giappone-radioattivita
Un’ invenzione che porta fieramente il vessillo del Made in Italy regala nuova speranza al Giappone , dove le fonti idriche circostanti l’area di Fukushima sono state gravemente contaminate da sostanze radioattive a seguito dell’incidente occorso nella centrale nucleare colpita dal disastroso maremoto del marzo 2011.

Il macchinario, i cui dettagli costitutivi sono ancora tutelati dal più stretto riserbo, è stato costruito dall’Ingegnere padovano Aldo Marin , che, dopo aver fatto sperimentare il proprio sistema nei laboratori Arpav di Padova, dall’Università di Pavia e dal Cnr , lo ha voluto contraddistinguere assegnandogli il nome, assai evocativo, di Wow (Wonderful Water) .

Sinteticamente descritto come un “separatore di molecole a unico stadio“, il dispositivo non utilizza il ben noto meccanismo dell’osmosi inversa e non ha affatto bisogno di filtri; dalle anticipazioni emerse si prospetta essere in grado di purificare l’acqua non solo dagli elementi radioattivi, ma anche da qualsiasi altra impurità trasportata.

Fukushima: fuga 300 tonnellate acqua altamente radioattiva

Il ventaglio delle possibilità d’impiego che si apre è a questo punto ampio, comprendendo la depurazione delle acque di fognatura, nonché dei reflui di matrice industriale .

In attesa di conoscere maggiori informazioni, si sa che il primo test su ampia scala verrà portato a termine nel mese di dicembre presso Saluggia, in provincia di Vercelli, dove staziona il deposito di scorie nucleari Avogadro.

In una già avvenuta simulazione, in cui è stata utilizzata come campione un’acqua affetta da contaminazione seimila volte peggiore di quella che ha raffreddato i reattori di Fukushima, l’invenzione ha dato prova delle sue notevolissime capacità, garantendo un abbattimento della concentrazione di Cesio di 7.500 volte nei liquidi trattati.

L’ing. Marin è stato già prontamente convocato a Tokyo per mostrare dal vivo agli scienziati nipponici il funzionamento di Wow.

incidente-fukushimaFukushima. Un’immagine che rievoca lo spaventoso incidente nucleare del 2011

Foto
notizie Italiano Doc La cucina del Bel Paese alla conquista della Cina
Foto
notizie Adella Restaurant: la professionalità nell’arte culinaria italiana a Sofia Situato a Dianabat , il nuovo quartiere residenziale di Sofia, L’Adella Restaurant è un ristorante italiano che rispetta la tradizione della variegata tradizione culinaria italiana. Le sue squisite pietanze spaziano dai primi piatti tradizionali ai secondi di carne o pesce mixati con spezie e prodotti prettamente “Made in Italy” come il pecorino romano, il prosciutto crudo di Parma, la mozzarella di bufala campana, il tartufo.
Foto
notizie Breve guida per l’esportazione dei prodotti alimentari made in Italy Approfondimenti su latte, vino e olio