Secondo una recente indagine 6 italiani su 10 trascorreranno i prossimi fine settimana e i ponti estivi in agriturismi e masserie immediatamente fuori città. Un cambiamento di stile che potrà incentivare il settore delle eccellenze italiane.
Se fino a qualche tempo fa il 58% degli italiani preferiva la classica capitale europea e quasi uno su due sognava i paradisi esotici extraeuropei, adesso motivi strettamente economici (82%) e legati alla vicinanza (57%) invitano a riscoprire il gusto della qualità enogastronomica (73%) e le eccellenze dei prodotti e degli alimenti tipici italiani.
Ma cosa rappresentano questi piccoli viaggi? Un modo per staccare la spina dalla quotidianità (63%) per scoprire l’Italia e territori vicini ma di fatto sconosciuti (46%). Questo è quanto emerge da uno studio promosso da “VdG Magazine”, condotto su 1700 italiani, donne e uomini dai 18 ai 65 anni, attraverso un monitoraggio su blog, forum, community a cui è stato chiesto come trascorrono i fine settimana liberi dal lavoro e i ponti in occasione delle festività.
Negli ultimi anni gli italiani hanno apportato alcuni cambiamenti nel modo di trascorrere il tempo libero. Infatti circa il 60% ha dichiarato di averlo fatto in maniera sostanziale. Oltre 8 intervistati su 10 hanno indicato come fattore decisivo quello di natura economica (82%), per altri è stata la necessità di trascorrere alcuni momenti lontani dallo smog e dal traffico cittadino (77%) e infine per uno su due è stata la voglia di scappare dalla routine della città (55%).
Nel borsino dei viaggi scendono le mete più gettonate.
In passato 6 italiani su 10 preferivano trascorrere i ponti e le piccole vacanze nelle capitali europee (59%) o soggiornando in località lontane anche fuori dal continente (47%). La depressione economica dovuta alla crisi si è abbattuta anche su ristoranti e pizzerie, tradizione irrinunciabile per ben 7 italiani su 10.
Il cambiamento ha portato a scegliere diversamente i luoghi di vacanza: adesso hanno una fondamentale importanza la tipicità e le caratteristiche della località (63%) e la vicinanza al luogo in cui si vive (57%). Per due italiani su due la scelta ricade anche per la qualità e la peculiarità dei prodotti enogastronomici mentre per 4 su 10 la convenienza è un aspetto imprescindibile.
Eccellenzeitaliane.com

Foto
notizie La Bottega di Dario: il negozio gourmet in cui la tradizione italiana si fonde alla modernità La Bottega di Dario è un negozio da gourmet in cui poter acquistare molteplici prelibatezze Made In Italy. I prodotti della Bottega di Dario sono autentici, genuini e gustosi.  La Bottega di Dario si trova a Wemmel, una cittadina belga a pochi km da Bruxelles Qui potete trovare un vasto assortimento di olio extravergine di oliva, pasta fresca, salumi, formaggi e vini di qualità provenienti direttamente dall’Italia e selezionati con molta attenzione e professionalità nel settore.
Foto
notizie Osteria Il Campo: come educare il popolo belga all’autentico Made in Italy Nella cittadina belga di Liège, in pieno centro, vi è l’Osteria Il Campo del signor Luca Bini che direttamente dalla Toscana ha voluto diffondere con professionalità il Made in Italy all’estero. Il signor Luca Bini gestisce con inesauribile passione ed entusiasmo questo ristorante italiano da circa un anno e tre mesi. Ci mette il cuore in quello che fa e ciò lo trasmette nelle prelibatezze che si possono gustare presso Il Campo.
Foto
ristorazione Piccola Toscana: nel cuore di Parigi un angolo d’Italia Materie prime di qualità, servizio gioviale, ma estremamente professionale. È la formula vincente con cui Giuseppe Caruso, ex ingegnere elettronico passato ai fornelli, ha vinto il derby Italia-Francia in cucina.
Foto
notizie Vino biologico Made in Italy, volano le esportazioni Anche all'estero apprezzano il buon vino.