Come si poteva ben prevedere la tradizione ha spopolato sulle tavole degli italiani che, per queste feste, hanno puntato sul “made in Italy” . Complice la crisi economica, che ha scoraggiato le spese e tagliato i consumi, le scelte di acquisto degli italiani sono state più oculate.

Per quest’anno, insomma, niente follie. Salmone, ostriche, caviale e frutta esotica ancora una volta con il contagocce, anche se si è registrato un lieve incremento rispetto all’anno scorso. E lo spumante ha trionfato sullo champagne. Facendo un rapido calcolo, per i pranzi e i cenoni di Natale e Capodanno si è speso, in cibo, circa 5 miliardi di euro. Lo 0,5 per cento in più rispetto alle festività del 2009. A tracciare il quadro è la Cia-Confederazione italiana agricoltori, che ha compiuto un’indagine sulla base dell’andamento della compravendita nei vari passaggi della filiera agroalimentare e dei dati relativi al commercio estero.

Sempre più attenti al bilancio familiare, gli italiani hanno indirizzato i loro acquisti verso prodotti enogastronomici più abbordabili sotto l’aspetto economico. Pochi, quindi, i cibi di fascia alta. Si è guardato invece molto al prodotto tipico legato al territorio. E molta attenzione è stata rivolta anche ai tantissimi mercatini che sono stati allestiti dagli agricoltori nei giorni delle feste, in particolare nelle zone rurali, o nelle aziende agricole (dove si è registrata una crescita delle vendite del 5 per cento rispetto allo scorso anno). Oltre all’acquisto dei prodotti di qualità, tipici e legati al territorio, la Cia ricorda: si risparmia tra il 10 e il 15 per cento.

A sottolineare le performance positive dell’agroalimentare di casa nostra, ci pensa anche la Coldiretti, che in un’indagine, rileva che gli italiani hanno acquistato per Natale e fine anno prodotti alimentari tipici per un valore di più di 2 miliardi di euro per effetto o spinta verso regali utili che ha premiato l’enogastronomia. E non solo.

Il regalo enogastronomico è stato tra gli adulti quello piu’ gradito e soprattutto meno riciclato per l’affermarsi di uno stile di vita attento alla riscoperta della tradizione a tavola che si esprime con la preparazione “fai da te” di ricette personali per serate speciali o con omaggi che ricordano i sapori e i profumi della tradizione del territorio.

EccellenzeItaliane.com

Foto
notizie “RossoVino”, così la felice intuizione scoccò lungo il fiume La magia dei paesi asiatici con una sferzata di occidente
Foto
notizie Prelibatezze a Bruxelles Le golosità di Amanda Team tengono alto il valore del Made in Italy in Belgio