Roma capitale europea dei gourmet, Londra perfetta per mettersi a dieta. Carciofi alla giudia, pasta alla carbonara e coda alla vaccinara. Queste e altre prelibatezza hanno conquistato i palati sopraffini dei buongustai europei, che in fatto di preferenze culinarie non hanno dubbi: Roma e’ la vera regina della buona tavola per il 18% degli intervistati.

Non lasciano pero’ indifferenti nemmeno le delicatessen della capitale francese, votata dal 15% degli opinionisti di TripAdvisor e seguita a breve distanza da Barcellona (9%). Meno brillante il piazzamento delle citta’ del Regno Unito in tema di buona cucina: Londra e’ stata votata dal 19% degli intervistati come la citta’ europea con la cucina peggiore, male anche Liverpool e Birmingham i cui piatti sono poco apprezzati dal 5% dei rispondenti.

E’ quanto emerge da un sondaggio di TripAdvisor, il sito di recensioni di viaggio piu’ grande al mondo e la piu’ rinomata community di viaggiatori, condotto su quasi 3mila opinionisti europei, 700 dei quali italiani. Taxi lenti e costosi, automobilisti spericolati e poco attenti ai pedoni che rischiano di turbare la quiete delle lunghe passeggiate a piedi nel centro storico: non c’e’ da stupirsi che la Citta’ Eterna sia stata votata dal 10% dei viaggiatori intervistati come la citta’ europea in assoluto piu’ difficile da visitare.
Ed e’ ancora una punta di diamante del Belpaese a svettare al secondo posto della Top 5 delle metropoli del vecchio continente logisticamente meno adatte ai turisti: e’ Venezia, con i ritmi lenti delle sue calli e dei suoi vaporetti, costosi e poco adatti a spostamenti veloci, votata dall’8% dei rispondenti. A seguire la caotica Atene e la coloratissima Istanbul, a pari merito con il 5% dei voti, e a sorpresa, l’insospettabile Parigi (4%) e da Barcellona (3%).

Foto
notizie DDp The Elves Factory Quando il talento e la passione diventano un mestiere
Foto
notizie Prelibatezze a Bruxelles Le golosità di Amanda Team tengono alto il valore del Made in Italy in Belgio
Foto
notizie C...Que sabe? Tu che sai? I titoli sono tutti passeggeri, ciò che non è passeggero è il lavoro fatto per la diffusione della cultura gastronomica
Foto
notizie Il Giramondo: cibarsi quotidianamente di innovazione, sperimentazione e creatività A Parigi, in rue De Grenelle, vi è un posto speciale chiamato “Il Giramondo” in cui l’arte culinaria italiana è diventata un’istituzione. Da circa, venticinque anni il signor Giuseppe Termini, di origini siciliane, lavora nell’ambito della ristorazione con amore e professionalità. Il Giramondo è nato dall’incontro con la giapponese Seiko con la quale Giuseppe crea quotidianamente nuove ricette, gustose e innovative. Il Giramondo è un ristorante e traiteur in cui Giuseppe e Seiko dal 2008 fondono insieme le loro culture creando piatti inimitabili. Ala base di essi vi è l’attenta selezione di prodotti genuini e di qualità e una creatività inedita che intriga letteralmente il cliente. Presso il Giramondo si respira un’aria familiare e artistica. Il ristorante caldo e accogliente sembra una capanna al mare elegante. La combinazione di legno bianco e pareti in pietra, su cui sono esposte le foto in bianco e nero, dona luminosità all’ambiente. I tavoli in legno grezzo, i lampadari in ottone e le decorazioni regalano un autentico e apprezzato tocco di modernità.