scaffali_supermercato

Lascia parecchio perplessi l’introduzione della recente normativa comunitaria che rivoluziona la fornitura di informazioni sugli alimenti (Reg. UE 1169/2011).
Si tratta veramente di un aiuto offerto ai consumatori?
E’ fuor di dubbio che l’applicazione delle norme europee da un lato consente di stipare molti più dettagli all’interno dell’etichetta, ma paraddosalmente mette pesantemente a rischio l’autenticità del made in Italy , poiché l’indicazione di provenienza non sarà più obbligatoria per numerosi comparti merceologici.

Lanciando un grido di allarme, Coldiretti sciorina dati che fanno riflettere: attualmentedue prosciutti su tresono venduti come italiani, anche se in realtà provenienti da maiali allevati all’estero.
Tre cartoni di latte a lunga conservazionesu quattro sono in realtà d’origine straniera, mentre oltre un terzo della pasta in commercio è ottenuta da grano che è stato coltivato al di fuori dell’Italia.
Meglio poi stendere un velo pietoso sullemozzarellein commercio, metà delle quali risultano derivare da latte o cagliate d’importazione.

etichette_alimentari

L’obbligatorietà in etichetta dell’indicazione di provenienza stabilita dalla nuova normativa europea scatterà per la carne bovina, ma non i prosciutti , per l’ortofrutta fresca ma non i succhi di frutta , per le uova ma non i formaggi , per il miele ma non il latte .
Un rigore imposto a macchia di leopardo dunque, e afflitto da contraddizioni a go-go a cui riescono perlomeno a scampare i prodotti salvaguardati dalle denominazioni d’origine DOP e IGP.
Ma per il resto sarà facile smarrirsi nei meandri di una “terra di nessuno”.

formaggi
Certo, i consumatori affetti da presbiopia o astigmatismo accoglieranno con vivo piacere l’introduzione di caratteri più nitidi e leggibili, e ai celiaci sarà permesso individuare al volo la sequenza sterminata degli allergeni contenuti nei prodotti, ma tutto questo non può assolutamente andare a discapito della qualità e della tracciabilità .

Perché mai, in un momento tanto delicato in cui le nostre aziende nazionali faticano a lottare quotidianamente contro la concorrenza sleale imposta dalfintoMade in Italy, non si è sentita l’impellenza di colmare certe lacune?
Cui prodest?
La redazione di Eccellenze Italiane continuerà a tenere gli occhi aperti sulla questione.

 

Foto
notizie Spiga d’Oro Ristorante: il culto del vino e della cucina Made in Italy in Belgio Il ristorante Spiga d’Oro è nato dalla passione per l’arte culinaria del signor Francesco Di Taranto, originario del Sud italia, che con un passato da pizzaiolo all’estero ha voluto mettersi in gioco e imparare a cucinare i piatti regionali della nostra Italia. Il Ristorante Spiga d’Oro si trova nella caratteristica cittadina di Boortmeerbeek in Belgio. La cucina della Spiga d’Oro è una sorta di viaggio culinario che sconfina nella vastità dei territori che il nostro Paese multi-sfaccettato offre all’estero.
Foto
notizie La Plazza- Chef Gian Carlo: suscitare inedite emozioni con l’autentico Made in Italy in Francia   Direttamente dalla Calabria, Chef Gian Carlo diffonde i sapori e gli odori della sua terra d’origine grazie al suo ristorante La Plazza di Tour in Francia. Presso La Plazza ci si immerge in un’atmosfera inedita caratterizzata dall’autentico lifestyle che trasuda cordialità, umiltà e professionalità.
Foto
ristorazione Il Ristorante Cavalieri: dalla Basilicata la tradizione italiana ad Anversa Il Ristorante Cavalieri è sito in un castello storico ad Anversa. È una dimora molto suggestiva che offre dalla sua spaziosa terrazza la vista della meravigliosa e più importante cittadina delle Fiandre. In questa location da sogno che rimane impressa nei ricordi dei suoi clienti, il signor Riccardo Brando direttamente dalla calda e variegata Maratea, in Basilicata, da due anni, gestisce il Ristorante Cavalieri diffondendo il Made in Italy in una nazione che è stata sempre molto attenta e motivata nel gustare i sapori e gli odori tipici della tradizione italiana.  
Foto
notizie Ristorante Buca di Bacco: un’esplorazione suggestiva della cucina italiana a Bruxelles Il successo del Ristorante Buca di Bacco a Bruxelles si basa sulla professionalità e la passione di Salvatore per il suo lavoro da chef e la passione smisurata e indefinibile per l’arte culinaria italiana.