La produzione industriale ha registrato ad aprile un aumento mensile dell’1 per cento e dell’8,7 per cento annuo il più alto da dicembre 2000. Secondo l’Istat, ad aprile l’indice della produzione industriale destagionalizzato, ha registrato un aumento dell’1% rispetto a marzo 2010; la variazione della media del trimestre febbraio-aprile rispetto a quella dei tre mesi precedenti è pari a + 1,4%.

L’indice della produzione corretto per gli effetti di calendario ha registrato in aprile un aumento tendenziale del 7,8% (i giorni lavorativi sono stati 21 come ad aprile 2009), mentre nei primi quattro mesi la variazione rispetto allo stesso periodo del 2009 è stata di + 4,3% (i giorni lavorativi sono stati 83 come nel 2009). L’incremento tendenziale di aprile è il più alto dal dicembre 2000 quando si era attestato al +8,5%. L’indice grezzo della produzione industriale ha registrato un aumento dell’8,7% rispetto a aprile 2009. Nel confronto tendenziale relativo al periodo gennaio-aprile, l’indice è aumentato del 4,4%. Gli indici destagionalizzati dei raggruppamenti principali di industrie registrano variazioni congiunturali positive per i beni intermedi (+1,8%), per i beni di consumo (+0,7% il totale, +1,1% per i beni non durevoli, -0,7% per i beni durevoli) e per i beni strumentali (+ 0,4%). L’unica variazione negativa (-0,8%) si registra per l’energia. Ad aprile l’indice della produzione industriale ha segnato, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, gli incrementi più marcati nei settori delle apparecchiature elettriche e non elettriche (+ 20,8%), della metallurgia e prodotti in metallo (+17,2%), delle industrie tessili e abbigliamento (+13,8%) e dei computer e prodotti di elettronica e ottica (+13,6%). In diminuzione sono risultati solo i settori della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-4,3%) e dell’industria del legno, carta e stampa (-1%). Dati Confocommercio

Foto
notizie Pizzeria Vecchia Napoli: uno scorcio d’Italia a Bucarest Dopo anni di studio intenso presso la famosa "Scuola Nazionale Maestri Pizzaioli" di Arezzo, Bogdan Manolescu, ottiene il titolo di "Maestro Pizzaiolo Istruttore".  Nel 2002, insieme a Mihaela, sua moglie di origine napoletana, fonda la pizzeria "Vecchia Napoli" a Bucarest. Il suo periodo italiano è stato di vitale importanza per il suo progetto professionale. La Pizzeria Vecchia Napoli si distingue sul territorio rumeno per la qualità dei prodotti Made in Italy con i quali vengono diligentemente condite le pizze che offre alla sua numerosa clientela. In tutti questi anni di attività Bogdan ha cercato di offrire la vera “pizza italiana” cotta sul forno a legna. Attualmente la pizzeria "Vecchia Napoli" ha oltre 60 tipi di pizza, in grado di soddisfare qualsiasi tipo di esigenza e palato. Notevoli e apprezzate sono le combinazioni di ingredienti che creano mix di sapori inediti e tutti da scoprire. In questa intervista Bogdan Manolescu ci parla della sua esperienza di formazione in Italia e del successo della sua pizzeria lasciando trasparire tanta gratitudine nei confronti della nazione italiana che è sempre nel suo cuore. -
Foto
notizie Rossini Ristorante Italiano: le ricette tradizionali Made in Puglia direttamente a Glasgow Lo chef Maurizio Rossini è un pugliese verace e cordiale che ci tiene tanto a salvaguardare e diffondere la propria italianità. Dopo aver accumulato tante esperienze pregresse nel campo della ristorazione, si è trasferito a Glasgow, affascinato dal mondo britannico. Nel Luglio 2018 supportato e motivato dalla moglie Ester, ha creato con lei il Rossini Ristorante Italiano. Immersi in un ambiente caloroso e familiare, presso il Ristorante Rossini potete avventurarvi nel sapore inedito delle ricette autentiche pugliesi gustando piatti che non troverete altrove. Alla base di essi vi sono le ricette di famiglia e la selezione di prodotti freschi e genuini. Molto apprezzate sono le orecchiette alla barese con le famigerate cime di rape, le “patate riso e cozze” e l’insalata di calamari. Anche il vino che degusterete presso il Ristorante Rossini è di qualità. Periodicamente Maurizio Rossini organizza serate di degustazione di vini italiani presiedute da sommelier famosi che sono in grado di orientare il cliente verso l’autentico culto del vino Made in Italy.
Foto
notizie Chef Rosario Sartore de La locanda de Gusti: “mai dimenticare le proprie origini” La Locanda de’ Gusti è un ristorante italiano situato in un piccolo quartiere di Edimburgo a pochi minuti dalla stazione di Haymarket. È un ristorante caldo e accogliente che ricorda molto le trattorie di Napoli in cui si percepiscono odori e sapori inediti che non tradiscono le proprie origini.