Sgarbi e Maroni

Il governatore della Lombardia, Roberto Maroni , e il neo-ambasciatore Expo per leBelle arti, Vittorio Sgarbi , hanno presentato in conferenza stampa un ambizioso progetto il cui obiettivo è illustrare ai visitatori che accorreranno all’Expo il patrimonio delle risorse artistico-culturali della città di Milano , attraverso un percorso articolato in quattordici padiglioni tematici più uno denominato “ del cuore “.

Expo Universale di Milano (a Milano) ” è il titolo assegnato a quest’iniziativa che vedrà coinvolte ad ampio respiro tutte le eccellenze della città (dallaScalaall’architettura, passando dalCenacolofino aitesori di Brera).

In occasione della presentazione, il critico Vittorio Sgarbi ha ribadito la sua intenzione di chiedere in prestito alla Calabria i Bronzi di Riace per i sei mesi dell’Esposizione Universale.
Maroni auspica altresì il coinvolgimento tutte le istituzioni, in particolare “il Ministero dei Beni e attività culturali e Turismo e il Comune di Milano” per poter mettere in atto e rendere fruibile il progetto.

Le anticipazioni rivelate promettono giornate da sogno per gli estimatori dell’arte: il primo padiglione, nelle intenzioni di Sgarbi, dovrebbe ospitare proprio i Bronzi .
Il padiglione due, invece, sarà dedicato al Bramante snodandosi su due location:Santa Maria presso San Satiroe la chiesa diSanta Maria delle Grazie.

Leonardo da Vinci sarà protagonista assoluto della terza installazione, presso la quale si vuole rendere possibile la visita al Cenacolo anche in orario notturno inoltrato, con parallelo potenziamento della capacità d’accoglienza dei flussi turistici.

Il Cenacolo di Leonardo da VinciIl celeberrimo Cenacolo di Leonardo da Vinci

Anche il successivo Padiglione, il quattro, sarà dedicato all’artista immortale Leonardo.
APalazzo Bagatti Valsecchi, sede del padiglione cinque, sarà invece ricomposto ed esposto al pubblico il trittico di Antonello da Messina , finora suddiviso traGalleria degli UffizieCastello Sforzesco.

All’interno del sesto padiglione, dedicato a Michelangelo , a fare il ruolo del leone sarà laPietà Rondanini.
Raffaello e Caravaggio saranno i protagonisti del padiglione numero sette, mentre il Padiglione otto, nella pregevole sede diPalazzo Clerici, sarà dedicato al pittore e incisore veneziano Giambattista Tiepolo .

Gli affreschi del Tiepolo La suggestivaGalleria degli arazzicon gli affreschi del Tiepolo a Palazzo Clerici

La nona tappa sarà tutta all’insegna della musica : Maroni e Sgarbi hanno espresso l’intento che il festival MiTo , con orchestre provenienti da ogni angolo del mondo, e il concerto inaugurale della Scala “possano rientrare a pieno titolo nel programma dell’Expo”.

IlMuseo di Storiacontemporanea situato in via Sant’Andrea ospiterà il decimo scalo, mentre nell’undicesimo sarà realizzata un’area tematica per narrare le meraviglie pittoriche dei Futuristi , con l’esibizione di capolavori provenienti dalMuseo del Novecento, daBrera(collezione Jesi) e da raccolte di privati.

De Chirico e Savinio saranno gli ispiratori del padiglione 12, seguendo un percorso itinerante con partenza daiBagni Misteriosinei giardini della Triennale fino a raggiungere ilTeatro Parenti.

L’architettura, omaggiando Guglielmo Mozzoni , regnerà protagonista nel tredicesimo padiglione toccando i punti cardine diPalazzo Pirelli, lastazione Centrale, laTorre Velasca,Palazzo Mezzanotte, il ‘rubanuvole‘ (ovvero la Torre Snia Viscosa di piazza San Babila) e ilPalazzo dell’Artedi viale Alemagna.

Ultima tappa prevista quella dedicata all’ arte antica , con la mostra aPalazzo Littadi grandi collezioni private, fra cui quella dellaFondazione Cavallini Sgarbi.
Infine, il Padiglione del cuore , che sposa idealmente Milano e la città d’arte di Urbino nel motto “Dov’è il tuo cuore è il padiglione“.

“Una proposta piena di fascino. Impegnativa, ma molto concreta” ha affermato Maroni, che con la giunta ha stanziato un fondo da 10 milioni di euro per sostenere le iniziative culturali legate all’Expo.

Fonte dell’immagine d’apertura:Corriere della Sera

 

Foto
notizie Ristorante Strega: come rimanere ammaliati dall’autentico Made in Italy nel Connecticut Nato dalla passione per l’autentico Made in Italy del ristoratore e sommelier Danilo Mongillo fusa all’amore per la cucina italiana dello chef Marco Giugliano, il ristorante Strega è il luogo ideale per gustare la vera cucina italiana nello stato americano del Connecticut. Il Ristorante Strega si trova precisamente nella città di Branford. Il suo nome richiama il noto liquore prodotto nella città campana di Benevento. Mangiare presso il Ristorante Strega significa avventurarsi tra i sapori autentici e genuini di una cucina raffinata ed elaborata capace di soddisfare qualsiasi esigenza e palato. Alla base di essa vi è un’attenta ricerca e selezione di prodotti autentici e di qualità e la professionalità di chef qualificati che hanno lavorato fianco a fianco con celebrità italiane dell’arte culinaria.
Foto
notizie SisAgro, dalle oasi di pace l'eccellenza prende il volo L'azienda presenterà in Olanda i propri formaggi caprini, riso ed olio
Foto
ristorazione La Dolce Vita Annecy: quando l’Italia conquista i francesi a tavola Julien Kaim, francese “folgorato” dalla tradizione italiana, ha lasciato Gordon Ramsay per realizzare il suo sogno. Avere un ristorante 100% italiano nella sua città: Annecy, gioiello dell’Alvernia
Foto
notizie I Grani antichi l'Italia riscopre il valore delle sementi di alta qualità