E’ il pugliese Michele Raguso, imprenditore cerealicolo di Gravina di Puglia, in provincia di Bari, il finalista, nella categoria ‘Oltre la Filiera’, di OSCAR GREEN 2010, che anche per quest’anno ha avuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. La premiazione avvenuta oggi a Roma, alla presenza del Presidente Nazionale della Coldiretti, Sergio Marini e del Ministro dell’Agricoltura, Giancarlo Galan.

“Ho deciso da circa un anno – racconta con soddisfazione il giovanissimo Michele Raguso, nato nel 1986 ad Altamura – di traghettare il mio prodotto agricolo di qualità oltre la filiera, trasformando il grano in pasta, la vera pasta che è divenuta appunto la ‘PASTA VERA’. La mia giovane impresa, ereditata in parte da mio padre circa 2 anni fa, ha subito immediatamente una brusca inversione di tendenza. Di fatto ho deciso di trasformare l’attività da semplice azienda agricola dedicata esclusivamente alla produzione di cereali, in un’azienda di trasformazione dei cereali stessi che ha portato alla nascita dell’ormai famosa ‘Pasta Vera’, pubblicizzata anche da Checco Zalone alla presentazione del suo ultimo film ‘Cado dalle nubi’.

Partendo dal prodotto agricolo di base, dal grano, attraverso una lavorazione tradizionale sia in fase di macinazione – attraverso la macina di un mulino degli anni ’50 a soli 7 passaggi (in fase di lavorazione una temperatura più bassa preserva le qualità organolettica del prodotto finito) che di pastificazione, attraverso trafilatura in bronzo ed essiccazione lenta”.
Il 35 percento delle imprese agricole pugliesi è condotto da giovani; le giornate di lavoro in cui sono impegnati lavoratori agricoli tra i 20 ed i 40 anni sono 4.907.478, quasi la metà rispetto al totale di 11-12 milioni di giornate lavorative l’anno (pari al 15% del totale nazionale). Numeri ragguardevoli per un settore che ha vissuto negli anni un processo di invecchiamento che pareva inarrestabile.
“Il processo di rigenerazione del settore agricolo che ha nei giovani imprenditori gli attori principali – commenta il Presidente della Coldiretti Puglia, Pietro Salcuni – va accompagnato da mirate azioni incentivanti che diano risalto alle professionalità esistenti e promuovano un nuovo modo di fare impresa. I giovani imprenditori agricoli, attenti all’innovazione e agli strumenti per aumentare la competitività sui mercati nazionali ed internazionali, intendono contribuire alla costruzione di un forte SISTEMA PUGLIA basato sulle risorse del territorio, sui servizi innovativi e sulla forte distintività delle eccellenze e delle produzioni tipiche di qualità del sistema agricolo pugliese”.
“Il fatto che anche nel 2010 siano nate più imprese agricole che industriali – spiega Antonio De Concilio, Direttore della Coldiretti Puglia – dimostra la capacità di crescita e innovazione del settore e del ruolo anticiclico del settore primario che sta attraversando una fase di profondo cambiamento grazie all’ampliamento del campo di attività dalla semplice coltivazione ed allevamento a quella di trasformazione e vendita, ma di cura dell’ambiente, didattiche, ricreative e sociali. Alla scomparsa di molte aziende marginali fa da contraltare a nascita di imprese estremamente innovative spesso condotte da giovani che rispondono alle nuove domande di sicurezza alimentare e ambientale dei cittadini”.

Fonte: Italian Network

Foto
notizie Borgia Ristorante Milano, dove la tradizione della cucina mediterranea si sposa con la moderna creatività   Dalla fusione de L’ Isola 56 con il Tasting House nasce il Ristorante Borgia a Milano, in via George Washington. Questo è il luogo in cui la tradizione della cucina mediterranea si sposa con un creativo concetto di modernità. Il nome è quello della prestigiosa famiglia fondatrice. Il pittogramma di accompagnamento, simbolo dell’arsenico nella tavola periodica, è un sottile riferimento a Lucrezia Borgia, abile manipolatrice di erbe e veleni. Il menù del Ristorante Borgia è in continua evoluzione. È tutto da scoprire ed esplorare. Sarà capace di soddisfare la vostra curiosità e tutte le vostre esigenze di gusto e sapore. Nella progettazione di esso si presta molta attenzione alla selezione delle materie prime per offrire ai clienti qualità e genuinità. Accanto ai prodotti italiani più iconici come il Fassone Piemontese –presidio Slow Food- troverete materie prime provenienti da Paesi lontani come la carne di Wagyu giapponese. Le deliziose e originali pietanze saranno accompagnate da un’ottima selezione di vini biologici, naturali e artigianali, birre e oltre 200 tra i migliori distillati. Immersi in un ambiente dal design minimal caratterizzato da colori tenui e i materiali di altissimo pregio potrete partecipare nei prossimi mesi ad una serie di eventi e degustazioni gastronomiche in cui il cibo si tramuta in una esperienza indimenticabile in grado di suscitare inedite emozioni. Del progetto evolutivo del Ristorante Borgia, del nuovo menù che valorizza i gusti e i desideri personali e di come sia importante il fattore umano in questo settore ci parla in questa intervista il signor Edoardo.
Foto
notizie L’eccellenza italiana in una calzatura: nasce il calzolaio 3.0 Storie di chi ama la sua terra e, per tornarvi, si reinventa con un’idea imprenditoriale d’altri tempi
Foto
notizie Pizzeria Da Filippo e Antonio in Germania: come gustare una pizza al 100% italiana, direttamente a casa Se siete nella città tedesca di Wuppertal, a pochi km da Colonia e, dopo una giornata frenetica e stressante, avete voglia di pranzare o cenare con una pizza gustosa direttamente nella vostra accogliente abitazione, potete farlo grazie alla Pizzeria Da Filippo e Antonio. Essa offre un efficiente servizio d’asporto e catering per feste di compleanno ed eventi. La Pizzeria Da Filippo e Antonio è gestita con tanta passione e professionalità dal signor Filippo Vitali.  È aperta da soli otto mesi ma sta già riscuotendo tanto successo. La pizza che gusterete qui è la pizza al 100% italiana, ben lievitata, cotta sul forno a legna e condita con prodotti freschi e genuini importati direttamente dalla Campania.
Foto
notizie Salumi Emmedue: gusto, tradizione, genuinità   «Non dobbiamo mai dimenticare le nostre origini, né lasciare da parte l'artigianalità. Sono ciò che ci definisce, il nostro punto di forza, e ne siamo particolarmente fieri».