hands
Nutrire il Pianeta, energie per la vita “, come si sa, è il calzante slogan che contraddistingue la vetrina internazionale dell’ Expo .

Questo sabato 7 febbraio , a meno di 100 giorni dal taglio del nastro previsto per il 1 maggio, la città di Milano fungerà da tavolo d’incontro per tutti i soggetti, gli enti, le istituzioni, i comitati scientifici, il mondo accademico e le organizzazioni coinvolti in vario modo nell’imminente esposizione universale.
L’obiettivo? Tracciare le linee-guida di quello che può essere idealmente definito “il protocollo di Kyoto dell’alimentazione” .

milan-cathedralL’imponente Duomo di Milano, realizzato in stile gotico

Per confrontarsi in unbrainstormingdove i temi focali saranno diritto al cibo, lotta dello spreco, biodiversità sono previsti oltre 500 partecipanti , suddivisi tra la sessione plenaria e quella dei 41 tavoli tematici.
Oltre all’intervento del presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi , atteso nel pomeriggio, sono previsti collegamenti con l’ex presidente del Brasile Lula , il direttore generale della FAO Graziano da Silva e l’Alto rappresentante per gli Affari esteri dell’Unione Europea Federica Mogherini .

Infine, come ciliegina sulla torta, è in scaletta il contributo straordinario di Papa Francesco che affiderà ad un suo videomessaggio le sue riflessioni sui valori dell’equa ripartizione delle risorse e sull’ecosostenibilità a beneficio di nostra Madre Terra.

Secondo gli auspici del ministroMartinala Carta di Milano “proporrà impegni e responsabilità precise su tutti i principali temi della questione alimentare globale e sarà il principale strumento di partecipazione consapevole al dibattito espositivo che interesserà tutti i paesi aderenti, i singoli visitatori, le istituzioni e le realtà nazionali e internazionali coinvolte a vario titolo”.

Un vero e proprio atto di impegno che sarà consegnato ad ottobre direttamente nelle mani del segretario generale dell’Onu , Ban Ki-moon .

Ban Ki-moon 1-2Ban Ki-moon

Foto
notizie Pankina: un kasher-gourmet al centro di Tel Aviv Nel quartiere di Dizengoff c’è un ristorante italiano che coccola i suoi clienti con la cucina italiana di pesce, rispettando alla lettera le regole della cucina ebraica
Foto
notizie Ristorante Bella Vita: l’eleganza e la qualità del Made in Italy a Monaco Nella splendida città- stato di Monaco vi è un Ristorante italiano chiamato Bella Vita aperto dalle sette del mattino alle undici di sera in cui è possibile degustare la Vera Cucina Italiana. Molto apprezzati sono gli antipasti e i primi di pasta. Richiestissima è la gustosa pizza che potete mangiare solo qui. E’ una vera e propria garanzia del Made in Italy perché preparata con ingredienti genuini provenienti direttamente dalla nostra nazione. Nell’angolo caffetteria è possibile gustare al mattino, la colazione all’italiana con cappuccino e gustosi croissant. Il nome Bella Vita del ristorante, allude allo stato di benessere e relax che si respira nel suo ambiente accogliente ed elegante in cui il titolare Iacopo La guardia investe il suo tempo e le sue energie quotidiane lasciando trasparire tanta professionalità mista ad entusiasmante passione. A parlarci del successo de La Bella Vita è proprio Iacopo in persona che si proclama molto attento alla continua formazione del suo staff.
Foto
food&wine El Panzerocho: il panzerotto Made in Italy dalla Puglia alla Spagna El Panzerocho è una pizzeria italiana situata nel quartiere universitario e più giovanile di Siviglia in cui è possibile gustare pizze prelibate dai nomi particolari e divertenti come la Brasciola, la Berlusoni, la Pasquale, la Colosseo, la Firenze che richiamano la nostra italianità , molto apprezzata dal popolo spagnolo.
Foto
notizie 'Dolce Vita' a Baku: un'eccellenza per occhi e palato Uno stile inconfondibile in tutto l’Azerbaijan per un ristorante di grido dal design tradizionale e cucina a vista