Il trasporto merci esce dal tunnel della crisi. Dopo quasi un biennio di indicatori negativi, i dati di traffico dell’intero 2010 confermano, infatti, la ripresa economica mondiale gia’ registrata nel primo semestre dell’anno, seppure a ritmi piu’ contenuti. Riparte lentamente il trasporto su gomma (piu’ spedito l’internazionale e il collettame), in significativa ripresa il trasporto marittimo, decisamente sostenuta la crescita del traffico aereo.

Continua, invece, a calare il trasporto su ferro, evidentemente per motivi non piu’ legati alla crisi economica. E’ questo il quadro che emerge dalla nota congiunturale sul trasporto merci del Centro Studi di Confetra. I dati del fatturato mostrano un andamento piu’ elastico di quelli del traffico: il fatturato unitario continua a calare nel trasporto su strada, resta sostanzialmente stazionario in quello su ferro, mentre cresce in quello marittimo e nel traffico aereo.

Se da un lato il trasporto aereo ha fatto registrare un aumento di quasi 140.000 tonnellate di merci rispetto al 2009, dall’altro la ripresa del trasporto marittimo trova conferma nelle stime dell’istituto specializzato sulla navigazione delle portacontainer Alphaliner: a livello mondiale, mentre a dicembre 2009 erano circa 500 le navi all’ancora, con una capacita’ inutilizzata di oltre 1,5 milioni di teu, lo stesso istituto ha stimato, per l’intero 2010, una stiva inutilizzata di circa un milione di teu, ben lontana dai valori di una decisa ripresa, ma comunque ridotta del 33% rispetto al 2009. Anche il transito dei mezzi pesanti attraverso i principali valichi transfrontalieri si stima possa far registrare a fine 2010 un incremento medio intorno al 10 per cento rispetto al 2009.

Fonte: Adnkronos

Foto
notizie A Vienna una Napule mille culure Nella storica città d’arte di Vienna Eccellenze Italiane ha scovato la vera pizza napoletana. Il proprietario Francesco Calo ci ha parlato del suo orgoglio: l’Enopizzeria Via Toledo.
Foto
notizie L’energia rinnovabile? Tutto merito delle mucche Biolectric installa piccoli impianti biogas che trasformano i liquami in energia elettrica e termica
Foto
notizie «La terra del buon gusto», portare l’Italia a tavola Freschezza e genuinità. Burrata, orecchiette e tartufo. Vini italiani ed un menù che asseconda il variare delle stagioni, con delicatezza ed attenzione a tutto ciò che il territorio può offrire. Senza fretta.