qualifica_apicius

Apicius International School of Hospitality , organismo appartenente al FUA – Florence University of the Arts – è la prima struttura accademica in Italia a cui la rete globale WACS ha conferito il suo prestigioso riconoscimento di qualità.
La WACS,World Association of Chef Societies, organizzazione storica nata 82 anni fa e attualmente rappresentata da 100 associazioni di chef e oltre 10 milioni di cuochi professionisti in tutto il mondo, definisce gli standard di riferimento per riconoscere l’eccellenza nell’educazione e cultura enogastronomica.

In sede di valutazione e verifica, Apicius è risultata essere pienamente in linea con gli elevati standard educativi previsti dall’associazione, in alcuni casi addirittura superandoli.
Il FUA e’ strutturato in 7 sedi situate nel centro storico di Firenze : fra di esse Apicius pressoVilla Brilli Periin Via Guelfa ospita la maggior parte della didattica in aula, offrendo cucine spaziose, pasticceria e laboratori del vino, mentre in Via  de’ Macci si trova il ristorante Ganzo – scuola e laboratorio di apprendimento creativo – che insieme con la pasticceria-scuola Fedora rappresentano al meglio gli sforzi di integrazione culturale nella comunità fiorentina.

I campus universitari del FUA vantano infatti una prospettiva internazionale accademica all’avanguardia con l’obiettivo di assicurare ai propri studenti una reale, e immediatamente spendibile, professionalizzazione.

I principali programmi professionali offerti da Apicius nei settori dell’ enogastronomia contemporanea sono incentrati sull’ospitalità, arte culinaria, panificazione, prodotti da forno e pasticceria, enologia.
Fra i docenti che insegnano regolarmente presso la scuola si annoverano chef stellati, esperti di marketing, manager, esperti e nutrizionisti certificati.

Per maggiori informazioni:www.apicius.it

 

Foto
notizie Ristorante Buca di Bacco: un’esplorazione suggestiva della cucina italiana a Bruxelles Il successo del Ristorante Buca di Bacco a Bruxelles si basa sulla professionalità e la passione di Salvatore per il suo lavoro da chef e la passione smisurata e indefinibile per l’arte culinaria italiana.
Foto
notizie Salumificio San Giorgio Lucano Prodotti esclusivi dalle Terre del Silenzio
Foto
notizie Pasticceria Chiara, dove l’arte pasticcera diventa una dolce ed emozionante “coccola”   La Pasticceria Chiara ad Olgiate Olona (Va) è il luogo ideale in cui fare il pieno di energia al mattino gustando un’indimenticabile colazione in cui regnano sovrani inediti croissant dei quali vi innamorerete letteralmente. Qui potrete anche fare il pieno di gustosi dolci per una pausa relax, per festeggiare una ricorrenza o semplicemente per concedervi una prelibata coccola. La Pasticceria Chiara nasce nel 1974 per regalare emozioni e “coccole” ai suoi clienti tramite un assortimento di dolci tradizionali, torte, croissant, prodotti lievitati. È in grado di soddisfare qualsiasi esigenza di palato. Oggi è gestita da Fabio Longhin che con tanto amore ha apportato alla tradizione della sua famiglia di pasticceri un’impronta moderna grazie alla sua costante voglia di sperimentare e ricercare materie prime sempre più innovative, salutari e gustose. Il suo lavoro da pasticcere gli consente di non smettere mai di dare sfogo alla sua fantasia e alla sua voglia di mettersi continuamente in gioco. Grazie alla sua verve creativa è nato Delirium, il panettone che ha alla base una miscela arabica e robusta dalla crema consistente e dal gusto morbido, un candito orientale, una tipologia di farina evoluta e un cioccolato equo solidare. Delirium è un panettone in vasocottura. Il suo originale vaso in vetro garantisce il mantenimento di tutti gli aromi e una shelf-life molto più estesa nel tempo. Dell’amore e della passione che Fabio Longhin ci mette ogni giorno nel creare le sue specialità e dell’importanza delle materie prime che sono alla base delle sue creazioni ci parla in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Sicilfrutti: i custodi della tradizione dolciaria siciliana L'azienda, nata nel 1998 a Bronte, è guidata da Vincenzo Longhitano