Il Ministero dello Sviluppo Economico è pronto ad apportare le necessarie modifiche al decreto legislativo 178 del 2003 per evitare sanzioni europee. Si conclude con un passo indietro da parte del governo italiano, la guerra del cioccolato innescata dalla COmmissione Europea.

La sentenza della Corte di giustizia europea che ha condannato l’Italia per avere autorizzato la denominazione ”cioccolato puro” sulle etichette di prodotti di cioccolata , che invece avrebbero dovuto segnalare anche la presenza di ”altri grassi vegetali oltre al burro di cacao”, ha suscitato le polemiche dei “puristi” del prodotto. Secondo il Codacons e la Confederazione Italiana Agricola la condanna Ue lede gravemente il marchio made in Italy.

L’Italia perciò modificherà la dizione “cioccolato puro” bocciata nei giorni scorsii, ma fortemente voluta dalla aziende italiane in difesa del cioccolato tradizionale fatto solo con burro di cacao e senza l’aggiunta di altri burri vegetali di minor qualità.
Per Guido Gobino , uno dei più noti artigiani del cioccolato a Torino, invece “la Corte di giustizia dell’Unione Europea non ha tutti i torti a bocciare la dicitura “cioccolato puro” sulle etichette. “Quella denominazione – afferma Gobino – un pò di confusione nei consumatori la crea e può anche indurli in errore”. Il Ferran Adrià del cacao, infatti, non l’ha mai usata. ”Ci sembrava inutile scriverla – ha spiegato – perché il consumatore ci conosce. E’ inutile usare un termine che nessuno sa cosa vuol dire. Chi sa spiegare che cosa significa cioccolato puro? I prodotti vengono giudicati in base agli ingredienti utilizzati “.
La direttiva Ue violata dall’Italia
Nel 2000 l’Ue aveva autorizzato gli Stati membri a usare grassi vegetali sostitutivi del burro di cacao nel cioccolato alla sola condizione di indicarlo chiaramente nella lista degli ingredienti. Quando contengono fino al 5% di grassi vegetali diversi dal burro di cacao (detti sostitutivi), la loro denominazione resta immutata, ma la loro etichettatura deve contenere in grassetto la specifica dizione: contiene altri grassi vegetali oltre al burro di cacao.

La direttiva, caso davvero singolare nella storia comunitaria, aveva sostanzialmente trasformato in regola vincolante per tutti gli Stati membri un’eccezione che era stata inizialmente concessa ai soli paesi entrati più tardi nella Comunità europea (in particolare Gran Bretagna e paesi nordici), che commercializzavano su loro territorio cioccolato contenente i grassi sostitutivi, meno cari del burro di cacao. Elaborata dalla Commissione sotto le pressioni delle multinazionali del cioccolato (come la britannica Cadbury, la belga Callebout, la svizzera Nestlé), la direttiva era stata approvata a maggioranza qualificata dal Consiglio Ue, con il voto favorevole dell’Italia.

L’Italia, dopo le proteste dei consumatori e dei ‘puristi’ del cioccolato, aveva varato una normativa che prevedeva la dicitura “cioccolato puro” nelle denominazioni di vendita, o l’aggiunta di questa indicazione in altra parte dell’etichettatura dei prodotti che non contenevano grassi vegetali sostitutivi. La normativa prevede anche ammende da 3mila a 8mila euro in caso di violazione.

La Commissione europea, ritenendo che il consumatore è informato sufficientemente sulla presenza o meno nel cioccolato di grassi vegetali sostitutivi mediante la lista degli ingredienti, e che fosse sproporzionato e contrario alla direttiva l’impiego di una distinta denominazione di vendita, aveva deferito allora l’Italia alla Corte Ue, che le ha dato ragione.

Secondo la Corte perciò, l’aggiunta di grassi sostitutivi a prodotti di cacao e di cioccolato che rispettano i contenuti minimi previsti dalla normativa Ue non può produrre l’effetto di modificarne sostanzialmente la natura, al punto di trasformarli in prodotti diversi e, di conseguenza, non giustifica una distinzione delle loro denominazioni di vendita.

EccellenzeItaliane.com

 

Foto
notizie Ristorante Pizzeria Acqua e Farina: creatività e passione per la tradizione culinaria campana direttamente a Lugano   Motivati dalla loro passione innata per la pizza e l’arte culinaria campana Ilario Aiezza e Simone Sciancalepore hanno deciso di investire la loro professionalità, i loro sogni e le loro energie aprendo il Ristorante Pizzeria Acqua e Farina nel territorio svizzero, precisamente a Lugano. Immersi in un ambiente suggestivo, creativo e giovanile potrete gustare la tradizione culinaria campana rivisitata in chiave moderna.
Foto
notizie L’ Azienda Agricola Scisci e i suoi “Grandi Olii”, la storia di una tradizione secolare   Nel Sud d’Italia, precisamente nella zona di Monopoli (Ba), ricca di alberi di olivi secolari sorge un frantoio la cui gestione familiare si tramanda di generazione in generazione. Vi parliamo dell’Azienda Agricola Scisci che produce ogni anno un olio d’oliva di qualità che ha ottenuto molteplici riconoscimenti e premi sia a livello nazionale che internazionale. Il merito è da rintracciare nell’amore e nella dedizione che il signor Franco Scisci ci mette quotidianamente nel suo lavoro multitasking che spazia dalla produzione alla commercializzazione dei prodotti. Le olive che sono alla base dell’olio della linea “Grandi Olii Scisci” sono le coratine, le peranzane e le pichioline che rappresentano il contesto territoriale pugliese capace di donare tanti prodotti di qualità. Questa linea comprende la selezione di 8 Eccellenze che rendono omaggio alle migliori monoculture del territorio pugliese oltre che la creazione di brand unici. Picholine, Peranzana Biologico e Don Pasquale sono solo alcune delle prelibatezze che hanno portato il marchio Scisci, tra il 2017 e il 2019, a vincere i più prestigiosi premi nazionali e internazionali. (Oro a Biol 2018, Oro a Japan Olive Competition 2019, Oro all’ Evo New York Competition 2019,Gambero Rosso ,Leone d’Oro 2019). Ma il vero capolavoro dei "Grandi Oli"  rimane "L'olio di Mia Figlia". Nato da una dedica personale di un padre, Franco Scisci, a sua figlia Paola Chiara. La sua elegante miscela si è distinta in un concorso con 431 partecipanti provenienti da 17 paesi e ha ricevuto il Best International Coupage North Hemisphere 2019, il premio più prestigioso del settore oleario al mondo.
Foto
notizie Ristorante Da Felice: quando l’appassionante Made in Italy è sinonimo di professionalità Dal 1985 nella città tedesca di Bopfingen, lo chef Felice Catalano con la sua famiglia ha aperto il Ristorante Da Felice dove quotidianamente diffonde il meglio dell’arte culinaria italiana. Le ricette che sono alla base dei piatti prelibati che potete gustare in questo ristorante dall’ambiente elegante, caloroso e accogliente sono quelle tradizionali come il vitello tonnato, le lasagne alla bolognese, il pesto alla genovese, la pasta alla normanna. Tramite il menù variegato del Ristorante Da Felice è possibile intraprendere un viaggio culinario tra i sapori autentici e intramontabili italiani che presentano tutte quante le regioni, dal Trentino Alto Adige alla Sicilia, senza fare differenze. Lo steso vale per i vini ai quali sono dedicate serate di degustazione organizzate con la presenza di sommelier competenti che sanno orientare i numerosi clienti verso il culto del vino e l’accostamento con sapori prelibati e inediti.