Come si poteva ben prevedere la tradizione ha spopolato sulle tavole degli italiani che, per queste feste, hanno puntato sul “made in Italy” . Complice la crisi economica, che ha scoraggiato le spese e tagliato i consumi, le scelte di acquisto degli italiani sono state più oculate.

Per quest’anno, insomma, niente follie. Salmone, ostriche, caviale e frutta esotica ancora una volta con il contagocce, anche se si è registrato un lieve incremento rispetto all’anno scorso. E lo spumante ha trionfato sullo champagne. Facendo un rapido calcolo, per i pranzi e i cenoni di Natale e Capodanno si è speso, in cibo, circa 5 miliardi di euro. Lo 0,5 per cento in più rispetto alle festività del 2009. A tracciare il quadro è la Cia-Confederazione italiana agricoltori, che ha compiuto un’indagine sulla base dell’andamento della compravendita nei vari passaggi della filiera agroalimentare e dei dati relativi al commercio estero.

Sempre più attenti al bilancio familiare, gli italiani hanno indirizzato i loro acquisti verso prodotti enogastronomici più abbordabili sotto l’aspetto economico. Pochi, quindi, i cibi di fascia alta. Si è guardato invece molto al prodotto tipico legato al territorio. E molta attenzione è stata rivolta anche ai tantissimi mercatini che sono stati allestiti dagli agricoltori nei giorni delle feste, in particolare nelle zone rurali, o nelle aziende agricole (dove si è registrata una crescita delle vendite del 5 per cento rispetto allo scorso anno). Oltre all’acquisto dei prodotti di qualità, tipici e legati al territorio, la Cia ricorda: si risparmia tra il 10 e il 15 per cento.

A sottolineare le performance positive dell’agroalimentare di casa nostra, ci pensa anche la Coldiretti, che in un’indagine, rileva che gli italiani hanno acquistato per Natale e fine anno prodotti alimentari tipici per un valore di più di 2 miliardi di euro per effetto o spinta verso regali utili che ha premiato l’enogastronomia. E non solo.

Il regalo enogastronomico è stato tra gli adulti quello piu’ gradito e soprattutto meno riciclato per l’affermarsi di uno stile di vita attento alla riscoperta della tradizione a tavola che si esprime con la preparazione “fai da te” di ricette personali per serate speciali o con omaggi che ricordano i sapori e i profumi della tradizione del territorio.

EccellenzeItaliane.com

Foto
notizie Cantina Patrizia Cadore, solo vini di qualità nel rispetto di una tradizione secolare   La Cantina Patrizia Cadore di Pozzolengo affonda le sue origini nei primi anni del 1800. Il suo territorio si estende per una superficie totale di 9 ettari e comprende ben 8,50 vitati. L'uvaggio principale è la Turbiana da cui si ottiene il rinomato Lugana. Altri uvaggi sono il Tuchì per la produzione del San Martino della Battaglia, lo Chardonnay, il Merlot, il Cabernet.   Dal 2010 la Cantina Cadore è gestita da Patrizia Cadore, nipote di Adriano Cadore che si è sempre occupato dell’azienda con tanta passione e amore. Patrizia si è messa in gioco in questo settore imparando con tanto entusiasmo e competenza tutte le tecniche utili per la produzione di ottimi vini.
Foto
notizie Da Marcello Hostaria & Pensione: sognare di stare in Italia restando in Germania   È possibile sognare di avventurarsi nel pieno lifestyle italiano e gustare pietanze prelibate con alla base ingredienti semplici e genuini provenienti direttamente dall’Italia restando in Germania. È questa la filosofia che è alla base dell’Hostaria & Pensione da Marcello. Dopo aver maturato un’esperienza pluriennale di successo nel campo della ristorazione, il signor Marcello Serio ha aperto questo ristorante italiano nella cittadina tedesca di Markkleeberg con l’intento di educare il popolo tedesco al mangiare sano.