Rilanciare il settore agricolo attraverso regole chiare che garantiscano un supporto reale alla vita agricola nazionale. Più agricoltura nel futuro dei 287 comuni della Toscana. Lo chiedono a gran voce l’AnciToscana e laCiaToscana che, per questo, hanno siglato un protocollo – presentato a Firenze, presso la sede Anci regionale – per una nuova collaborazione tra Agricoltura e istituzioni locali.

La stipula della Carta di Matera , sottoscritta il 3 febbraio scorso, è il manifesto programmatico proposto dalla Cia ai Comuni italiani per costruire un futuro con più agricoltura. “E’ necessario – aggiungono Anci e Cia – intensificare la collaborazione attraverso una serie di iniziative: attività agricole innovative (fonti rinnovabili, servizi per comunità locali, etc,); difesa del paesaggio e del territorio; infrastrutture, servizi, mobilità e welfare nelle aree rurali; semplificazione e fiscalità locale; prodotti tipici e cibi della filiera corta”.

La Carta è un documento di principi, che definisce l’agricoltura come settore produttivo diffuso nello spazio rurale. Una particolarità che obbliga ad una attenzione particolare per l’erogazione di servizi alle persone ed alle imprese.

L’obiettivo è quello di avviare iniziative congiunte a sostegno e tutela dei benefici economici, sociali e territoriali che l’agricoltura riveste per la società. L’agricoltura è fondamentale per i territori toscani, per questo, in qualità di referenti sul territorio dei comuni e degli agricoltori, abbiamo deciso di impegnarci a riportare in Toscana la centralità dell’agricoltura.

Anci e Cia Toscana si impegnano ad operare, nelle diverse competenze e livelli istituzionali, per l’affermazione del modello di federalismo solidale e cooperativo, basato sulla programmazione territoriale, sulla sussidiarietà, sulla concertazione, sulla semplificazione dei rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione.
Risulta perciò necessario intensificare la collaborazione attraverso una serie di iniziative: attività agricole innovative (fonti rinnovabili, servizi per comunità locali, etc,); difesa del paesaggio e del territorio; infrastrutture, servizi, mobilità e welfare nelle aree rurali; semplificazione e fiscalità locale; prodotti tipici e cibi della ”filiera corta”.
Con questo accordo l’Anci Toscana si impegna a promuovere e favorire l’adesione dei sindaci toscani alla Carta di Matera, tramite apposite iniziative concordate con la presidenza della Cia Toscana. L’impegno congiunto tra Comuni ed associazioni di categoria degli agricoltori diviene uno degli elementi più importanti dell’azione della pubblica amministrazione, perché significa al tempo stesso tutelare la salute e l’ambiente di vita delle persone.
”Nonostante le difficoltà del settore – sottolinea Giordano Pascucci, presidente Cia Toscana – le donne e gli uomini impegnati in agricoltura si battono con forza, coraggio e determinazione per costruire il futuro, cercando di cogliere con grande passione, tutte le opportunità di crescita ed innovazione. L’agricoltura e le aree rurali sono un patrimonio inestimabile per la societa’ toscana, per conservare e far crescere questo patrimonio è necessario l’impegno diretto di ogni singolo Comune toscano, dal più piccolo al più grande, delle Province e della stessa Regione, per una valorizzazione nelle politiche locali e nei fatti concreti dell’agricoltura, che vuol dire salvaguardia e tutela dell’ambiente e sopravvivenza delle aree cosiddette marginali”.
Finalità programmtiche dell’iniziativa sono: la competitività del sistema contro l’abbandono anche nei territori più difficili come quelli montani; promuovere la green economy quando essa è associata alla produzione agricola; garantire la tutela del paesaggio, che in particolare in Toscana significa paesaggio agrario; promuovere l’occupazione in agricoltura attraverso la tutela del reddito e non della rendita.
L’agricoltura può ancora dare un contributo importante alla crescita e allo sviluppo del Paese, anche dal punto di vista dell’occupazione. Le potenzialità ci sono tutte, ma per farlo è necessario lavorare in concerto con gli enti locali, stabilendo rapporti e stipulando accordi, concordando indirizzi e programmi di attività e attuando politiche sul territorio a favore di tutta la collettività.
Eccellenzeitaliane.com

Foto
notizie L’ Ancora Ristorante Pizzeria: professionalità nella promozione del Made in Italy dal 1995 Dal 1995 l’Ancora Ristorante Pizzeria promuove l’autentico Made in Italy nella cittadina tedesca di Carlsbad Langensteinbach. L’Ancora Ristorante Pizzeria è molto apprezzato per il suo ambiente familiare e accogliente in cui poter gustare il meglio della cucina italiana immersi nel relax autentico. Da primavera è possibile anche mangiare all’aperto, nello spazioso giardino ricco di piante e fiori coltivati dal signor Andrea Ferrarini in persona, ristoratore italiano all’estero. Originario della Sicilia, Andrea si distingue per la perseveranza e l’entusiasmo nel perseguire l’obiettivo ambizioso di educare i suoi clienti al “mangiare sano”. Egli persegue questo obiettivo offrendo alla clientela dell’Ancora le sue pietanze e pizze a base di prodotti di stagione, importati direttamente dalla sua amata Italia. Il successo di un ristorante italiano all’estero per Andrea risiede nell’offrire con costanza la qualità e la professionalità ai suoi clienti con serietà e umiltà.
Foto
notizie Partenopeo Caffè & Bistrot: l’arte culinaria campana approda a Monaco di Baviera   Partenope è il nome di un'antica città greca che si trova nella zona che oggi è quella della nota città di Napoli. Il nome Partenope deriva dalla mitologia greca, più precisamente dalla sirena greca Partenope, che fu lavata a terra sulla costa della città. "Passione" e cooperazione racchiudono il cammino di Francesco Valletta e Francesco Sardegna che hanno deciso di concretizzare il loro sogno di diffondere le loro tradizioni culinarie partenopee qui a Monaco di Baviera aprendo il Partenopeo Caffè & Bistrot.
Foto
notizie Casa Tua: “sentirsi a casa” in un’atmosfera densa di colori e sapori italiani   Casa Tua con le sue due sedi a Londra è il luogo prediletto in cui immergersi nell’autentica atmosfera di un lifestyle inedito fatto di prelibatezze cucinate seguendo le autentiche ricette tradizionali. Casa Tua è come sentirsi in famiglia in Italia in cui si l’ambiente è denso e ricco di odori, colori e sapori del cibo fatto in casa come facevano le mamme e le nonne. In questo bar e ristorante è possibile fare colazione, fermarsi per un brunch, pranzare o cenare. La colazione è all’italiana, non mancano infatti l’autentico caffè e cappuccino italiano in cui si sente il vero gusto del latte e del caffè corposo. Molto apprezzati sono gli aperitivi e i cocktail in cui non si finisce mai di sperimentare dando sfogo alla fantasia. I primi piatti sono fatti con pasta fresca fatta a mano con alla base farine genuine selezionate con tanta professionalità.
Foto
notizie Trattoria Pizzeria Da Edoardo: il “tempio” della cucina italiana in Spagna   A Dénia piccola città spagnola vi è il “tempio della cucina italiana” dove è possibile gustare l’autentica arte culinaria sulla base di prodotti freschi e genuini che rispettano l’eccellenza del vero e autentico Made in Italy. Il merito è del signor Edoardo che ha aperto la Trattoria Pizzeria Da Edoardo in questo territorio con l’intento di far innamorare gli spagnoli delle nostre specialità. In questo obiettivo ambizioso ci sta riuscendo alla grande basti pensare l’apprezzamento dei suoi gnocchi e piatti di pasta da parte degli spagnoli che sono incuriositi nei confronti delle nostre abitudini culinarie. Il successo si riscuote anche grazie agli italiani residenti in Spagna che decidono di pranzare e cenare presso il suo locale. Presso la Trattoria Pizzeria Da Edoardo si respira un’atmosfera calorosa e casalinga. Il merito è del personale competente e umile che non smette mai di consigliare i suoi clienti sulla scelta delle prelibatezze che il signor Edoardo prepara ogni giorno. Il bello è che le paste sono preparate davanti al cliente e condite con salse leggere e gustose. La pizza che mangerete qui è croccante e digeribile e condita con prodotti stagionali, freschi e genuini.