bandiera-tricolore

Da una recente indagine promossa daSanpellegrino Campus, prendendo a campione 10556 italiani , laureati e studenti universitari, emerge un quadro interessante foriero di speranze: stando ai dati raccolti, oltre la metà degli intervistati considerano il Made in Italy un elemento irrinunciabile per lo sviluppo dell’intero paese, e ben un giovane su 3 ha affermato di avere nel cassetto il sogno di un impiego che lo coinvolga nei settori tipici del comparto, con particolare interesse in quello agro-alimentare .

Fanno da contraltare, tuttavia, la sfiducia rilevata fra il 34 per cento del campione, che attribuisce alla nazione una modesta capacità di sfruttare appieno le proprie risorse di qualità , e la rassegnazione del 20 per cento che sembra alzare bandiera bianca davanti al fatto che le aziende in Italia non assumano più.

Sotto accusa la burocrazia farraginosa , la mancanza di infrastrutture , sia fisiche che digitali, nonché la scarsa capacità del microcosmo Italia di fare network .

Sebbene perplessi, i giovani hanno contestualmente dimostrato di avere molto a cuore il problema, tanto da suggerire che “bisognerebbe trasformare il Made in Italy in un’ esperienza da
 vivere , sviluppare una riforma dell’istruzione per insegnare
 nelle scuole il vero valore delle eccellenze italiane , e
 potenziare il digitale per consentire alle aziende più piccole
 di affacciarsi su nuovi mercati”.

Sono state inoltre registrate impressioni e aspettative relative all’ Expo 2015 , ormai in dirittura d’arrivo, visto che mancano meno di 200 giorni al suo debutto; a tal proposito il 20% degli studenti attende trepidante la manifestazione, nella convinzione che possa dare un’irripetibile iniezione di fiducia all’intero paese.

Ma come viene veramente percepito il Made in Italy fra gli under 30 ?
Il 42,5  per cento lo ritiene un marchio , un insieme di prodotti e tradizioni da tutelare e difendere, mentre per il 20 per cento è un’opportunità economica da incentivare.
Per il 15,5  per cento rappresenta un vero tesoro che tutto il mondo ci invidia mentre il 10,5 per cento lo vede come motivo d’orgoglio per cui camminare all’estero a testa alta.

Moda (17,5 per cento), pizza (14 per cento), pasta (11,5 per cento) i principali sinonimi istintivamente associati alla parola “ Made in Italy ”.
Molto più in coda, a sorpresa, troviamo relegato il settore dell’ industria automobilistica (12 per cento).

 

Foto
notizie Art & Tappeti, restauro e cura dei tappeti a 360°   Art&Tappeti è un'azienda situata nel comune di Baronissi, in provincia di Salerno, operante nel settore della conservazione dei tappeti persiani ed orientali. Offre una varietà di servizi che consentono di prendersi cura dei tappeti a 360 gradi grazie ai suoi macchinari all’avanguardia e ad un team eccellente. Il team dell’Art&Tappeti è infatti composto da artigiani che si occupano con professionalità e passione di riparazioni bordi e frange, restauri integrali e conservativi, igienizzazione, smacchiatura e decolorazione della fibra tessile dei tappeti. Inoltre l’Art & Tappeti esegue trattamenti speciali sanitari come anti-tarme, anti-acaro e antiallergico. Moto competente anche nel settore del restauro di mobili. Della passione per questo lavoro e di come la sua azienda opera ogni giorno con estrema professionalità e competenza si racconta il signor Massimo Riccardi in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Ristorante Napoli: il Made in Italy come garanzia di successo all’estero Il Ristorante Napoli da Leonardo si trova a Bruxelles in Belgio. È un posto accogliente in cui “sentirsi a casa” gustando le piacevoli prelibatezze che vengono preparate quotidianamente con amore e professionalità. Il menù varia ogni settimana e in base alla stagione in cui ci si trova per garantire la freschezza e l’autenticità dei prodotti Made in Italy che sono selezionati con attenzione.
Foto
notizie Cantina Patrizia Cadore, solo vini di qualità nel rispetto di una tradizione secolare   La Cantina Patrizia Cadore di Pozzolengo affonda le sue origini nei primi anni del 1800. Il suo territorio si estende per una superficie totale di 9 ettari e comprende ben 8,50 vitati. L'uvaggio principale è la Turbiana da cui si ottiene il rinomato Lugana. Altri uvaggi sono il Tuchì per la produzione del San Martino della Battaglia, lo Chardonnay, il Merlot, il Cabernet.   Dal 2010 la Cantina Cadore è gestita da Patrizia Cadore, nipote di Adriano Cadore che si è sempre occupato dell’azienda con tanta passione e amore. Patrizia si è messa in gioco in questo settore imparando con tanto entusiasmo e competenza tutte le tecniche utili per la produzione di ottimi vini.
Foto
notizie Bacco Perbacco Ospitalità del Sud Italia per un caloroso benvenuto e un pasto che non si dimentica