La 19° edizione del Concorso enologico internazionale (28 marzo-1 aprile 2011) di Vinitaly batte tutti i record: 3.720 bottiglie (erano 3.646 nel 2010), più di mille aziende vitivinicole partecipanti da 30 Paesi del mondo, oltre 330mila giudizi parziali espressi dalle 21 commissioni di valutazione, presiedute e coordinate dal direttore di Assoenologi, Giuseppe Martelli.

Il Concorso enologico internazionale si conferma così una delle competizioni più partecipate del mondo e in ogni caso la più selettiva del pianeta. In palio ci sono infatti un massimo di 64 medaglie distribuite in 16 categorie, pari a solo il 2% dei vini presentati.

I produttori, già dallo scorso anno, possono richiedere a Veronafiere l’autorizzazione a stampare e applicare un corrispondente numero di etichette o bollini riportanti la distinzione “Concorso Enologico Internazionale”, per le partite dei vini vincitori di medaglia. Nell’edizione 2011 sono 30 i Paesi rappresentati dalle 3.720 bottiglie in concorso: Australia, Austria, Brasile, Bulgaria, Canada, Cile, Columbia, Croazia, Ecuador, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Israele, Italia, Messico, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica di San Marino, Romania, Serbia Montenegro, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Turchia, Ungheria, Uruguay e Venezuela.

I vini presentati, secondo quanto sancito dal regolamento, sono stati suddivisi in tre grandi categorie (ripartite in sottogruppi): vini tranquilli, vini frizzanti e vini spumanti. Le bottiglie in gara sono state rese anonime, a garanzia della più totale trasparenza, assicurato dalla presenza del notaio Maria Maddalena Buoninconti.

Il 2011 vede, inoltre, la riconferma di categorie di riconoscimenti istituite nel 2010 come il Premio speciale “Vinitaly Regione”, assegnato al produttore di ogni regione italiana che ottiene il miglior risultato in base alla somma dei punteggi più elevati riferiti ai tre migliori vini che hanno ottenuto il diploma di “Gran Menzione”, oltre ai Premi Speciali “Vinitaly Nazione”, “Gran Vinitaly” e il Premio Banca Popolare di Verona, che ha l’obiettivo di valorizzare l’azienda veneta, emiliano-romagnola, del Friuli Venezia Giulia o del Trentino-Alto Adige che risulta prima classificata sulla base dei punteggi complessivi raggiunti.

Il Concorso Enologico Internazionale è organizzato da Veronafiere, in collaborazione con Assoenologi, Ice e si svolge con il patrocinio del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, del ministero dello Sviluppo economico, dell’Oiv e dell’Union Internationale des Oenologues. Le premiazioni avverranno nella giornata inaugurale di Vinitaly (7-11 aprile 2011).

Fonte: Veronafiere – Vinitaly

Foto
notizie Le Sorrento: l’autentica cucina campana che lascia il segno   Ciò che contraddistingue un ristoratore italiano all’estero è l’amore per l’autentico Made in Italy offerto ogni giorno alla propria clientela selezionando prodotti freschi e genuini. Ne sanno qualcosa Palmina Vespoli e suo marito che dal 2006 gestiscono con professionalità e creatività un ristorante italiano chiamato Le Sorrento in Normandia nella cittadina di Havre.
Foto
notizie Da Benevento al Connecticut  Una storia “Made in Italy”
Foto
notizie Ristorante Su Misura: un’oasi di eleganza e relax all’ombra della Torre Eiffel All'ombra della Torre Eiffel a Parigi vi è il ristorante italiano Su Misura, un’”oasi di eleganza e relax” in cui poter pranzare o cenare a qualsiasi ora della giornata. Questo è il luogo perfetto per poter gustare la vera cucina italiana nel pieno rispetto della tradizione regionale che la nostra nazione con le sue innumerevoli sfaccettature offre. Lo chef italiano, ben noto ai parigini, Ciro Polge, nel suo ristorante ha voluto diffondere una cucina genuina e di qualità a prezzi vantaggiosi. Molto richiesti e apprezzati dalla clientela del ristorante Su Misura sono i suoi risotti cremosi considerati una vera e propria “poesia per il palato”. Amati i secondi di carne e pesce come il filetto di branzino, il vitello tonnato e la scaloppa alla romana.  Al cibo prelibato si può abbinare una vasta gamma di vini italiani selezionati con professionalità e passione.
Foto
ristorazione Piccola Toscana: nel cuore di Parigi un angolo d’Italia Materie prime di qualità, servizio gioviale, ma estremamente professionale. È la formula vincente con cui Giuseppe Caruso, ex ingegnere elettronico passato ai fornelli, ha vinto il derby Italia-Francia in cucina.