Questa attività non fa parte del network EccellenzeItaliane
Sei il proprietario? Richiedi l'ID anticontraffazione!
Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
  SANMARTINO VIA MARTIRI DEL XXI 71
10064 PINEROLO (TO)
0121323181
Recommend an Excellence Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Report
Foto
agribusiness Peperoncino Trentino

TI FACCIO SECCO

Peperoncino biologico essiccato.


Si fa presto a dire peperoncino… ma da dove arriva Peperoncino Trentino? Arriva dopo un’attenta selezione varietale e viene coltivato con il metodo biologico a 450m di altezza, posizionato a sud est, baciato dal primo sole del mattino. Viene raccolto a mano, privato del picciolo, lavato, frantumato ed infine messo ad essiccare ad una temperatura di 34° per mantenerne intatti gli aromi.


L’escursione termica di cui godono le coltivazioni dona al prodotto intensi e compositi profumi; la piccantezza varia a seconda delle tre proposte. “Oro Folas” composto da due varietà aromatiche che ricordano il limone ed il pompelmo; i “7 re d’Isera” un ensamble di habanero (red, orange, madame jeanette, chocolade, yellow, fatalii e peach) dal profumo pronunciato di pomodoro secco adatto per essere lavorato con il latte ed ottenere formaggi piccanti; infine “Erghem”… (“averghene” in dialetto trentino), raccolto non ancora maturo ma con toni odorosi e decisi come il cappero, l’origano e l’oliva.


I 7 Re d’ Isera BIO Habanero blend - linea “ti faccio secco”
COLTIVAZIONE Il prodotto frantumato ed essiccato a 34°C proviene da coltivazioni con metodo da agricoltura biologica del Peperoncino Trentino di montagna. CARATTERISTICHE Habanero Red, Orange, Yellow, Chocolate, Peach, Madame Jeanette e Fatalii. L'escursione termica di cui godono le coltivazioni dona al prodotto intensi e compositi profumi che ne fanno risaltare le qualità e la persistenza dell'aroma. Aggiungendo un pizzico di peperoncino a fine cottura riuscirete ad insaporire i vostri piatti riducendo notevolmente la quantità di sale. ABBINAMENTI E' un meraviglioso mix dalla piccantezza decisa che sprigiona profumi complessi: il fieno stagionato, il cioccolato e i latticini. Si abbina con tutti i primi, i secondi piatti, le verdure e le torte salate... per gli amanti del piccante! CONFEZIONE Vaso vetro 46mm diametro 84mm di altezza. Peso netto 20g. - 12 vasetti per cartone.


Oro Folàs BIO Hot lemon & Aji Blanco Cristall pepper - linea “ti faccio secco”
COLTIVAZIONE Il prodotto frantumato ed essiccato a 34°C proviene da coltivazioni con metodo da agricoltura biologica del Peperoncino Trentino di montagna.
CARATTERISTICHE Peperoncino Hot Lemon e Aji Blanco Cristall. L'escursione termica di cui godono le coltivazioni dona al prodotto intensi e compositi profumi agrumati che ne fanno risaltare le qualità e la persistenza dell'aroma. Aggiungendo un pizzico di peperoncino a fine cottura riuscirete ad insaporire i vostri piatti riducendo le quantità di sale.
ABBINAMENTI Che siano zuppe, verdure o spaghetti, questo peperoncino esalta tutti i gusti. Per il suo profumo agrumato è ottimo sulle pietanze a base di pesce.
CONFEZIONE Vaso vetro 46mm diametro 84mm di altezza. Peso netto 20g. - 12  vasi per cartone.


Érghem BIO Peperoncino tardivo
COLTIVAZIONE Il prodotto frantumato ed essiccato a 34°C proviene da coltivazioni con metodo da agricoltura biologica del Peperoncino Trentino di montagna.
CARATTERISTICHE 9 peperoncini raccolti non a completa maturazione portano profumi intensi. L'escursione termica di cui godono le coltivazioni dona al prodotto intensi e compositi profumi che ne fanno risaltare le qualità e la persistenza dell'aroma.
ABBINAMENTI Ottimo con i sughi come la amatriciana e la bolognese. Spolverato sulle zuppe stagionali di verdura dà uno “zing” speziato che fa risaltare i sapori.
CONFEZIONE Vaso vetro 46mm diametro 84mm di altezza. Peso netto 20g. - 12  vasi per cartone.


SALSE IN ZUCCA Peperoncino biologico in salsa.
La nostra produzione prevede la presenza di 26 varietà di peperoncino di cui 17 compongono la suddetta linea: 3 salse e una mostarda per altrettanti piaceri della gola. I peperoncini vengono vendemmiati e riposti nella cella frigo per per un’asciugatura. Poi si lavano, si privano del picciolo e si destinano alle diverse preparazioni.
Abbiamo cercato di soddisfare palati diversi partendo da un grado di bassa piccantezza con la “Mostarda  Bastarda” nella quale troviamo i peperoncini che sono stati privati della placenta e dei semi. Questa mostarda ha un  ad un sapore deciso di agro/dolce/piccante ed è adatta per accompagnare i formaggi  e i lessi. La “Bestiale” è un’altra salsa adatta ai formaggi più stagionati, vero idolo dei giovani che la spalmano anche sul pane. La “Dandy” e l’”Inferno Spalmato” sono le salse più piccanti che l’azienda produce, ma con una forte intensità di profumi che vanno dall’aglio allo zenzero, al peperone rosso maturo.


Salsa bestiale Peperoncino Trentino BIOLOGICO
COLTIVAZIONE Le salse di Peperoncino Trentino sono fatte con peperoncino fresco di montagna coltivato con metodi da agricoltura biologica.
CARATTERISTICHE Tutto nasce da una serie di espressioni buffe regalate dal figlioletto Lorenzo al padre. Semplici e simpatiche come la salsa qui proposta con gli ingredienti amorevolmente dosati come l’aceto di mele, lo zucchero di canna e le oltre 15 varietà di peperoncino. Mescolati gli ingredienti a precise dosi ne scaturisce un sapore fruttato con sentore di fragola.
ABBINAMENTI Difficile da immaginare ma assolutamente da provare con un lesso, un formaggio stagionato o, per i più affezionati, su una fetta di pane.
CONFEZIONE Vaso vetro 60mm diametro 55mm di altezza. Peso netto 80g. - 22 vasi per cartone.


Dandy Sauce Peperoncino Trentino BIOLOGICO
COLTIVAZIONE Le salse di Peperoncino Trentino sono fatte con peperoncino fresco di montagna coltivato con metodi da agricoltura biologica.
CARATTERISTICHE Dandy parte dal Perù patria dello zenzero, passa dalle campagne di Nubia (vicino a Trapani), raccoglie l’essenza del suo aglio rosso e arriva fino a Isera dove trova il Peperoncino Trentino. Qui al Mas del Gnac sapienti mani mescolano questi ingredienti e il risultato è un’esplosione di profumi e sapori dal gusto inconfondibile.
ABBINAMENTI Si sposa con le verdure grigliate, con il petto di pollo, con gli spaghetti alla marinara o semplicemente con un panino ai salumi.
CONFEZIONE Vaso vetro 60mm diametro 55mm di altezza. Peso netto 80g. - 22 vasi per cartone.


Inferno Spalmato Peperoncino BIOLOGICO
COLTIVAZIONE Le salse di Peperoncino Trentino sono fatte con peperoncino fresco di montagna coltivato con metodi da agricoltura biologica.
CARATTERISTICHE Tutti i peperoncini (12 varietà selezionate) presenti nella salsa sono di media piccantezza. L' escursione termica di cui godono le coltivazioni dona al prodotto intensi e compositi profumi che ne fanno risaltare le qualità e la persistenza dell'aroma.
ABBINAMENTI Questa salsa grazie alla sua versatilità può essere utilizzata come accompagnamento negli antipasti, per una pasta all'arrabbiata o per dare un tocco vivace alla pizza.
CONFEZIONE Vaso vetro 60mm diametro 55mm di altezza. Peso netto 80g. - 22 vasi per cartone.


Mostarda bastarda di Peperoncino Trentino BIOLOGICO
COLTIVAZIONE Le salse di Peperoncino Trentino sono fatte con peperoncino fresco di montagna coltivato con metodi da agricoltura biologica.
CARATTERISTICHE 4 diverse varietà di peperoncino (Jalapeno, Naso di cane, Elephant e Topepo) compongono questa raffinata preparazione. Al peperoncino candito viene aggiunta l’essenza di senape per un connubio di sapore dolce/forte.
ABBINAMENTI Questa mostarda molto delicata e poco piccante è ottima da degustare con formaggi di media stagionatura o con bolliti.
CONFEZIONE Vaso vetro 70mm diametro 50mm di altezza. Peso netto 100g. - 16 vasi per cartone.


Foto
butchers Macelleria Mimmo
Foto
agribusiness Salsamenteria Sarracino Fausto

Azienda specializzata in salumi e formaggi

Foto
agribusiness Valli Estensi Srl

L'azienda Valli Estensi S.r.l. nasce nel 2001 come industria adatta alla trasformazione per l'ottenimento di succhi, passata, semiconcentrati e concentrati di pomodoro, puree o cremogenati di frutta e si colloca in una zona del nord strategica per la coltivazione e la produzione sia del pomodoro che della frutta.

Questa azienda è nata grazie alla famiglia Ferrante già presente nell'ambito del commercio di frutta e pomodoro, che nel 2001 avverte l'esigenza di acquistare un nuovo stabilimento nella provincia di Ferrara per la trasformazione di questi prodotti.

Essa è dotata al suo interno di un impianto di alta e moderna tecnologia che permette di avere un prodotto sano e genuino adatto sia al mercato italiano che a quello estero.

Le varie tipologie di prodotti che produciamo risultano essere ottime basi per vari preparativi, quali miscele di puree, confetture, succhi di frutta e basi per prodotti di pasticceria.

Foto
farms Cascina Burattana

CASCINA BURATTANA
LA SEMPLICE VITA DELLA CAMPAGNA, QUELLA VERA: SANA, BIOLOGICA E BIODINAMICA
VENITE A SCOPRIRE I NOSTRI PRODOTTI NEL PUNTO VENDITA IN :
VIA BURATTANA 18,BUSTO ARSIZIO

Foto
agribusiness Maionchi Il Cioccolato
Foto
agribusiness I Sapori Di Un Tempo

Ricercatore di artigiani del cibo, selezionatore di prodotti dagli inconfondibili aromi naturali delle fattorie laziali...in breve I Sapori di un Tempo!

Foto
roasting plants Torrefazione La Triestina
Foto
butchers Macelleria Belli
Foto
dairies Caseificio Le Grazie

Nell'Aprile del 2005 nasce il Caseificio le Grazie, diventando, da allora, una vera è propria meta obbligatoria per gli amanti della vera mozzarella. Il Maestro Casaro Domenico Musella, fondatore del Caseificio Le Grazie, può vantare un esperienza di oltre 25 anni nel settore. 

Esperienza acquisita lavorando per i maggiori caseifici della Terra dei Mazzoni,  zona dove la mozzarella viene prodotta fin dall'antichità e da dove proviene il latte esclusivamente di bufala con cui, oggi, il Caseificio Le Grazie produce le sue bontà. 
Foto
agribusiness Corte Dei Venti

Corte dei Venti Le Origini

La “Corte dei Venti”, 14 ettari di terreni proprietà di Clara Monaci, è un’azienda giovane, ma con una storia antica di attività legate all’agricoltura: furono infatti i nonni Alessandro Pieri e Duilia Cerretani nel 1943 ad acquistare il podere Piancornello.


La struttura architettonica, d’origine medievale - le fonti dell’epoca parlano di un insediamento agricolo risalente al Duecento, è stata ricostruita nel 1870, come attesta la scritta su di un mattone di cotto sopra la porta d’ingresso, e ristrutturata nel 1938.


La storia continua poi coi genitori Silvana e Alfeo Monaci, che a metà degli anni Ottanta mettono a dimora i primi impianti di vigneto. Oggi l’attività prosegue con Clara, coadiuvata dal marito Maurizio Machetti, in attesa che la quarta generazione, la piccola vignaiola Elena, cresca e prenda le redini.


Situata nella soleggiata parte sud-est del “Continente Montalcino”, sulle prime propaggini del Monte Amiata, montagna sacra del popolo etrusco, la “Corte dei Venti” si trova al centro di uno spicchio di terroir tra Sant’Angelo in Colle e Castelnuovo dell’Abate che si caratterizza per terreni collinari rossi, ricchi di argilla calcarea ferrosa, freschi e ben dotati di sostanze minerali.


I vigneti, degradanti dai 300 ai 100 metri s.l.m., si estendono per circa cinque ettari - tre ettari a Brunello, un ettaro a Rosso di Montalcino e uno a Sant’Antimo - beneficiando di particolari condizioni microclimatiche e dei venti provenienti dal mare che soffiano sulla tenuta, garantendo la sanità delle uve e favorendo una maturazione graduale e completa dei grappoli di Sangiovese per vini sinceri, indissolubilmente legati al territorio, che ne sappiano esprimere la potenza e la generosità e al tempo stesso l’eleganza e la sobrietà. L’etichetta è una rosa dei venti, che vuol evocare proprio la realtà di questo territorio, dove la particolare confluenza dei venti, che soffiano costantemente, anche d’agosto, crea un clima tipicamente mediterraneo, privo di nebbie, con piogge primaverili, garantendo ai vigneti condizioni favorevoli e salutari per le viti dalla fase vegetativa fino alla vendemmia.

Foto
agribusiness Frantoio Vabro

La tradizione dell’olio in Toscana


L’Olio Extra Vergine di Oliva

È racchiuso nel sapore e nel profumo particolare il segreto dell’olio extra vergine di oliva di alta qualità prodotto  dal Frantoio VABRO, perchè ottenuto dalla coltivazione di olive tipiche della TOSCANA come Leccino, Frantoio, Moraiolo, Pendolino e Correggiolo, “molite” entro 24 ore dalla raccolta ed estratto a freddo, affinché rimangano inalterate le caratteristiche ed i valori nutrizionali presenti nel frutto.

L’olio extra vergine d’oliva non solo delizia il palato, ma costituisce l’alimento principale della dieta Mediterranea, completo ed indispensabile per mantenere il corpo in piena forma ed efficienza, a qualsiasi età

… e quel leggero sapore pungente, che si avverte in gola, rappresenta un “pizzico di salute in più”.

Foto
dairies Caseificio Dea Luna - Mozzarella Di Latte Di Bufala

La mozzarella di latte di bufala di Paestum “Dea Luna”, nasce dal nostro desiderio di offrire, al consumatore, un prodotto artigianale che, sebbene il contestuale utilizzo di tecniche antiche e moderne, conservi ancora il profumo ed il sapore di una volta.  


Dea Luna è ottenuta solo con l’utilizzo di latte fresco ed intero di bufala di razza mediterranea italiana ricavato mediante moderni macchinari per la mungitura ed antichi metodi e prodotti per l’alimentazione delle bufale.


Essa è prodotta e confezionata manualmente mediante un processo di acidificazione del latte a temperatura ambiente ottenuta mediante l’aggiunta di caglio di vitello. Tale processo porta il composto alla coagulazione  in circa trenta minuti ad una temperatura di 34- 36° C. La cagliata viene poi “rotta” fino ad ottenere dei granuli della grandezza di una noce. Questi vengono portati ad una successiva maturazione lasciandoli  nel siero per diverse ore per poi essere tagliati in fette sottili o macinati e messi a spurgare e a maturare per altri 30 minuti per poi passare alla filatura. Quest’ultimo procedimento è molto delicato perché le fette (od il macinato) vengono poste in un recipiente di legno e fatte fondere mediante l’aggiunta di acqua bollente. A questo punto la pasta fusa viene sollevata e tirata fino ad ottenere un impasto omogeneo e lucido dalla consistenza filiforme. Il casaro poi dà le forme più diverse che possono essere i bocconcini, le ciliegine, i nodini o le trecce. Dopo la realizzazione della forma si versano questi prodotti in acqua per pochi minuti, prima di trasferirli in apposite vasche per la salatura.


Come tutte le belle e buone cose fatte a mano, bisogna sapere come mangiarle e soprattutto come conservarle.


Dea Luna, nasce nella Piana di Paestum e, secondo la nostra tradizione casearia, la salatura della mozzarella avviene per osmosi per cui, per darle un gusto maggiormente salato, si consiglia di mangiarla dopo alcune ore dalla produzione, facendo attenzione al fatto che più è grande il formato e più tempo deve stabulare nella sua salamoia.  Infine, per apprezzare maggiormente il profumo e le caratteristiche organolettiche della nostra mozzarella, essa va consumata ad una temperatura intorno ai 16 gradi, riscaldandola o raffreddandola, mediante immersione della stessa, nella sua confezione, in una vaschetta colma d’acqua, calda o fredda, a seconda della stagione.


PERCHE’ DEA LUNA

Il termine Noctiluna (o Noctiluca) proviene probabilmente da “lux in nocte”, significa infatti “luce nella notte” e viene riferito alla luna. Gli antichi romani usavano questo termine per indicare i festeggiamenti in onore della Dea Luna, il 24 agosto.   La Dea Luna (chiamata anche “Luna Noctiluca”) viene rappresentata, come Selene, con una fiaccola in mano.   Essa era una divinità molto antica, era infatti già venerata dai Sabini e dagli Etruschi.  Ma è con i Romani, però, che vide il suo massimo splendore e le furono dedicati tre templi: uno sul Palatino, uno sul Campidoglio e un altro sull’Aventino (fondato da Servio Tullio). Durante i festeggiamenti, in cui si celebrava la femminilità, si chiedeva  fertilità e abbondanza per cui, questi santuari, erano illuminati con centinaia di torce e candele per tutta la notte.


La leggenda vuole che i romani, al fine di propiziare il raccolto, nelle notti di plenilunio, erano soliti spargere del latte di bufala, sui campi, in favore della Dea Luna.