Ecco una mappa dei negozi aperti il Primo Maggio nelle principali città

ROMA : i commercianti possono tenere aperti i negozi. Una facolta’ che pero’ vale solo per il centro storico e le zone adiacenti le basiliche di San Pietro, San Paolo e San Giovanni. Vietata poi ogni forma di commercio ambulante nei municipi coinvolti da cerimonie e manifestazioni legate alla beatificazione e alla festa dei lavoratori.

MILANO : i negozi potranno restare aperti dopo che il comune ha concesso una deroga alla chiusura festiva dei negozi. Ma e’ scontro con i sindacati.
FIRENZE : i negozi aperti nel centro storico. Chiusi, invece, per la festa del Lavoro i musei statali, mentre l’apertura di quelli comunali potrebbe essere messa in forse dallo stop dell’Unione sindacale di base.
TORINO : i commercianti che lo vorranno potranno tenere aperti i negozi: cosi’ e’ stato deciso da una delibera comunale nell’ambito delle celebrazioni per i 150 anni.
NAPOLI : il rischio che i commercianti decidano di non aprire i negozi e’ alto per l’emergenza dei rifiuti. L’invito dell’Ascom e’ per l’apertura. Piu’ cautela da parte della Confesercenti.
POTENZA : i negozi resteranno chiusi secondo quanto prevede una delibera dell’amministrazione comunale; sara’ invece aperto al pubblico il nuovo centro commerciale ‘Polo Lucania’, nella zona industriale di Tito (Potenza). L’apertura degli esercizi commerciali sara’ facoltativa a Matera.
CAGLIARI : apertura facoltativa dei negozi al dettaglio, mentre vi sara’ la chiusura delle grandi strutture di vendita, quali lecitta’ mercato.
PERUGIA : i negozi resteranno chiusi. La questione era stata definita con un’ordinanza del sindaco del novembre scorso.
GENOVA : apertura degli esercizi pubblici facoltativa. I negozi di vicinato, invece, per restare aperti dovranno chiedere una deroga al Comune BARI : negozi rigorosamente chiusi domenica prossima. Qualche polemica si registra invece nel Salento e in particolarea Lecce, complice il fatto che nell’ultimo weekend il ‘taccod’Italia’ e’ stato preso d’assalto dai turisti e che qualche commerciante che aveva deciso di tenere aperto e’ stato multato.

Fonte: ANSA

Foto
notizie "Corte dei venti", il legame indissolubile tra terra e vino Il nome deriva dalla particolare confluenza dei venti che costantemente soffiano in questa zona
Foto
notizie Casa del Tennis: la tradizione del Made in Italy rivisitata in chiave moderna  A Marbung in Germania, il signor Nino, originario della Campania, ha creato con il suo socio Andrea, un ristorante italiano in cui è possibile gustare piatti prelibati preparati con prodotti freschi e di qualità. Il successo del Made in Italy è dovuto a questo fattore importante sul quale egli punta con il suo ristorante Casa del Tennis sempre pronto a soddisfare le esigenze della clientela. 
Foto
notizie Ciao bella Hofheim: un pieno di autentici e gustosi in Germania Ciao Bella Hofheim si conferma da anni uno dei migliori negozi di specialità italiane in Germania. Qui potete trovare un vasto assortimento di formaggi, salumi, pasta, pane, biscotti, vini di qualità. Stefano Carletta è un grande promotore del Made in Italy all’estero e un amante della dieta mediterranea. Nel laboratorio artigianale del suo negozio prepara i cantuccini più deliziosi del mondo oltre ad un vasto assortimento di dolci, prodotti da forno, piatti d’asporto o per catering. Stefano è anche un abile e creativo pasticcere che investe la sua fantasia e passione per l’arte pasticcera italiana nella preparazione di torte bellissime e gustose per soddisfare qualsiasi tipo di esigenza e preferenza. In questa interessante intervista Stefano Carletta ci parla delle difficoltà nella diffusione dei veri prodotti italianai in Germania e di come il suo mestiere richiede molta inventiva e passione.