Michelle Obama official portrait headshot
Michelle Obama è considerata una first lady decisamente atipica, fuori dagli schemi, verace, carismatica alla pari del consorte, e si distingue anche per il buongusto e la sobria eleganza che caratterizza il suo guardaroba.
Di conseguenza il Made in Italy non poteva che trovarsi in cima alla lista dei desideri.
Lo sa molto bene la storica azienda a conduzione familiare “Agostini shoes” di Vigonovo nel cuore della Riviera del Brenta (Venezia) , che ha confezionato il nuovo esclusivo paio di scarpe – un modello da sera munito di tacchi e punta a spillo, in pelle pregiata e laminate color oro – che la signora Obama sfoggerà nelle prossime settimane in occasione di un importante ricevimento.

E non è la prima volta che tra l’attuale inquilina della Casa Bianca e il “Made in Italy” scocca la scintilla: già la scorsa estate Michelle aveva commissionato alla Agostini Shoes un paio di scarpe fatte a mano, con tacco importante e decorato da 200 perle colorate a comporre un suggestivo disegno artistico.

L’industria della Riviera del Brenta, che produce scarpe e borse di altissima qualità fin dal 1962 e conta attualmente quindici dipendenti, si è distinta in passato promuovendo efficacemente l’interscambio internazionale, e ciò le è valso per ben due volte il riconoscimento “Marco Polo” indetto dalla Regione Veneto.

Agostini Shoes, forte del proprio legame con alcune delle più grandigriffeitaliane ed estere, rappresenta un ottimo esempio di PMI a carattere artigianale che, un passo dopo l’altro e mantendosi costantemente fedele ai propri standard qualitativi, si è guadagnata una solida nicchia di mercato nel panorama dello shopping di lusso internazionale.

 

Foto
notizie La Cucina di Bruno, la voglia di sperimentare piatti non convenzionali dello chef Bruno Bernardini in Belgio   Se siete in Belgio e avete voglia di mangiare piatti originali e gustosi il Ristorante La Cucina di Bruno, nella cittadina di Ganshoren, fa al caso vostro. In un ambiente cordiale, familiare e gioviale potrete gustare le creazioni dello chef Bruno Bernardini che ama sperimentare la combinazione di ingredienti sempre nuovi per creare ricette innovative e altamente fantasiose. L’obiettivo dello chef Bruno è infatti quello di offrire ai clienti un menù in continua evoluzione per non annoiare mai. “L’effetto sorpresa” è garantito grazie anche ad un’abilità nel presentare in maniera creativa la pietanza che andrete a gustare. Le capacità e le competenze di Bruno sono frutto di un’esperienza pregressa in questo settore e nascono dalla voglia di non fermarsi mai nel far conoscere al popolo belga una cucina italiana originale e innovativa. Lo chef Bruno è conosciuto per andare oltre gli stereotipi che aleggiano attorno alla ristorazione italiana all’estero. Ce ne parla in questa esclusiva intervista che è fonte di ispirazione per chi vuole intraprendere la sua stessa carriera e promuovere l’autentico ed eccellente Made in Italy all’estero.
Foto
notizie Maritozzo: il gusto italiano che scalda il cuore della Russia Un ambizioso progetto gastronomico concepito per coccolare il cliente a 360 gradi, dalla mattina fino a tarda notte
Foto
notizie Ristorante Gandria: un’”esperienza italiana” contraddistinta da costante ricerca e innovazione   Il Ristorante Gandria, Esperienza Italiana è uno storico e affermato locale di Zurigo in cui ci si può avventurare nell’autentica cucina italiana, frutto di esperienza e ricerca costante di prodotti di qualità. Ce lo conferma lo chef Adriano Peroncini, originario di Taranto, che dopo aver maturato tanta esperienza nel settore gastronomico ha voluto concretizzare questo progetto ambizioso prendendo in gestione il locale dal 2016.
Foto
ristorazione Battlefield Rest: il gusto italiano innova la cucina scozzese In una location unica, una vecchia stazione dei tram, Marco Giannasi ha messo su un continental bistrot che rivisita la materia prima e le tradizioni della Scozia con il know how italico: il risultato sono ravioli all’haddock e cannelloni all’haggis