hands
Nutrire il Pianeta, energie per la vita “, come si sa, è il calzante slogan che contraddistingue la vetrina internazionale dell’ Expo .

Questo sabato 7 febbraio , a meno di 100 giorni dal taglio del nastro previsto per il 1 maggio, la città di Milano fungerà da tavolo d’incontro per tutti i soggetti, gli enti, le istituzioni, i comitati scientifici, il mondo accademico e le organizzazioni coinvolti in vario modo nell’imminente esposizione universale.
L’obiettivo? Tracciare le linee-guida di quello che può essere idealmente definito “il protocollo di Kyoto dell’alimentazione” .

milan-cathedralL’imponente Duomo di Milano, realizzato in stile gotico

Per confrontarsi in unbrainstormingdove i temi focali saranno diritto al cibo, lotta dello spreco, biodiversità sono previsti oltre 500 partecipanti , suddivisi tra la sessione plenaria e quella dei 41 tavoli tematici.
Oltre all’intervento del presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi , atteso nel pomeriggio, sono previsti collegamenti con l’ex presidente del Brasile Lula , il direttore generale della FAO Graziano da Silva e l’Alto rappresentante per gli Affari esteri dell’Unione Europea Federica Mogherini .

Infine, come ciliegina sulla torta, è in scaletta il contributo straordinario di Papa Francesco che affiderà ad un suo videomessaggio le sue riflessioni sui valori dell’equa ripartizione delle risorse e sull’ecosostenibilità a beneficio di nostra Madre Terra.

Secondo gli auspici del ministroMartinala Carta di Milano “proporrà impegni e responsabilità precise su tutti i principali temi della questione alimentare globale e sarà il principale strumento di partecipazione consapevole al dibattito espositivo che interesserà tutti i paesi aderenti, i singoli visitatori, le istituzioni e le realtà nazionali e internazionali coinvolte a vario titolo”.

Un vero e proprio atto di impegno che sarà consegnato ad ottobre direttamente nelle mani del segretario generale dell’Onu , Ban Ki-moon .

Ban Ki-moon 1-2Ban Ki-moon

Foto
notizie Vino biologico Made in Italy, volano le esportazioni Anche all'estero apprezzano il buon vino.
Foto
notizie Casa del Tennis: la tradizione del Made in Italy rivisitata in chiave moderna  A Marbung in Germania, il signor Nino, originario della Campania, ha creato con il suo socio Andrea, un ristorante italiano in cui è possibile gustare piatti prelibati preparati con prodotti freschi e di qualità. Il successo del Made in Italy è dovuto a questo fattore importante sul quale egli punta con il suo ristorante Casa del Tennis sempre pronto a soddisfare le esigenze della clientela. 
Foto
notizie Operacaffè: a San Diego continua la grande tradizione toscana Venticinque anni fa la chef Patrizia Branchi e suo marito hanno “mollato” il ristorante che avevano a Firenze e si sono trasferiti in California. Una scelta difficile, che li ha però condotti al successo
Foto
ristorazione Battlefield Rest: il gusto italiano innova la cucina scozzese In una location unica, una vecchia stazione dei tram, Marco Giannasi ha messo su un continental bistrot che rivisita la materia prima e le tradizioni della Scozia con il know how italico: il risultato sono ravioli all’haddock e cannelloni all’haggis