Questa attività non fa parte del network EccellenzeItaliane
Sei il proprietario? Richiedi l'ID anticontraffazione!
Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
  GRIMALDI VIA MONACIELLO 35
80053 CASTELLAMMARE DI STABIA (NA)
0818707037
Recommend an Excellence Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Report
Foto
hotels Agriturismo La Vecchia Strada Cucina tipica romagnola con menù rustico produzione propria!
Foto
hotels Agriturismo Pedru Caddu Un paradiso immerso nel verde dove trovare accoglienza, eleganza e molta cordialità... il tutto accompagnato da squisiti piatti tipici della cucina tradizionale sarda!
Foto
farm holidays Azienda Agrituristica Tre Colline In Langa
Agriturismo nella langa astigiana che fa da vetrina ai prodotti del territorio e propone in tavola la semplicità , la sincerità e la genuinità casalinga.
Foto
farm holidays Agriturismo Panta Rei

L' azienda agricola , agrituristica "Panta Rei" sorge ai piedi del parco naturalistico del Parco Naturalistico del Monte Soratte, un' area naturale protetta che si estende per 410 ettari sulla superficie del monte dal quale prende il nome, nel territorio di Sant' Oreste, svettando nel paesaggio pianeggiante della Valle del Tevere, tra la via Flaminia ed il fiume a circa 40 Km, a nord di Roma.

Foto
dining Hotel Campese Isola del Giglio, uno dei luoghi più affascinanti e incantevoli del Tirreno…





Foto
Accommodation & Tourism Alp & Wellness Sport Hotel Panorama

Un Resort nel cuore del Trentino, alle porte delle Dolomiti di Brenta, sull’Altopiano della Paganella.


Dotato di un Parco di oltre due ettari, una spa da sogno e un centro tennis all’interno del Resort si trova a poca distanza sia di bellissimi castelli del Trentino che di laghi unici come Molveno e Tovel.


Ai nostri clienti cerchiamo di regalare un’esperienza unica, di benessere intenso e vivo.


Altro punto di forza sicuramente la nostra cucina dai prodotti selezionali, possibilmente a kmzero, dove pasta, marmellate e dolci sono tutti fatti in casa. Il nostro chef stellato Walter Valerio con cura la cucina con passione e grandissima capacità.

Foto
camp grounds Villaggio Turistico Camping Quattro Stagioni
Il Camping QUATTRO STAGIONI, è anche un bellissimo Villaggio turistico con accoglienti Villini in muratura di circa 35 mq.










Foto
Accommodation & Tourism Le Case Cavallini - Sgarbi

Residenza di Charme Appartamenti di Lusso 4 soli ****



Edificato in epoca medioevale nelle adiacenze della chiesa di Santa Maria delle Bocche, il palazzo passò nel 1471 dal notaio Rinaldo Mezzaprile alla famiglia Ariosto, assieme all’edificio contiguo (la Magna Domus dell’illustre casata), al quale è unito da un cavalcavia in vicolo del Granchio. Nel 1484 l’edificio divenne proprietà del canonico Brunoro Ariosto: è verosimilmente di quest’epoca il monogramma cristologico collocato sulla facciata, a ricordo della predicazione in Ferrara di San Bernardino da Siena, che lo adottò come proprio emblema. Il portale in marmo con archivolto e mensola a chiave può essere fatto risalire al Cinquecento.


Mentre Brunoro era canonico a Rovigo, nel palazzo si stabilì il fratello Nicolò, dal quale nacque il celeberrimo Ludovico, allora decenne. In questo edificio, il futuro autore dell’Orlando Furioso studiò con il precettore, Domenico Catabene di Argenta, e probabilmente vi compose le prime poesie e alcuni acerbi testi teatrali. Alla morte del padre, il grande poeta abbandonò Ferrara per recarsi a Canossa in qualità di capitano della Rocca, anche se ritornò più volte a vivere in queste stanze, sino a quando acquistò la casa in contrada del Mirasole. Nella casa di via Giuoco del Pallone 31, di cui divenne in seguito l’unico proprietario, Ludovico scrisse ampi brani della prima versione dell’Orlando Furioso, edita nel 1516.


Dopo gli Ariosto, il palazzo divenne della nobile famiglia Canani e, via via, dei Federici, dei Righetti, degli Agnoletti, finché nel XIX secolo fu acquistato dal paesaggista e critico d’arte Ferdinando Ughi. Questi lo vendette al pittore Oreste Buzzi nel 1913, il quale era tornato dal Brasile fornito di cospicue risorse economiche, dopo aver lavorato anche per il presidente della Repubblica. Alla morte di Buzzi, avvenuta nel 1943, il figlio Ugo cedette la casa ai Cavallini, genitori di Bruno (padre di Eleonora Cavallini), Rina e Romana (madre di Mario, Giovanni, Bruno e Anna Verdi). Rina Cavallini sposò Giuseppe Sgarbi e concepì Vittorio Sgarbi ed Elisabetta Sgarbi.


Di gusto rinascimentale è il prospetto, di squisito taglio esornativo legato alla tradizione del “cotto” ferrarese. L’antico portico al pianterreno venne tamponato durante il XVI secolo, mentre la facciata fu sopraelevata dopo l’acquisto da parte di Buzzi su progetto del medesimo, che si preoccupò intelligentemente di mantenere l’unità stilistica con il piano nobile e lo decorò personalmente con raffinate tempere di gusto tardo-liberty e art déco, sia nei soffitti che sulle pareti. All’epoca in cui Oreste Buzzi comprò la casa, permaneva al pianterreno uno stanzone (allora rivendita di legno e carbone) dove, secondo la tradizione, Ludovico Ariosto metteva in scena le proprie commedie davanti ai famigliari, a mo’ di anteprima.



Foto
Accommodation & Tourism Country House Sorelle Barnaba

Cosi come tutto il territorio della Puglia è inciso dalle cosiddette lame (solchi torrentizi di origine carsica, percorse per secoli dalle acque di ruscellamento superficiale) anche la proprietà della famiglia Barnaba, quella di contrada Stomazzelli, è caratterizzata fortunatamente da questo meraviglioso e tipico elemento paesaggistico. Non a caso questo “segno” naturalistico distintivo di cui vantarsi è correlato al nome dell’antica famiglia che possedeva la dimora, ossia i Taveri. Anche questa lama è poco profonda, breve e tortuosa (anche se spettacolare), come tutte quelle che sono diffuse sul versante adriatico e presenta un tipico profilo ad “U”, creatosi per una ridotta altezza delle pareti e per un fondo largo e piatto. Le acque, che hanno scavato le lame, scorrono oggi nel sottosuolo e sfociano con sorgenti carsiche in prossimità del mare o in mezzo alle sorgenti marine. La presenza di acque nelle lame, proprio per l’elevata penetrabilità dei terreni, è riscontrabile oggi solo in occasione di precipitazioni intense. Anche nelle proprietà della famiglia Barnaba, i fianchi della lama non sono particolarmente ripidi e sono scanditi su ampie gradinate a varie altezze. Inoltre, si scorgono terrazzamenti, porzioni di antichi fondi valle e testimonianza di una fase di scarsa erosione, mentre i salti tra di essi sono il risultato di fasi di intensa erosione.


Ideale per una passeggiata

Il fondo della lama si presenta poi ampio e pianeggiante, adatto quindi ad essere coltivato o a lasciar liberi animali al pascolo o godersi delle salutari camminate. Le condizioni climatiche, la morfologia, le presenza di terra fertile sul fondo, di grotte carsiche lungo i fianchi tufacei delle lame, hanno fatto di questi siti degli ambienti peculiari anche dell’agro monopolitano, da sempre, come ci ricordano tante testimonianze storiche, luoghi privilegiati per l’insediamento. Lo confermano i numerosi insediamenti rupestri, in parte siti in grotte carsiche e in parte scavati nei fianchi tufacei della lama, i terrazzamenti delimitati dai muretti a secco per le colture arboree, la presenza vicina di masserie fortificate o dimore storiche, con trappeti e ovili in grotta, presenti lungo i cigli delle lame. All’interno della lama sono intervallati tratti in cui è ancora presente una vegetazione naturale, caratterizzata dalle essenze tipiche della macchia mediterranea e tratti coltivati per lo più a uliveti, vigneti e orti.


Riconciliarsi con la natura

Oggi sono asciutte e continuano a canalizzare le acque soprattutto durante le “mene” (grandi precipitazioni di pioggia) trasportando i materiali disgregati. Per la presenza della depressione naturale, sopravvivono ampie tracce di un paesaggio naturale originario, per cui è stato possibile individuare due distinti tipi di ambienti naturali e di ambienti: l’uno “costruito”, localizzato, nel territorio pianeggiante, l’altro “spontaneo” che si estende nella depressione naturale e caratterizzato dalla presenza di specie vegetali a sviluppo naturale come il carrubo, l’alloro, il rovo, il leccio, il fragno, mentre lungo i costoni, nei punti più rocciosi e aridi, crescono piante di caprifoglio, biancospino, asparago selvatico, ecc.. Non mancano erbe aromatiche usate in cucina come timo, menta, salvia, ruta e quelle medicinali come la borragine e la salsaparicina. Piuttosto varia è anche la fauna. Infatti, oltre a specie di animali facilmente adattabili al mutamento delle condizioni ambientali come ad esempio, la volpe, rane, ricci di terra, la lama ospita anche animali più interessanti come, ad esempio, la donnola o la faina. Sempre sotto l’aspetto naturalistico quella della famiglia Barnaba può considerarsi una tra le aree più interessanti della provincia di Bari e la sua biodiversità è una ricchezza da salvaguardare attentamente, per le particolari piante scomparse altrove e che si sono salvate per la difficoltà di raggiungere determinati luoghi della lama e per le condizioni naturali della stessa.

Foto
Accommodation & Tourism Villa Giuliani Resort Agriturismo Di Charme

Villa Giuliani nel cuore della Puglia

Foto
dining Palazzo Riccucci Resort La tradizione incontra l'innovazione: piatti e ingredienti tipici della regione Marche si alternano alle migliori ricette della cucina nazionale e internazionale.
Foto
Accommodation & Tourism Villa Della Porta Tra sogno e realtà, immersi nell’incanto della Penisola Sorrentina
Foto
b&bs B & B Villa Pini - Rooms

Se siete alla ricerca di un luogo accogliente e confortevole, Vi invitiamo a conoscere la tranquillità e le comodità della nostra struttura.

Vi offriamo camere con accesso indipendente, tutte con patio ad uso esclusivo, nel quartiere più silenzioso della città, anche se vicinissimo al centro.

Foto
b&bs Amoredimare Villa B&B Scegli il B&B Amoredimare per scoprire la storia della Puglia e il mare di Polignano a Mare. Situato alle porte della città di Domenico Modugno, il bed and breakfast offre 4 stanze di cui una suite con vasca idromassaggio e balcone. Il B&B Amoredimare ha anche un campo da tennis privato, parcheggio e accesso privato in spiaggia.