padiglione_vinoexpo

A 276 giorni dall’inaugurazione, oggi alle 12.30 a Roma nello Spazio Open Colonna – Palazzo delle Esposizioni, si terrà la conferenza stampa di presentazione del Padiglione del Vino Italiano che sorgerà nel cuore di Expo 2015; lo spazio sarà curato da Veronafiere , proprietaria e organizzatrice di Vinitaly , la fiera europea del settore che si svolge in aprile e richiama migliaia di buyer.
A livello progettuale il Padiglione del Vino è di tipo monoplanare, si estende per 2mila mq e sorgerà accanto al Padiglione Italia.

E’ ripartito in 9 differenti aree tematiche (dal welcome to wine al wine shop e gift ideas agli abbinamenti vino e cibo), in un percorso che accompagna un pubblico in vero e proprio labirinto di profumi alla scoperta delle tradizioni e del territorio del vino e dell’olio, non mancherà naturalmente uno spazio dedicato alle degustazioni con l’ausilio di sommelier professionisti.
I visitatori del Padiglione salendo al piano superiore troveranno una sorta di Biblioteca del vino , un’enoteca con le migliori bottiglie provenienti da tutta Italia.

Sarà presente inoltre una Cantina Web dedicata agli acquisti e, infine, uno spazio sulla terrazza per gli eventi e i corsi di approfondimento per raccontare la grande bellezza della viticoltura italiana, dai piccoli vignaioli di montagna ai produttori dei vini prestigiosi esportati in tutto il mondo: Barolo, Barbaresco, Brunello di Montalcino, Amarone della Valpolicella.
“Un grande gioco di scoperte”, lo definisce il progettista, l’architetto Italo Rota .

Molto suggestivo difatti l’allestimento tecnologico: a fare da sfondo vi saranno giganteschi chicchi d’uva parlanti che proietteranno immagini e filmati sui territori dell’eccellenza, sulle vendemmie, sulla vita nelle cantine e sul vino a tavola, creando quindi una grotta interattiva multimediale popolata da viti e grappoli.

Nella gestione dello spazio Vinitalycoinvolgerà l’intera filiera vitivinicola italiana : dalle associazioni ai grandi gruppi di produttori, dai comitati alla distribuzione, fino ai soggetti che ne divulgano capillarmente la cultura.

Fonte dell’immagine: Corriere della Sera

Foto
notizie Ristorante Al Capone, le autentiche ricette italiane approdano in Polonia   Nella città polacca di Warszawa è possibile gustare i piatti tradizionali che rappresentano l’autentica cucina italiana nel mondo presso il Ristorante Al Capone dove il Campione di Pizza d’Italia, chef Marco, vi saprà guidare con esperienza e professionalità in un viaggio tra i sapori autentici del nostro Paese. Il menù del ristorante Al Capone è studiato con minuzia e competenza e consente al cliente di spaziare tra le ricette più gustose che vale la pena assaggiare e di cui non può fare a meno di innamorarsi. Mangiare presso Al Capone infatti significa scoprire ingredienti genuini e naturali che vengono selezionati e importati direttamente dall’Italia. Il signor Marco ci tiene tanto a garantire l’autenticità di un Made in Italy che in base alla sua esperienza all’estero ci racconta che va tutelato. Egli non condivide le scelte di chi spaccia per ”italiano” ciò che non ha nulla a che fare con la “tradizione” che si tramanda con tanto amore e passione di generazione e generazione. Del suo concetto di “autentico Made in Italy” e dell’amore per le ricette tradizionali italiane ci parla in questa esclusiva intervista.
Foto
ristorazione Quando Italia e Spagna si incontrano: il Ristorante Pizzeria da Giovanni Nella meravigliosa città costiera di Tossa De Mar in Spagna Eccellenze Italiane ha intervistato per voi il Signor Giovanni Vaccaro, con un’esperienza ventennale nel settore enogastronomico.
Foto
notizie Ristorante Pizzeria Piazza Italia: il sapore dell’autentico Made in Italy in Germania In Germania, nella piccola cittadina del Brandeburgo chiamata Neuruppin, è possibile gustare il sapore autentico della cucina italiana e della vera pizza nel Ristorante Pizzeria Piazza Italia. Ogni prelibatezza è preparata con prodotti autentici, genuini e freschi provenienti direttamente dall’ amata Italia, Dopi anni di esperienza nel campo della ristorazione, Egidio Fiore ha voluto realizzare un suo sogno, quello di aprire nel 2002 Piazza Italia a Neuruppin. Il suo obiettivo quotidiano è non stravolgere le originali ricette tradizionali. Ogni anno punta all’evoluzione del suoi ristorante facendogli acquisire un tocco di modernità. Molto attento e sensibile nei confronti del suo staff e del lavoro di squadra. Dal carattere loquace e con tanta passione ed entusiasmo per il suo mestiere di ristoratore Egidio racconta la storia del Ristorante Pizzeria Piazza Italia in questa interessante intervista.