La crisi legata al latte colpisce anche i settori ad esso collegati. Quello della Pastorizia è probabilmente quello maggiormente colpito dalla crisi economica che ha investito il nostro paese. Le cause di questa situazione sono da ricercare in una cattiva gestione della filiera ed uno scarso interesse verso questo settore che è composto da 70mila allevamenti italiani dove vengono allevate quasi 7 milioni di pecore.

Per la prima volta i pastori italiani si sono dati appuntamento a Roma per una grande manifestazione organizzata davanti alMinistero delle Politiche Agricolecon l’obiettivo di portare le loro testimonianze sulla drammatica situazione in cui verte tutto il settore pastorizio.

A coordinare la protesta a Roma c’è la Coldiretti . Sono già un migliaio i pastori giunti a Roma dalla Sardegna, Lazio, Toscana, Sicilia, Umbria e da altre Regioni italiane per manifestare davanti del Ministero a sostegno della piattaforma presentata dalla Coldiretti, rappresentata dal presidente Sergio Marini che presenterà il rapporto sullo stato d’arte del settore. La crisi derivata dalle famigerate “quote latte” ha colpito il settore della pastorizia italiana in maniera importante, causando un calo del 30% sul numero totale dei pastori in Italia.
I numeri della Coldiretti. A Roma per difendere un patrimonio economico, sociale, ambientale e culturale unico del Made in Italy . I ritardi e le debolezze sul piano istituzionale – denuncia la Coldiretti – stanno lasciando spazio a comportamenti speculativi a livello industriale che mettono a rischio la stabilità sociale di interi territori. In Sardegna, dove si produce quasi la metà del latte di pecora, che – spiega la Coldiretti – vengono riconosciuti agli allevatori 60 centesimi di euro al litro ben al di sotto dei costi di produzione e su valori inferiori del 25 per cento rispetto a due anni fa, mentre la carne di agnello deve subire la concorrenza sleale delle produzioni estere che vengono spacciate come nazionali per la mancanza dell’obbligo di indicare in etichetta l’origine a differenza di quanto avviene per la carne bovina.
La protesta di Roma. I pastori porteranno il frutto del proprio lavoro con tutti i diversi tipi di pecorino prodotti nelle diverse regioni e ci sarà anche la presenza di una rappresentanza delle sette milioni di pecore italiane a rischio di scomparsa. Infatti da ogni pecora si ottiene circa un litro di latte al giorno, che viene sottopagato fino a circa 60 centesimi al litro, mentre solo i costi di allevamento si avvicinano all’euro. Tutto questo rende insostenibile l’allevamento di ovini in Italia e rischia di creare nuovi disoccupati per lo Stato italiano. La prima regione di allevamento in Italia è la Sardegna con 3 milioni di quintali, Sicilia con 700mila quintali, il Lazio con 600mila, la Toscana con 500mila.
Le proposte. Valorizzazione dell’agnello italiano; identificare le diverse tipologie in Italia con un sistema obbligatorio di regolamentazione tramite etichette che dia la possibilità al consumatore di distinguere e scegliere consapevolmente il prodotto italiano da quello proveniente da paesi terzi. Nuova regolazione dei Piani di sviluppo rurale (Psr) in modo da ottimizzare alcune fasi della categoria come lo stoccaggio e l’accesso al credito. Investimenti nelle energie rinnovabili in modo da abbattere i costi energetici impiegati dagli allevamenti. Incentivare una nuova politica di filiera corta, in modo da contenere i costi al consumo e al tempo stesso non gravare sui produttori diretti.
Salvare i pastori non è una questione di romanticismo, ma una necessità per il settore agricolo-alimentare in Italia se si vuole garantire il tanto inflazionato Made in Italy.
REDAZIONE
 

Foto
notizie Rossini Ristorante Italiano: le ricette tradizionali Made in Puglia direttamente a Glasgow Lo chef Maurizio Rossini è un pugliese verace e cordiale che ci tiene tanto a salvaguardare e diffondere la propria italianità. Dopo aver accumulato tante esperienze pregresse nel campo della ristorazione, si è trasferito a Glasgow, affascinato dal mondo britannico. Nel Luglio 2018 supportato e motivato dalla moglie Ester, ha creato con lei il Rossini Ristorante Italiano. Immersi in un ambiente caloroso e familiare, presso il Ristorante Rossini potete avventurarvi nel sapore inedito delle ricette autentiche pugliesi gustando piatti che non troverete altrove. Alla base di essi vi sono le ricette di famiglia e la selezione di prodotti freschi e genuini. Molto apprezzate sono le orecchiette alla barese con le famigerate cime di rape, le “patate riso e cozze” e l’insalata di calamari. Anche il vino che degusterete presso il Ristorante Rossini è di qualità. Periodicamente Maurizio Rossini organizza serate di degustazione di vini italiani presiedute da sommelier famosi che sono in grado di orientare il cliente verso l’autentico culto del vino Made in Italy.
Foto
notizie Pensione Ristorante Pizzeria Toscana: l’amore intramontabile per il Made in Italy Lotfi Aboudi, dopo aver maturato la propria esperienza di pizzaiolo e ristoratore in Italia, ha deciso di concretizzare il suo progetto ambizioso di diffondere il Made in Italy in Slovacchia precisamente nella città di Nitra. Quando giunse nel 93 in questa zona, il Made in Italy era del tutto sconosciuto. Lofti si è rimboccato le maniche e con coraggio e perseveranza ha creato un ristorante italiano con annessa una pensione suggestiva in cui i suoi clienti possono soggiornare in pieno relax lasciandosi coccolare dalla sua cucina Made in Italy e dalle attrattive del posto, la Pensione Ristorante Pizzeria Toscana. La Pensione Ristorante Pizzeria Toscana offre due camere triple, 5 camere doppie e un appartamento. Le camere sono dotate di aria condizionata, spaziose con la possibilità di un letto supplementare o di un letto per bambini. Sono moderne e arredate in modo confortevole con tutti gli accessori. Ogni camera ha il proprio bagno con doccia, TV, satellite, minibar. Tutte le camere sono dotate di connessione WIFI. Basta affacciarsi dalla finestra della pensione Toscana per godere di un paesaggio indimenticabile e naturale degno di essere immortalato.
Foto
notizie Ristorante Pizzeria Le Castelle da Amedeo: amore e passione quotidiana al servizio del Made in Italy Nella cittadina tedesca di Langenpreising, vi è il Ristorante Pizzeria Le Castelle da Amedeo, in cui il signor Amedeo e sua moglie Maria Rita vi accompagneranno con cordialità e passione per intraprendere un “viaggio inedito” tra i sapori della cucina italiana. Immersi in un ambiente accogliente e familiare potrete gustare i piatti tipici italiani preparati con prodotti freschi e genuini provenienti direttamente dalla tanto amata Italia. Il Ristorante Pizzeria Le Castelle alterna un menù tradizionale ad uno speciale in cui ogni settimana propone piatti appartenenti alla cultura culinaria italiana, rivisitati in chiave moderna. Questi piatti sono così gustosi ed esclusivi. Potrete gustarli sono in questo ristorante indimenticabile in cui tornare diventa sempre un’esperienza piacevole e gustosa.