hands
Nutrire il Pianeta, energie per la vita “, come si sa, è il calzante slogan che contraddistingue la vetrina internazionale dell’ Expo .

Questo sabato 7 febbraio , a meno di 100 giorni dal taglio del nastro previsto per il 1 maggio, la città di Milano fungerà da tavolo d’incontro per tutti i soggetti, gli enti, le istituzioni, i comitati scientifici, il mondo accademico e le organizzazioni coinvolti in vario modo nell’imminente esposizione universale.
L’obiettivo? Tracciare le linee-guida di quello che può essere idealmente definito “il protocollo di Kyoto dell’alimentazione” .

milan-cathedralL’imponente Duomo di Milano, realizzato in stile gotico

Per confrontarsi in unbrainstormingdove i temi focali saranno diritto al cibo, lotta dello spreco, biodiversità sono previsti oltre 500 partecipanti , suddivisi tra la sessione plenaria e quella dei 41 tavoli tematici.
Oltre all’intervento del presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi , atteso nel pomeriggio, sono previsti collegamenti con l’ex presidente del Brasile Lula , il direttore generale della FAO Graziano da Silva e l’Alto rappresentante per gli Affari esteri dell’Unione Europea Federica Mogherini .

Infine, come ciliegina sulla torta, è in scaletta il contributo straordinario di Papa Francesco che affiderà ad un suo videomessaggio le sue riflessioni sui valori dell’equa ripartizione delle risorse e sull’ecosostenibilità a beneficio di nostra Madre Terra.

Secondo gli auspici del ministroMartinala Carta di Milano “proporrà impegni e responsabilità precise su tutti i principali temi della questione alimentare globale e sarà il principale strumento di partecipazione consapevole al dibattito espositivo che interesserà tutti i paesi aderenti, i singoli visitatori, le istituzioni e le realtà nazionali e internazionali coinvolte a vario titolo”.

Un vero e proprio atto di impegno che sarà consegnato ad ottobre direttamente nelle mani del segretario generale dell’Onu , Ban Ki-moon .

Ban Ki-moon 1-2Ban Ki-moon

Foto
notizie Ristorante Polpette: la tradizione di Nonna Rosa dal Golfo di Napoli a Parigi   A Parigi è possibile gustare la vera e autentica cucina napoletana grazie al Ristorante Polpette. Aperto circa due anni fa da Emmanuelle Candido che con esso ha realizzato il suo sogno nel cassetto, quello di diffondere le tradizioni culinarie della sua famiglia proveniente da un piccolo villaggio nel Golfo di Napoli arroccato su una roccia.  Emmanuelle è moto legata all’Italia e alla cucina di sua Nonna Rosa che ogni estate, quando dalla Francia si recava per le vacanze in Italia, le preparava le sue gustose polpette come rituale di benvenuto.
Foto
ristorazione Ai 6 Angoli: Bruxelles love Italian Food! Una passione nata tanti anni fa, trasformata con il tempo in un progetto dal “sapore italiano”: così Piergiorgio ha dato vita, nel centro storico di Bruxelles, ad una speciale trattoria, dove gusto e tradizione si uniscono, nel segno della tradizione marchigiana.
Foto
notizie Lo chef Roberto Lavia: la “creatività” italiana in tutte sue salse Dopo un lungo periodo in giro per il mondo, lo chef italiano Roberto Lavia, circa tre anni fa, ha deciso di aprire il suo primo ristorante, il Ristopizza Junior, in Polonia.