L’Autorità delle Comunicazioni ha approvato i criteri di svolgimento della gara per l’assegnazione delle frequenze per il digitale terrestre, il testo dovrebbe essere pubblicato entro il 14 dicembre. Il regolatore sceglierà i soggetti in funzione della qualità e della serietà della loro offerta (beauty contest).

Agcom ha preso atto del fallimento della tecnologia DVBH (televisione sui cellulari) e ha di conseguenza stabilito che il pacchetto di frequenze destinato a questo servizio sarà assegnato ai partecipanti all’asta per il digitale terrestre. I criteri approvati dall’Autorità confermano l’impianto originario dell’asta.

Tre lotti vengono riservati a nuovi entranti, di cui uno a Sky, gli altri due sono a disposizione degli operatori dominanti, ovvero Rai e Mediaset, la sesta, eventualmente disponibile, potrebbe andare a Telecom Italia Media. Banca Leonardo ritiene che le frequenze potrebbero essere assegnate gratuitamente a Telecom Italia Media, si tratta di asset che per il broker potrebbero valere circa 150 milioni di euro.
Così il titolo a piazza Affari avanza contro corrente del 2,19% a quota 0,2422 euro, viceversa Mediaset cede l’1,28% a 4,4275 euro. La gara, che si svolgerà attraverso una procedura di beauty contest, prevede l’assegnazione delle frequenze liberatesi con il passaggio al digitale terrestre, tecnologia che consente l’utilizzo di un maggior numero di canali.
Sky potrà trasmettere su digitale terrestre e concorrere alla gara per le frequenze, ma le trasmissioni potranno essere solo in chiaro, poiché la Tv di Murdoch ha una posizione di leadership nella Tv a pagamento.

EccellenzeItaliane.com

Foto
notizie Slide e Post Facebook Di Eccellenze Italiane Raggiungi il pubblico che desideri!
Foto
notizie Ristorante Buca di Bacco: un’esplorazione suggestiva della cucina italiana a Bruxelles Il successo del Ristorante Buca di Bacco a Bruxelles si basa sulla professionalità e la passione di Salvatore per il suo lavoro da chef e la passione smisurata e indefinibile per l’arte culinaria italiana.
Foto
notizie La Divina Commedia: a Lovanio la cucina italiana è un raffinato viaggio gastronomico In Belgio c’è un ristorante che rompe gli schemi: piatti scenografici e innovativi, presentati con grande attenzione, senza rinunciare alla qualità. Oltre alla sala, c’è un’anima street food con la pasta fatta in casa da mangiare “on the go”
Foto
notizie Villa Le Prata, l’esclusivo wine resort in cui il culto del vino si fonde con l’amore per l’arte   Villa Le Prata è una dimora storica di Montalcino risalente al 1860. E’ circondata da campi di vigneti toscani dai quali si ricava il Rosso di Montalcino, il Brunello di Montalcino e il Brunello di Montalcino Riserva “Massimo”. Per valorizzare al massimo la sua location suggestiva, i coniugi Maria Vittoria e Bernando Losappio hanno ristrutturato la villa storica per creare un esclusivo wine resort. La sua struttura si contraddistingue per il suo ambiente artistico. La compongono otto camere ben curate nel design e nei particolari che ricreano l’atmosfera suggestiva che nel 1800 contraddistingueva le ville senesi. All’interno del wine resort si possono degustare le specialità tipiche della zona. La cucina della struttura è aperta tutto il giorno con proposte per ogni momento della giornata. Tutti i piatti sono preparati con ingredienti ben selezionati, di origine biologica e a km 0. È questo il luogo in cui il culto del vino si fonde a pieno con l’arte. Ci si può rilassare o divertirsi svolgendo divertenti attività all’aperto come escursioni in e-bike, passeggiate a cavallo, lezioni di yoga in mezzo alla natura. Presto saranno attivati delle attività culturali per tutti gli amanti dell’arte. Della storia di Villa Le Prata e della grande passione della famiglia Losappio per l’arte e il vino ci parla in questa esclusiva intervista la signora Anna Vittoria.