Questa attività non fa parte del network EccellenzeItaliane
Sei il proprietario? Richiedi l'ID anticontraffazione!
Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
  PASQUALETTI DINO VIA MARTELLO 57
50059 VINCI (FI)
0571585712
Recommend an Excellence Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Report
Foto
farms Arance & Diadema Di Sicilia L'Elisir Del Buon Gusto

L'azienda agricola di Franca Orlando nasce e si sviluppa nel territorio Riberese ove questo pregiato frutto acquisisce le proprietà ricche di benessere.

Foto
farms Zidarich

“Il Carso è pietra plasmata dal tempo Dalla roccia calcarea sciolta dall’acqua è nata la poca terra rossa i semi delle piante che trasmigrano da oriente a occidente spinte dal vento hanno lasciato la loro traccia in questa strettoia fra il mare e i monti l’uomo ha usato quello che ha trovato è riuscito a coltivare sulla pietra i suoi animali hanno brucato in ogni angolo dopo il Carso brullo e inospitale il verde è tornato protetto, amato, goduto”

Foto
butchers Macelleria Ignazio

La Macelleria Ignazio ti aspetta tutti i giorni per presentarti prodotti di prima scelta e solo di allevamenti selezionati!

Foto
dairies Caseificio La Campania & I Suoi Sapori

 Formaggi artigianali, mozzarella di bufala ed alimenti di alta gastronomia.


Mozzarella di bufala di prima qualità!
Prodotti genuini senza alcun tipo di attivi!
Formaggi freschi e stagionati fatti di soolo latte (mucca, bufala, pecora).

Foto
dining Azienda Agricola Ceriani Maria Antonia Dall'Azienda Agricola Ceriani Maria Antonia...























...all'AGRITURISMO CASCINA CLAUDINA
Foto
farms Le Nocciole Di Cascina Palazzo

Cascina Palazzo: due parole quasi in contrasto.
Sembra un gioco di uno scenografo teatrale: un palazzo signorile del ‘600 che spunta fra le colline dell’Alta Langa.

È un edificio completamente diverso dall’architettura tipica delle tradizionali cascine di Langa, perché fu costruito come residenza di campagna per una famiglia della nobiltà torinese.
Immaginiamoli, gli aristocratici torinesi barocchi, incipriati e imparruccati, salire sulla carrozza nel cortile del loro palazzo di città, dopo che i domestici avevano caricato i bauli, e partire verso le terre allora selvagge dell’Alta Langa.

È tempo di feste, di balli, di caccia, di quel breve periodo di villeggiatura spensierata che l’aristocrazia sabauda si concedeva fra gli affari e le guerre.


Nel 1915 il mio bisnonno Luigi acquista il palazzo da un discendente della nobile famiglia torinese e lo trasforma in cascina.
Immediatamente cambia lo spirito del luogo: non più feste e villeggiatura, ma il lavoro duro della campagna.
Pianta subito degli alberi di nocciole, ben 300, che colloca nei versanti di terreno più soleggiati.
All’inizio l’attività della cascina comprende anche l’allevamento di buoi da lavoro, l’animale più usato nella vita agricola del tempo. Mano a mano, con il progredire delle macchine e dei trattori, l’allevamento dei buoi si è ridotto, lasciando sempre più spazio alle nocciole.
Così mio nonno Alberto, poi mio papà Angelo hanno costantemente ampliato la superficie destinata alle nocciole.


Per chi nasce in una cascina dell’Alta Langa, le nocciole sono compagne di vita fin da bambino, prima per giocare ad arrampicarsi sugli alberi, poi per fare merenda con la torta di nocciole preparata dalla nonna.


Questa è stata la mia infanzia: andavo nel noccioleto con mio papà, che mi raccontava e mi trasmetteva le sue conoscenze su come lavorare e preparare il terreno, come potare i rami, come controllare gli insetti.
Adesso tocca a me. Insieme a mio papà Angelo, mia mamma Rosalia, mia moglie Elisa, e i miei figli Mattia e Andrea a cui sto insegnando come amare e prendersi cura delle nocciole.
Come ogni persona che mi ha preceduto, ho voluto dare il mio tocco personale a Cascina Palazzo: così ho deciso di aggiungere alla coltivazione e alla raccolta delle nocciole anche la tostatura e la lavorazione. Per ottenere la crema, la pasta, la granella, la farina di nocciole. Tutto fatto in casa. Da noi. Con le nostre nocciole.


Manuel Quazzo

Foto
agribusiness Acetaia Ferretti Corradini

Produzione e vendita di ACETO BALSAMICO TRADIZIONALE DI REGGIO EMILIA DOP

  • ACETO BALSAMICO DI MODENA IGP
  • CONDIMENTI BALSAMICI


La nostra storia

Era il 1918 quando, secondo una consolidata tradizione familiare, Luigi Ferretti riceve in dono dal padre una piccola botticella di aceto balsamico datato 1890.

Luigi ha già alle spalle una vita piena e ricca di esperienze, in quegli anni era appena rientrato dall’Argentina dove si era trasferito con la famiglia circa 20 anni prima. In quello che allora era considerato il “nuovo mondo” e precisamente a Bahìa Blanca aveva aperto e gestito una piccola enoteca con osteria insieme alla moglie. In quel periodo nacquero i loro 3 figli, ma la nostalgia della terra reggiana obbligo il ritorno in Italia in centro storico a Reggio Emilia nelle adiacenze di Piazza Fontanesi. Nella soffitta di quella tipica abitazione del capoluogo emiliano si insedia il “barile centenario” al quale col tempo se ne aggiungono altri, dando origine all’acetaia di famiglia. Luigi nel tempo intraprende l’attività di mediatore di vini e prodotti enologici, attività che svolgerà con discreto successo fino agli inizi degli anni ’60.


La tradizione della famiglia Ferretti

Libero, primogenito di Luigi, segue le orme paterne divenendo negli anni un esperto conoscitore ed un fine assaggiatore in campo enologico. Grazie a queste capacità ed alla passione che lo lega al vino, accetterà la proposta di trasferirsi in Puglia a San Pietro Vernotico (Lecce) come direttore della cantina Gallinari, attività svolta nel difficile periodo del secondo conflitto mondiale.
Al termine della guerra nel 1943 torna a Reggio Emilia in una nuova abitazione nei pressi della stazione, ove trasferisce anche le preziose botticelle di famiglia.
Dopo la morte del padre Luigi, Libero continua l’attività paterna in campo enologico accrescendo anche l’acetaia con barili provenienti da famiglie di amici che, non potendo più occuparsene, avevano la certezza di affidarle in mani sicure.
Con gli anni aumenta l’esperienza, conferendo a Libero il ruolo di fidato consulente di tanti possessori del prezioso aceto.
In pochi anni diviene un vero punto di riferimento in ambito cittadino e provinciale ed insieme agli amici Ottavio Iori e Ferdinando Cavalli è uno dei promotori alla nascita del Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico di Reggio Emilia.


I riconoscimenti

Come membro della neonata Confraternita dell’Aceto Balsamico Tradizionale, Libero diviene in breve tempo uno dei migliori assaggiatori ufficiali, apprezzato ed ancora oggi ricordato per le sue doti.
Nel 1984 decide di trasferirsi insieme alle preziose botticelle nella vicina frazione di Bagno a casa della figlia Lucia, dove morirà novantenne nel 1998.
La preziosa eredità di Libero viene raccolta dalla figlia Lucia, che insieme al marito Giuseppe con impegno ed affetto conducono l’acetaia di famiglia. Nei primi anni 2000 in seguito alla ristrutturazione dell’intera azienda agricola, Giuseppe decide di dedicare alle batterie di balsamico l’intero sottotetto in un bellissimo edificio costruito di fronte all’abitazione, creando un ambiente perfetto per il lento invecchiamento del prezioso aceto.


La nostra Mission

“Il mio è un personale ritorno alle origini, provenendo da una famiglia di vignaioli (come mi piace chiamare chi il vino lo produce con amore) sto facendo un piccolo riavvicinamento al mondo dal quale provengo.
Per Valeria è una continuazione della propria famiglia, proseguire la grande eredità del nonno e renderla fruibile da chiunque abbia un interesse o anche solamente una curiosità verso questo prezioso nettare. La nostra promessa è una sola: ora tocca a noi, forse Libero nemmeno immaginava che un giorno il suo amato aceto sarebbe arrivato fino a qui…. E noi non lo deluderemo.
Con impegno cercheremo di migliorarci ogni giorno e di valorizzare al massimo questa preziosa eredità.
Sognando la quarta generazione…”

Valerio Bellini

Foto
butchers Antica Macelleria Bacci Dal 1890

Prepariamo inoltre bellissime ceste regalo per ogni occasione, con prodotti scelti dal cliente, adatti ad ogni budget!


Antica Macelleria Bacci Renzo & F.lli commercia e vende la vera bistecca CHIANINA autorizzata e certificata dal CONSORZIO DEL VITELLONE BIANCO DELL' APPENNINO CENTRALE. La Macelleria Bacci è in possesso dei requisiti di conformità previsti dal Disciplinare di Produzione:alla vendita e confezionamento della carne di RAZZA CHIANINA I.G.P. 5R certificazione 3A-PTA n. 040145513 disciplinare di produzione - (Reg. CE 1151'12) In conformità alle norme UNI CEI EN 45011 ed al DM 1810'99 e ss. mm.


ANTICA MACELLERIA BACCI vende al dettaglio, all' ingrosso, numero uno nel mondo E-commerce alimentare, la vera BISTECCA FIORENTINA IN TUTTA EUROPA e tutte le tipologie di carni selezionatissime e di prima qualità. Visita in nostro negozio shop on line e commerce.

Nel nostro negozio, troverete carni selezionate, scelte personalmente dal titolare dell' impresa e munite di certificazioni di provenienza, come la BISTECCA FIORENTINA DI RAZZA CHIANINA IGP 5R (anche altri tagli che saremo lieti di consigliarvi) certificata dal CONSORZIO DEL VITELLONE BIANCO DELL' APPENNINO CENTRALE.


Oltre alla carne potrete trovare: selezioni di vini, formaggi, salumi locali rigorasamente della nostra Toscana. I prodotti sono confezionati in apposite confezioni per il mantenimento della temperatura fino alla vostra abitazione. Siamo specializzati nella vendita on-line, con spedizioni in ITALIA ed EUROPA, per maggiori informazioni e preventivi

Foto
agribusiness Fattoria Petrini Il tuo olio per la vita!
Foto
Food & Wine La Bottega Del Gusto
Foto
butchers Macelleria Vitiello Nicola

Gusto&qualità il connubio che da sempre è alla base della Macelleria Vitiello. Ai nostri clienti offriamo solo carni fresche allevate e macellate in Italia.

La macelleria Vitiello Nicola dall'inizio della sua attività ha come obiettivo quello di offrire prodotti di qualità e di mettere a disposizione del cliente numerose specialità(salumi artigianali,pronto cuoci naturali)...Perché "l'uomo è ciò che mangia" e per questo ci teniamo alla salubrità delle nostre carni.
Foto
farms El Tabaro Di Dalla Palma Paolo & C
Vendita formaggi di produzione propria!

Chi siamo: EL Tabaro un’azienda agricola con marchio registrato a conduzione famigliare, con 60 vacche da latte con la quale produciamo formaggio.
L’azienda nasce nel 1850 a Enego. E continua un’antica tradizione tramandata di generazione in generazione.

Cosa facciamo: Produciamo formaggio a latte crudo, con tecnologia moderna ma metodi antichi. I nostri formaggi vengono venduti in tutta Italia, prevalentemente nei mercati nelle province di Vicenza e Padova.

La nostra azienda fa parte del progetto vacca burlina della provincia di Vicenza, una razza autoctona dell’altopiano in via d’estinzione per la sua poca produzione di latte con pochi grassi e caseina, con la quale noi produciamo formaggio marchiato Burlino. Produciamo anche formaggio Asiago D.O.P della montagna.
Foto
agribusiness Acf Uvetta & Canditi Srls

Regalate e regalatevi un prodotto di alta pasticceria lodigiana!


Produciamo per aziende e privati, prodotti di alta pasticceria artigianale.

Desideriamo far conoscere i nostri prodotti legati alla tradizione dolciaria lodigiana, in particolare il panettone, la colomba e gli amaretti, rivisitati con ricette innovative.


I Nostri Prodotti Artigianali

E' nel pieno rispetto delle tradizioni ma con uno sguardo all'innovazione che nascono i prodotti da noi proposti; l'unicità sta nella scelta delle materie prime, nel sapiente equilibrio di quest'ultime nel complesso processo di lavorazione e nella dedizione delle mani esperte del pasticcere artigianale.

Foto
agribusiness Acetaia Valeri Di Giacobazzi Valerio “E’ vero che un balsamico invecchiato potrebbe essere denso ma non è detto che un balsamico denso sia invecchiato”