La 19° edizione del Concorso enologico internazionale (28 marzo-1 aprile 2011) di Vinitaly batte tutti i record: 3.720 bottiglie (erano 3.646 nel 2010), più di mille aziende vitivinicole partecipanti da 30 Paesi del mondo, oltre 330mila giudizi parziali espressi dalle 21 commissioni di valutazione, presiedute e coordinate dal direttore di Assoenologi, Giuseppe Martelli.

Il Concorso enologico internazionale si conferma così una delle competizioni più partecipate del mondo e in ogni caso la più selettiva del pianeta. In palio ci sono infatti un massimo di 64 medaglie distribuite in 16 categorie, pari a solo il 2% dei vini presentati.

I produttori, già dallo scorso anno, possono richiedere a Veronafiere l’autorizzazione a stampare e applicare un corrispondente numero di etichette o bollini riportanti la distinzione “Concorso Enologico Internazionale”, per le partite dei vini vincitori di medaglia. Nell’edizione 2011 sono 30 i Paesi rappresentati dalle 3.720 bottiglie in concorso: Australia, Austria, Brasile, Bulgaria, Canada, Cile, Columbia, Croazia, Ecuador, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Israele, Italia, Messico, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica di San Marino, Romania, Serbia Montenegro, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Turchia, Ungheria, Uruguay e Venezuela.

I vini presentati, secondo quanto sancito dal regolamento, sono stati suddivisi in tre grandi categorie (ripartite in sottogruppi): vini tranquilli, vini frizzanti e vini spumanti. Le bottiglie in gara sono state rese anonime, a garanzia della più totale trasparenza, assicurato dalla presenza del notaio Maria Maddalena Buoninconti.

Il 2011 vede, inoltre, la riconferma di categorie di riconoscimenti istituite nel 2010 come il Premio speciale “Vinitaly Regione”, assegnato al produttore di ogni regione italiana che ottiene il miglior risultato in base alla somma dei punteggi più elevati riferiti ai tre migliori vini che hanno ottenuto il diploma di “Gran Menzione”, oltre ai Premi Speciali “Vinitaly Nazione”, “Gran Vinitaly” e il Premio Banca Popolare di Verona, che ha l’obiettivo di valorizzare l’azienda veneta, emiliano-romagnola, del Friuli Venezia Giulia o del Trentino-Alto Adige che risulta prima classificata sulla base dei punteggi complessivi raggiunti.

Il Concorso Enologico Internazionale è organizzato da Veronafiere, in collaborazione con Assoenologi, Ice e si svolge con il patrocinio del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, del ministero dello Sviluppo economico, dell’Oiv e dell’Union Internationale des Oenologues. Le premiazioni avverranno nella giornata inaugurale di Vinitaly (7-11 aprile 2011).

Fonte: Veronafiere – Vinitaly

Foto
notizie Maccarò, la passione culinaria partenopea di Maurizio Tortora conquista la Svizzera   Mangiare presso il ristorante Maccarò a Marais, in Svizzera, significa immergersi in un ambiente rigorosamente partenopeo in cui esplorare i sapori, gli odori e i colori esclusivi della Campania che Maurizio Tortora ha voluto ricreare con tanta minuzia e professionalità. Il ristorante ha quasi dieci anni e ha già riscosso tanto successo. Lo confermano le tante soddisfazioni e riconoscimenti che ha collezionato e di cui Maurizio è tanto orgoglioso. Il merito è da rintracciare nella qualità dei prodotti Made in Italy che sono alla base delle sue gustose specialità e alla passione che il suo staff ci mette nella “missione” di diffondere e tutelare l’autentica tradizione culinaria campana in Svizzera. È impossibile non lasciarsi tentare da una pizza napoletana eccellente che risulta facilmente digeribile e farcita con ingredienti genuini e di qualità. Oltre alla pizza il Maccarò è noto per la sua pasta fresca farcita preparata seguendo le ricette che si tramandano di generazione in generazione. Della sua passione per l’arte culinaria che l’ha reso un grande ristoratore all’estero e dell’importanza di contare su una squadra competente e collaborativa, ci racconta Maurizio Tortora in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Pizzeria Ristorante Regina: le ricette di Peppe approdano in Austria Nella cittadina austriaca di Lustenau è possibile trascorrere una serata divertente tra amici e in famiglia lasciandosi coccolare dall’autentica cucina italiana della Pizzeria Ristorante Regina. Da circa un annetto, ogni giorno è possibile gustare piatti prelibati che potrete scegliere da un ampio menù che ha alla base pietanze preparate seguendo le ricette tradizionali italiane.
Foto
notizie Pecorino San Leonardo Azienda Agricola Canu, il rispetto del territorio per prodotti caseari di qualità   L’Azienda Agricola Canu è situata in collina vicino a Ittiri, in territorio sardo. Produce da anni un pecorino genuino e di qualità, il pecorino San Leonardo. È caratterizzato da una lavorazione tradizionale e manuale che ha alla base il vero e benefico latte crudo. Nel suo processo di lavorazione si utilizzano gli utensili in legno e rame che ricchi di microflora naturale conferiscono ai prodotti sapori e odori unici e particolari.
Foto
notizie Ristorante Montallegro, rispetto e amore per la vera tradizione siciliana   Mangiare presso il Ristorante Montallegro a Hosingen, in Lussemburgo, significa far parte di una “grande famiglia” in cui l’armonia e la convivialità regnano sovrane. Contribuisce a rendere indimenticabile questo locale la sua location suggestiva. Di fatti questo ristorante italiano ha la fortuna di trovarsi all’interno del meraviglioso Parco D'Hosingen, vicino alla piscina Aaqua Nat'Our che si può ammirare dalle sue due ampie terrazze. Il variegato menù del Ristorante Montallegro non annoia mia. Cambia in base alla stagione è in grado di soddisfare qualsiasi esigenza di palato e gusto personale. Alla base dei piatti che gusterete ci sono le vere ricette italiane. L’autentico Made in Italy è garantito grazie ad una grande varietà di prodotti genuini e di alta qualità provenienti direttamente dall’Italia. Il ristorante Montallegro infatti è nato dalla grande passione per le ricette siciliane di Giuseppe, Laura e Giovanni, tre amici provenienti da un caratteristico paese della Sicilia dal nome Montallegro. Queste gustose ricette si tramandano di generazione e hanno permesso loro di differenziarsi nel settore della ristorazione all’estero. Ce lo racconta Giuseppe in questa esclusiva intervista.