La produzione industriale ha registrato ad aprile un aumento mensile dell’1 per cento e dell’8,7 per cento annuo il più alto da dicembre 2000. Secondo l’Istat, ad aprile l’indice della produzione industriale destagionalizzato, ha registrato un aumento dell’1% rispetto a marzo 2010; la variazione della media del trimestre febbraio-aprile rispetto a quella dei tre mesi precedenti è pari a + 1,4%.

L’indice della produzione corretto per gli effetti di calendario ha registrato in aprile un aumento tendenziale del 7,8% (i giorni lavorativi sono stati 21 come ad aprile 2009), mentre nei primi quattro mesi la variazione rispetto allo stesso periodo del 2009 è stata di + 4,3% (i giorni lavorativi sono stati 83 come nel 2009). L’incremento tendenziale di aprile è il più alto dal dicembre 2000 quando si era attestato al +8,5%. L’indice grezzo della produzione industriale ha registrato un aumento dell’8,7% rispetto a aprile 2009. Nel confronto tendenziale relativo al periodo gennaio-aprile, l’indice è aumentato del 4,4%. Gli indici destagionalizzati dei raggruppamenti principali di industrie registrano variazioni congiunturali positive per i beni intermedi (+1,8%), per i beni di consumo (+0,7% il totale, +1,1% per i beni non durevoli, -0,7% per i beni durevoli) e per i beni strumentali (+ 0,4%). L’unica variazione negativa (-0,8%) si registra per l’energia. Ad aprile l’indice della produzione industriale ha segnato, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, gli incrementi più marcati nei settori delle apparecchiature elettriche e non elettriche (+ 20,8%), della metallurgia e prodotti in metallo (+17,2%), delle industrie tessili e abbigliamento (+13,8%) e dei computer e prodotti di elettronica e ottica (+13,6%). In diminuzione sono risultati solo i settori della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-4,3%) e dell’industria del legno, carta e stampa (-1%). Dati Confocommercio

Foto
notizie La Genuinità e la Natura dell’Azienda Agricola di Pasqualina Baldo Alle porte delle Langhe, a Morozzo, vicino Cuneo, Pasqualina Baldo ha avviato la sua azienda agricola specializzata nell’allevamento del Cappone di Morozzo, di Galli e Pule. Da anni l’azienda si occupa anche dell’allevamento di Trote e Salmerini in acqua sorgiva.
Foto
notizie Ristorante Bella Vita: l’eleganza e la qualità del Made in Italy a Monaco Nella splendida città- stato di Monaco vi è un Ristorante italiano chiamato Bella Vita aperto dalle sette del mattino alle undici di sera in cui è possibile degustare la Vera Cucina Italiana. Molto apprezzati sono gli antipasti e i primi di pasta. Richiestissima è la gustosa pizza che potete mangiare solo qui. E’ una vera e propria garanzia del Made in Italy perché preparata con ingredienti genuini provenienti direttamente dalla nostra nazione. Nell’angolo caffetteria è possibile gustare al mattino, la colazione all’italiana con cappuccino e gustosi croissant. Il nome Bella Vita del ristorante, allude allo stato di benessere e relax che si respira nel suo ambiente accogliente ed elegante in cui il titolare Iacopo La guardia investe il suo tempo e le sue energie quotidiane lasciando trasparire tanta professionalità mista ad entusiasmante passione. A parlarci del successo de La Bella Vita è proprio Iacopo in persona che si proclama molto attento alla continua formazione del suo staff.
Foto
notizie Pizzeria Napoli nel Cuore a Leeds: l’arte della pizza insita nel nostro Dna Se siete a Leeds e volete gustare la vera pizza italiana, preparata col cuore, non esitate a recarvi presso il Ristorante Pizzeria Napoli nel Cuore gestito da Grazia Rea. Grazia Rea è originaria di Napoli e appartenente ad una famiglia di pizzaioli che si tramanda questo mestiere di generazione in generazione. È giunta qui a Leeds con suo marito, fondatore della celebre Saviano Food Import per diffondere l’autentico Made in Italy. Da meno di un anno e mezzo facendo tanti sacrifici e investendo tanta energia ed emozioni autentiche, ha fondato Napoli nel Cuore.
Foto
notizie Lo chef Marco Giugliano: il Made in Italy stellato raggiunge il Connecticut Il ventottenne Marco Giugliano. chef stellato, originario di Piazzolla di Nola, in provincia di Napoli, persegue ogni giorno la missione di promuovere l’autentico Made in Italy all’estero. Dopo una brillante carriera in giro per il mondo, attualmente Marco è il tanto amato chef del rinomato Ristorante Strega dell’imprenditore Danilo Mongillo, a Bradford, nello stato americano del Connecticut.