La crisi legata al latte colpisce anche i settori ad esso collegati. Quello della Pastorizia è probabilmente quello maggiormente colpito dalla crisi economica che ha investito il nostro paese. Le cause di questa situazione sono da ricercare in una cattiva gestione della filiera ed uno scarso interesse verso questo settore che è composto da 70mila allevamenti italiani dove vengono allevate quasi 7 milioni di pecore.

Per la prima volta i pastori italiani si sono dati appuntamento a Roma per una grande manifestazione organizzata davanti alMinistero delle Politiche Agricolecon l’obiettivo di portare le loro testimonianze sulla drammatica situazione in cui verte tutto il settore pastorizio.

A coordinare la protesta a Roma c’è la Coldiretti . Sono già un migliaio i pastori giunti a Roma dalla Sardegna, Lazio, Toscana, Sicilia, Umbria e da altre Regioni italiane per manifestare davanti del Ministero a sostegno della piattaforma presentata dalla Coldiretti, rappresentata dal presidente Sergio Marini che presenterà il rapporto sullo stato d’arte del settore. La crisi derivata dalle famigerate “quote latte” ha colpito il settore della pastorizia italiana in maniera importante, causando un calo del 30% sul numero totale dei pastori in Italia.
I numeri della Coldiretti. A Roma per difendere un patrimonio economico, sociale, ambientale e culturale unico del Made in Italy . I ritardi e le debolezze sul piano istituzionale – denuncia la Coldiretti – stanno lasciando spazio a comportamenti speculativi a livello industriale che mettono a rischio la stabilità sociale di interi territori. In Sardegna, dove si produce quasi la metà del latte di pecora, che – spiega la Coldiretti – vengono riconosciuti agli allevatori 60 centesimi di euro al litro ben al di sotto dei costi di produzione e su valori inferiori del 25 per cento rispetto a due anni fa, mentre la carne di agnello deve subire la concorrenza sleale delle produzioni estere che vengono spacciate come nazionali per la mancanza dell’obbligo di indicare in etichetta l’origine a differenza di quanto avviene per la carne bovina.
La protesta di Roma. I pastori porteranno il frutto del proprio lavoro con tutti i diversi tipi di pecorino prodotti nelle diverse regioni e ci sarà anche la presenza di una rappresentanza delle sette milioni di pecore italiane a rischio di scomparsa. Infatti da ogni pecora si ottiene circa un litro di latte al giorno, che viene sottopagato fino a circa 60 centesimi al litro, mentre solo i costi di allevamento si avvicinano all’euro. Tutto questo rende insostenibile l’allevamento di ovini in Italia e rischia di creare nuovi disoccupati per lo Stato italiano. La prima regione di allevamento in Italia è la Sardegna con 3 milioni di quintali, Sicilia con 700mila quintali, il Lazio con 600mila, la Toscana con 500mila.
Le proposte. Valorizzazione dell’agnello italiano; identificare le diverse tipologie in Italia con un sistema obbligatorio di regolamentazione tramite etichette che dia la possibilità al consumatore di distinguere e scegliere consapevolmente il prodotto italiano da quello proveniente da paesi terzi. Nuova regolazione dei Piani di sviluppo rurale (Psr) in modo da ottimizzare alcune fasi della categoria come lo stoccaggio e l’accesso al credito. Investimenti nelle energie rinnovabili in modo da abbattere i costi energetici impiegati dagli allevamenti. Incentivare una nuova politica di filiera corta, in modo da contenere i costi al consumo e al tempo stesso non gravare sui produttori diretti.
Salvare i pastori non è una questione di romanticismo, ma una necessità per il settore agricolo-alimentare in Italia se si vuole garantire il tanto inflazionato Made in Italy.
REDAZIONE
 

Foto
notizie Il Tartufo: frutto prezioso della terra dalle origini antichissime Noto fin dai tempi antichi, il suo profumo inconfondibile inebria i sensi e riesce ad esaltare qualunque pietanza.
Foto
notizie Ristorante Pizzeria Bella Ciao, un viaggio tra le specialità siciliane e non solo in Francia   Nella cittadina francese di Meaux, c’è un posto speciale in cui scoprire le specialità culinarie siciliane e non solo. Vi stiamo parlando del Ristorante Pizzeria Bella Ciao. Immersi in un luogo suggestivo in cui si respira convivialità e giovialità, potrete intraprendere un vero e proprio “viaggio” tra i sapori e odori tipici del nostro Paese. Dopo una ventennale esperienza pregressa nell’ambito della ristorazione e animato dall’amore autentico nei confronti della cucina, il signor Lopez con suo padre, suo più grande mentore professionale, ha aperto questo ristorante con l’intento di far conoscere in Francia le innumerevoli specialità che caratterizzano la nostra arte culinaria. Ogni giorno orienta i suoi clienti verso il “mangiare bene e genuino”, consentendo loro di esplorare la cucina mediterranea che per gusto ed effetti benefici sulla nostra salute vale la pena essere conosciuta e gustata. Presso il Ristorante Bella Ciao potrete gustare una pizza di qualità con alla base ingredienti al 100% Made in Italy e tante delizie siciliane come gli arancini, una grande varietà di primi e secondi che rispettano a pieno le tradizioni di una terra che il signor Lopez ama far conoscere e che ama profondamente. Ce lo racconta in questa esclusiva intervista che trasuda passione e motivazione nel diffondere il vero made in Italy in Francia.
Foto
notizie Maritozzo: il gusto italiano che scalda il cuore della Russia Un ambizioso progetto gastronomico concepito per coccolare il cliente a 360 gradi, dalla mattina fino a tarda notte
Foto
notizie Salumi Emmedue: gusto, tradizione, genuinità   «Non dobbiamo mai dimenticare le nostre origini, né lasciare da parte l'artigianalità. Sono ciò che ci definisce, il nostro punto di forza, e ne siamo particolarmente fieri».