, la “Corte dei Venti” si trova al centro di uno spicchio di terroir tra Sant’Angelo in Colle e Castelnuovo dell’Abate che si caratterizza per terreni collinari rossi, ricchi di argilla calcarea ferrosa, freschi e ben dotati di sostanze minerali.


I vigneti, degradanti dai 300 ai 100 metri s.l.m., si estendono per circa cinque ettari - tre ettari a Brunello, un ettaro a Rosso di Montalcino e uno a Sant’Antimo - beneficiando di particolari condizioni microclimatiche e dei venti provenienti dal mare che soffiano sulla tenuta, garantendo la sanità delle uve e favorendo una maturazione graduale e completa dei grappoli di Sangiovese per vini sinceri, indissolubilmente legati al territorio, che ne sappiano esprimere la potenza e la generosità e al tempo stesso l’eleganza e la sobrietà. L’etichetta è una rosa dei venti, che vuol evocare proprio la realtà di questo territorio, dove la particolare confluenza dei venti, che soffiano costantemente, anche d’agosto, crea un clima tipicamente mediterraneo, privo di nebbie, con piogge primaverili, garantendo ai vigneti condizioni favorevoli e salutari per le viti dalla fase vegetativa fino alla vendemmia.

Foto
health and wellness Chiuri Renato Specialita' Alimentari

Fedeltà, tradizione ed esperienza