Secondo una recente indagine 6 italiani su 10 trascorreranno i prossimi fine settimana e i ponti estivi in agriturismi e masserie immediatamente fuori città. Un cambiamento di stile che potrà incentivare il settore delle eccellenze italiane.
Se fino a qualche tempo fa il 58% degli italiani preferiva la classica capitale europea e quasi uno su due sognava i paradisi esotici extraeuropei, adesso motivi strettamente economici (82%) e legati alla vicinanza (57%) invitano a riscoprire il gusto della qualità enogastronomica (73%) e le eccellenze dei prodotti e degli alimenti tipici italiani.
Ma cosa rappresentano questi piccoli viaggi? Un modo per staccare la spina dalla quotidianità (63%) per scoprire l’Italia e territori vicini ma di fatto sconosciuti (46%). Questo è quanto emerge da uno studio promosso da “VdG Magazine”, condotto su 1700 italiani, donne e uomini dai 18 ai 65 anni, attraverso un monitoraggio su blog, forum, community a cui è stato chiesto come trascorrono i fine settimana liberi dal lavoro e i ponti in occasione delle festività.
Negli ultimi anni gli italiani hanno apportato alcuni cambiamenti nel modo di trascorrere il tempo libero. Infatti circa il 60% ha dichiarato di averlo fatto in maniera sostanziale. Oltre 8 intervistati su 10 hanno indicato come fattore decisivo quello di natura economica (82%), per altri è stata la necessità di trascorrere alcuni momenti lontani dallo smog e dal traffico cittadino (77%) e infine per uno su due è stata la voglia di scappare dalla routine della città (55%).
Nel borsino dei viaggi scendono le mete più gettonate.
In passato 6 italiani su 10 preferivano trascorrere i ponti e le piccole vacanze nelle capitali europee (59%) o soggiornando in località lontane anche fuori dal continente (47%). La depressione economica dovuta alla crisi si è abbattuta anche su ristoranti e pizzerie, tradizione irrinunciabile per ben 7 italiani su 10.
Il cambiamento ha portato a scegliere diversamente i luoghi di vacanza: adesso hanno una fondamentale importanza la tipicità e le caratteristiche della località (63%) e la vicinanza al luogo in cui si vive (57%). Per due italiani su due la scelta ricade anche per la qualità e la peculiarità dei prodotti enogastronomici mentre per 4 su 10 la convenienza è un aspetto imprescindibile.
Eccellenzeitaliane.com

Foto
notizie Osteria Da Ralph di Nicola Di Giacomo: esperienza e massima professionalità al servizio del cliente Dopo aver girato per il mondo e aver creato il ricco bagaglio di esperienze nell’ambito della ristorazione, Il signor Nicola Di Giacomo è giunto nella cittadina di Almerimar in Andalusia (Spagna), per creare il suo ristorante italiano dal nome Osteria Da Ralph. In un ambiente confortevole, minimale e al tempo stesso familiare, è possibile esplorare i sapori italiani di pietanze tradizionali come pizza, spaghetti alla carbonara, pesto alla genovese, ragù alla bolognese e pasta fresca ripiena di ortaggi di stagione, tartufo e carne selezionata. Ogni mese il signor Nicola Di Giacomo in persona, si reca in Italia per ricercare il meglio dei prodotti autentici italiani e il vino di qualità al fine di offrire il meglio alla sua numerosa clientela.
Foto
notizie La Divina Commedia: a Lovanio la cucina italiana è un raffinato viaggio gastronomico In Belgio c’è un ristorante che rompe gli schemi: piatti scenografici e innovativi, presentati con grande attenzione, senza rinunciare alla qualità. Oltre alla sala, c’è un’anima street food con la pasta fatta in casa da mangiare “on the go”
Foto
ristorazione Villa Ciardi: dove sognare in grande è un lusso accessibile a tutti A Bisceglie, una prestigiosa dimora storica, immersa nel bosco, è diventata il luogo ideale dove festeggiare ricorrenze, matrimoni, tra atmosfere liberty e sale dalle pareti di cristallo