Incentivare uno stile di vita eco-sostenibile , a cominciare dal tipo di alimentazione passando dai trasporti locali. E’ stata presentata a Bologna la nuova guida “Eco in Città”, un vademecum per aiutare a vivere il più possibile un’esistenza a impatto zero attraverso consigli su dove mangiare, come vestirsi, come muoversi e tanto altro ancora. L’iniziativa si inserisce in un più ampio progetto per la sostenibilità locale.

Il progetto, presentato in Viale Aldo Moro dai consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle dell’Emilia Romagna Giovanni Favia ed Andrea Defranceschi, è finalizzato ad incentivare il consumo dei prodotti agricoli ed agroalimentari a chilometri zero. Il documento, si legge nella relazione, nasce dalla necessità di recepire il generale orientamento comunitario a sostegno dei prodotti agricoli a comprovata sostenibilità ambientale, per i quali sia dimostrabile un ridotto apporto di emissioni di gas ad effetto serra (Ghc) rispetto ad altri prodotti equivalenti presenti sul mercato.

La proposta di legge , composta da sette articoli, ricorda come quelli di filiera corta sono prodotti di qualità ad un costo più economico per chi acquista e più equo per chi vende, in grado quindi di sostenere l’economia locale e portare vantaggi per la salute, la cultura ed il benessere.
La promozione di questi prodotti costituisce l’elemento conduttore di una nuova politica tesa a salvaguardare l’ambiente, ma anche a promuovere la produzione, la commercializzazione ed il consumo di qualità, salvaguardando le tradizioni locali, le strutture produttive artigianali e quindi molta parte del patrimonio di saperi e sapori regionale.
In questo contesto perciò si inserice l’iniziativa bolognese “Eco in Città”.
Da sempre Bologna è conosciuta per la sua qualità della vita e per la sua vivacità, ma non solo. Infatti – ha proseguito Michele Formiglio, sub commissario del Comune di Bologna – secondo la classifica annuale di Ecosistema Urbano pubblicata da Legambiente, si può notare che Bologna è la prima, fra le grandi città italiane, da un punto di vista della mobilità sostenibile.
Ci sono ancora dei punti critici da risolvere, ma questi sono compiti che debbono essere risolti dalle singole amministrazioni. Ciò non toglie che questa guida testimonia la presenza sul nostro territorio di un modo diverso di fare economia, nel rispetto della persona e dell’ambiente.
Marzia Fiordaliso, autrice della guida, ha affermato come le soluzioni e le opportunità ecologiche e sostenibili che offrono le nostre città siano numerose, ma spesso troppo nascoste e poco conosciute e valorizzate. La guida nasce proprio per questo, per dare a tutti uno strumento pratico, concreto e immediato per vivere megio la città, e per rispondere a una domanda che, per fortuna, è in continua crescita.
La guida “Eco in Città” è divisa in sette capitoli che trattano diversi argomenti: abbigliamento, alimentazione, arredamento, cosmesi, mobilità, la formazione, i parchi, i ristoranti. Le città coinvolte nel progetto dopo Roma e Bologna sono otto: Milano, Torino, Firenze, Palermo, Padova, Genova e Reggio Calabria. Il libro è nelle edicole da lunedì prossimo, e lo si può acquistare anche on line, sul sito www.ecoincitta.it.

EccellenzeItaliane.com

Foto
notizie Ristorante Pizzeria Pinseria I Cugini, una cucina mediterranea di qualità dalla Calabria alla Svizzera   Ad Arbon (Svizzera), Michele Navarra e i suoi cugini Mariarosa e Domenico hanno finalmente realizzato il loro sogno nel cassetto, quello di promuovere l’autentico Made in Italy e le loro tradizioni culinarie con un ristorante tutto loro, il Ristorante Pizzeria Pinseria I Cugini. Immersi in un ambiente elegante e suggestivo che ricorda molto la Calabria, presso I Cugini potrete gustare dei prelibati piatti di pesce con alla base ingredienti di qualità, selezionati e importati direttamente dall’Italia. Michele Navarra e i suoi cugini hanno diffuso qui in Svizzera l’autentica pinsa romana fatta con un impasto caratterizzato da tre farine diverse grazie alle quali risulta molto digeribile. Chi ha intolleranze come quella al glutine qui potrà soddisfare qualsiasi desiderio ed esigenza. Presso I Cugini ci sono impasti di pizza e farine speciali che non troverete da nessun’altra parte in Svizzera. E se non volete muovervi da casa è possibile gustare a domicilio l’autentica cucina italiana grazie ad un efficiente servizio delivery. In questo lavoro Michele e i suoi cugini ci mettono ogni giorno tanto impegno e passione. È quest’ultima che fa la differenza in questo settore e che motiva ad andare sempre avanti senza smettere mai di reinventarsi anche nei periodi più difficili, come quello segnato dall’emergenza Covid- 19. Ne parliamo con Michele Navarra in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Pizza Uno a Chênée: dalla Sicilia con amore Nel distretto di Liegi, Domenico Ammavuta tiene alta la bandiera delle grandi tradizioni italiane. Pizza e pasta di prima qualità realizzate rigorosamente “a conduzione familiare”
Foto
notizie Pasticcio - Ristorante Italiano - Weert - Olanda Se è vero che nella vita spesso il fato decide al nostro posto, Francesco Magliocco, titolare del ristorante “Pasticcio” a Weert, nei Paesi Bassi, al caso non ha mai affidato nulla. Figlio d'arte e e fine ricercatore della cucina autentica Italiana, si ribella agli sconvolgimenti esteri della nostra tradizione culinaria e la esalta modernizzandola con estrema creatività. La sua idea di ristorazione ce la spiega in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Trattoria Pizzeria Nuovo Sassari: specialità sarde a Cadice   Trattoria Pizzeria Nuovo Sassari è un locale dove gustare la cucina tradizionale e genuina italiana. La loro cucina si caratterizza per i gusti tradizionali: i piatti vengono preparati con grande cura, dedizione con ingredienti freschi e di alta qualità naturalmente tutti di origine italiana. Il menù del locale offre i grandi piatti della tradizione italiana proveniente da tutto il territorio italiano. Oltre ai classici piatti italiani possiamo trovare anche deliziose pizze tutte realizzate con materie prime di alta qualità di origine italiana. Inoltre, anche la cantina del locale parla italiano e principalmente sardo grazie al Cannonau e ai liquori come il Mirto. Conosciamo meglio le loro origine sarde in questa esclusiva intervista.