Da un’idea realizzata nel 1999 da due donne, Livia Carchella e Bruna Pietropaoli, il portale artigiane.it è divenuto in poco tempo una realtà molto apprezzata dal settore e ha già ricevuto numerosi premi, tra cui quello di IBM per le migliori idee su internet. Una bottega ideale per chi vuole essere oltre la moda, lontano dalla banalità e dall’omologazione del gusto.

Rilanciare le botteghe artigiane promuovendo la creativita’ femminile in location d’eccezione, abbattendo però i costi di affitto. Artigiane di tutta Italia che in assenza di capitali da investire riescono comunque a vendere i propri manufatti in maxi negozi, dove stand colorati dividono gli spazi messi a disposizione. Questa l’idea portata avanti in tutta Italia da Livia Carchella e Bruna Pietropaoli a Roma, in questi giorni, con l’iniziativa “Scarti d’autore” .

“Abbiamo cominciato nel 1999 -racconta Bruna Pietropaoli in un’intervista a LABITALIA – ideando il sito artigiane.it. In poco tempo il portale è diventato un punto di riferimento per le artigiane italiane che potevano così esporre e vendere on line i propri prodotti. Poi nel 2003 abbiamo pensato che quello del web era uno spazio che poteva e doveva essere ampliato e così abbiamo cominciato ad organizzare mostre in tutta Italia, fiere e corsi di artigianato in Toscana”.
“Nella scelta degli spazi espositivi -continua- abbiamo puntato su location prestigiose. A Roma, ad esempio, le nostre artigiane espongono in via di Torre Argentina a pochi passi dal Pantheon, alternandosi nelle diverse esposizioni che di volta in volta organizziamo.
La sceta perciò ricade su piccolissime imprese, prodotti di nicchia che non possono sostenere una grande produzione. Una sola persona che pensa, che produce e che espone quindi si tratta di pezzi limitatissimi e perciò necessitano di un posto di prestigio.
“Lavoriamo con artigiane che vengono da tutte le parti d’Italia -sottolinea Bruna Pietropaoli- in questo modo riusciamo non solo a diffondere la cultura artigianale femminile, ma anche a promuovere l’idea che le donne hanno la capacità di reinventarsi e di ripartire da zero con la forza della loro creatività. Molte delle nostre espositrici, infatti, hanno alle spalle un lavoro precario o addirittura un licenziamento, ma anche una famiglia e dei figli capaci di infondere quella carica necessaria per ricominciare”.
Il sito fornisce anche alcuni servizi interessanti tra cui un Forum, una sezione dedicata a Fiere e Mercati, uno spazio per gli annunci ed una mailing list. Maggiori informazioni relative a concorsi e iniziative locali sono disponibili al sito: http://www.leartigiane.it

EccellenzeItaliane.com

Foto
ristorazione “Trattoria Romana”: a Stoccolma la miglior coda alla vaccinara di Svezia Dopo una vita da film, il romano doc Daniel Boccalini è tornato nella Capitale svedese, dove ha conquistato i palati nordici con le grandi ricette della tradizione romana
Foto
notizie L’ Azienda Agricola Scisci e i suoi “Grandi Olii”, la storia di una tradizione secolare   Nel Sud d’Italia, precisamente nella zona di Monopoli (Ba), ricca di alberi di olivi secolari sorge un frantoio la cui gestione familiare si tramanda di generazione in generazione. Vi parliamo dell’Azienda Agricola Scisci che produce ogni anno un olio d’oliva di qualità che ha ottenuto molteplici riconoscimenti e premi sia a livello nazionale che internazionale. Il merito è da rintracciare nell’amore e nella dedizione che il signor Franco Scisci ci mette quotidianamente nel suo lavoro multitasking che spazia dalla produzione alla commercializzazione dei prodotti. Le olive che sono alla base dell’olio della linea “Grandi Olii Scisci” sono le coratine, le peranzane e le pichioline che rappresentano il contesto territoriale pugliese capace di donare tanti prodotti di qualità. Questa linea comprende la selezione di 8 Eccellenze che rendono omaggio alle migliori monoculture del territorio pugliese oltre che la creazione di brand unici. Picholine, Peranzana Biologico e Don Pasquale sono solo alcune delle prelibatezze che hanno portato il marchio Scisci, tra il 2017 e il 2019, a vincere i più prestigiosi premi nazionali e internazionali. (Oro a Biol 2018, Oro a Japan Olive Competition 2019, Oro all’ Evo New York Competition 2019,Gambero Rosso ,Leone d’Oro 2019). Ma il vero capolavoro dei "Grandi Oli"  rimane "L'olio di Mia Figlia". Nato da una dedica personale di un padre, Franco Scisci, a sua figlia Paola Chiara. La sua elegante miscela si è distinta in un concorso con 431 partecipanti provenienti da 17 paesi e ha ricevuto il Best International Coupage North Hemisphere 2019, il premio più prestigioso del settore oleario al mondo.
Foto
notizie Roger e il formaggio, un amore al primo assaggio Il giovane imprenditore cremasco ci racconta i segreti della nobile arte casearia