Si è conclusa nella serata di ieri la terza edizione del Premio Made in Italy accompagnata da presenze illustrissime e da un certo entusiasmo anche da parte degli addetti ai lavori, sicuri da settimane di trovarsi davanti a una edizione “in tono maggiore” di un evento che premia le eccellenze italiane, che quest’anno ha avuto come scenario il suggestivo centro storico di S. Agata dei Goti.

Serata di Gala, quella di ieri sera. Si è parlato di temi di attualità di grande interesse tra gli ospiti e presenze eccellenti che hanno visitato la città ed apprezzato il suo centro storico. Il primo Premio è andato alla solidarietà, ad UNICEF, la principale organizzazione mondiale per la tutela dei diritti e delle condizioni di vita dell’infanzia e dell’adolescenza. Melania Petriello, rappresentante nazionale di Younicef, ritirando il premio consegnato dal Consigliere Provinciale Renato Lombardi ha detto: “La nostra organizzazione è caratterizzata da una strategia volta a dare ai diritti concreta realizzazione in tutte le fasi dello sviluppo della persona e in tutte le circostanze, situazioni di emergenza comprese.”

Dalla solidarietà alla scienza.
Il premio per questa categoria è stato assegnato al Professor Udisti per la ricerca in Antartide sui cambiamenti climatici. Il professor Udisti, che ha ricevuto il premio dalle mani dell’Assessore comunale Mario Petti, ha ringraziato per il riconoscimento ricevuto: “Non è un premio a me personalmente ma alla ricerca tutta che non sta vivendo il migliore dei periodi. Un mese fa il nostro gruppo di ricerca ha ricevuto dalle mani del Presidente della Repubblica Napolitano e dal Ministro Prestigiacomo, il premio come ambasciatori della biodiversità”.
Per la categoria moda, il premio se l’è aggiudicato il Presidente della Camera Nazionale della Moda, Mario Boselli. A ritirare questo premio, consegnato dal Sindaco Valentino, Saverio Moschillo, Vice Presidente Vicario della Camera Nazionale della Moda ed imprenditore socio dello stilista inglese Richmond, irpino di origine: “Da tanto tempo non vivevo simili emozioni. Noi italiani se siamo coesi siamo in gamba, furbi, scaltri, intelligenti, veloci e molto determinati e ciò ha fatto sì che molti siano riusciti a raggiungere importanti risultati. Voglio dire ai giovani presenti che con l’onestà e la costanza i risultati si raggiungono. L’onestà paga ma col tempo”.
La personalità dell’anno è stata Massimo Di Risio della DR Motor Company, azienda italiana fondata nel 2006 a Macchia d’Isernia che importa e assembla su licenza Chery modelli di autovetture commercializzandole in Italia con il proprio marchio. A ritirare il premio la responsabile stampa del gruppo DR Motor ed un’assistente di Di Risio.
Per la categoria giornalismo, il premio è andato all’Ansa. A ritirarlo Mimmo Ragozzino, giornalista: “Spesso chi fa cronaca è abituato a parlare di cattive notizie. Questo bellissimo evento, invece, meriterebbe l’home page del notiziario.
Per l’ultima categoria, cultura, il premio è andato a Daniele Maria Renzoni, Direttore di Rai International: “siamo in una grande cornice di eccellenza italiana.

Foto
notizie Le Sorrento: l’autentica cucina campana che lascia il segno   Ciò che contraddistingue un ristoratore italiano all’estero è l’amore per l’autentico Made in Italy offerto ogni giorno alla propria clientela selezionando prodotti freschi e genuini. Ne sanno qualcosa Palmina Vespoli e suo marito che dal 2006 gestiscono con professionalità e creatività un ristorante italiano chiamato Le Sorrento in Normandia nella cittadina di Havre.
Foto
notizie L’Angolo Italiano di Guido Parisi: una continua esplorazione dei sapori del Sud Italia in Danimarca L’Angolo Italiano è il ristorante ideale in Danimarca, nella cittadina di Vejle, in cui avventurarsi col palato nelle regioni meridionali del nostro bel Paese. Qui da anni. il signor Guido Parisi offre alla sua clientela il sapore autentico Made in Italy con piatti prelibati preparati con ingredienti genuini, selezionati con esperienza e attenzione.
Foto
notizie Trattoria Il Giardino: l’arte culinaria italiana come “missione di vita” La signora Isabella Lepore ha fatto dell’arte culinaria italiana la sua “missione di vita”. Dopo un prezioso periodo di formazione e lavoro nel campo della gastronomia in Italia, ha voluto portare con sé il suo bagaglio esperenziale in Germania. Nella cittadina tedesca di Nastatten. ha aperto la Trattoria Il Giardino, il suo regno culinario. In esso ogni giorno prepara pranzi e cene basati sulle ricette tradizionali apprese in Italia.
Foto
notizie Ristorante Al Capone, le autentiche ricette italiane approdano in Polonia   Nella città polacca di Warszawa è possibile gustare i piatti tradizionali che rappresentano l’autentica cucina italiana nel mondo presso il Ristorante Al Capone dove il Campione di Pizza d’Italia, chef Marco, vi saprà guidare con esperienza e professionalità in un viaggio tra i sapori autentici del nostro Paese. Il menù del ristorante Al Capone è studiato con minuzia e competenza e consente al cliente di spaziare tra le ricette più gustose che vale la pena assaggiare e di cui non può fare a meno di innamorarsi. Mangiare presso Al Capone infatti significa scoprire ingredienti genuini e naturali che vengono selezionati e importati direttamente dall’Italia. Il signor Marco ci tiene tanto a garantire l’autenticità di un Made in Italy che in base alla sua esperienza all’estero ci racconta che va tutelato. Egli non condivide le scelte di chi spaccia per ”italiano” ciò che non ha nulla a che fare con la “tradizione” che si tramanda con tanto amore e passione di generazione e generazione. Del suo concetto di “autentico Made in Italy” e dell’amore per le ricette tradizionali italiane ci parla in questa esclusiva intervista.