Secondo i dati mensili sulla nascita e mortalità delle imprese italiane, fotografati attraverso Movimprese, la rilevazione statistica condotta per Unioncamere da InfoCamere, riprende ad espandersi la business community italiana. Nei primi 5 mesi del 2010 l’anagrafe delle imprese tenuta dalle Camere di commercio ha registrato un bilancio positivo per 17.235 unità tra nascite e cessazioni, come risultato del saldo tra le 200.652 imprese neonate e le 183.417 che nel periodo hanno cessato l’attività (+0,28%).

Un dato che segna un’inversione di tendenza marcata rispetto al periodo gennaio-maggio dello scorso anno, periodo caratterizzato dall’esplosione della crisi internazionale: nei primi cinque mesi del 2009, infatti, si registrarono circa 14.000 aperture in meno e oltre quattordicimila chiusure in più rispetto al 2010. Recupero delle dinamicità delle iscrizioni e forte diminuzione delle chiusure hanno determinato tra gennaio e maggio di quest’anno un tasso di crescita dello stock delle imprese pari al 0,28% (contro il -0,18% fatto registrare nello stesso intervallo di tempo del 2009), portando il numero delle imprese presenti nei registri camerali, a fine maggio, al valore di 6.087.288 unità.

“A dispetto di una crisi senza eguali, come quella di questi ultimi due anni – ha commentato il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello – gli italiani continuano ostinatamente a cercare nel mercato la via per affermarsi e riscattarsi. Tra i segnali di ripresa che si affacciano in questi mesi, quello che più di ogni altro fa ben sperare è la straordinaria vitalità del tessuto imprenditoriale”. “La condizione perché questo rimbalzo possa durare – ha aggiunto Dardanello – è una sola: mettere l’impresa e il lavoro al centro delle politiche del Paese. Per le imprese, questo significa riconoscerne il ruolo sociale e liberarle da quelle norme inutili che ne frenano la vitalità. Anche per questa via, sarà possibile fare in modo che i vantaggi possano riversarsi più facilmente sul lavoro in termini di salari e occupazione”.

Nel complesso, l’area geografica che più delle altre ha contribuito al saldo del periodo è stata il Nord-Ovest, con 6.832 imprese in più. In termini relativi, e’ stato invece il Centro (+0,53%) a far segnare la crescita più dinamica. Puglia, Liguria, Friuli e Molise le regioni che, tra gennaio e maggio, hanno chiuso i conti dell’anagrafe produttiva con il segno rosso facendo registrare rispettivamente un saldo di 180, 164, 97 e 37 unità in meno. In valore assoluto, i bilanci migliori sono stati quelli della Lombardia (5.655 imprese in più), del Lazio (+4.268) e della Toscana (+1.471). Oltre quota 1000 si attestano anche il Piemonte (+1.331). In termini relativi, la regione più dinamica è il Lazio (+0,72%), seguita da Lombardia (+0,59%) e Umbria (+0,48%). In generale, tutte le 20 regioni italiane hanno fatto registrare un tasso di crescita migliore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Foto
notizie Tartufi "Irene Ragni" Tutta la bontà che cercate
Foto
notizie Una grande novità! In arrivo i sigilli intelligenti di Eccellenze Italiane Un'innovazione che renderà più facile ordinazioni e prenotazioni dei consumatori
Foto
notizie Elda Cantine. L'amore per la terra di Troia ...dalle radici il suo profumo