E-commerce? Sì, grazie. Agli italiani piace sempre più lo shopping online che nei primi tre mesi dell’anno è cresciuto del 16 per cento, toccando quota 1,425 miliardi. E per il 2010 si stima un giro d’affari di oltre 6,5 miliardi. In aumento tutti i comparti, dall’abbigliamento (+51 per cento), all’informatica ed elettronica (+23 per cento), al turismo (+23 per cento), all’editoria, musica e audiovisivi (+19 per cento), alle assicurazioni (+18 per cento).

La ricerca, basata su oltre 200 casi di studio, è stata realizzata dall’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano, in occasione dell’e-Commerce Forum 2010. L’eCommerce B2c, inteso come il totale delle vendite realizzate da siti italiani, nel 2009 ha chiuso a oltre 5,6 miliardi, -2 per cento sul totale 2008. Sempre a dicembre dello scorso anno si è registrata una forte crescita per la vendita online di abbigliamento (+39 per cento), editoria, musica e audiovisivi (+24 per cento), mentre è diminuita quella del turismo (-7 per cento), che rappresenta il 51 per cento del valore dell’eCommerce in Italia. Ridotto il valore dello scontrino medio, da 240 a 215 euro, soprattutto per il calo nel Turismo e rimane comunque prevalente in Italia la vendita di servizi (66 per cento) rispetto alla vendita di prodotti (34 per cento), in controtendenza rispetto ai mercati esteri.

«Nel primo trimestre del 2010 – ha dichiarato Alessandro Perego, responsabile scientifico dell’Osservatorio eCommerce B2c di Netcomm e School of Management del Politecnico di Milano – l’e-commerce B2c ha ripreso il percorso di crescita che si era temporaneamente arrestato nel 2009, facendo registrare un aumento del 16 per cento rispetto al primo trimestre dello scorso anno. Se nel 2009 poco più del 60 per cento delle aziende analizzate dichiarava di crescere, nel 2010 la quota di aziende in crescita sfiorerà il 90 per cento e, di queste, il 35 per cento dovrebbe essere in crescita di oltre il 30 per cento e il 31 per cento tra il 10 e il 30 per cento. Ad oggi stimiamo un incremento, anche se in misura diversa, in quasi tutti i principali comparti merceologici sia nell’ambito dei servizi che dei prodotti. Bene anche l’export che per il 2010 dovrebbe finalmente superare il miliardo di euro, grazie agli ottimi risultati di abbigliamento e turismo».
Per quanto riguarda le previsioni per il 2010, le vendite di prodotti B2c – informatica ed elettronica di consumo, libri, abbigliamento, alimentari – aumenteranno del 21 per cento, superando 1,4 miliardi, mentre le vendite dei principali servizi – biglietti, viaggi, assicurazioni – raggiungeranno 3,9 miliardi, in crescita del 19 per cento. Lieve calo, dell’1 per cento, solo per l’aggregato «altro», che comprende made in Italy, ricariche telefoniche, ticketing. Positivo, sia per i prodotti sia per i servizi, sarà l’andamento del numero di ordini evasi che crescerà rispettivamente del 21 per cento e del 6 per cento. Rimarrà stabile lo scontrino medio nei prodotti (183 euro) e aumenterà del 12 per cento nei servizi (253 euro). Se si analizza nel dettaglio l’andamento delle vendite all’interno dei principali comparti merceologici, quello con il tasso di crescita più elevato sarà l’abbigliamento con un +45 per cento rispetto al 2009.
(Il Vellino)

Foto
notizie “Cantina Santiuorio”, una tradizione che non teme il tempo Salvaguardia del territorio e qualità dei prodotti sono alla base della filosofia aziendale
Foto
notizie Hotel O Sole Mio: un piccolo paradiso sul Golfo di Guinea Dalla penisola italiana a quella di Assinie, in Costa d’Avorio, Antonio De Biasio lenisce la nostalgia del suo Paese grazie a uno scenario mozzafiato che incanta gli ospiti della sua struttura
Foto
notizie Pizzeria Lido: l’amore per la pizza italiana in Germania   Pizzeria Lido propone una cucina semplice e senza eccessi dai gusti tradizionali che ricordano l’Italia in ogni suo piatto. Le pizze sono la loro specialità con una fragranza e digeribilità che non si può trovare altrove, tutto questo accompagnato da un’atmosfera conviviale consigliato soprattutto alle famiglie che vogliono passare una serata in tranquillità in un ambiente accogliente dai tratti anche un po’ rustici. Le materie prime sono di altissima qualità e Pizzeria Lido è solo il primo passo per il proprietario, Giuseppe, e il suo team. L’obiettivo è espandersi anche online grazie ad un sito di e-commerce. Scopriamo di più riguardo la loro storia e sui loro obiettivi futuri in questa esclusiva intervista.  
Foto
notizie Feinkost Galeria, il regno della torrefazione e del Made in Italy di alta qualità in Germania Da oltre vent’anni Feinkost Galeria a Ludwigsburg, in Germania, offre il meglio dell’autentico Made in Italy con prodotti di alta qualità selezionati con tanta competenza e minuzia.  Feinkost Galeria è un negozio a conduzione famigliare che nel corso degli anni sta riscuotendo tanto successo. Alla base del lavoro della famiglia Gregorio c’è la voglia e la motivazione di prendersi davvero cura della propria clientela offrendo solo prodotti artigianali italiani che fanno davvero la differenza. Presso Feinkost Galeria infatti troverete una vasta gamma di specialità tipiche italiane come antipasti golosi, salumi di alta qualità, etichette di eccellente vino, l’aceto balsamico Gregorio e tante miscele di caffè italiano prodotte dalla famiglia Gregorio. Nella piccola fabbrica di caffè Gregorio si produce l’autentico espresso gourmet di alta qualità dal sapore delicato e prelibato.  Imperdibile è anche l’olio Gregorio che ha alla base olive provenienti direttamente dal Cilento dove vengono raccolte a mano seguendo l’antico metodo tradizionale e che sono in grado di offrire un olio dagli innumerevoli effetti benefici per la salute dell’organismo. Presso Feinkost Galeria si respira un’atmosfera altamente cordiale e accogliente perché la famiglia Gregorio ci tiene a far sentire il proprio cliente “coccolato” soddisfacendo ogni particolare esigenza di palato. Del successo ventennale di Feinkost Galeria e di quanto in questo lavoro sia importante fare tanta gavetta, ci parla con tanto entusiasmo Alessandro Gregorio in questa esclusiva intervista.