vespavelutinalittle
Sabato 24 e domenica 25 Piacenza Expo , quartiere fieristico della citta’, ospitera’ una speciale edizione di APIMELL , l’affermata mostra mercato che ogni anno riunisce gli appassionati e i professionisti dell’apicoltura.
Nelle due giornate si potranno trovare in vendita i prodotti di vari settori merceologici: dal miele, la propoli e la cera vergine, ai derivati trasformati in prodotti di farmacia, erboristeria e cosmetica; dalle tecnologie e attrezzature più moderne per organizzare e seguire in maniera completa un apiario, fino all’editoria specializzata.
L’ ape non a caso gode del titolo di regina degli insetti, in quanto sentinella dello stato di salute della biosfera terrestre. Sfortunatamente questa delicata e preziosa funzione, con le ovvie ricadute nella produzione di miele, viene messa da qualche tempo in serio pericolo da una minaccia proveniente da oltralpe: stiamo parlando della vorace e temibile Vespa velutina (Nigrithorax), vero e proprio serial killer di api operaie, che non hanno ancora sviluppato adeguate strategie di autodifesa.
apimell-piacenza
L’insetto assedia gli alveari non lasciando scampo, si mantiene in volo stazionario a qualche decina di centimetri dalla porticina di volo dell’arnia per poter attaccare l’ape bottinatrice nella fase del suo viaggio di ritorno.
L’ape aggredita viene solitamente decapitata e privata di zampe e addome, fungendo il torace rimanente da nutrimento per le larve della vespa.
Le api superstiti, come se non bastasse, subiscono un forte stress che le induce a smettere di nutrirsi e conseguentemente a morire in tempi brevi.

L’ipotesi più probabile è che questo predatore, ben più aggressivo dei calabroni nostrani, sia arrivato insieme a vasellame cinese dalloYunnane che si sia acclimatato senza difficolta’ viste le condizioni climatiche dell’Europa meridionale simili a quelle dell’Asia continentale.
È stata segnalata per la prima volta nelle vicinanze di Bordeaux, Francia, da lì è transitata in Piemonte e Liguria.
Proprio in queste due regioni, team di ricerca Universitaria hanno sperimentato con successo sul campo le bottiglie dotate di tappi TapTrap® ideate dal sig. Roberto Carello.
Le sue biotrappole cromotropiche alimentari si sono dimostrate un efficiente coadiuvante di difesa in agricoltura integrata e un’indispensabile soluzione in agricoltura biologica.

tap-trap
La soluzione ha il pregio di essere economica e completamente naturale , consentendo oltretutto agli operatori la contestuale diminuzione di utilizzo di chemicals, in quanto richiede l’impiego di contenitori di uso quotidiano, quali una bottiglia di plastica o un vaso di vetro per il miele.
L’esca viene preparata utilizzando comuni ed economiche sostanze alimentari naturali, nel caso della vespa velutina si impiegano selettivamente ricette dove figurano birra, zucchero e miele , che viceversa non rischiano di intercettare erroneamente le api.
I lettori che volessero approfondire possono rivolgersi direttamente al sig. Carello presso lo standA-7di Apimell.
www.taptrap.com
Azienda certificata da Eccellenze Italiane con Id Anticontraffazione n. 1944


taptrapdifesadegli apiari-little
Difesa degli alveari mediate TapTrap®

Foto
notizie Celebrities Gold Restaurant: dalla Romagna alla Spagna per diffondere l’autentico Made in Italy Il Celebrities Gold Restaurant a Puerto Banùs, in Spagna, sulla Costa del Sòl. è un posto incantevole in cui poter gustare il Made in Italy autentico grazie ai prodotti freschi, la pasta fatta in casa, la pizza, le assortite piadine romagnole e i dessert prelibati e ricercati. E’ inevitabile non rimanerne ammaliati.Il Celebrities Gold Restaurant nasce dalla fusione dell’esperienza nel campo della ristorazione e dall’amore per l’arte culinaria italiana di due fratelli romagnoli, Luigina e Angelo Lutasini che hanno creato a Riccione il noto Family Hotel.Quella che si respira al Celebrities Gold Restaurant a Puerto Banús, è un'atmosfera calda e familiare merito dell’esperienza, della professionalità e del clima meraviglioso che consente di fermarsi in terrazza per un aperitivo, un brunch o un pranzo vero e proprio in tutti i mesi dell’anno lasciandosi catturare dall’energia vitale del sole.
Foto
notizie Ristorante Gran Sasso Innovazione e creatività al servizio della grande cucina italiana
Foto
notizie Rossini Ristorante Italiano: le ricette tradizionali Made in Puglia direttamente a Glasgow Lo chef Maurizio Rossini è un pugliese verace e cordiale che ci tiene tanto a salvaguardare e diffondere la propria italianità. Dopo aver accumulato tante esperienze pregresse nel campo della ristorazione, si è trasferito a Glasgow, affascinato dal mondo britannico. Nel Luglio 2018 supportato e motivato dalla moglie Ester, ha creato con lei il Rossini Ristorante Italiano. Immersi in un ambiente caloroso e familiare, presso il Ristorante Rossini potete avventurarvi nel sapore inedito delle ricette autentiche pugliesi gustando piatti che non troverete altrove. Alla base di essi vi sono le ricette di famiglia e la selezione di prodotti freschi e genuini. Molto apprezzate sono le orecchiette alla barese con le famigerate cime di rape, le “patate riso e cozze” e l’insalata di calamari. Anche il vino che degusterete presso il Ristorante Rossini è di qualità. Periodicamente Maurizio Rossini organizza serate di degustazione di vini italiani presiedute da sommelier famosi che sono in grado di orientare il cliente verso l’autentico culto del vino Made in Italy.